infelicidad e irracionalidad

SALMAN SAUDI ARABIA ] io non do nessuna forma di orgoglio personale, alla mia posizione ( anzi, io vorrei che Dio JHWH lui avesse scelto un altro al posto mio ), e anzi, è più probabile che sia stato io a impormi presso il trono di Dio, piuttosto che sia stato Dio a scegliere me ( certo, lui mi ha accettato), e questo non tanto perché senza di me sarebbe impossibile impedire la guerra mondiale nucleare, ma quello che è peggio è che, il satanismo dei massoni: Chiese di Satana e sacrifici umani della CIA e nella NATO, tutto il culto dei Farisei anglo-americani SpA FMI, loro le bestie di satana non potrebbero mai essere fermati senza di me… e questo perché loro non possono dire: ” non è vero che siamo ebrei, noi siamo i satanisti cannibali e in Arabia Saudita per fare il Regno di Israel? noi proprio non ci vogliamo venire! ” .. perché in questo caso sarebbe il MOSSAD ad andarli ad uccidere.. ed io mi trovo in questa insolita posizione, presso il trono di Dio, soltanto perché non soltanto come ogni servo inutile di Dio, io devo fare il mio lavoro inutile, perché io non devo deludere mai coloro che, hanno riposto la loro fiducia in me! ecco perché io non riesco a capire perché io voglio bene a tutti, e poi, qualcuno non riesce a volere bene a me, e trova cavilli, malevole interpretazioni per avere una suggestione maligna di poter continuare a parlare di me!

SALMAN SAUDI ARABIA ] così tu dirai: “perché parli delle tue cose strane, inutili e personali, che non hanno rilevanza politica e religiosa, se, tu sai già, che molti useranno queste cose dette da te, per cercare di delegittimarti? ” .. perché faccio, una cosa così stupida e controproducente? perché, senza un risveglio spirituale e un ritorno alle potenzialità della fede, questo genere umano che è stato così profondamente corrotto dal Nuovo Ordine Mondiale dei farisei massoni regime bildenberg non potrebbe essere salvato.. infatti tutte le Religioni sono state danneggiate e tutto è stato portato verso il basso e il livello spirituale e culturale dei popoli non è mai stato così degradato e penosamente immorale

SALMAN SAUDI ARABIA ] e tutti sanno che le mie deduzioni teologiche, per lo più non sono la conseguenza di una attività mistica o soprannaturale, ma, sono la conseguenza di una Fede arida divina e razionale, che viene riscontrata praticamente nella esperienza della vita di tutti i giorni. (perché sempre il divino è nell’umano) QUINDI ANCHE IL MIO LINGUAGGIO È INEDITO, ASSOLUTAMENTE ORIGINALE. e per coloro che sono nati alla fede, loro dovrebbero trovare molto interessanti, i miei spunti di tipo esistenziale e teologico: la teologia politica o METAFISICA! ma certamente le cose che io dico sono una questione di vita o di morte per tutti coloro che sono entrati nell’esoterismo di un AMBIENTE CHE È soprannaturale demoniaco, quindi per salvare queste persone io continuerò a dire le cose strane, che poi, coloro che pensano che io sono uno squilibrato, poi non avranno altra scelta che affrontare la morte meritata nella guerra mondiale nucleare! .. E se loro le persone per bene e i religiosi, ipocriti incoerenti non meritano di essere salvati? almeno io avrò salvato dall’inferno qualche sacerdote di Satana, dato che salafiti e farisei nel loro sentirsi super uomini i padroni del mondo, loro sono guariti soltanto nella loro inevitabile distruzione e ostinazione del loro cuore, perché non vogliono lavorare e voglio vivere come parassiti sulle spalle dei popoli!

===========

SALMAN SAUDI ARABIA ] la escatologia cristiana, in Apocalisse: oggi, 1 novembre, contempla il giorno di tutti i SANTI, SANTI che appartengono a tutti i popoli e a tutte le religioni: e loro abitano nella Gerusalemme CELESTE: il Paradiso. Così, abbiamo contemplato, questa strana gerarchia: 1. il Trono di Dio JHWH e, 2. 24 vegliardi, 3. 4 esseri viventi, e, 5. 144000 ( numero molto simbolico 12x12x1000) e, poi, 6. tutti coloro che hanno vesti candide ( i martiri ) danno gloria all’Agnello immolato, a Colui che, è all’origine, di tutto, dato che è stato lui ad avere creato il tempo e lo spazio, e anche, aveva creato tutte le cose, tutte dal nulla, sono state chiamate dal nulla tutte le cose, e che ai nostri giorni: solamente lui è risorto, e ha vinto la morte, lui la PAROLA il VERBO del Padre! … lol. e ovviamente, e in tutta questa storia, molto gloriosa, lol. io non ci sono affatto, perché io non sono degno di tutti loro, a me, come un tizzone salvato dal fuoco, sono stati assegnati tutti quelli che sono stati già cacciati, e sono infatti tutti fuori il Tempio ebraico Celeste, e sono tutti rivestiti da vesti grigie.. queste anime penitenti e sante: attendono con sicura speranza, me: Unius REI, la loro salvezza: nel giorno del giudizio universale.. perché infatti io sono la legge naturale vivente, la salvezza per misericordia! cioè noi siamo le schiappe, che, non avrebbero mai avuto il diritto di entrare in PARADISO ma che per la misericordia di Dio, e per la sua onnipotenza di amore, ok! alla fine riusciremo ad entrare anche noi, perché JHWH nella sua straordinaria eccezionale abilità, poi, è riuscito a trovare una strada di salvezza anche per tutti noi: la feccia!
============

SALMAN SAUDI ARABIA ] quì in ITALIA, parole come: DIGNITà, ONORE, CARITà, sono parole sconfitte, perché la indigenza economica porta le persone alla disperazione, e il vuoto della Presenza di Dio nella società dei massoni Farisei SpA NWO FMI, annulla l’imperativo morale della coscienza nelle persone, così poiché lo Stato è incapace a controllare il territorio, ed è incapace per: lungaggini e costi enormi della applicazione della giustizia.. poi, quì da noi, cinismo, immoralità, truffe, abusi sui più deboli, ormai non si possono più contare… questo clima ricorda molto da vicino la nostra società che fu abbandonata ai delinquenti e alla anarchia, dai DEMO PLUTO GIUDAICO MASSONI: cioè le condizioni di diffusa illegalità ed anarchia, che, furono le stesse anche prima della ascesa del fascismo! un inquilino ha pagato la prima mensilità, poi ha detto al proprietario della casa: “io ho due bambini piccoli, adesso se tu sei capace buttami fuori!” … cioè non ha neanche offerto un dimezzamento del canone! quindi ci vogliono 2000 euro per lo sfratto e lui deve stare 2 anni gratis, e i danni, atti vandalici sulla casa se li piange il proprietario, quando tutti sanno che, prelievo fiscale e le tasse sulla casa sono in Italia le più care ed esose di Europa!

==========
giu.bra.63 30 ott 2016+ +revenge Yitzhak Kaduri spero che Asia Bibi sia liberata
#FreeAsiaBibi
revenge Yitzhak Kaduri
04:10 +giu.bra.63
questo è un martirio continuo e occultato dal NWO: loro sono i MARTIRI CRISTIANI coloro che hanno diritto alla Prima Risurrezione e che sono vestiti con le vesti candide, che sono state lavate nel sangue dell’Agnello
==========

SALMAN SAUDI ARABIA ] quì in ITALIA, lo Stato ha imposto un inutile e costoso certificato APE nel contratto di affitto, e varie tipologie burocratiche e di prelievo fiscale sulla casa, soltanto, sul contratto registrato di affitto, c’è un 20% di tasse, ed ovviamente devi pagare i consulenti: come commercialista, geometra, e avvocato, ed in cambio lo Stato non da nessuna garanzia al proprietario della casa… ecco perché molti proprietari di casa: sono così terrorizzati, che, nonostante l’enorme prelievo fiscale, loro preferiscono tenere le case sfitte!

SALMAN SAUDI ARABIA ] si! è proprio come tu dici, quì in ITALIA, gli inquilini hanno potere di vita o di morte sui proprietari delle case, ed infatti molti di loro sono già morti di infarto!

SALMAN SAUDI ARABIA ] si! io lo so che tu sei più onesto dello Stato massone ITALIANO Fariseo regime Bildenberg SpA usura FMi, magari sarai un maniaco religioso, senza reciprocità, un primatista di assassino seriale pedolilo e poligamo, un predatore… ma, sul campo della legalità tra i musulmani, tutto funziona meglio e più sharia nazi efficacemente e speditamente! Dopo tutto in tutte le dittature la delinquenza è quasi inesistente!

===============

Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio.. RABIN era un bravo ragazzo ingenuo che non meritava di morire. Ma con gli islamici nessuno ci può parlare, perché sono ipocriti per soprannaturale e infestazione demoniaca: il MALE MALEFICO, infatti, appartengono allo stesso demone religioso dei FARiSEi SpA FMi BM NWO! Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR. TEL AVIV, 31 OTT – Per la prima volta dal 1995 la tradizionale cerimonia in ricordo dell’ex primo ministro Yitzhak Rabin, ucciso da un estremista ebreo, non si terrà per mancanza di fondi.
IN COSA CONSISTE LA QUESTIONE PALESTINESE? ovunque arriva una comunità islamica? quella diventa una shariah muslims country! poi, tutti gli altri o se ne devono andare, oppure devono essere uccisi, dal genocidio shariah! QUESTA È ONU OCI LEGA ARABA USA UE: ALTO TRADIMENTO FARISEI ANGLO-AMERICANI SIGNORAGGIO BANCARIO spa FED BCE FMI, REGIME MASSONICO BILDENBERG! Le partenze verso Paesi africani quest’anno sono state 2.800, in lieve aumento rispetto allo stesso periodo nell’anno precedente. i migranti che accettano di tornare in Africa, non necessariamente nei loro Paesi di origine, percepiscono da Israele 3500 dollari ed il rimborso dei biglietti aerei. LA TURCHIA ERDOGAN HA LIQUIDATO OGNI FORMA DI OPPOSIZIONE HITLER MAOMETTO È QUÌ! La polizia turca ha compiuto stamani un blitz nella sede del quotidiano di opposizione Cumhuriyet, tra i pochi rimasti dopo il fallito golpe del 15 luglio. Secondo la Cnn Turk, un mandato d’arresto è stato emesso contro 13 giornalisti, accusati di legami con le “organizzazioni terroristiche” di Fethullah Gulen e Pkk. Tra questi, il direttore, Murat Sabuncu, e l’ex Can Dundar, fuggito all’estero nei mesi scorsi e già condannato per lo scoop sul passaggio di armi degli 007 turchi in Siria.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2016/10/31/israele-niente-cerimonia-ricordo-rabin_c1dc8f19-b00f-44d4-a107-4829a586d507.html

“Memoria e sguardo al futuro,
ecco cosa ci insegna Israele”
“Israele, con la sua democrazia, ci richiama alla cultura e alla responsabilità della memoria, congiunta a una tensione continua verso la modernità e il progresso. Una memoria che ci parla anzitutto di lotta per l’affermazione della dignità di ogni persona, quale che sia il Paese e la latitudine in cui si trovi a vivere, quale che sia il suo status”.
Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo intervento all’inaugurazione dell’anno accademico all’Università ebraica di Gerusalemme, la cui parte finale è oggi riportata da La Stampa.
Numerosi gli interventi e le iniziative che hanno lasciato il segno nella prima giornata israeliana del capo dello Stato (che è accompagnato tra gli altri dalla presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni). La visita allo Yad Vashem, il raccoglimento davanti alla tomba di Shimon Peres, la messa a dimora di un ulivo nella Foresta delle Nazioni, l’incontro con la comunità degli Italkim. Parole e gesti per riaffermare l’indissolubile legame tra Italia e Israele.
“Mattarella in Israele ribadisce il sostegno alla sicurezza dello Stato ebraico e condanna i boicottaggi” sottolinea il Corriere. “Archiviato”, scrive Repubblica, l’incidente diplomatico che ha tenuto sul filo la sua missione: l’assurdo intervento del viceministro degli Esteri Ayoub Kara sul voto Unesco e il sisma in Italia.
“Il premier Netanyahu (che incontrerà Mattarella mercoledì) rivolge un caloroso benvenuto al nostro presidente della Repubblica e offre ‘tutto l’aiuto possibile agli amici italiani’ colpiti dal terremoto. Spazzando via così le parole di quel suo viceministro che si è spinto a definire la catastrofe in Italia centrale come ‘punizione divina’ al punto che – si legge – la visita del nostro capo dello Stato era finita ad un passo dal saltare.

Keret vs Netanyahu. Intervistato dal Corriere, lo scrittore israeliano Etgar Keret si lancia in un attacco molto duro verso l’attuale leadership politica. “Dentro al governo israeliano – sostiene – soffia uno spirito messianico. Io sono agnostico e anche se credessi in Dio non penso lavorerebbe per Netanyahu, di certo Kara non sarebbe il suo profeta. Non è un problema di fede religiosa, ma di uso che viene fatto della religione. Se un partito è convinto di possedere la verità piovuta dal cielo, considererà gli altri sempre dalla parte sbagliata. E da punire per le loro idee”.

Saban, l’amico dei Clinton. Su Repubblica Affari & Finanza un ampio ritratto di Haim Saban, uomo d’affari israelo-americano che guida il più grande network televisivo in lingua spagnola degli Stati Uniti (Univision) e che può vantare una stretta amicizia con la famiglia Clinton. “Hillary ha sempre dato a Saban garanzie politiche su Israele, e lui si è prodigato per lei. Ma se i democratici vinceranno le elezioni, il miliardario californiano non avrà solo dei riconoscimenti politici e la porta della Casa Bianca sempre aperta (del resto ci ha già pernottato più volte): la sua speranza – viene spiegato – è di ottenere l’avallo del neo-presidente per lo sbarco a Wall Street della Univision”.

Islam, segnali da cogliere. In un editoriale sul Corriere, Ernesto Galli Della Loggia invita a riconoscere alcuni segnali di apertura al dialogo non scontati di parti del mondo islamico più tradizionalista. “Dobbiamo incoraggiare i dibattiti aspri ma aperti che fanno bene all’Islam” scrive Della Loggia, citando alcuni temi lanciati sulla prima pagina dell’Osservatore Romano dal giornalista marocchino Zouhir Louassini.
===================

Ben Yahweh’s Wiener ] https://www.youtube.com/user/DETHTOFAKES/featured [ +UNFUKKME ΑΝΦΑΚΜΙ +kingIsraelUniusREI Israel is gay y’all be jealous of we Black Jews. We tha REAL Jews. ] ANSWER [ io sono un fondamentalista biblico e la Bibbia dice di uccidere tutti i GAY, perché la Bibbia dando 560 comandamenti dice di uccidere tutti i peccatori, quindi tutto il genere umano deve essere ucciso, anche! ma, sempre la stessa Bibbia dice che “la Misericordia è più forte del giudizio che viene dal comandamento!”… così per non dover uccidere me stesso, poi, io ho deciso di non uccidere nessuno! lol. la Bibbia dice che i peccatori vanno all’inferno, eppure il paradiso è tutto pieno di peccatori pentiti, come me! … lol. e chissà quanti peccati grossi devi avere tu, con questo tuo cazzo grosso nero: sempre in mano! .. lol. stai attento che con questo pitone di tuo cazzo nero e lungo, e poi, tu non finisci strozzato! lol. .. è vero che la Bibbia mette la Omosessualità tra i peccati mortali e questo nessuno lo può negare, ma, sul piano personale nessuno è stato abilitato da Dio a giudicare le coscienze delle persone, e poi, io sono un politico che di questi argomenti, non mi importa più di tanto… perché come tutti sanno l’etica laica non è la stessa cosa della morale religiosa .. e tutti sanno che, io sono un politico universale laico agnostico razionale: che lo Stato non deve discriminare circa la identità sessuale o religiosa delle persone!

==========

I have hidden Your Word in my heart that I might not sin against You. (Psalm 119:11) MEDITATE ON GOD’S WORD
Over and over the Scriptures direct us to meditate on God’s Word. This activity takes time and discipline but brings much spiritual benefit and reward. Meditation is focused thinking about a Bible verse or passage in order to discover how we can apply its truth to our own lives.
In applying Scripture, we need to ask three primary questions.
What did it mean to the original hearers?
What is the underlying timeless principle?
Where or how should I practice that principle?
Here are six specific ways to meditate on a verse or passage:
Picture it. Visualise the scene in your mind.
Pronounce it. Say it aloud each time, emphasising a different word.
Paraphrase it. Rewrite the verse in your own words.
Personalise it. Replace the pronouns or people with your own name.
Pray it. Turn the verse into a prayer and say it back to God.
Probe it. Ask the following questions:
– Is there any sin to confess?  Is there any promise to claim?
– Is there any attitude to change? Is there any command to keep?
– Is there any example to follow?  Is there any prayer to pray?
– Is there any error to avoid?  Is there any truth to believe?
– Is there something for which to thank God?
When Laos was taken over by a communist government, the leading pastor, Rev. Sali was put into a prison camp for three years of “re-education.” He referred to it later as his university experience. During that time he led five men to Christ in the camp. He had no Bible so he discipled these new believers on scriptures he had memorised and internalised. Later those men became leaders in the church.
RESPONSE:
Today I will learn to meditate on God’s Word.
PRAYER:
Pray for Christians in prisons of the world where they do not have a Bible.

=========
Mattarella in visita in Israele
Inizia ufficialmente in queste ore, con la visita allo Yad Vashem di Gerusalemme, il viaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che da qui segue con preoccupazione le notizie sul terremoto che ha nuovamente colpito il Centro Italia.
Ad accompagnare il Capo dello Stato, tra gli altri, la Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni. Mattarella terrà nel pomeriggio una lectio magistralis all’Università Ebraica della Capitale e a seguire visiterà la Comunità degli italkim (italiani residenti in Israele). Ma la visita del Presidente della Repubblica si è aperta con uno sfiorato incidente diplomatico tra Italia e Israele: le assurde parole del viceministro israeliano per la Cooperazione regionale Ayoub Kara – che aveva definito l’ultimo terremoto che ha colpito il Centro Italia “una punizione divina” dovuta all’astensione di Roma sulla risoluzione Unesco – hanno infatti generato profondo imbarazzo tra Roma e Gerusalemme. Dalla Capitale israeliana sono arrivate pronte le scuse del governo Netanyahu per le parole di Kara: come raccontano il Corriere e il Fatto Quotidiano, in via del tutto eccezionale, da Israele è arrivato l’intervento di Shabbat (tanto è stata considerata seria la situazione) del portavoce del ministero degli Esteri Emmanuel Nahshon: “Condanniamo le parole del viceministro Ayoub Kara. Sono inappropriate e non dovevano esser pronunciate. Il viceministro si è scusato per questo e ci associamo a queste scuse. Netanyahu affronterà l’argomento direttamente con Kara il più presto possibile”. Brutto incidente dunque, rientrato, dunque, ma come, racconta il Corriere, non è la prima volta che Kara, politico druso del Likud, mette in imbarazzo Netanyahu con i suoi comportamenti all’estero: nel 2010 aveva deciso di incontrare Heinz Christian Strache a Vienna, arrivando a definirlo un “amico”. “La comunità ebraica austriaca – scrive il quotidiano- aveva giudicato inaccettabile che un rappresentante israeliano stringesse la mano al leader di un partito xenofobo e aveva scritto una lettera di protesta a Netanyahu”.

A Gerusalemme, una giornata per Natalia Ginzburg. Su La Stampa Manuela Consonni, direttrice del Programma di Studi italiani dell’Università Ebraica di Gerusalemme, presenta la giornata di studi dedicata a “Natalia Ginzburg: la scrittura e la vita. A cento anni dalla nascita”, organizzata proprio dal Programma di Studi italiani e dall’Istituto Van Leer in collaborazione, tra gli altri, con l’Istituto italiano di Cultura di TeI Aviv e l’ambasciata italiana in Israele. “Le ragioni che spiegano la fortuna per la quale, a 25 anni dalla morte, Natalia Ginzburg rimane una delle scrittrici più amate, studiate e lette in Israele sono molteplici”, spiega Consonni, sottolineando la fama letteraria internazionale della scrittrice torinese e il fatto che il pubblico israeliano dei suoi libri apprezzi in particolare la scrittura “sospesa tra l’autobiografia e la testimonianza”. “Le posizioni critiche di Natalia Ginzburg verso la politica dello Stato di Israele negli anni Ottanta, dopo il massacro di Sabra e Chatila, – spiega ancora Consonni – e le sue scelte religiose, personali e non discutibili, hanno sempre interessato poco Israele e la sua cultura, popolare e scientifica, che continua a onorarla come parte integrante del proprio codice genetico e del proprio patrimonio culturale”.

Fratelli di note. “La stagione della Filarmonica della Scala unisce nel concerto d’apertura del 7 novembre il celebre direttore e pianista e una regina della tastiera. Un sodalizio nato a casa di un imprenditore ebreo e incoraggiato da un insegnante calabrese”, così il Corriere della Sera racconta l’amicizia tra il maestro Daniel Barenboim e Martha Argerich.

Clinton e il caso delle mail. Come racconta Repubblica “per Donald Trump è stata come una manna, un regalo arrivato quando era dato per spacciato da tutti, compresi molti suoi sostenitori. La nuova indagine dell’Fbi sulle email di Hillary Clinton cambia all’improvviso la dinamica elettorale, costringe sulla difensiva l’ex First Lady”.
==============

LorenzoJHWH Unius REI
io non riesco a leggere, nessuna delle risposte che io ho fatto per te! … ed in una risposta, IO UNIUS REI, IO mi sono impegnato a disintegrare l’inferno con tutto quello che continene: nel giorno del giudizio univerale! .. E LORO I DANNATI SONO COSÌ DISPERATI e maledetti, CHE MI ATTENDONO con supplicazione ( IO LA LORO DISINTEGRAZIONE, loro attendono proprio me) COME si può attendere un DONO DI DIO!
=======
mattarella in visita alla comunità degli italkim di gerusalemme
“Al fianco d’Israele, perché possa vivere in pace
L’Italia si oppone a ogni forma di boicottaggio”
img header“Sono qui per dimostrare l’amicizia tra Italia e Israele. Un’amicizia rappresentata anche da voi, che siete un legame tra i due paesi”. Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è rivolto poche ore fa alla Comunità ebraica degli Italkim, (gli italiani d’Israele) dopo aver visitato la mostra “La Corte ebraica di Venezia”, allestita al Museo d’Arte ebraica italiana U. Nahon di Gerusalemme, e il Tempio italiano. Quest’ultimo, che accoglie la bellissima sinagoga di Conigliano, è stato preso come esempio da Mattarella nel suo discorso alla Comunità per sottolineare l’intreccio indissolubile tra l’Italia, la sua cultura ed Israele e l’ebraismo. “Siamo legati a Israele su molti fronti – ha dichiarato ai presenti il Capo dello Stato, ribadendo i valori democratici che entrambi i paesi rappresentano – Per questo difendiamo il pieno diritto di questo paese di vivere in serenità e in sicurezza, e diciamo no all’odio e alla violenza, il cui incitamento impedisce la pace. E ci opponiamo con forza a ogni boicottaggio contro Israele”. Quest’ultimo, ha affermato Mattarella, è un ostacolo al raggiungimento di una soluzione pacifica con i palestinesi, e in nessun modo uno strumento utile a raggiungerla.
Daniel Reichel
==============
psychoscribe13
Halloween is a time of candy and death
Time rolls like a waterfall
A pumpkin falls

psychoscribe13
revenge Yitzhak Kaduri

UNIUS REI ha: 1. sovranità universale eterna; 2. giurisdizione universale ed eterna: 3. perché UNIUS REI è l’uomo metafisico. COSÌ QUELLO CHE IO PROMETTO, IO HO IL POTERE DI REALIZZARLO, perché in me si trova: 1. la forza della logica razionale; 2. la conoscenza teologica; 3. il mandato di rappresentanza del Regno di Dio.. ecco perché io sono abilitato a costruire un Regno per tutti gli ebrei del mondo! ecco perché io mantengo fedelmente la mia “posizione” in Eterno, avendo acquisito il potere divino di una fede creativa. E LA MIA AUTORITÀ È BENEFICA: PERCHÉ NON CERCO LA MIA GLORIA, MA LA GLORIA DI OGNI UOMO E LA GLORIA DEL PADRE MIO CHE MI HA UNTO E MANDATO
revenge Yitzhak Kaduri

https://www.youtube.com/user/psychoscribe13 non potrei mai avere un problema personale contro qualcuno, non dirò mai a SATANA: “io non posso lavorare con te perché tu ti chiami Satana!”.. ecco perché io non ho un problema personale contro: CLINTON BUSH NATO ecc… no! no! ma, loro non possono più fingere di essere i politici e poi, farsi corrompere dai Rothschild.. perché o loro stanno con la sovranità Costituzionale del popolo, oppure, loro fanno i traditori e i satanisti nel FMI il signoraggio bancario.

===================

tutti coloro che hanno in se stessi, una speranza di accedere alla vita eterna, nel Regno di Dio, sono i nemici della ideologia del GENDER: ecco perché i gay lobby perseguitano molti omosessuali che sono favorevoli ai diritti civili, ma che sono contrario al matrimonio omosessuale!! E CHIARAMENTE QUESTA È UNA IMPOSTAZIONE TEOLOGICA, MA È ANHE POLITICA E LAICA DATO CHE LA IDEOLOGIA DEL GENDER MINACCIA LA FAMIGLIA E LA SOCIETÀ IN QUELLO CHE È PIÙ VULNERABILE! Signor Ministro, risponda alla interrogazione del Senatore Malan. Al Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Signor Ministro, il sito internet della Clinton Foundation inserisce il Ministero da Lei diretto tra i donatori che hanno versato tra 100 mila e 250 mila euro.
La Clinton Foundation è connessa con Hillary Clinton, candidata alla presidenza degli Stati Uniti d’America.
Ma,  soprattutto, la Clinton è la candidata che apertamente promuove l’aborto, Planned Parenthood (che guadagna su aborti e vendita di parti di bambini abortiti) e le istanze LGBT.
Tutto questo porta a chiedere che si faccia luce sulla realtà, consistenza e motivazioni di una simile donazione.
Poiché il Senatore Lucio Malan ha già presentato, in agosto, una interrogazione proprio sulla vicenda, sono a chiederLe di rispondere a tale interrogazione prima dell’8 novembre, giorno in cui avranno luogo le elezioni presidenziali statunitensi.

==========
Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR
IN COSA CONSISTE LA QUESTIONE PALESTINESE? ovunque arriva una comunità islamica? quella diventa una shariah muslims country! poi, tutti gli altri o se ne devono andare, oppure devono essere uccisi, dal genocidio shariah! QUESTA È ONU OCI LEGA ARABA USA UE: ALTO TRADIMENTO FARISEI ANGLO-AMERICANI SIGNORAGGIO BANCARIO spa FED BCE FMI, REGIME MASSONICO BILDENBERG! Le partenze verso Paesi africani quest’anno sono state 2.800, in lieve aumento rispetto allo stesso periodo nell’anno precedente. i migranti che accettano di tornare in Africa, non necessariamente nei loro Paesi di origine, percepiscono da Israele 3500 dollari ed il rimborso dei biglietti aerei. LA TURCHIA ERDOGAN HA LIQUIDATO OGNI FORMA DI OPPOSIZIONE HITLER MAOMETTO È QUÌ! La polizia turca ha compiuto stamani un blitz nella sede del quotidiano di opposizione Cumhuriyet, tra i pochi rimasti dopo il fallito golpe del 15 luglio. Secondo la Cnn Turk, un mandato d’arresto è stato emesso contro 13 giornalisti, accusati di legami con le “organizzazioni terroristiche” di Fethullah Gulen e Pkk. Tra questi, il direttore, Murat Sabuncu, e l’ex Can Dundar, fuggito all’estero nei mesi scorsi e già condannato per lo scoop sul passaggio di armi degli 007 turchi in Siria.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2016/10/31/turchia-arrestato-direttore-cumhuriyet_a7c2d666-a9fa-46ce-ae4b-3ad29fcad218.html

============

tutti coloro che hanno in se stessi, una speranza di accedere alla vita eterna, nel Regno di Dio, sono i nemici della ideologia del GENDER: ecco perché i gay lobby perseguitano molti omosessuali che sono favorevoli ai diritti civili, ma che sono contrario al matrimonio omosessuale!!  E CHIARAMENTE QUESTA È UNA IMPOSTAZIONE TEOLOGICA, MA È ANHE POLITICA E LAICA DATO CHE LA IDEOLOGIA DEL GENDER MINACCIA LA FAMIGLIA E LA SOCIETÀ IN QUELLO CHE È PIÙ VULNERABILE! Il Ministro Galletti risponda in Senato sulla presunta donazione alla Clinton Foundation! FIRMA
Gentile lorenzo, Curiosamente, il Ministero dell’Ambiente compare nella lista dei donatori della Clinton Foundation, secondo quanto pubblicato sul sito della fondazione stessa. In base a tale elenco, il Ministero avrebbe donato da 100.000 a 250.000 dollari. Di per sé, non è una cifra “enorme”, visto che la fondazione, nel 2014, ha avuto entrate per più di 300 milioni di dollari e vi sono stati contributi di ben altra entità (es. notizie trafugate parlano di un assegno da 1 milione di dollari da parte del Qatar). http://www.citizengo.org/it/pc/37868-perche-il-ministero-dellambiente-dona-alla-clinton-foundation Ciò che, però, rende poco trasparente l’affare è che la Fondazione Clinton è legata strettamente a Hillary Clinton, candidata, si sa, alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, in cui si distingue per avere posizioni molto liberal, cioè laiciste, in tema di vita e famiglia. 1. Finanziata dalla Multinazionale dell’aborto facile. La Clinton riceve pubblicamente finanziamenti dalla multinazionale Planned Parenthood (30 milioni di dollari..) dell’aborto facile, lucrando lauti compensi nel commercio illecito, immorale e disumano di “parti” dei bambini abortiti..Nei mesi scorsi, è stata pubblicata una serie di inchieste video, con registrazione di scottanti dialoghi che denunciano tali attività abominevoli della Planned Parenthood. Hillary ha intenzione di ripristinare i finanziamenti pubblici alla suddetta Planned Parenthood (tolti recentemente in una dozzina di Stati USA, dopo lo scandalo sollevato dai video). http://www.citizengo.org/it/pc/37868-perche-il-ministero-dellambiente-dona-alla-clinton-foundation 2. È favorevole all’aborto senza limiti, ergo anche quello alla nascita. La Clinton vorrebbe promuovere l’aborto in quegli stati USA che pongo dei limiti. Ha affermato di che:”la sentenza Roe v. Wade – cioè la sentenza che ha introdotto negli USA gratuito e fino al 9° mese (ndr) – stabilisce molto chiaramente che non ci devono essere leggi che limitano l’aborto”: ergo, per lei è accettabile anche l’aborto alla nascita (quello eseguito, un tempo schiacciando la testa del bambino..e ora con una iniezione letale al cuore del povero innocente..). Inoltre, ha dichiarato che “il Governo non deve immischiarsi nelle decisioni più intime e personali delle donne, né può limitare la vita o la salute delle donne” e che “l’abortito non ha diritti costituzionalemente garantiti”.
http://www.citizengo.org/it/pc/37868-perche-il-ministero-dellambiente-dona-alla-clinton-foundation
3. Hillary si è fatta paladina dai colori arcobaleno. Ha abbracciato la causa LGBT facendone uno dei capisaldi della sua agenda.
Tutte ragioni che devono farci riflettere e portarci ad agire.
Lo scorso agosto, il Senatore Lucio Malan ha presentato una interrogazione su questa “donazione”, chiedendo al Ministro di rendere pubblica la questione e le sue motivazioni.
Dal momento che a tutt’oggi non si è avuta nessuna risposta, firmiamo per chiedere al Ministro di rispondere in Senato alla interrogazione presentata dal Senatore Malan.
Come sempre, ti ricordo che dopo che abbiamo firmato, possiamo fare un gesto semplice ma efficacissimo: inoltra la email ai tuoi amici e conoscenti che sai che sono interessati e chiedi loro di firmare.
Grazie di cuore per esserci e per tutto quello che fai. A presto, Matteo Cattaneo e tutto il team di CitizenGO
P.S.: Curiosamente, il Ministero dell’Ambiente compare nella lista dei donatori della Clinton Foundation, secondo quanto pubblicato sul sito della fondazione stessa. In base a tale elenco, il Ministero avrebbe donato da 100.000 a 250.000 dollari.
Ciò che, però, rende poco trasparente l’affare è che la Fondazione Clinton è legata strettamente a Hillary Clinton, candidata, si sa, alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, in cui si distingue per avere posizioni molto liberal, cioè laiciste, in tema di vita e famiglia.
1. Finanziata dalla Multinazionale dell’aborto facile (Planned Parenthood).
2. È favorevole all’aborto senza limiti, ergo anche quello alla nascita.
2. Hillary si è fatta paladina dell’agenda LGBT.
Tutte ragioni che devono farci riflettere e portarci ad agire. Per questo firma (e diffondi) la petizione: http://citizengo.org/it/pc/37868-perche-il-ministero-dellambiente-dona-alla-clinton-foundation
============

LA UNIONE EUROPEA SI SOTTOMETTE ANCHE ALL’IRAN (dopo essersi sottomessa anche a Arabia Saudita e Qatar). La filo islamica Federica Mogherini (che si vergogna di essere donna e si mette il velo per sottomissione al maschio islamico) consegna la Siria alla teocrazia islamica iraniana del crinale assassino, ayatollah Rouhani , e ai terroristi Hezbollah. Bravi UE e USA, non sopportano il laico Assad, vogliono la sua defenestrazione per dar man forte ai fondamentalisti islamici sciiti. Avvicinando pericolosamente la dittatura islamica iraniana ad Israele. La guerra totale si avvicina.

=================

FUNNY non li avranno dati anche loro alla CLINTON Hillary ] i motivi dei finanziatori esteri e nazionali FMI FED shariah sauditi della Hillary? sono mitivi tutti inquietanti!  [ tutti coloro che hanno in se stessi, una speranza di accedere alla vita eterna, nel Regno di Dio, sono i nemici della ideologia del GENDER: ecco perché i gay lobby perseguitano molti omosessuali che sono favorevoli ai diritti civili, ma che sono contrario al matrimonio omosessuale!! E CHIARAMENTE QUESTA È UNA IMPOSTAZIONE TEOLOGICA, MA È ANCHE POLITICA E LAICA DATO CHE LA IDEOLOGIA DEL GENDER MINACCIA LA FAMIGLIA E LA SOCIETÀ IN QUELLO CHE È PIÙ VULNERABILE!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2016/10/31/gbaccuse-a-may-per-fondi-sanita-mancati_33b019b6-7439-49e1-a24a-b3a0308d8a5c.html

Zakharova: Kiev mente sulla missione armata nel Donbass

© Sputnik. Anton Denisov Mondo 19:16 27.10.2016(aggiornato 00:06 28.10.2016) URL abbreviato 31356261 Le dichiarazioni di Kiev sull’accordo per l’attivazione di una missione armata dell’Osce nel Donbass non corrispondono alla realtà. Lo ha dichiarato il portavoce del Ministero degli esteri russo Maria Zakharova. “Le dichiarazioni dei politici ucraini su un certo accordo per lo svolgimento di una missione armata nel Donbass non corrispondono alla realtà. Di cosa si tratta davvero? Della soprintendenza intensificata ventiquattr’ore su ventiquattro sul diradamento delle forze di entrambe le parti sulla linea di contatto espletata dalle forze della missione speciale di monitoraggio dell’Osce. Si è parlato di questo nel corso del vertice ‘formato Normandia’ dello scorso 19 ottobre a Berlino”, ha spiegato la Zakharova.

Leggi tutto: https://it.sputniknews.com/mondo/201610273551676-zakharova-missione-donbass/

Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio… non è questo plutonio che finisce nei proiettili delle mitragliatrici ? poi, diventa il cancro al cervello anche per i soldati della NATO! non esiste al mondo un Paese più demoniaco degli USA!
Russia-Usa: Putin ferma accordo plutonio. Ha firmato una legge che sospende l’intesa sullo smaltimento
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2016/10/31/russia-usa-putin-ferma-accordo-plutonio_26139b0c-6be2-463f-8814-1dcec3b66d4f.html

Trump accusa il Procuratore Generale di violare la legge incontrandosi con Bill Clinton 30.10.2016 Il candidato presidenziale alle elezioni per il partito repubblicano degli Stati Uniti, Donald Trump ha accusato il Procuratore Generale Loretta Lynch di violazione della legge e di aver cospirato con Bill Clinton. Il Procuratore Generale è stato criticato nel mese di luglio, quando si è incontrata con Bill Clinton, ex presidente USA e marito della candidata alla presidenza degli Stati Uniti del Partito Democratico Hillary Clinton. La Lynch ha ammesso che tale incontro sul bordo di un aereo privato “getta un’ombra” sulle indagini delle “mail della Clinton”, ma ha assicurato che il discorso aveva carattere privato e non pregiudica l’azione delle forze dell’ordine. Tuttavia, l’indagine sul caso Clinton è stato chiuso per mancanza di prove.”Il Procuratore Generale ha violato la legge, ha incontrato Bill Clinton a bordo di un aereo”, ha detto Trump, parlando ai suoi sostenitori a domenica a Las Vegas. Trump ritiene che questo incontro non era di natura privata e che abbia portato alla chiusura del caso giudiziario contro la sua avversaria, fondamentale per continuare la corsa elettorale.
https://it.sputniknews.com/mondo/201610303566196-Trump-accusa-Procuratore-Generale-violare-legge-incontrando-Bill-Clinton/

giu.bra.63
Condivisione pubblica  –  14:44 31 Ottobre 1517 – Riforma protestante: Martin Lutero affigge le sue 95 tesi sul portale della chiesa di Wittenberg.
Martin Luther, in italiano Martin Lutero (Eisleben, 10 novembre 1483 – Eisleben, 18 febbraio 1546), è stato un teologo tedesco. Fu l’iniziatore della Riforma protestante. La confessione cristiana basata sulla sua dottrina teologica viene detta luteranesimo
Inigo de Loyola, fondatore della Compagnaia di Gesù (e Bergoglio ne fa parte) definiva Lutero “la rovina del genere umano”, fondando la Compagnaia per abbattere l’eresia luterana definita “feccia”.

La love story tra il papa e Lutero: così la Chiesa riabiliterà anche Satana
di Luca Fumagalli, in Chiesa, del 31 Ott 2016, 08:28
Qualcuno ha scritto di recente che la Riforma luterana ricorda molto da vicino il rinnovamento che Bergoglio sta cercando di portare avanti all’interno della Chiesa.
Già lo scorso giugno, tornando dal viaggio in Armenia, il pontefice aveva lodato le intenzioni di Lutero, offrendo una piccola anticipazione delle dichiarazioni che, sempre sulla stessa linea, si sono succedute a ritmo vorticoso in questi ultimi giorni. Il culmine lo si è raggiunto il 28 ottobre quando, in una lunga intervista concessa alla Civiltà Cattolica, Bergoglio ha parlato di Riforma e Scrittura come di parole – chiave che i cattolici dovrebbero assorbire dalla tradizione luterana. Ma non è finita qui. L’altro merito che viene riconosciuto al monaco tedesco è quello «di aver fatto un grande passo per mettere la Parola di Dio nelle mani del popolo».
Alcuni si saranno stracciati le vesti, ma non si tratta di una novità assoluta. Benedetto XVI, nei toni generalmente più sobri che lo contraddistinguevano, aveva già fatto qualche cauta apertura nel 2011, in occasione della visita al monastero di Erfurt: «Le ineludibili domande di Lutero su Dio, in forma nuova, dovrebbero diventare anche le nostre».
Bergoglio non sta facendo altro che portare al suo tragico epilogo la surreale teologia pastorale inaugurata dai suoi predecessori. Si tratta di qualcosa di così abnorme che farebbe sorridere il cattolico più smaliziato, se dietro non si nascondesse una volontà quasi stalinista di riscrivere la storia.
Far passare Lutero per un pio riformatore è qualcosa di intrinsecamente perverso. Nella gloriosa storia della Chiesa, infatti, tanti veri riformatori hanno saputo coniugare le istanze di rinnovamento con il rispetto dall’autorità legittima, un’autorità non stabilita da un’assemblea democratica, ma voluta da Cristo stesso. L’ubbidienza, come dimostra il caso di San Francesco, è una virtù preziosa, l’unica che ha permesso a lui e ai suoi fraticelli di distinguersi da tutta quella marmaglia ereticale che appestava l’Europa medievale.
Lutero, al contrario, più che un riformatore fu un rivoluzionario, un uomo che spaccò in due un continente, tanto dal punto di vista religioso che politico. Poco importano, dunque, le sue intenzioni: come ricorda il Vangelo – quello che il monaco agostiniano ritradusse e mutilò per ingannare se stesso e gli altri – un albero lo si giudica dai frutti. E quali furono i frutti del protestantesimo? Non solo le guerre, la violenza e centinaia di martiri, ma anche e soprattutto germi morali quali l’individualismo, l’anarchia dottrinale e il rifiuto di ogni autorità. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: nei paesi del nord Europa, quelli a più lunga tradizione protestante, l’unica religione che oggi sopravvive è l’agnosticismo e le cifre di coloro che frequentano regolarmente una funzione religiosa sono sempre più vicine allo zero.

Cosa ci sia di meritorio in tutto questo rimane un mistero. Ma la vera insidia che si nasconde dietro la riabilitazione di Lutero, dietro il dialogo a tutti i costi, dietro l’ecumenismo più estremo, è quella che denunciava oltre un secolo fa don Davide Albertario. Secondo il sacerdote lombardo voler cercare nell’altro il bene sempre e comunque porterà un giorno i cattolici a parlare in toni elogiativi persino di Satana: del resto, si dirà, era pur sempre un angelo.

link raccolta Chiesa Cristiana Cattolica:
https://plus.google.com/collection/EXFnfB

#Vaticano   #MartinLutero   #Bergoglio   #PapaFrancesco   #Francesco   #AntiPapaFrancesco   #SanFrancesco   #PapaLeoneX   #LeoneX   #ChiesaProtestante   #ChiesaCristianaCattolica   #ChiesaCattolica   #cristiani   #cattolici   #protestanti   #luterani   #RiformaProtestante
=======================

giu.bra.63 30 ott 2016+ +revenge Yitzhak Kaduri spero che Asia Bibi sia liberata. #FreeAsiaBibi
revenge Yitzhak Kaduri 04:10 +giu.bra.63 questo è un martirio continuo e occultato dal NWO: loro sono i MARTIRI CRISTIANI coloro che hanno diritto alla Prima Risurrezione e che sono vestiti con le vesti candide, che sono state lavate nel sangue dell’Agnello
==============

Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR [ open letter to SALMAN SAUDI ARABIA ] non ha importanza quanto voi possiate essere ignoranti se siamo noi quelli che devono morire! Centinaia di persone hanno commesso ieri atti vandalici a Nasirnagar, nel distretto di Brahmanbaria (Bangladesh centro-orientale), nei confronti di una decina di templi ed un centinaio di case di persone che professano la religione indù, a quanto risulta come vendetta per un presunto atto di blasfemia commesso attraverso Facebook. Lo riferisce oggi il quotidiano Dhaka Tribune. Tutto è cominciato quando sulla pagina a nome di un certo Rasraj Das è stato postata giorni fa su Facebook una rappresentazione del dio indù Shiva seduto sulla Kaaba della moschea più sacra dell’Islam, Al-Masjid al-Haram della Mecca. Denunciando una flagrante blasfemia, aggiunge il giornale, almeno 3.000 musulmani hanno aderito ad una manifestazione di protesta. Ad un certo punto però, l’incontro è degenerato e un folto gruppo di dimostranti si è diretto verso il quartiere indù abbandonandosi ad attacchi vandalici di templi e case, ferendo anche un centinaio di persone. [ quì in ITALIA, parole come: DIGNITà, ONORE, CARITà, sono parole sconfitte, perché la indigenza economica porta le persone alla disperazione, e il vuoto della Presenza di Dio nella società dei massoni Farisei SpA NWO FMI, annulla l’imperativo morale della coscienza nelle persone, così poiché lo Stato è incapace a controllare il territorio, ed è incapace per: lungaggini e costi enormi della applicazione della giustizia.. poi, quì da noi, cinismo, immoralità, truffe, abusi sui più deboli, ormai non si possono più contare… questo clima ricorda molto da vicino la nostra società che fu abbandonata ai delinquenti e alla anarchia, dai DEMO PLUTO GIUDAICO MASSONI: cioè le condizioni di diffusa illegalità ed anarchia, che, furono le stesse anche prima della ascesa del fascismo! un inquilino ha pagato la prima mensilità, poi ha detto al proprietario della casa: “io ho due bambini piccoli, adesso se tu sei capace buttami fuori!” … cioè non ha neanche offerto un dimezzamento del canone! quindi ci vogliono 2000 euro per lo sfratto e lui deve stare 2 anni gratis, e i danni, atti vandalici sulla casa se li piange il proprietario, quando tutti sanno che, prelievo fiscale e le tasse sulla casa sono in Italia le più care ed esose di Europa!
==========
giu.bra.63 30 ott 2016+ +revenge Yitzhak Kaduri spero che Asia Bibi sia liberata
#FreeAsiaBibi revenge Yitzhak Kaduri 04:10 +giu.bra.63
questo è un martirio continuo e occultato dal NWO: loro sono i MARTIRI CRISTIANI coloro che hanno diritto alla Prima Risurrezione e che sono vestiti con le vesti candide, che sono state lavate nel sangue dell’Agnello
] quì in ITALIA, lo Stato ha imposto un inutile e costoso certificato APE nel contratto di affitto, e varie tipologie burocratiche e di prelievo fiscale sulla casa, soltanto, sul contratto registrato di affitto, c’è un 20% di tasse, ed ovviamente devi pagare i consulenti: come commercialista, geometra, e avvocato, ed in cambio lo Stato non da nessuna garanzia al proprietario della casa… ecco perché molti proprietari di casa: sono così terrorizzati, che, nonostante l’enorme prelievo fiscale, loro preferiscono tenere le case sfitte!

SALMAN SAUDI ARABIA ] si! è proprio come tu dici, quì in ITALIA, gli inquilini hanno potere di vita o di morte sui proprietari delle case, ed infatti molti di loro sono già morti di infarto! si! io lo so che tu sei più onesto dello Stato massone ITALIANO Fariseo regime Bildenberg SpA usura FMi, magari sarai un maniaco religioso, senza reciprocità, un primatista di assassino seriale pedolilo e poligamo, un predatore… ma, sul campo della legalità tra i musulmani, tutto funziona meglio e più sharia nazi efficacemente e speditamente! Dopo tutto in tutte le dittature la delinquenza è quasi inesistente!

======

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2016/10/31/turchia-arrestato-direttore-cumhuriyet_a7c2d666-a9fa-46ce-ae4b-3ad29fcad218.html
=========

Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio.. RABIN era un bravo ragazzo ingenuo che non meritava di morire. Ma con gli islamici nessuno ci può parlare, perché sono ipocriti per soprannaturale e infestazione demoniaca: il MALE MALEFICO, infatti, appartengono allo stesso demone religioso dei FARiSEi SpA FMi BM NWO! Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR. TEL AVIV, 31 OTT – Per la prima volta dal 1995 la tradizionale cerimonia in ricordo dell’ex primo ministro Yitzhak Rabin, ucciso da un estremista ebreo, non si terrà per mancanza di fondi.
IN COSA CONSISTE LA QUESTIONE PALESTINESE? ovunque arriva una comunità islamica? quella diventa una shariah muslims country! poi, tutti gli altri o se ne devono andare, oppure devono essere uccisi, dal genocidio shariah! QUESTA È ONU OCI LEGA ARABA USA UE: ALTO TRADIMENTO FARISEI usurai ANGLO-AMERICANI SIGNORAGGIO BANCARIO spa FED BCE FMI, REGIME MASSONICO BILDENBERG!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2016/10/31/bangladesh-attaccati-templi-e-case-indu_44dfb61f-bda6-45f5-9ba5-f59fc1d24584.html

Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio ] [ quando l’oppositore diventa il criminale? poi, tu stai vivendo nel regime massonico nazista Rothschild Bildenberg il Califfato! .. ecco perché facebook, me ne ha chiusi e bloccati di canali e canali, perché secondo lui i miei commenti non sono “decenti” anche sputnik mi ha chiuso due account semplicemente perché secondo lui Rothschild il Fariseo lui non potrebbe mai essere una “Bestia di Satana”. ma google e youtube: mi hanno rispettato invece perché loro i sacerdoti di Satana della CIA? li conoscono troppo e bene e troppo da vicino! lol.. ma, Erdogan ha comprato il petrolio e generi agricoli da ISIS finanziandolo, ma, nella NATO questo non si può dire [ La polizia turca ha compiuto stamani un blitz nella sede del quotidiano di opposizione Cumhuriyet, tra i pochi rimasti dopo il fallito golpe del 15 luglio. Secondo la Cnn Turk, un mandato d’arresto è stato emesso contro 13 giornalisti, accusati di legami con le “organizzazioni terroristiche” di Fethullah Gulen e Pkk. Tra questi, il direttore, Murat Sabuncu, e l’ex Can Dundar, fuggito all’estero nei mesi scorsi e già condannato per lo scoop sul passaggio di armi degli 007 turchi in Siria.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2016/10/31/turchia-arrestato-direttore-cumhuriyet_a7c2d666-a9fa-46ce-ae4b-3ad29fcad218.html

=========

Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR.. NEW YORK, il GRANDE FRATELLO HA DETTO: L’ascesa del populismo e’ un fattore nelle elezioni americane e una sfida a livello globale. Lo afferma il MASSONE USURAIO FARISEO segretario al Tesoro americano, Jack Lew, ALTO TRADIMENTO SIGNORAGGIO BANCARIO E SATANISMO POTERI OCCULTI ED ESOTERCI, sottolineando che ”il sistema politico americano non funziona bene come dovrebbe. Dobbiamo dimostrare alla gente che vogliamo che al crescita della 666 OGM MONSANTO MICRO-CHIP: sia condivisa da tutti”.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/nordamerica/2016/10/31/usa-2016-lew-populismo-e-sfida-globale_dd732352-47df-4ef0-9897-288f6a8c7c20.html
==========

‘Fbi ha notizie cruciali su Trump-Putin’, Il leader democratico al Senato Reid in una lettera a Comey] [ perché hanno imposto alla maggioranza delle persone e dei popoli questo matrimonio gay GENDER ideologia, e poi si scandalizzano se Donald e Vladimiro si “toccano” “in modo cruciale”? Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio ] [ quando l’oppositore diventa il criminale? poi, tu stai vivendo nel regime massonico nazista Rothschild Bildenberg il Califfato! .. ecco perché facebook, me ne ha chiusi e bloccati di canali e canali, perché secondo lui i miei commenti non sono “decenti” anche sputnik mi ha chiuso due account semplicemente perché secondo lui Rothschild il Fariseo lui non potrebbe mai essere una “Bestia di Satana”. ma google e youtube: mi hanno rispettato invece perché loro i sacerdoti di Satana della CIA? li conoscono troppo e bene e troppo da vicino! lol.. ma, Erdogan ha comprato il petrolio e generi agricoli da ISIS finanziandolo, ma, nella NATO questo non si può dire [ La polizia turca ha compiuto stamani un blitz nella sede del quotidiano di opposizione Cumhuriyet, tra i pochi rimasti dopo il fallito golpe del 15 luglio. Secondo la Cnn Turk, un mandato d’arresto è stato emesso contro 13 giornalisti, accusati di legami con le “organizzazioni terroristiche” di Fethullah Gulen e Pkk. Tra questi, il direttore, Murat Sabuncu, e l’ex Can Dundar, fuggito all’estero nei mesi scorsi e già condannato per lo scoop sul passaggio di armi degli 007 turchi in Siria.
Alberto Rocca ·
Tecnico informatico presso LAVORO PER ME STESSO
Tutto inutile piddiname dem, oramai le elezioni l’avete perse.
Marco Ricci · Tromsø
ahahahahaha…..la cazzata delle 20.10 ! ma come, non c’erano miliardi di donne stuprate che accusavano Trump (inclusa una pornostar!!)? e dove sono finite? in 6 giorni sono gia sparite?? adesso esce questa “notizia” che non è una notizia ma un’allusione senza riscontri di un clintoniano a cui brucia il culo perche la Clinton è indagata per reati gravissimi? suvvia… poi parliamo chiaro:Putin è il presidente della Russia, non un cartello dei narcos. Putin è un nemico e distruttire acerrimo dell’Isis!! Parliamo invece di chi finanzia la Clinton! I sauditi! sappiamo tutti da quale paese arrivano i soldi dell’isis: arabia saudita!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/nordamerica/2016/10/31/fbi-ha-notizie-cruciali-su-trump-putin_3b474329-bfca-4c21-a16c-9de3e6017d9d.html

Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio
Hillary Clinton, ha perfettamente ragione quando dice: “guardino email, il caso non c’è”, perché in quelle mail non troverete mai una ammissione ai suoi delitti: come finanziamento di al-NURSA, creazione di al-Qaeda, Rothschild che ruba il signoraggio bancario, i sacerdoti di satana che controllano la CIA.. e cose di questo genere!
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/nordamerica/2016/10/31/clinton-guardino-email-il-caso-non-ce_c5a68881-5c00-4d07-a48e-a5722f9e698b.html

La Russia aumenta l’influenza nell’Asia-Pacifico
by sitoaurora

Dmitrij Bokarev, New Eastern Outlook  30/10/2016

rosatomMentre l’attenzione dei media si concentra sulla lotta per l’influenza nella regione Asia-Pacifico tra Cina e Stati Uniti, la Russia migliora la propria posizione con gli attori regionali, lentamente ma inesorabilmente. Questa strategia è ignorata da giornalisti e analisti visto che Mosca non fa dichiarazioni ad alta voce, né cerca di impressionare la regione con innumerevoli esercitazioni come Stati Uniti e Cina. Invece, la Russia avanza di credibilità su base molto più solida e durevole della presenza militare, la cooperazione nell’economia, nell’energia e nella tecnologia. Questo autunno ha portato alcune importanti novità nelle prospettive della cooperazione russa nell’energia nucleare con numerosi attori importanti della regione Asia-Pacifico. Il 15 ottobre, durante il vertice BRICS, Mosca annunciava il completamento del secondo blocco della centrale elettronucleare russo-indiana di Kudankulam. Inoltre, vi fu la cerimonia per onorare l’inizio della costruzione del terzo e quarto blocco. Solo pochi giorni dopo, i giornalisti riferivano che Rosatom aveva aperto un ufficio regionale a Mumbai (India). L’annuncio fu seguito dal Forum sull’Energia Nucleare dell’India, che si svolge ogni anno, e i rappresentanti di Rosatom vi sono sempre trattati da ospiti d’onore dagli organizzatori. Un numero crescente di uffici regionali di Rosatom, come a Mumbai, si trovano in tutto il mondo, Cina, Stati Uniti, Sud America, Europa e Africa. E’ stato riferito che nel 2015 il valore totale degli accordi che Rosatom aveva firmato raggiungeva i 110 miliardi di dollari. Ora Rosatom potrà sostenere in modo più efficace i programmi nucleari congiunti con i partner asiatici del sud, con la nuova sede nella regione. Ma le ambizioni di Rosatom nella regione non si limitano all’India, dato che sempre più Paesi sono interessati alla tecnologia nucleare russa. Ad esempio, il Bangladesh ha già ordinato una centrale nucleare da costruire sul proprio territorio. Il primo blocco della Ruppur NPP sarà pienamente operativo entro il 2022. Il fatto che sia stata costruito dalla Russia ha grande importanza simbolica; fin dai primi giorni dello Stato del Bangladesh, l’URSS ha fornito notevole sostegno a Dacca. E’ positivo che queste salde relazioni bilaterali si siano conservate fino ad oggi. Tuttavia, Rosatom non è l’unica società russa attiva in Bangladesh, vi è il gigante del gas Gazprom, che da anni aiuta Dacca a sviluppare la sua infrastruttura gasifera.
Negli ultimi dieci anni, la produzione di gas del Bangladesh ha visto un brusco declino poiché l’infrastruttura non era insufficiente a soddisfare neanche la domanda interna di gas, per non parlare dell’esportazione. Per molti anni non vi fu alcuna esplorazione di nuovi giacimenti di gas. Ma quando Dacca ha deciso che era il momento di rilanciare l’industria del gas, si è rivolta alla Russia. La collaborazione tra Gazprom e Dacca iniziò nella primavera del 2012, quando firmarono i contratti con le aziende locali, tra cui BAPEX e BGFCL/SGFL, sub-società della società Petrobangla. La cooperazione bilaterale fu elevata quando la leader del Bangladesh, Shaykh Hasina, visitò la Russia nel gennaio 2013, incontrando il Presidente russo Vladimir Putin. Nella primavera dello stesso anno, gli esperti russi iniziarono le perforazione di nuovi pozzi nei giacimenti Shrikail e Titas. Nella primavera del 2014 l’estrazione di gas raggiunse i 350000 metri cubi al giorno. La Russia ha pienamente adempiuto ai propri obblighi con Dacca, aumentando la produzione di gas del Bangladesh di quasi l’8%. Pertanto, Dacca era soddisfatta dei risultati della cooperazione bilaterale e si precipitò a firmare nuovi contratti. Nel settembre 2015 i media riferirono che Gazprom iniziava la perforazione di nuovi pozzi a Rashidpur, Shrikail e Bahrabad. Nonostante il successo, il Bangladesh non potrà porre fine alla carenza di gas nel prossimo futuro. Nuovi pozzi possono soddisfare pienamente la domanda del Bangladesh. Nella primavera del 2016, Petrobangla firmava un accordo con la società statunitense Excelerate Energy per costruire un terminale galleggiante per il gas naturale liquefatto e che avrebbe operato con le navi metaniere del Qatar. Il costo del progetto era stimato a circa 200000 dollari al giorno, senza contare i costi del gas del Qatar. Considerando il fatto che il GNL è più costoso del gas inviato via condutture, si può presumere che il progetto danneggerà il Bangladesh economicamente, uno dei Paesi più poveri del mondo. Secondo le stime preliminari, le importazioni di GNL assieme allo sviluppo del proprio gas costerà al Bangladesh 1,6 miliardi di dollari all’anno. Tuttavia, il Paese è pronto a procedere perché l’industria cresce ed ha un disperato bisogno di carburante. L’unica speranza del Bangladesh è che possa aumentare la produzione di gas a tal punto da essere meno dipendente dai fornitori esteri. Nel luglio 2016, Dacca approvò un piano per la perforazione di oltre un centinaio di nuovi pozzi nei prossimi cinque anni. Dato che Gazprom si è mostrata un partner affidabile, è assai probabile che stipulerà questo accordo. Se l’ambizioso progetto avrà successo, il Bangladesh potrebbe presto rivedere i piani per l’importazione di GNL, risparmiando molto denaro.
In conclusione, si nota che India e Bangladesh sono una frazione della regione Asia-Pacifico in cui la Russia consolida influenza economica e politica. I Paesi della regione si rivolgono a Rosatom, Gazprom e altre società russe. Tuttavia, queste due sono particolarmente popolari in quanto ben note per l’affidabilità. Tuttavia, India e Bangladesh controllano gran parte dell’Oceano Indiano, tra cui il Golfo del Bengala, che ha enormi giacimenti di petrolio e gas. Così, il successo nel sviluppare relazioni positive con questi due Paesi è di fondamentale importanza per la Russia.

====================
Hola lorenzo, “Los no nacidos no tienen derechos constitucionales”. La candidata demócrata Hillary Clinton dice que los no nacidos “no tienen derechos constitucionales” y muestra su apoyo a Planned Parenthood, la multinacional de abortos que se lucra traficando con bebés abortados.
¿Quieres mostrarle una ecografía a Hillary? Hillary dice que defenderá Roe vs Wade, la polémica sentencia que convirtió en derecho el aborto en los Estados Unidos. ¿Es que esta señora no ha visto en su vida una ecografía?
Te cuento otras ‘perlas’ de la candidata demócrata:
¿Quieres enviarle ahora una ecografía?
Gracias, lorenzo, por tu compromiso en defensa de la vida. En las elecciones de EEUU nos jugamos todos muchos.
Tras la investigación del FBI no sé quién ganará. Tampoco sé si seremos capaces de convencerla. Pero lo que sí conseguiremos es sensibilizarla.
Y sobre todo, hacer saber a ella y a su equipo que somos muchos los que defendemos el derecho a la vida.
Ya somos miles los que hemos enviado ya una ecografía a Hillary. ¡Súmate al movimiento!
No nos queda mucho tiempo. Como sabes, las elecciones serán el próximo 8 de noviembre.
Por favor, firma y comparte.
Te iré contando. Un abrazo,
Luis Losada Pescador y todo el equipo de CitizenGO
PD. No dejes de enviar tu ecografía a Hillary Clinton. ¡Que se enteré a QUIEN le está negando los derechos constitucionales!
PD2. La cumbre latinoamericana celebrada el pasado fin de semana en Cartagena de Indias aprobó un Pacto Iberoamericano de Juventud que en su punto 23 señala la promoción de los derechos sexuales y reproductivos como herramienta para frenar el embarazo adolescente. Estaremos atentos para ver cómo se concreta.
PD3. Este jueves 3 está prevista en Venezuela la marcha sobre Miraflores. Es la respuesta de algunos miembros de la oposición de la negación del referéndum revocatorio y del desconocimiento del mandato de la Asamblea Nacional para controlar al presidente Maduro. Le acusan de “abandono del cargo”. Choque de trenes… Si eres creyente, te ruego una oración por Venezuela.
Hola lorenzo,

“Los no nacidos no tienen derechos constitucionales”

La candidata demócrata Hillary Clinton dice que los no nacidos “no tienen derechos constitucionales” y muestra su apoyo a Planned Parenthood, la multinacional de abortos que se lucra traficando con bebés abortados.

¿Quieres mostrarle una ecografía a Hillary?

Hillary dice que defenderá Roe vs Wade, la polémica sentencia que convirtió en derecho el aborto en los Estados Unidos.

¿Es que esta señora no ha visto en su vida una ecografía?

Te cuento otras ‘perlas’ de la candidata demócrata:

¿Quieres enviarle ahora una ecografía?

Gracias, lorenzo, por tu compromiso en defensa de la vida. En las elecciones de EEUU nos jugamos todos muchos.

Tras la investigación del FBI no sé quién ganará. Tampoco sé si seremos capaces de convencerla. Pero lo que sí conseguiremos es sensibilizarla.

Y sobre todo, hacer saber a ella y a su equipo que somos muchos los que defendemos el derecho a la vida.

Ya somos miles los que hemos enviado ya una ecografía a Hillary. ¡Súmate al movimiento!

No nos queda mucho tiempo. Como sabes, las elecciones serán el próximo 8 de noviembre.

Por favor, firma y comparte.

Te iré contando.

Un abrazo,

Luis Losada Pescador y todo el equipo de CitizenGO

PD. No dejes de enviar tu ecografía a Hillary Clinton. ¡Que se enteré a QUIEN le está negando los derechos constitucionales!

PD2. La cumbre latinoamericana celebrada el pasado fin de semana en Cartagena de Indias aprobó un Pacto Iberoamericano de Juventud que en su punto 23 señala la promoción de los derechos sexuales y reproductivos como herramienta para frenar el embarazo adolescente. Estaremos atentos para ver cómo se concreta.

PD3. Este jueves 3 está prevista en Venezuela la marcha sobre Miraflores. Es la respuesta de algunos miembros de la oposición de la negación del referéndum revocatorio y del desconocimiento del mandato de la Asamblea Nacional para controlar al presidente Maduro. Le acusan de “abandono del cargo”. Choque de trenes… Si eres creyente, te ruego una oración por Venezuela.

======================

a gerusalemme il vertice tra i due presidenti
Mattarella e l’incontro con Rivlin:
“Italia sempre al fianco d’Israele”
L’autorevolezza del Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella come ponte per portare un messaggio ai palestinesi: “Israele è pronta a riaprire un discorso di pace”. Ad affermarlo, il Presidente d’Israele Reuven Rivlin che, incontrando nelle scorse ore a Gerusalemme il Capo dello Stato italiano in visita nel Paese, ha chiesto esplicitamente a Mattarella di “portare i miei saluti al presidente palestinesi Mahmoud Abbas”. E con i saluti, la proposta di rimettersi insieme attorno a un tavolo, israeliani e palestinesi, e parlare di pace. “Sappiamo del contributo che ha dato all’Italia come ministro della Difesa e ministro dell’Educazione, dell’influenza che ha sul suo popolo – ha affermato Rivlin parlando con l’omologo italiano – e speriamo che la sua autorevolezza possa aiutare anche qui in Medio Oriente”.
Entrambi hanno ricordato la stretta amicizia che lega Italia e Israele. “Israele, con la sua democrazia così forte e vitale, costituisce un modello di democrazia per tutta la regione – ha sottolineato Mattarella, ospite nella residenza presidenziale israeliana – L’Italia sarà costantemente dalla parte d’Israele ogni volta che il suo diritto a esistere sarà messo in dubbio o minacciato”. Il Presidente italiano ha sottolineato poi come la collaborazione tra le due realtà sia sempre più stretta sul fronte scientifico, economico e culturale. “Sul piano bilaterale abbiamo dei rapporti straordinari”, un elemento che permette di “guardare al futuro con maggiore determinazione”, le parole di Mattarella che ha espresso d’altro canto la sua preoccupazione per lo stallo dei negoziati tra israeliani e palestinesi. Uno stallo che rischia di compromettere la soluzione dei due Stati per due popoli e di produrre “nuove fasi di radicalizzazione di carattere etnico e religioso” nella regione. Per riportare la pace, sono necessari “il dialogo e la reciproca comprensione”, l’appello di Mattarella.

Leggi
la prolusione del capo dello stato
‘Memoria, altruismo e solidarietà’
Vi ringrazio molto per le parole di solidarietà rivolte nei confronti dell’Italia, con riferimento al terremoto che in questi giorni ha colpito molti Comuni dell’Italia centrale in diverse Regioni, aggiungendosi a quello che aveva colpito altri Comuni alla fine del mese di agosto.
Sono giorni tristi per l’Italia. Sono stati danneggiati fortemente – in agosto anche con numerose vittime – Comuni con molta storia, con grande fascino architettonico, ricchi di monumenti e di vita quotidiana. Nei prossimi mesi e nei prossimi anni l’Italia è e sarà impegnata a ricostruirli così come erano.

Ringrazio molto il Presidente dell’Università per l’invito rivoltomi ad essere qui oggi con voi, con illustri professori di questa Università, con gli studenti, cui mi rivolgo particolarmente. È un’emozione particolare essere oggi qui con voi a Gerusalemme, in questa straordinaria città.
Desidero per questo ringraziare calorosamente il Presidente e le Autorità dell’Ateneo, per l’invito alla inaugurazione dell’anno accademico di un’Università che costituisce un centro propulsore del sapere scientifico ed umanistico il cui prestigio trascende i confini di questo Paese.
Qui hanno coltivato il loro talento grandi studiosi, accademici e diversi premi Nobel. A tutti loro l’umanità deve il raggiungimento di traguardi del sapere che hanno favorito la crescita, in ogni campo, delle nostre società.
Quasi cento anni fa si posava qui la prima pietra dell’Università Ebraica, con nomi illustri fra i suoi fondatori: Freud, Buber, Bialik.
A testimonianza dell’ammirazione nutrita, lo stesso Albert Einstein decise di donare a questa accademia il suo archivio personale oltre che i diritti di sfruttamento della propria immagine.
Sono molto grato al Professor Ben-Sasson per avermi offerto la possibilità di ammirare alcuni appunti dello scienziato – soprattutto un uomo straordinario – che ci ha condotto a scoperte e conoscenze senza precedenti, tracciando sentieri del pensiero che ancora oggi percorriamo e che ci hanno introdotti in un mondo nel quale tecnologie sino a pochi anni addietro futuristiche sono, ormai, alla portata di tutti.
Le conoscenze che la ricerca scientifica ci ha donato ci permettono di dialogare connettendoci da una parte all’altra del pianeta senza difficoltà; hanno ridotto drasticamente i tassi di mortalità e hanno accresciuto le aspettative di vita.
Al raggiungimento di traguardi scientifici e tecnologici straordinari non sempre ha corrisposto nella storia, in eguale misura, un avanzamento della nostra sensibilità umana e civile.
E’ come se, in concomitanza con l’aumentare degli strumenti a nostra disposizione, fosse in qualche modo avvenuto, talvolta, un progressivo oblìo di alcuni elementi sapienziali che, tra l’altro, avevano contribuito, nei secoli, allo sviluppo positivo della convivenza.
Accadde qualcosa di simile qualche secolo addietro, nella Roma al tramonto dell’Impero, con una regressione impressionante. Emblematico fu un fenomeno che consente di riflettere su quanto quella società – organizzata, complessa, articolata, piuttosto libera, quindi somigliante a molte di quelle di oggi in tante manifestazioni – fosse progredita ma avesse, via via, dissipato il sapere che aveva accumulato e su cui si era fondata la sua affermazione e il suo sviluppo.
I saccheggi, devastanti, cui Roma fu sottoposta, avevano risparmiato le terme, con il loro significato di luoghi di incontro, e i suoi cittadini continuarono a frequentarle. Si trattava di edifici che avevano richiesto, per la loro edificazione e per il loro funzionamento, una sofisticata tecnologia ingegneristica.
Negli anni successivi alla fine dell’Impero, quando le condotte di alimentazione delle terme si deteriorarono, e tutto il sistema delle acque giunse al collasso, i romani scoprirono di non disporre più di competenze in grado di rimetterle in funzione. E un elemento tra i migliori della civiltà dell’epoca venne meno.
La conoscenza alla base del progresso tecnologico si era persa e, con essa, un aspetto non secondario della convivenza.
Era stato commesso l’errore fatale di considerarla una condizione acquisita per sempre.
Sta, forse, accadendo qualcosa di simile anche oggi?
Stiamo dando per acquisite, condizioni, conoscenze, idee, traguardi per i quali la ricerca si è impegnata e per i quali generazioni si sono battute senza che ci rendiamo conto che esse, invece, sono perennemente a rischio?
Vi sono idee, conoscenze e capacità proprie dell’essere umano che in noi stanno perdendo forza?
Il risultato della dissipazione della memoria comporta, per le nuove generazioni, il rischio di ripetere errori talora commessi in passato da quelle precedenti.
Si ha lasensazione che queste domande siano al cuore dei grandi problemi che le nostre società sono chiamate a risolvere.
Il mondo è stato reso piccolo dalla globalizzazione – il suo modo di essere è necessariamente più “in comune” – e questo ha reso le disuguaglianze più evidenti, marcate e, a lungo andare, insostenibili, oltre che moralmente inaccettabili.
Il divario nelle conoscenze tecnico-scientifiche si è trasformato in una barriera difficilmente sormontabile.
E’ diventato assai facile e forse persino luogo comune pensare che tutti possano oggi accedere a livelli di sapere simili. Ma la realtà di tutti i giorni ci insegna che non è così.
Basti ricordare che, oggi, oltre un miliardo e duecento milioni di persone non hanno accesso all’energia elettrica.
Lo straordinario progresso tecnologico di questi ultimi cinquanta anni – di cui tutti, auspicabilmente, dovrebbero usufruire – si è trasformato, sovente, in un ulteriore fattore di divisione, in una nuova faglia che attraversa le nostre società, che separa, suo malgrado, coloro che hanno potuto beneficiare del progresso da quanti sono comunque lasciati indietro.
Si tratta di coloro che, sempre più comunemente, vengono definiti gli “sconfitti” della globalizzazione, ai margini delle società sviluppate e all’interno dei Paesi ancora in via di sviluppo.
E’ una realtà con ampie ripercussioni, e non soltanto nelle società occidentali.
Il nodo delle migrazioni, che ha portato ad un dibattito assai vivace – e tutt’altro che concluso – nell’Unione Europea, spingendo le opinioni pubbliche di alcuni Stati membri su inedite posizioni di chiusura, è indicativo su questo piano.
Siamo chiamati, e lo saremo sempre di più negli anni a venire, a mettere insieme tutte le nostre forze per rispondere alle esigenze di una parte crescente della popolazione mondiale che deve essere posta in condizione di condividere – in un lasso di tempo congruo – il livello di conoscenza e benessere che le nostre società hanno ormai acquisito.
E’ questo il significato profondo della solidarietà che società sviluppate, come le nostre, hanno il dovere di esercitare.
Le tecnologie e la scienza non bastano, da sole, a farci superare l’irrazionale paura dell’altro.
Occorre una adeguata visione dell’uomo e del suo stato.
L’idea di reagire soltanto “chiudendosi” dentro un proprio spazio può forse rassicurarci nel breve periodo, ma non può costituire una strategia a lungo termine. I fenomeni vanno compresi e governati, non affrontati soltanto con misure passive.
Siamo oggi chiamati ad affrontare questa situazione con rinnovato spirito solidale, e a rispondere attraverso quello che si configura come un immenso – ma indifferibile – impegno anche educativo.
A differenza di quanto avviene nel campo delle scienze, dove i progressi di oggi si sommano a quelli già acquisiti, nell’ambito della formazione le possibilità di “accumulazione”, per così dire, sono ben più limitate.
Ogni persona è sempre nuova, così come ciascuna generazione è sempre nuova.
Una generazione può mettere la successiva nelle condizioni di poter ereditare i propri beni e le proprie conoscenze, ma non potrà far conoscere i propri valori se non attraverso un impegno costante, capillare, diffuso.
I valori si trasmettono, naturalmente, soltanto se si continua a viverli, con spirito di dialogo, di responsabilità e di tensione solidale.
Se noi, quindi, crediamo fermamente in quegli stessi valori faticosamente posti alla base delle nostre società – contrassegnate da diritti, garanzie, libertà e doveri, dal rifiuto del bellicismo, del terrorismo e di ogni altra sopraffazione -, se vogliamo che quei valori continuino a costituire l’elemento cardine per far sì che democrazia e dialogo prevalgano, che il rispetto della legge e la pace prendano il sopravvento, dobbiamo allora seriamente impegnarci per la loro salvaguardia dove esistono, e per la loro diffusione dove sono assenti.
Grava su di noi quindi una grande responsabilità.
Una responsabilità che per società antiche – che, come le nostre, affondano le proprie radici in una storia millenaria – è, forse, anche maggiore.
Le idee, gli stili di vita, i modelli normativi, gli orientamenti e le spinte ideali delle nazioni nelle quali viviamo costituiscono un importante catalizzatore che ci può – e ci deve – aiutare a trasmettere alle nuove generazioni così come a condividere con coloro che vengono in contatto con noi, le fondamenta delle società democratiche perché le nuove generazioni possano, appunto, renderle sempre migliori e modellarle con nuovi e crescenti traguardi positivi.
A fronte di queste aspirazioni dobbiamo pensare con responsabilità al tumultuoso fenomeno delle migrazioni, e ai nostri vicini del Mediterraneo e dell’Est, prossimi a noi.
Dobbiamo pensare con allarme ai drammi dei conflitti che stanno insanguinando tutta la regione medio-orientale, con sofferenze indicibili per la popolazione civile.
Nel panorama che ho cercato di tracciare, Israele, con la sua democrazia, ci richiama alla cultura e alla responsabilità della memoria, congiunta a una tensione continua verso la modernità e il progresso. Una memoria che ci parla anzitutto di lotta per l’affermazione della dignità di ogni persona, quale che sia il Paese e la latitudine in cui si trovi a vivere, quale che sia il suo status.
La memoria della Shoah, un valore fondante della società israeliana sospinge in questa direzione. La Shoah è divenuta, anche nel nostro Paese, un tratto costitutivo.
L’Italia repubblicana, nata sulle spoglie di un regime che aveva condotto il Paese e i suoi cittadini nel baratro della guerra. Un regime che aveva ripudiato in modo odioso una componente del suo stesso popolo, quella di origine ebraica, che aveva contribuito – da sempre – alla vita civile del Paese a partire dalla pagina fondante del Risorgimento.
L’Italia vanta oggi fondamenta solide, si è riconciliata con la storia autentica del suo popolo e ha fatto proprio il valore delle parole “mai più”, che costituiscono un monito sempre presente.
E’ questo il senso profondo dell’omaggio silenzioso che, ogni anno, viene reso ai caduti delle Fosse Ardeatine, simbolo doloroso dell’odio e della sopraffazione.
Si tratta del senso di responsabilità di chi intende coltivare la memoria per sviluppare anticorpi contro il ripetersi di uno sconvolgimento così radicale dei valori di convivenza civile, tale da rendere talvolta, ieri come oggi, uno Stato capace di rivoltarsi contro propri cittadini, contro esseri umani inermi.
Il culto della memoria, naturalmente, non deve essere diretto ad alimentare i contrasti, rendendoli eterni.
Al contrario, deve costituire esercizio per il loro superamento in nome della causa dell’umanità e deve rappresentare un elemento sul quale incardinare un impegno e una responsabilità nei confronti delle generazioni future e dei tanti che bussano alle nostre porte.
La convivenza di diverse anime all’interno di una società, la multiculturalità, è un dato di fatto acquisito del nostro mondo, ma le difficoltà poste dalle barriere linguistiche, e più ancora delle differenze di credo e tradizione, continuano ad essere rilevanti e insidiose.
La sapienza di società antiche, come quelle cui apparteniamo, comprende, tuttavia, anche la capacità di cimentarsi con sfide apparentemente impossibili.
Forse anche la nostra epoca è ben descritta dalla descrizione dell’”Angelus Novus” di Paul Klee, resa immortale dalle parole di Walter Benjamin.
Un angelo della storia con lo sguardo rivolto al passato e le spalle al futuro, mentre la tempesta dell’avanzare del mondo sconvolge le sue ali.
Il futuro appare paradossalmente alle spalle, sconosciuto e irto di pericoli.
Il passato si coglie in uno sguardo. E’ davanti ai nostri occhi, lo vediamo, lo meditiamo e, a volte, vi troviamo anche conforto.
Non possiamo però indulgere in questa illusoria serenità.
Il vento della storia spira impetuoso e non sappiamo quanto forte sarà e non sappiamo quanto tempo ci sarà dato per metterci in condizione di governarlo.
La nostra responsabilità primaria è comprendere che in quel futuro ignoto vi sono anche opportunità, possibilità che dobbiamo cogliere per rendere più sicuro, progredito e concorde il mondo nel quale viviamo.
La sfida, tuttavia, non si limita alla capacità di cogliere tali opportunità, ma, soprattutto, nel sapere condividere la loro trasformazione in risultati.

Cari studenti,
apertura al futuro, impegno e responsabilità sono valori profondamente radicati nelle nostre società.
Ed è per questi motivi che i rapporti tra i nostri due Paesi vivono, ad ogni generazione, una nuova stagione di reciproco interesse, amicizia e curiosità.
La curiosità, nelle parole di Einstein, è “una piantina delicata che, a parte gli studi, ha bisogno soprattutto di libertà”.
Quella libertà che caratterizza le nostre società e che dobbiamo saper condividere con gli altri popoli.
Perché la libertà è indivisibile. La si può godere appieno soltanto insieme a tutti gli altri.
E’ la base sulla quale si fonda un rapporto bilaterale solido, profondo, multidimensionale, che vede nella cultura, nella ricerca e nella cooperazione scientifica i suoi punti di eccellenza.
La traduzione in italiano del Talmud curata, d’intesa con l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, dalla Presidenza del Consiglio, dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca Scientifica e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, così come il Museo nazionale dell’Ebraismo e della Shoah, rappresentano una ulteriore dimostrazione dello spessore e dell’intensità del tessuto culturale che lega i nostri Paesi.
Per questa ragione, sono particolarmente lieto di essere a Gerusalemme in coincidenza con la celebrazione del centenario della nascita di due tra i maggiori scrittori di lingua italiana del ‘900, Giorgio Bassani e Natalia Ginzburg.
E’ significativo ricordare come due personalità che così tanto hanno contribuito a determinare i tratti distintivi della letteratura italiana contemporanea siano così profondamente rivelatori della cultura ebraica, nel ritmo del tempo e nella struggente intimità che hanno saputo raccontare.
Memorie, le loro, che non sono puro rimpianto né mere nostalgie. Una memoria che si fa forza attiva nello smuovere le coscienze, nel sollecitare, nell’educare, nel formare una coscienza civile, nel produrre cultura.
Sono esempi dei quali tutti noi, israeliani ed italiani, possiamo andare fieri.

Shalom! Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica
(Intervento tenuto in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Ebraica di Gerusalemme)

dopo le ultime scosse nel centro italia Terremoto, la solidarietà ebraica
Prosegue l’impegno di solidarietà alle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto da parte dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e di altre istituzioni ebraiche, che seguono con grande attenzione l’evolversi della situazione dopo le ultime scosse sismiche nell’area. Per chi volesse dare un contributo, continua ad essere a disposizione il numero di conto corrente speciale, intestato all’UCEI e destinato ad aiutare le zone colpite dal terremoto. IBAN – IT42B0200805205000103538743
CAUSALE: offerta per emergenza terremoto 240816
(Nell’immagine, l’intervento dell’organizzazione israeliana IsraAid nelle zone del Centro Italia colpite dal sisma lo scorso agosto)

la comunità degli italkim a mattarella “L’Italia sia una guida per tutti nella difesa e tutela d’Israele”
“Sono qui per dimostrare l’amicizia tra Italia e Israele. Un’amicizia rappresentata anche da voi, che siete un legame tra i due paesi”. Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è rivolto alla Comunità ebraica degli Italkim, (gli italiani d’Israele) dopo aver visitato la mostra “La Corte ebraica di Venezia”, allestita al Museo d’Arte ebraica italiana U. Nahon di Gerusalemme, e il Tempio italiano. Quest’ultimo, che accoglie la bellissima sinagoga di Conigliano, è stato preso come esempio da Mattarella – accompagnato nella visita al Tempio e al Museo da David Cassuto e da Jack Arbib – nel suo discorso alla Comunità per sottolineare l’intreccio indissolubile tra l’Italia, la sua cultura, Israele e l’ebraismo. A portare invece il saluto ufficiale degli Italkim a Mattarella – in visita ufficiale in Israele con una delegazione di cui fa parte la Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni – il demografo Sergio Della Pergola (nell’immagine durante il discorso). Di seguito il testo del suo intervento.

Signor Presidente,
con grande piacere e affetto Le rivolgiamo il caloroso benvenuto della comunità degli Italkím – gli ebrei di origine italiana in Israele – qui a Gerusalemme, la capitale eterna del popolo ebraico, capitale dello stato d’Israele, in questa Casa d’Italia nella quale, come Lei ha potuto vedere personalmente, è forte e vivo il retaggio della civiltà, della cultura, e anche dell’estetica italiana, assieme a quello della storia bimillenaria dell’ebraismo italiano.
In primo luogo, Signor Presidente, ci consenta di porgere per il Suo tramite la nostra unanime e affettuosa solidarietà alle popolazioni delle regioni centrali e appenniniche dell’Italia così duramente colpite dagli ultimi funesti eventi sismici. Noi auspichiamo pronta guarigione e ricostruzione a tutte le persone e a tutte le località coinvolte.
La nostra collettività qui è ben memore e grata per due gesti indimenticabili che Lei, Signor Presidente, ha voluto offrire non solo alle comunità ebraiche ma a tutti i cittadini italiani fin dalle prime ore del Suo insediamento nella massima carica dello Stato. Il Suo primo gesto da Presidente è stato quello di recarsi alla Fosse Ardeatine: un atto altamente simbolico, non atteso, commovente, e senza precedenti. E nel Suo discorso di insediamento Lei ha voluto ricordare Stefano Tachè, il bambino ebreo italiano ucciso da terroristi palestinesi di fronte alla Sinagoga Centrale di Roma nel 1982, proprio in questa stagione dell’anno. Questa sera noi vogliamo rinnovarLe il nostro apprezzamento per queste Sue ri-affermazioni della memoria, che non dimenticheremo mai.
Per la collettività degli Italkím – gli immigrati italiani e le loro famiglie – esistono due diversi modelli del vivere in Israele: l’uno, come un gruppo di origine con una propria personalità, lingua e cultura destinato a mantenersi separato e distinto dalla maggioranza della società nei tempi lunghi; l’altro, come un gruppo destinato a fondersi e ad assimilarsi nella corrente centrale della società israeliana nel corso delle generazioni, pur tenendo sempre viva la tradizione ebraica italiana. La realtà sociale ovviamente comprende elementi dell’uno e dell’altro modello, e crediamo che questa Casa d’Italia, dove questa sera  ci troviamo, offra una pregevole sintesi di queste aspirazioni.
In questi ultimi anni la nostra comunità si è molto rinnovata grazie all’arrivo di numerosi nuovi immigrati dall’Italia che cercano di realizzare qui molte delle loro speranze, per sé stessi e per i loro figli. L’anno 2015 ha registrato il massimo numero di arrivi a partire dal 1949. Cogliamo in queste cifre un indicatore di inquietudini che serpeggiano fra gli ebrei in Italia sia sul piano economico sia in un senso più generale di soddisfazione personale. Le pulsioni dell’antisemitismo e della delegittimazione di Israele non sono mai spente, ma di fronte a questo va dato atto al Governo italiano di avere molto aiutato a promuovere la cultura e la memoria ebraica in Italia, per esempio attraverso l’istituzione del Museo MEIS a Ferrara e con la traduzione in italiano dei primi volumi del Talmud.
L’amicizia e la gratitudine nei Suoi confronti, Signor Presidente, ci inducono ancora a una breve riflessione su quell’episodio di politica internazionale che negli ultimi mesi ha profondamente turbato non solo le comunità ebraiche in Israele e in tutto il mondo, ma anche tutte le persone dotate di coscienza, di onestà civile e di buona volontà. Mi riferisco ovviamente alla provocatoria e vergognosamente erronea votazione del Comitato direttivo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura a proposito dei Luoghi Santi a Gerusalemme, e l’omissione, anzi la negazione, della loro relazione con il popolo ebraico e con lo stato d’Israele che ne è l’indelebile espressione sovrana. Da millenni gli ebrei sono legati al Monte del Tempio a Gerusalemme di cui il Muro del Pianto è solo l’ultimo bastione rimasto a disposizione del nostro raccoglimento e della nostra preghiera. Har HaBayt e molti altri Luoghi Santi in questa terra sono realtà storica, archeologica e simbolo di fede.
Anche se lo Stato d’Israele non esistesse, il Monte del Tempio resterebbe luogo santificato per gli Ebrei, e per estensione anche per i Cristiani di tutto il mondo, luogo unico e certo di consenso sia pure tra le molte diversità che animano la cultura e la politica. E così continuerà sempre ad essere percepito ed amato. In queste contingenze invitiamo anche i nostri confratelli cristiani ad esprimere i loro sentimenti con le loro parole e non con il silenzio.
Finalmente però, dopo tante delusioni, abbiamo molto apprezzato le ultime dichiarazioni del Primo Ministro Matteo Renzi, che ha definito “allucinanti” le votazioni dell’Unesco. Il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha espresso in Parlamento la promessa di un diverso atteggiamento dell’Italia di fronte a future mozioni unilaterali e monche. Confidiamo dunque che stia per inaugurarsi un nuovo periodo in cui l’Italia sarà in prima fila e vorrà giocare un ruolo di guida accanto ad altre grandi democrazie nel costruire un futuro migliore che non può prescindere dalle grandi valutazioni etiche e da un’onesta consapevolezza della verità storica. Esprimiamo anche il nostro apprezzamento alla Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche, Noemi Di Segni, per la sua fattiva opera in tale senso.
Signor Presidente, siamo più che certi che Lei saprà ascoltare e interpretare i sentimenti, le preoccupazioni e le speranze che abbiamo qui espresso in tutta franchezza e sincerità. Noi, a nome degli Italiani in Israele, Le auguriamo il massimo successo nella Sua missione oggi qui a Gerusalemme, e per l’intero corso del Suo alto mandato.

============

For the word of God is living and active. Sharper than any double- edged sword, it penetrates even to dividing soul and spirit, joints and marrow; it judges the thoughts and attitudes of the heart.
(Hebrews 4:12) THE POWER OF GOD’S WORD. Jesus is our best example of dependence on the written Word of God. He quoted scripture repeatedly. When Satan tempted Him in the wilderness, for example, He quoted scripture in answer to each of Satan’s demands (Matthew 4:1-11). Jesus based His teaching on the Old Testament Scriptures and referred to them frequently for historical examples. It can be said that Jesus authenticated almost every book in the Old Testament by quoting from it at least once as divine authority! It is especially interesting to note how Jesus used the scriptures after His death and resurrection. While walking with some followers on the road to Emmaus, He began “with Moses and all the Prophets” explaining “…to them what was said in all the Scriptures concerning Himself” (Luke 24:27). The central place scripture held for the early Church is evident throughout the book of Acts. Scripture was used to explain the events of Pentecost (Acts 2:16-21), to identify Jesus as the Messiah (2:25-28), to determine their reaction to persecution (4:23-26), to state the Church’s position in the face of persecution (7:1-53), to preach Christ (8:29-35), and to determine how to accept Gentile believers (15:13-21). There are literally hundreds of examples of New Testament Christians and the writers of the epistles using the Old Testament Scriptures to prove their positions. In fact, it is so basic to sound biblical teaching that it is still common in evangelical circles today. The Bible is our true source of divine knowledge.
Outside the city of Seoul, Korea stands the memorial to the martyrs of the Korean church. Interestingly, the first picture in the gallery is of a Welshman, R. J. Thomas. We learned about him earlier as he gave his life taking the Bible into northern Korea in 1866. The nephew of a scholar became a Christian by reading a Gospel portion plastered on the compound wall of the man who killed Thomas. The young man reportedly helped a Scottish missionary, John Ross, make the first translation of the New Testament into Korean in Shenyang, China a mere twenty- five years later. This led to the first group of believers in the country of Korea even before foreign missionaries arrived. The Word of God is powerful!
RESPONSE:
I will treasure God’s powerful and living Word, today.
PRAYER:
Thank You Lord for the power of Your Word! May it impact North Korea anew in my generation.

Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio… voglio ringraziare pubblicamente il mio Nobile Presidente Mattarella per le sue autorevoli parole, offerte: in conforto alle sofferenze e alle ingiustizie che deve subire ISRAELE dalla comunità internazionale dei Farisei massoni ISLAMICI GENOCIDIO teologia della Sostituzione a tutti shariah il nazismo! .. anche perché come la Storia ha più volte dimostrato gli islamici possono essere fermati soltanto facendo subire a loro quel GENOCIDIO shariah che la LEGA ARABA sta facendo subire a tutti! la comunità degli italkim a mattarella “L’Italia sia una guida per tutti nella difesa e tutela d’Israele”. “Sono qui per dimostrare l’amicizia tra Italia e Israele. Un’amicizia rappresentata anche da voi, che siete un legame tra i due paesi”.
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/nordamerica/2016/11/01/hillary-in-testa-ma-vantaggio-cala-a-5_8c3088af-c875-4264-9470-b8ae9521e3dc.html

SEND A BIBLE TO UNESCO! Dear, We have just concluded another wonderful Feast of Tabernacles celebration in Jerusalem, attended once again by thousands of Christians from all over the world. This year’s gathering took place the same week that UNESCO – the United Nations forum entrusted with preserving world heritage and culture – passed a disgraceful resolution aimed at erasing the Jewish and Christian bonds to the Temple Mount and other holy sites in the Land of Israel, which they referred to only by their Muslim names. The ICEJ immediately denounced this appalling decision, and as the Feast was ending I issued an urgent call for Christians everywhere to respond in a truly unique and powerful way.
We are asking Christians all over the globe to take a Bible, use a highlighter and mark some of the many passages where it speaks of “Jerusalem” and the “Temple”, and then mail it to the UNESCO headquarters in Paris. Make sure to include a short letter expressing your disapproval of the recent vote. [See sample letter here] We are hoping to inundate UNESCO with tens of thousands of Bibles to drive home the message that Jews and Christians have a much more genuine, historic connection to Jerusalem and the Temple than Muslims. In fact, the city is never mentioned even once in the Koran, whereas Jerusalem and the Temple Mount are central to nearly every book in the Bible and to the Jewish and Christian faiths.
Please join us in demanding that UNESCO abandon, once and for all, these blatant attempts to rewrite history. You will not only be standing with Israel but also defending the Christian sites as well.
So send a Bible to the UNESCO offices today!  The address is: Mr. Michael Worbs
Chairperson of the Executive Board UNESCO. 7 Place Fontenoy
75007 Paris, France You can even direct your letter and mailing to the attention of your country’s representative at UNESCO. They can be found on this web page: http://www.unesco.org/new/en/executive-board/representatives/
Also be sure to let us know at the ICEJ that you took action to send them a Bible. Email us ›
May we never forget Jerusalem! (Psalm 137:5-6)
And may the Lord bless you richly from Zion!
Dr. Jürgen Bühler ICEJ President
Make a Difference in Israel
Today’s overwhelming social needs give us an opportunity to comfort and bless the people of Israel in the name of Christians around the world, as an act of reconciliation and love.

===================
La ideología de género, que este curso ha irrumpido con fuerza en las aulas, amenaza con poner fin a la libertad de educación. La familia natural ha recibido un ultimátum y los padres se han visto privados de su patria potestad para dejarla en manos del Estado.
Ante esta situación, he invitado a la especialista en ideología de género Alicia Rubio a dar una conferencia sobre el adoctrinamiento sexual en las aulas y me gustaría mucho que pudieras escuchas todas sus reflexiones sobre el tema estés donde estés.
Conéctate de modo online y sigue a tiempo real la conferencia de Alicia Rubio. Hazlo este jueves, 3 de noviembre, a partir de las 19.30h, en este enlace:

Tras años de investigación, Alicia Rubio ha descubierto que la ideología de género, con su negación de la base biológica de la persona, trata de construir un ser humano basado solo en su naturaleza cultural, lo que genera en el individuo concreto un alto grado de infelicidad e irracionalidad.
Además, sus treinta años como docente le han permitido vivir en primera persona el paulatino intento de adoctrinamiento de menores en las aulas y la intrusión del lobby LGTBI en la sociedad. Ha visto de cerca lo que se nos viene encima y ahora te lo va a contar. Por favor, escúchala.
Conéctate este jueves, a las 19.30h, mediante el siguiente link para ver la conferencia en directo:

Estoy seguro de que lo que Alicia Rubio diga merecerá la pena. Este es un asunto que nos afecta a ti y a mi de forma directa y debemos mantenernos informados. ¡Espero que la disfurtes!

Annunci