Felicitar la Navidad a Asia Bibi te puede matar

#Abd al-Fattah Sa’id Husayn Khalil al-Sisi, generally known as #Abd al-Fattah #al-Sisi, is a politician and military #Egyptian, sixth, and current #President of the #Egyptian #Republic. ]  what DOES PERFORMANCE FUNNY IN SATAN? [ BECAUSE if HE 666 IS A Darwin gender, why, he so much suffering, if, takes it in the ass?
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

30/12/2016, DIO BENEDICA L’EGITTO DI SISSI.. CHE TRA SCOSSONI E SINGULTI SEMBRA IMBOCCARE LA STRADA GIUSTA: E NESSUNO DOVREBBE DIRE CHE, IO NON PREMIO LA BUONA VOLONTÀ DEI MUSULMANI! il mio Prete è salito sull’altare con una casula che aveva, ai lati di una croce centrale: due lettere ricamate: una (ALFA) e l’altra avrebbe dovuto essere una (OMEGA) ed invece era uno scarabocchio che se non era un simbolo satanico, non significava niente! (queste sono le casule che i nostri preti vanno a comprare da negozi specializzati! ) EGITTO – STATI UNITI. Governo e cristiani contro l’ingerenza Usa nella ricostruzione di chiese distrutte dai jihadisti. Loula Lahham. CERTAMENTE GLI USA POSSONO DARE FINANZIAMENTI, PER REALIZZARE QUESTI RESTAURI, MA, NOI NON CI POSSIAMO FIDARE DELLA CIA E DEI SUOI SACERDOTI DI SATANA! [  EGYPT-US Government and Christians against US interference in Church reconstruction Loula Lahham  US Congress discusses a law authorizing the supervision of the work of reconstruction of churches and buildings destroyed by Islamic extremists. 84 in total from 2013 to the present. Cairo authorities and Christian groups call the norm illegitimate form of interference. Fr. Greiche: Where was the United States when the Muslim Brotherhood burned the churches?   Cairo (AsiaNews) – Days after dismantling extremist Islamic groups in Rabea and Al-Nahda, the Egyptian government – through the Foreign Ministry spokesman  – has slammed a bill being considered by the US Congress to guarantee US control of the reconstruction work on dozens of churches destroyed or burned in the recent past by fundamentalists and jihadists movements in Egypt.  The law therefore wants to assign the US Secretary of State supervision of the efforts made by the Egyptian government in the restoration or reconstruction of Christian buildings damaged from 2013 to today. In total there are at least 84 churches, schools and community centers belonging to various Christian denominations in Egypt, targeted by Islamic extremists.  The Egyptian Foreign Ministry statement was followed by official statements from the nations Christian Churches and communities.  For the Orthodox, the Egyptian government has done all it could to restore the churches, using its own funds and with the contribution of Egyptian workers. In an official statement the leaders of the community say that “President al Sisi has promised and kept his promise. Work has also already started on Boutrossiya [the church attacked last December 11], aided by engineers of the Egyptian Armed Forces team. It will be recovered and ready for the Christmas prayers (which falls on January 7 according to the Eastern calendar) “.  Pastor Andrea Zaki, head of the Evangelical Church (Protestant), which has about 220 thousand faithful, is also contrary to the bill being considered by the US Congress. “This is a clear interference – he explains – in our internal affairs. The Egyptian government has always shown solidarity towards Christians, and most of the churches have been rebuilt”.  The Egyptian Catholic Church has joined the rejection of American interference in the restoration of places of worship. “The Americans were almost absent on August 14 and 15 2013, when our churches were torched by the Muslim Brotherhood” says spokesman Fr. Rafic Greiche. “Their reaction – he  adds – is cold and inbad taste.”  Secular circles have also come out against foreign interference. The Coptic intellectual and analyst Kamal Zakher stresses: “First of all, we ask the US government to stop funding terrorist groups, and to no longer provide hospitality in the United States. It is essential to stop financing the authors of this devastation and the fires, before even thinking of fixing the damage of their actions and of their misdeeds. ”  Finally, it is worth mentioning that the new law was promoted personally by Republican Senator David Trott and will be discussed in the next session of Congress, in its 114th year, in January. Trott believes that there are still 29 Christian buildings in 24 different places that have not yet been the subject of restoration. For their part, the United States continues to warn their citizens about the dangers of travel in Egypt, for serious security problems. Among the hottest spots include the Western Desert and the Sinai area, as well as the area around the resort town of Sharm el Sheikh, on the Red Sea.
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

I am Messiah: Yitzhak Kaduri, but, youtube delete my comments
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

30/12/2016, DIO BENEDICA L’EGITTO DI SISSI.. CHE TRA SCOSSONI E SINGULTI SEMBRA IMBOCCARE LA STRADA GIUSTA: E NESSUNO DOVREBBE DIRE CHE, IO NON PREMIO LA BUONA VOLONTÀ DEI MUSULMANI! il mio Prete è salito sull’altare con una casula che aveva, ai lati di una croce centrale: due lettere ricamate: una (ALFA) e l’altra avrebbe dovuto essere una (OMEGA) ed invece era uno scarabocchio che se non era un simbolo satanico, non significava niente! (queste sono le casule che i nostri preti vanno a comprare da negozi specializzati! ) EGITTO – STATI UNITI. Governo e cristiani contro l’ingerenza Usa nella ricostruzione di chiese distrutte dai jihadisti. Loula Lahham. CERTAMENTE GLI USA POSSONO DARE FINANZIAMENTI, PER REALIZZARE QUESTI RESTAURI, MA, NOI NON CI POSSIAMO FIDARE DELLA CIA E DEI SUOI SACERDOTI DI SATANA! [  30/12/2016, 10.51  EGIPTO – ESTADOS UNIDOS Gobierno y cristianos se oponen a la intromisión de EEUU, en la reconstrucción de iglesias destruidas por los yihadistas Loula Lahham  El Congreso americano está examinando una ley que autoriza la supervisión de la obra de reconstrucción de iglesias y edificios atacados por los extremistas islámicos. Desde el 2013 hasta hoy, suman un total de 84. Para las autoridades de El Cairo y para los grupos cristianos del país es una norma ilegítima y constituye una injerencia. Padre Greiche: ¿Dónde estaba Estados Unidos cuando los Hermanos musulmanes incendiaban las iglesias?   El Cairo (AsiaNews) – Al día siguiente del desmantelamiento de grupos extremistas islámicos en los barrios de Rabea y Al-Nahda, el gobierno egipcio –por boca del vocero del ministerio de Relaciones Exteriores- rechaza un proyecto de ley que está siendo considerado por el Congreso de los EEUU. Según los promotores, el mismo tiene la intención de garantizar a los Estados Unidos el control de la obra de reconstrucción de decenas de iglesias que fueron destruidas o incendiadas en el pasado reciente por los movimientos fundamentalistas y yihadistas en Egipto.  La ley, por lo tanto, busca conferir a la Secretaría de Estado americano la supervisión de los esfuerzos realizados por el gobierno egipcio en la obra de restauración y reconstrucción de edificios cristianos que fueron dañados desde el 2013 hasta hoy. Se trata, en total, de 84 edificios que abarcan iglesias, escuelas y centros sociales pertenecientes a las distintas confesiones cristianas presentes en Egipto, y que fueron atacados por los extremistas islámicos.  A la declaración del Ministerio de Relaciones Exteriores de Egipto, se sucedieron las tomas de posición y los comunicados oficiales de parte de cada una de las Iglesias y comunidades cristianas del país.  Para los ortodoxos, el gobierno egipcio ha hecho todo lo que está a su alcance para restaurar las iglesias, usando para ello fondos propios y con la contribución de trabajadores egipcios.  En una nota oficial, la cúpula de la comunidad afirma que “el presidente al Sisi ha hecho una promesa y la ha mantenido. Ya se han iniciado las obras en la Boutrossiya [la iglesia donde se produjo el atentado del 11 de diciembre pasado], con la supervisión del equipo de ingenieros de las Fuerzas armadas egipcias. La misma será reparada y estará lista para las oraciones de Navidad (que cae el próximo 7 de enero, según el calendario oriental)”.  El pastor Andrea Zaki, que encabeza la Iglesia evangélica (protestante), que cuenta con cerca de 220.000 fieles, también dice estar en contra del proyecto de ley que evalúa el Congreso estadounidense. “Esta es una clara injerencia en nuestros asuntos internos –explica-. El gobierno egipcio siempre se ha mostrado solidario hacia los cristianos y la mayor parte de las iglesias han sido reconstruidas.”.  En cuanto a la Iglesia católica egipcia, ésta también ha expresado su rechazo de la injerencia americana en la restauración de los lugares de culto. “Los americanos estuvieron prácticamente ausentes el 14 y el 15 de agosto de 2013, cuando nuestras iglesias fueron incendiadas por los Hermanos Musulmanes” afirmó el vocero, el padre Rafic Greiche. “Su reacción fue vulgar y de una de absoluta frialdad”-agrega.  Los ambientes laicos del país también manifestaron su desaprobación, y si bien se distanciaron de las Iglesias o cultos, formaron un muro contra la intromisión extranjera. El intelectual y analista copto Kamal Zakher subraya: “Ante todo, pedimos al gobierno americano que deje de financiar a los grupos terroristas y que deje de brindarles hospitalidad en los Estados Unidos. Es esencial dejar de financiar a los autores de estas devastaciones y de estos incendios, antes que pensar siquiera en reparar los daños de sus acciones o de sus maldades”.  Por último, vale la pena recordar que la nueva ley fue promovida en primera persona por el senador republicano Dave Trott, y que será materia de discusión en la próxima sesión del Congreso, en su 114ma sesión, en el mes de enero. Trott considera que aún hay 29 edificios cristianos en 24 sitios disntintos que aún no han sido restaurados. Por su parte, Estados Unidos continúa alertando a sus ciudadanos acerca de los peligros de viajar a Egipto, por los graves problemas vinculados a la seguridad. En este sentido, entre los puntos más calientes figuran el desierto occidental y el área del Sinaí, además de las zonas que rodean la localidad turística de  Sharm el Sheikh, sobre el Mar Rojo.
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

09/01/2017, STUPRI RELIGIONI E MATRIMONI FORZATI IN NOME DI: LILITH ALLAH E SUO MARITO MAOMETTO PEDOFILO! ]09/01/2017, 12.52  PAKISTAN Sindh, el gobierno rechaza la ley contra las conversiones forzadas. Cristianos e hindúes: gran desilusión Kamran Chaudhry  En noviembre la norma fue aprobada por unanimidad por la Asamblea provincial. Consideraba ilegales las conversiones extorsionadas debajo de los 18 años y en el matrimonio. Cada año 1000 muchachas fueron obligadas a repudiar la propia fe. Entre los diputados que han redactado la ley, 13 recibieron amenazas de muerte.  Lahore (AsiaNews)- El gobierno de la provincia de Sindh, en Pakistán sud-oriental rechazó la ley que castiga las conversiones forzadas con penas hasta la cadena perpetua. Recibida por las minorías religiosas del país como un verdadero cambio que intenta asegurar la plena libertad de credo y contener las conversiones forzadas, la norma fue aprobada por unanimidad por la Asamblea provincial el pasado noviembre. A AsiaNews, activistas cristianos e hindúes expresan un “gran disgusto” y lamentan un peligroso volver atrás en el respeto de cada confesión. Mukhee Lal Chand, presidente del Consejo general hindú en el distrito de Jacobad, denuncia: “No podemos hacer nada para impedir los raptos y las conversiones de nuestras hijas menores de edad. Esta es realmente una injusticia. Necesitábamos mucho de esta ley”.  Las conversiones forzadas al islam, en particular de las muchachas, representan una verdadera plaga para los ocho millones de fieles hindúes. Según un informe de la Comisión asiática por los derechos humanos, cada año al menos 1000 jóvenes mujeres son obligadas a contraer matrimonio islámico y a renegar la propia religión.  La semana pasada Saeeduzzaman Siddiqi, gobernador de Sindh, rechazó la Criminal Law (Protection of Minorities). La normativa fue propuesta por Nand Kumar, diputado musulmán. Establecía que si se hubiese manchado del crimen de conversión forzada, frecuente en los matrimonios islámicos donde la mujer es obligada a abrazar la fe del marido, habría tenido que descontar de cinco años de cárcel hasta la cadena perpetua. En lo que se refiere a las conversiones de menores de edad, la ley decretaba que ninguno debía ser juzgado, en el caso la elección se hubiese realizado antes de llegar a la mayoría de edad (18 años). Del mismo modo, la conversión de un menor habría sido reconocida, después de cumplir los 18 años.  Después de haber pasado por la Asamblea, los partidos musulmanes habían criticado como “anti-islámica” la ley sobre las minorías y pidieron la inmediata anulación. El senador Siraj Ul Haq, jefe del Jamaatt-i-Islami, había denunciado la nueva norma como “un intento de crear desórdenes entre musulmanes y las minorías”. Inmediatamente después 13 diputados que habían redactado el texto, entre los cuales tres ministros, recibieron amenazas de muerte.  Peter Jacob, director católico del Centre for Social Justice declara: “El rechazo de la ley va contra la libertad de religión. Pedimos con urgencia al gobierno de Sindh focalizar sobre las divisiones sociales y pedir el apoyo del Pakistán People Party al gobierno. Aquellos que protestan no han ni estudiado la propia religión, ni la Constitución de Pakistán”. Nasira Javed Iqbal, juez jubilado y activista islámico, agrega: “Quien se tomó el derecho de rever la ley, no es el propietario de la entera provincia de Sindh. Todos deben tomar posición sobre la ley de las minorías”.
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

christian girls is been abducted by Mohammed shariah his Fader kill
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

really google erase my comment ] [ I am Messiah: Yitzhak Kaduri, but, youtube delete my comments
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

09/01/2017, STUPRI RELIGIONI E MATRIMONI FORZATI IN NOME DI: LILITH ALLAH E SUO MARITO MAOMETTO PEDOFILO! ]05/01/2017, 13.37  PAKISTAN Lahore, arrestati 110 imam: osannavano l’assassinio di Salman Taseer Shafique Khokhar  L’arresto è avvenuto nel giorno dell’anniversario della morte dell’ex governatore del Punjab, ucciso perché aveva difeso la cristiana Asia Bibi. Attivisti e persone comuni hanno sfidato le minacce di morte e partecipato alla commemorazione funebre.  Lahore (AsiaNews) – La polizia di Lahore ha arrestato ieri un gruppo di 110 imam mentre festeggiava l’omicidio di Salman Taseer. L’arresto dei religiosi islamici è avvenuto nel giorno del sesto anniversario della morte dell’ex governatore del Punjab, “punito” perché aveva difeso la cristiana Asia Bibi e si era espresso contro la “legge nera” sulla blasfemia.  Ad AsiaNews alcuni attivisti denunciano il clima di fanatismo religioso e la profonda contraddizione presente nel Paese. “Da una parte – afferma Rana Kashif Javed – il governo del Pakistan esprime a gran voce l’intenzione di rendere effettivo il Piano di azione nazionale e riaffermare la supremazia della Costituzione e dello Stato di diritto; dall’altra gli estremisti religiosi scendono in strada e bloccano la capitale della provincia del Punjab, attuando una grave violazione dei diritti umani fondamentali”. Secondo l’attivista, “tutto questo rappresenta una costante minaccia per il nostro Paese”. Gli imam sono stati bloccati e arrestati sul Main Boulevard del quartiere Gulberg, dove stavano inscenando un raduno per celebrare la morte dell’ex governatore.  L’intenzione dei religiosi islamici era quella di bloccare la città e impedire la commemorazione funebre. Sfidando le minacce dei radicali, attivisti e altre persone comuni si sono riuniti invece a poche decine di chilometri di distanza, nella zona di Lalik Chowk.  Syeda Deep, l’organizzatore della veglia, riferisce che i partecipanti hanno sventolato cartelloni, intonato slogan e acceso candele contro il terrorismo e il fondamentalismo religioso. “Sono venuti qui – dice – nonostante le minacce di morte e hanno ribadito che non si faranno sopraffare dalla paura dei mullah neo fascisti”.  Samson Salamat, presidente cristiano del Rawadari Tehreek Movement (Movimento per la tolleranza), afferma: “A Lahore l’intolleranza religiosa ha raggiunto i massimi livelli mentre gli islamici chiedevano di bloccare la veglia funebre. Tutto ciò è ridicolo, se si considera che Mumtaz Qadri, l’assassino reo confesso di Salman Taseer, è stato ritenuto colpevole dalla legge dello Stato e impiccato”. Ciò che hanno tentato di fare gli imam, continua, “è una grave violazione delle libertà e dei diritti fondamentali. La cosa ancora più grave è che tutto ciò avviene in presenza di una Piano d’azione nazionale che chiede in modo chiaro a governo e istituzioni di fermare tali attività”. Salamat ritiene che il Pakistan “non sarà un Paese pacifico fino a quando lo Stato stesso non attuerà azioni risolute contro i gruppi militanti che commettono ‘crimini di odio’ e diffondono l’intolleranza nella società”.  L’ex governatore del Punjab, dice in conclusione Kashif Javed, “era un governante onesto. È un atto incostituzionale il modo in cui la sua famiglia e altri suoi sostenitori [il figlio è stato colpito da una fatwa per aver chiesto di pregare per coloro che sono stati incolpati ingiustamente di blasfemia, ndr], che difendono la legge, la pace, la tolleranza e l’uguaglianza, sono presi di mira”.
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR. Italiani in Turchia, ripresi primi voli: Condizioni meteo restano difficili, centinaia ancora bloccati. [bho] ormai, la sharia ha sollevato un muro di diffidenza, violenza, mancanza di reciprocità, e crudeltà, un muro di 1400 anni tra noi e loro: gli assassini nazisti shariah ci minacciano: perché loro sono gli specialisti del genocidio,con la loro shariah politica teologia della sostituzione! ora, è il terrore! la Lega ONU OCI Araba MINACCIAno di sterminio tutto il genere umano! http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2017/01/10/italiani-in-turchia-ripresi-primi-voli_e2322271-4b9a-4e1f-aeff-8e35372d57d6.html
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

30/12/2016, DIO BENEDICA L’EGITTO DI SISSI.. CHE TRA SCOSSONI E SINGULTI SEMBRA IMBOCCARE LA STRADA GIUSTA: E NESSUNO DOVREBBE DIRE CHE, IO NON PREMIO LA BUONA VOLONTÀ DEI MUSULMANI! il mio Prete è salito sull’altare con una casula che aveva, ai lati di una croce centrale: due lettere ricamate: una (ALFA) e l’altra avrebbe dovuto essere una (OMEGA) ed invece era uno scarabocchio che se non era un simbolo satanico, non significava niente! (queste sono le casule che i nostri preti vanno a comprare da negozi specializzati! ) EGITTO – STATI UNITI. Governo e cristiani contro l’ingerenza Usa nella ricostruzione di chiese distrutte dai jihadisti. Loula Lahham. CERTAMENTE GLI USA POSSONO DARE FINANZIAMENTI, PER REALIZZARE QUESTI RESTAURI, MA, NOI NON CI POSSIAMO FIDARE DELLA CIA E DEI SUOI SACERDOTI DI SATANA! [ Al vaglio del Congresso americano una legge che autorizza la supervisione dell’opera di ricostruzione di chiese ed edifici colpiti da estremisti islamici. Sono 84 dal 2013 a oggi. Per le autorità del Cairo e i gruppi cristiani del Paese è una norma illegittima e costituisce una ingerenza. P. Greiche: Dove erano gli Stati Uniti quando i Fratelli musulmani incendiavano le chiese? Il Cairo (AsiaNews) – All’indomani dello smantellamento di gruppi estremisti islamici nei quartieri di Rabea e Al-Nahda, il governo egiziano – per bocca del portavoce del ministero degli Esteri – respinge al mittente un disegno di legge al vaglio del Congresso Usa. Secondo i promotori, esso intende garantire agli Stati Uniti il controllo dell’opera di ricostruzione di decine di chiese distrutte. o incendiate nel recente passato dai movimenti fondamentalisti e jihadisti in Egitto. La legge vuole dunque assegnare alla Segreteria di Stato Usa la supervisione degli sforzi promossi dal governo egiziano nel restauro o ricostruzione di edifici cristiani danneggiati dal 2013 ad oggi. In totale vi sono almeno 84 fra chiese, scuole e centri sociali appartenenti alle varie confessioni cristiane presenti in Egitto, e colpiti dagli estremisti islamici. Alla dichiarazione del ministero egiziano degli Esteri sono seguite prese di posizione e comunicati ufficiali da parte di ciascuna Chiesa e comunità cristiana del Paese. Per gli ortodossi, il governo egiziano ha fatto tutto ciò che poteva per restaurare le chiese, usando fondi propri e col contributo di lavoratori egiziani. In una nota ufficiale i vertici della comunità affermano che “il presidente al Sisi ha promesso e ha mantenuto la sua promessa. Sono già iniziati anche i lavori alla Boutrossiya [la chiesa oggetto dell’attentato dell’11 dicembre scorso], curati dal team di ingegneri delle Forze armate egiziane. Essa sarà recuperata e pronta per le preghiere di Natale (che cade il prossimo 7 gennaio, secondo il calendario orientale)”. Il pastore Andrea Zaki, capo della Chiesa evangelica (protestante), che conta circa 220mila fedeli, si dice anch’egli contrario al disegno di legge al vaglio del Congresso statunitense. “Questa è una chiara ingerenza – spiega – nei nostri affari interni. Il governo egiziano si è sempre mostrato solidale verso i cristiani e la maggior parte delle chiese sono state ricostruite”. Quanto alla Chiesa cattolica egiziana, anch’essa ha espresso il suo rifiuto all’ingerenza americana nel restauro dei luoghi di culto. “Gli americani erano pressoché assenti il 14 e 15 agosto del 2013, quando le nostre chiese venivano incendiate dai Fratelli musulmani” ha affermano il portavoce p. Rafic Greiche. “La loro reazione – aggiunge – è stata di completa freddezza e di cattivo gusto”. Disapprovazione viene manifestata anche dagli ambienti laici del Paese che, seppur distanti da Chiese o culti, fanno muro contro l’ingerenza straniera. L’intellettuale e analista copto Kamal Zakher sottolinea: “Prima di tutto, chiediamo al governo americano di smetterla di finanziare gruppi terroristi e di non fornire più loro ospitalità negli Stati Uniti. È essenziale smettere di finanziare gli autori di queste devastazioni e di questi incendi, prima ancora di pensare a sistemare i danni delle loro azioni e delle loro malefatte”. Infine, vale la pena ricordare che la nuova legge è stata promossa in prima persona dal senatore repubblicano Dave Trott e sarà oggetto di discussione nella prossima seduta del Congresso, nella sua 114ma edizione, a gennaio. Trott ritiene che vi siano ancora 29 edifici cristiani in 24 posti diversi che non sono stati ancora oggetto di restauro. Da parte loro, gli Stati Uniti continuano ad allertare i loro cittadini in merito a pericoli di viaggi in Egitto, per problemi gravi legati alla sicurezza. Fra i punti più caldi vi sono il deserto occidentale e l’area del Sinai, oltre che le zone circostanti la località turistica di Sharm el Sheikh, sul mar Rosso.
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

FANNO FALSA TESTIMONIANZA E METTONO A MORTE PERSONE INNOCENTI, ANCHE PER INVIDIA COME IL CASO DI ASIA BIBBI! 05/01/2017, 11.46. E POICHÉ I SAUDITI APPROVANO TUTTO QUESTO: DEVONO ESSERE MESSI A MORTE: CON TUTTI I LORO COMPLICI: DOBBIAMO PREPARARCI PER QUESTA GUERRA CONTRO LA LEGA ARABA ORA CHE I DISSAPORI CONTRO LA RUSSIA SONO CADUTI! PAKISTAN Lahore, cristiano evangelico accusato di blasfemia, avrebbe strappato pagine del Corano   Shahbaz Babu rischia la pena capitale. È incolpato di aver scritto il suo nome sulle pagine del libro sacro dell’islam, ma il cristiano è del tutto analfabeta. La denuncia sarebbe una ritorsione per questioni economiche. L’arrestato è popolare anche tra alcuni musulmani perché organizza incontri di preghiera.  Lahore (AsiaNews/Agenzie) – Un cristiano evangelico del villaggio di Kamahan, vicino Lahore, è stato arrestato con l’accusa di blasfemia e ora rischia la pena di morte. In base alla denuncia del musulmano Haji Nadeem, Shahbaz Babu avrebbe dissacrato il libro sacro dell’islam scrivendo il proprio nome sulle pagine, che poi avrebbe fatto a brandelli e disperso per strada di fronte alla moschea di Peer Baba Gujjar. Gli attivisti della British Pakistani Christian Association riferiscono però che il cristiano è del tutto analfabeta, pertanto non avrebbe mai potuto scrivere il suo nome sul testo.  L’arresto è avvenuto il 30 dicembre scorso, ai sensi dell’articolo 295B del Codice penale pakistano. Dopo la denuncia, Babu, 41 anni, sposato e con tre figli, è stato portato alla stazione di polizia di Nishtar. In seguito, per scongiurare eventuali rappresaglie da parte dei musulmani e assicurare la sua protezione, è stato trasferito nella stazione di Model Town, in un altro distretto di Lahore.  Gli attivisti riportano che nessuno lo ha visto apporre il suo nome sul Corano. La denuncia potrebbe essere una ritorsione nei confronti della sua famiglia, dato che l’accusatore avrebbe questioni patrimoniali in sospeso con George Masih, il fratello dell’arrestato. Masih è il proprietario di un florido negozio di alimentari, del quale da tempo Nadeem tenterebbe di appropriarsi.  Il cristiano evangelico è inviso ai musulmani locali per il fatto che organizza incontri di preghiera nella sua abitazione. Da 15 anni molti cristiani, ma anche diversi fedeli islamici, partecipano agli incontri e chiedono benedizioni e piccole guarigioni.  Alcuni amici dell’arrestato riferiscono che la sua crescente popolarità avrebbe provocato un clima di insofferenza tra i seguaci di Maometto, soprattutto perché la moschea di Peer Baba Gujjar si starebbe spopolando. Altri fanno notare che sarebbe quanto meno strana la dinamica dei fatti: Babu avrebbe profanato il Corano in segreto, ma poi lasciato le prove sotto gli occhi di tutti.  In Pakistan le offese a Maometto sono punite con la morte. Chiunque si esprima contro la “legge nera” sulla blasfemia rischia anch’egli la galera e la vita. È il caso di Shaan Taseer, il figlio dell’ex governatore del Punjab Salman Taseer ucciso nel 2011 dalla sua guardia del corpo per aver difeso Asia Bibi, la madre cristiana accusata di oltraggio al profeta e richiusa in carcere dal 2009. Shaan Taseer di recente ha pubblicato sui social network un messaggio di Natale in cui chiede di pregare per coloro che sono accusati ingiustamente. Il gruppo islamico Tehreek Labaik Ya Rasool Allah ha emesso una fatwa contro di lui, giudicandolo “condannabile a morte”.
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

IO SO CHE MOLTI RIMARRANNO ATTONITI PER LA MIA MAGNANIMITÀ, MA IO NON RITENGO CHE BISOGNA FARE IL GENOCIDIO DEGLI ISLAMICI, SOLTANTO PERCHÉ LA LEGA ARABA HA PROGETTATO, E MESSO E LE BASI PER FARE IL NOSTRO GENOCIDIO.. MA, CI DOBBIAMO CONVINCERE: NOI, IL GENERE UMANO, NOI NON POSSIAMO EVITARE DI DICHIARARE GUERRA ALLA ARABIA SAUDITA! 05/01/2017, MYANMAR Il governo birmano “ripulisce” le prove delle violenze contro i musulmani Rohingya È l’accusa lanciata da attivisti e ong internazionali, che criticano i risultati pubblicati da una commissione governativa. Al termine dell’inchiesta il panel “indipendente” ha smentito violenze, aggiungendo: “La presenza di moschee è una prova del fatto che non è in atto una persecuzione”. Anche la minoranza musulmana del Myanmar piange il suo piccolo Aylan.     Yangon (AsiaNews/Agenzie) – Attivisti e organizzazioni pro diritti umani accusano il governo birmano di cercare di “ripulire” le tracce delle violenze contro i Rohingya nello Stato di Rakhine, nell’ovest del Myanmar. Una presa di posizione netta e durissima delle associazioni umanitarie, mentre il governo di Naypyidaw sbandiera i risultati di una commissione di inchiesta secondo cui non vi sono prove di “genocidio” nella regione a maggioranza musulmana.  Ieri, infatti, una commissione governativa, allestita su richiesta della premio Nobel per la pace e ministro birmano degli Esteri Aung San Suu Kyi, ha respinto le accuse di abusi da parte delle forze di sicurezza. Al contempo, resta aperta una indagine contro un gruppo di poliziotti ripresi – in un video amatoriale – mentre picchiavano in modo brutale alcuni abitanti di villaggi Rohingya.  Negli ultimi mesi sono aumentate in modo esponenziale le violenze fra il Tatmadaw (esercito governativo) e quello che i soldati definiscono “un gruppo militante di musulmani Rohingya” nello Stato Rakhine. I Rohingya sono una minoranza musulmana – di poco più di un milione di persone – originaria del Bangladesh, alla quale il Myanmar non riconosce la cittadinanza e i cui membri abitano in campi profughi sparsi in più parti del Paese.  Dall’inizio di ottobre, il bilancio parla di almeno 90 persone uccise e circa 34mila sfollati. Il Tatmadaw continua a passare di villaggio in villaggio ripulendo il territorio dagli elementi ribelli. A nulla sono valsi finora gli appelli alla pace fatti dal card. Charles Bo, arcivescovo di Yangon e da altre personalità locali e internazionali.  La popolazione Rohingya parla di esecuzioni sommarie, arresti arbitrari, stupri, case date alle fiamme nel contesto di una campagna ribattezzata dal governo “operazione di pulizia”, volta a colpire quanti avrebbero sferrato attacchi contro i militari birmani. Naypyidaw continua a smentire con forza le voci di abusi e di genocidio, però continua a impedire l’accesso all’area a giornalisti indipendenti e operatori umanitari.  Aung San Suu Kyi, un tempo icona dei diritti umani, è da tempo al centro di polemiche e accuse internazionali ; la “Signora”, infatti, non avrebbe mai assunto una posizione a difesa della minoranza musulmana, avallando – seppur in maniera tacita – le violenze commesse dalla maggioranza buddista e dall’esercito contro i Rohingya. Da qui la decisione della ministro degli Esteri (e Consigliere di Stato) di formare un panel “indipendente”, che ha respinto le accuse di violenze. Nella nota diffusa al termine dell’indagine si afferma che la presenza di “popolazione Bengali [termine usato dal governo per identificare i Rohingya, ndr], la crescente presenza di Mawlawi (studiosi islamici), moschee ed edifici religiosi sono prova del fatto che non vi è in atto un genocidio o una persecuzione religiosa”.  Diversa la posizione di attivisti e associazioni pro diritti umani, che continuano a rilanciare le accuse di violenze. Phil Robertson, vice-direttore per l’Asia di Human Rights Watch (Hrw), sottolinea che la commissione sembra operare più come “un meccanismo di pulizia del governo”, piuttosto che un organismo che intende promuovere giustizia. Matthew Smith, fondatore del gruppo Fortify Rights, aggiunge che l’esercito “ha commesso crimini e atrocità” che la commissione “sta cercando di ripulire”.  A conferma del clima di violenze, la terribile immagine che sta circolando in queste ore sui siti web e giornali, che ritrae un bambino Rohingya di nemmeno due anni riverso sul terreno, privo di vita. Uno scatto che ricorda il dramma del piccolo Aylan Kurdi, naufragato nel settembre 2015 sulle coste curde mentre cercava – con la famiglia – di raggiungere l’Europa. Oggi anche i Rohingya in Myanmar piangolo il loro piccolo Aylan: si tratta di Mohammed Shohayet, 16 mesi, che fuggiva dallo Stato Rakhine per raggiungere il Bangladesh con la madre, lo zio e il fratello. Egli sarebbe morto affogato, quando la barca con la quale attraversava il fiume Naf è affondata colpita dalle pallottole dell’esercito governativo.
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

Tu sei schiavo impuro dhimmi in Sharia Law: teologia sostituzione genocidio. Breivik fa saluto nazista in Corte. HA ucciso 77 ragazzi innocenti, e il suo unico diritto è quello di essere fucilato 77 volte! NON PUÒ SOPRAVVIVERE A SE STESSA UNA DEMOCRAZIA DI QUESTO TIPO: CHE HA TANTO DISPREZZO PER I PARENTI DELLE VITTIME, nel tempo dei sauditi salafiti wahhabiti, protetti dalla CIA SPA NWO: alto tradimento Costituzionale il signoraggio bancario: REGIME MASSONICO BILDENBERG E I SUOI COMPLICI: NELLE SPA BANCHE CENTRALI! Strage Utoya, Breivik fa saluto nazista, A udienza su violazione suoi diritti in carcere. http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2017/01/10/strage-utoya-breivik-fa-saluto-nazista_6b209803-e547-4343-9e15-bc720c795ac5.html
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

my Israel ] il vero amore è litigarello [ X kingdom ISRAEL Im Messiah ] la sottomissione dei musulmani ad Allah è una attitudine demoniaca (le termiti zombies), perché Dio JHWH, non vuole la sottomissione cieca, (non è questo il significato biblico del Dogma). Dio JHWH, vuole il combattimento contro di LUI, lui vuole la lotta, vuole la contesa, contro il Credente! .. è in questo modo, con il contendere contro Dio, che nasce il cambiamento interiore, infatti, la nostra giustizia sfida continuamente la GIUSTIZIA di DIO! … come a dire il vero amore è litigarello!
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

Unius REI COMES LIKE A THIEF, e non puoi mai sapere se, tu sei sostenuto, o se .. tu sei sollevato!
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

SALMAN SAUDI ARABIA ] all’INFERNO sono tutti pronti a giurare e spergiurare, che tu sei innocente di tutta questa tua merda shariah! [ African countries continue to move into the Top 50. Sixteen countries in the Top 50 are from Africa, seven in the Top 20. One of the two newcomers to the list is Niger (#49). Among the countries just below the Top 50, that will no doubt feature in future lists, no less than nine of the 15 under the Top 65 are African and mainly sub-Saharan countries. Islamic extremism in the world today has two hubs, one in the Middle East, the other in sub-Saharan Africa. In numerical terms at least, though not in degree, the persecution of Christians in this region dwarfs what is happening in the Middle East.
More states are lawless, with minorities suffering at the hands of violent groups

Libya is the country that the world forgot in 2015, but enters the Top 10 for the first time ever. It is a lawless state divided into three separate regions, with IS affiliates gaining more territory rapidly. The small Church, made up of Believers from a Muslim Background, has to dive deep to survive, and migrant Christians, particularly from Sudan and Eritrea, are also targeted. Dozens have been killed this year, often in grisly beheading scenes videoed and broadcasted by Islamic State (IS or ISIS). In war-torn Yemen the Saudi-led forces make it even harder for the few Christians remaining. Syria will enter its fifth year of civil war, and Iraq remains divided into three countries – the Kurdish part, the IS part, and the Shia part. In all three it is getting worse for Christians too.

Large scale, historic Christian migration
12.5 million Middle Easterners are refugees, though few know what the percentage of Christians is of the refugee total. It must be considerable though. Aleppo was one of Syria’s most Christian cities, but by the spring of 2015 the numbers of Christians in the city had gone down from approximately 250 000 to roughly less than 40 000 in the four years of the war. Less known are the tens of thousands of Christians leaving the 12 sharia states of northern Nigeria, where 27 million Christians live in second class citizen status, and now many thousands are fleeing the anti-Christian violence of Hausa-Fulani herdsmen in the Middle Belt region. This has created enormous numbers of internally displaced people in northern Nigeria, many of whom are Christians. In Kenya many Christians are fleeing from the Muslim majority areas. Tens of thousands continue to brave the desert and trafficking gangs to leave Eritrea, many ending up in Europe, where the United Nations Refugee Agency (UNHCR) said in November 2014 that 22% of  all refugees reaching Italian shores were from Eritrea alone. Even Pakistani Christians are fleeing to countries in South East Asia claiming asylum on grounds of persecution.

Extremism remains very well financed
Evidence exists that Saudi Arabia and Qatar have financed IS, primarily as a means of curbing Iranian expansion, and it has long been known that the Pakistani intelligence bankrolls factions of the Taliban in Afghanistan to maintain a strategic interest in its neighbour. IS too sells oil to the Turks, the Syrian Government and even Kurdish elements, though Western interference may change this. Extremist movements are adept at raising funds from organised corruption and crime. IS, despite their oil revenues, still kidnap Christians for money, and over 300 Christians are currently missing in Syria. In parts of Latin America drug gangs run entire regions, and even impose taxes on churches. In Somalia, Al-Shabaab responded to lost territory by quickly renting themselves out to tribes as enforcers in local disputes. Christians always suffer when these violent movements keep their coffers full. As one local Christian said gloomily, “full coffers also mean full coffins.”

Ethnic cleansing as an anti-Christian tactic
In the Middle East and Africa, persecution is taking place in the context of ethnic cleansing or genocide. In north, northeast and Middle Belt Nigeria, Syria, Iraq, Sudan (Nuba Mountains), Somalia, and northeast Kenya, persecution involves a pattern which is systematically backed by a policy of State or non-state actors. In the Middle Belt region in Nigeria, Christians have been forcefully removed from their homes and indigenous land by the Hausa-Fulani settlers. In Kenya Christians were singled out and killed (execution-style) on different occasions. In Sudan, Nuba Christians have been indiscriminately targeted and killed. In all these countries, persecution has been taking place with the intent to remove or even to exterminate Christians.

The Good News
Still, there is good news. As an Indian saying rings, “Children only throw stones at a ripe mango tree,” and persecuted Christians the world over will often say, “We are persecuted because we are doing something right, and this persecution shows we are ripe fruit for Christ.”

Sri Lanka: Buddhist nationalist deposed
A dictatorial President, Mahina Rajapaksa, was unexpectedly defeated in the January 2015 elections after appearing very confident of his victory. He had close ties to two radical Buddhist movements and since then both movements have been quiet. Churches are still attacked by local communities, but consented violence seems to be on the decrease even if it continues to make little difference if Christians complain after an attack.

Kurdish Iraq remains a beacon of freedom
Most of the 120 000 Christians who fled the Nineveh Plain when IS swarmed over it in the summer of 2014 landed in Kurdistan. On the whole they are safe, though there are concerns about an Islamising culture. Still, they experience a haven of peace where they are not preyed upon, and can receive foreign aid whilst awaiting their hopeful return to their homeland.

Pakistan-terror leads to greater church attendance
Pakistan has never been higher on the WWL (#6), and this year it joined Nigeria in attaining the maximum points for violence against Christians and Christian property. Often, however, a single story can reverse a decline, and in one city a volunteer security guard saw suicide bombers approach a church. He tackled them, losing his life in the process. The following week the church was bursting at the seams. Such heroic acts of sacrifice can give courage to a whole faith community, and beyond it!

Syrian refugees continue to find Christ
Many Muslims are finding Christ in the refugee camps of Jordan and especially Lebanon, and upon their return, proceed to plant churches in their communities. An unprecedented level of openness and co-operation between Christians and Muslims remains in Syria. One Syrian pastor from Aleppo said, “We will distribute aid to anyone, and Muslims respect that and come to us, which is a big shift because they used to be taught that Christians would try to kill or poison them.”

Historic Ecumenical Conference for the Persecuted was held
For the first time in the modern history of Christianity, high ranking leaders and representatives of the various Church traditions gathered together to listen to, learn from, and stand with, persecuted Churches and Christians in the world today. The global gathering of 145 people took place 2 to 4 November 2015 in Tirana, Albania, and included high level representatives from the Roman Catholic Church, the Pentecostal World Fellowship, the World Evangelical Alliance and the World Council of Churches. Pope Francis sent a message hoping that the “shedding of blood” would create a new unity among the world’s churches. Leaders of the world’s great Christian traditions pledged to, “listen more, pray more, speak up more, and do more” for the world’s persecuted believers.
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

SALMAN SAUDI ARABIA ] all’INFERNO sono tutti pronti a giurare e spergiurare, che tu sei innocente di tutta questa tua merda shariah! [  Somalia has been on the World Watch List since 1993, and almost always among the top ten countries. Christians in Somalia experience very serious pressure in all spheres of life. There is a strong drive to obliterate Christianity from Somalia verging on genocide or ethnic cleansing. Christians are an unwanted group of people in the country.
You can pray Isaiah 41:18: “I will make rivers flow on barren heights, and springs within the valleys. I will turn the desert into pools of water, and the parched ground into springs.”
BURN SATAN: in Jesu's name Messiah Yitzhak Kaduri
BURN SATAN: in Jesu’s name Messiah Yitzhak Kaduri1 mese fa (modificato)
https://www.youtube.com/user/HellxDesPairTruction  really google erase my comment ] [ I am Messiah: Yitzhak Kaduri, but, youtube delete my comments.  leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri. I am Messiah: Yitzhak Kaduri, but, youtube delete my comments
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

SALMAN SAUDI ARABIA ] all’INFERNO sono tutti pronti a giurare e spergiurare, che tu sei innocente di tutta questa tua merda shariah!  04-11-2016 IRAQ. #Iraq: “I weep tears of joy,” says Iraqi church leader
This is the moment hundreds of displaced Christian families have been longing for: the cross, deemed …

21-10-2016 #EGYPT. Egypt: Alarming signs of instability – please pray! Please pray for the country of Egypt as anxiety and hopelessness grip the hearts of many Egyptians …

12-10-2016 #LAOS. Laos – Christian father assaulted for possessing a Bible. No sooner had tribal believers, Dennis* and his wife, celebrated the birth of their baby, when …

28-09-2016 CENTRAL #ASIA. Central Asia – Pray for secret Christian gatherings which will be held in October
Please pray for three Christian gatherings to be held in secret in a Central Asian country next …

19-09-2016 #NIGERIA. Nigeria: Pray for Esther who managed to escape from Boko Haram
Esther* was among the girls abducted by Boko Haram from the Chibok State Secondary School, Nigeria, …

07-09-2016 #UZBEKISTAN. Uzbekistan: The president of Uzbekistan has passed away
The president of Uzbekistan, Islom Karimov, has died at the age of 78. The news of his passing has …

01-09-2016 #NIGERIA. Nigeria: A Nigerian student’s merciful act, met with violence
Tajudeen did not anticipate that his help to a fellow student would lead to eight people being …
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri

JHWH: You ARE: alleluia I AM JHWH HOLY ( holy holy holy: giustizia infinita e legge del taglione)

Quando Erdogan ha detto: “”ALEPPO è una città turca irredenta!!”” poi, tutti i demoni infernali di Hitler sono entrati dentro di lui!

Palermo, lo storico annuncio: “Una sinagoga per la Sicilia”
“Un evento storico e importante nei rapporti tra Chiesa ed Ebraismo. Una svolta locale, ancor più significativa perché arriva da un Meridione che già da tempo offre significative testimonianze di risveglio e di rinascita”. Queste le parole con cui la Presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni ha commentato la decisione dell’arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice, di concedere in comodato d’uso gratuito un oratorio di proprietà ecclesiastica, l’Oratorio di S. Maria del Sabato, che sorge nell’area un tempo occupata dell’antica zona ebraica della “Guzzetta” e della “Meschita”. Spazio che, in breve tempo, diventerà un luogo di culto e studio per gli ebrei siciliani. A raccontare il progetto, un lungo articolo pubblicato oggi da Repubblica Parlermo a firma di Daniele Ienna. “A Palermo e in Sicilia si avverte la voglia di studiare e di tornare alle antiche tradizioni ebraiche per secoli perdute, ma forse mai completamente lasciate. – spiega il vicepresidente dell’Unione Giulio Disegni – L’Ucei ha varato da anni un progetto Meridione, per cercare di tenere vivo l’ebraismo nelle regioni del Sud, dove costantemente organizza raduni, incontri, convegni di studio. È con questo spirito che è stata appena costituita la sezione di Palermo della Comunità ebraica di Napoli, ente facente parte dell’Ucei, territorialmente competente per il Sud Italia”. Sulla possibilità che l’ex oratorio diventi una sinagoga, rav  Pierpaolo Pinhas Punturello spiega che “Da una prima visita che ho fatto sul luogo e confrontandomi con autorevoli personalità rabbiniche in Israele, non credo che ci siamo problemi”. A Roma e Milano, pietre per la Memoria. Tra oggi e domani in 6 municipi della Capitale verrano apposte 24 pietre d’inciampo (Stolpersteine), opera dell’artista Gunter Demnig, in ricordo delle vittime del nazifascismo: ebrei, politici, partigiani. Con queste ultime pietre a Roma saranno in tutto 260 le Stolpersteine, “segno del successo dell’idea di ridare dignità e un luogo di memoria a persone che spesso non hanno nemmeno una tomba”, spiega l’architetto Adachiara Zevi, curatrice del progetto al Messaggero, che ricorda come in Italia il progetto si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, ed è organizzato dall’associazione Arteinmemoria con il patrocinio dell’Unione delle comunità ebraiche italiane. E per la prima volta l’iniziativa delle pietre d’inciampo arriverà anche a Milano: “Ogni anno e per i prossimi cinque anni ne saranno posate da 12 a 24. – racconta il Corriere della Sera nelle sue pagine milanesi – Questo è l’obiettivo ambizioso del Comitato per le Pietre d’Inciampo che si è costituito a Milano e che raccoglie tutte le associazioni legate alla memoria della Resistenza, delle deportazioni, dell’antifascismo, di cui è stata nominata presidente Liliana Segre”. E una pietra sarà posta davanti alla casa di corso Magenta 55 dove Segre, sopravvissuta alla Shoah, abitò con il padre Alberto, deportato e ucciso ad Auschwitz.
=========== QUELLO CHE È COSTITUZIONALE È IL CONCETTO DI PROGRESSIVITÀ DELLA AZIONE SANZIONATORIA! NESSUNO PUÒ ESSERE LICENZIATO DI COLPO! Foto vestito da Ss, degradato il capo dei vigili. “Sarà degradato a semplice agente il comandante della polizia locale di Biassono, Giorgio Piacentini, che il giorno dell’Epifania aveva indossato una divisa delle Ss postando una sua immagine vestito da gerarca nazista sulla home page del profilo Facebook”. A riportarlo il Corriere della Sera Milano, che spiega come il provvedimento sia stato deciso dal sindaco, Luciano Casiraghi insieme al segretario comunale, Francesco Miatello. Il provvedimento, spiega però il quotidiano, ha suscitato i malumori dell’opposizione, che ha chiesto il licenziamento di Piacentini, annunciando battaglia in consiglio comunale e chiedendo con insistenza una seduta Consiliare aperta a tutti i cittadini. L’Isis e l’attacco a Gerusalemme. Su Repubblica, compare oggi una lettera dell’ambasciatore d’Israele in Italia Ofer Sachs di protesta contro un articolo pubblicato dal quotidiano in merito al tragico attentato terroristico di Gerusalemme, compiuto domenica scorsa da un palestinese.
“Caro Direttore, ho letto con delusione l’articolo di Renzo Guolo pubblicato lunedì sul suo quotidiano. – scrive Sachs – L’autore insiste a mettere in correlazione questioni politiche che sono oggetto di contenzioso fra Israele e i Palestinesi. Critica il legame delineato dal primo ministro Netanyahu fra l’attentatore palestinese di Gerusalemme e l’Isis.  Ma è evidente a qualsiasi persona avveduta che l’utilizzo di camion come mezzi per compiere attentati di massa non viene fuori dal nulla, e che l’attentatore ha bensì tratto ispirazione dai simili attentati compiuti a Berlino e a Nizza”. “Gerusalemme e le nostre vittime”. Berlino ha deciso di mandare un segno di solidarietà a Israele dopo l’attentato di domenica, proiettando sulla Porta di Brandeburgo la bandiera israeliana. “Commuove perché la Stella di Davide omaggiata a Berlino è un fatto storico. – sottolinea sul Corriere Pierluigi Battista – E perché finalmente si dice, in una capitale europea, che le vittime degli attentati in Israele sono le ‘nostre’ vittime, che il camion che ha fatto strage delle soldatesse israeliane è identico al tir che è piombato sul lungomare di Nizza e sul mercatino di Berlino alla vigilia di Natale. Che Gerusalemme è come Parigi, come Berlino, come Bruxelles, come Istanbul”. Il nuovo ambasciatore Usa in Italia. Sarà Lew Eisenberg, già tesoriere del Partito repubblicano, il prossimo ambasciatore americano in Italia. A riferirlo, un articolo de La Stampa, che spiega come la nomina non sia ancora ufficiale, “ma lui ha già ricevuto la lettera di incarico dal presidente eletto Trump, e a meno di sorprese durante il processo di conferma nei prossimi mesi arriverà a Via Veneto”. Eisenberg, racconta il quotidiano, è nato in Illinois nel 1942 da una famiglia ebraica, ma durante gli studi di economia alla Cornell University si era trasferito a New York, dove dal 1966 al 1989 aveva lavorato per Goldman Sachs, diventando partner e capo della Equity Division. Considerato un esponente del partito moderato del partito repubblicano, aveva inizialmente fatto parte di un gruppo aperto alle posizioni “pro choice” sull’aborto e sulla legalizzazione dei matrimoni gay. La storia del campo di Borgo San Dalmazzo. Settecento ebrei di tutta Europa, dalla Francia al Piemonte dopo l’8 settembre ’43, anziché la salvezza trovarono i treni per il Lager dal campo di Borgo San Dalmazzo, in Piemonte. Una storia a lungo sconosciuta su cui, sottolinea La Stampa, l’attenzione degli storici si riaccese diversi anni dopo la guerra – ad esempio con i lavori di Alberto Cavaglion negli Anni 80 – e dove fu poi innalzato un memoriale. Le vite di quegli ebrei deportati sono oggi al centro dello studio, raccontato dal quotidiano torinese, di due ricercatrici legate all’Istituto Storico della Resistenza cuneese, Adriana Muncinelli e Elena Fallo (Oltre il nome, Storia degli ebrei stranieri deportati dal campo di Borgo san Dalmazzo, ed. Le Chateau di Aosta). Daniel Reichel twitter @dreichelmoked
====================== May the God who gives endurance and encouragement give you the same attitude of mind toward each other that Christ Jesus had…
(Romans 15:5) ENDURANCE AND ENCOURAGEMENT. Zinaida Vilchinskaya was a grandmother at the time she was arrested in the Soviet Union while carrying Christian literature. She shares a poignant episode of how one believer can encourage another in endurance during difficult circumstances:
When the police first took me to the police station, I was put in a very cold cell with bare iron bunks. The guards took my scarf and my coat, and I lay on the bunk in just a dress. I was shivering, and I started to pray. When my cellmate saw me pray, she, too, got on her knees and said, “Oh, I can’t stand it. I’m freezing too.” She started to cry softly.
“Lord,” I prayed, “if You want me to be frozen here, may Your will be done; just enable me to endure this with love, submission, and meekness. But You can help me. You can even take me out of here if that’s Your will.”
I lay back down and felt such warmth. I told the other woman, “Here, let me put my arm around you, and you’ll get warmer.” We warmed up together. Later when they transferred us to different cells, she told everyone in hers, “God warmed up Aunt Zhenya (as they called me) in our cell, and she warmed me up.” RESPONSE:
Today I will seek to find ways to encourage others going through the same challenges I have faced.
PRAYER: Lord, give me the mind of Jesus toward others in order that Your endurance and encouragement may flow through me.
==================== Join 1000’s of people worldwide who have pledge to pray …

View this email in your browser
ISRAEL NEEDS YOUR PRAYERS
Dear Lorenzo, There is a battle being fought over Israel that requires the engagement of our faith. It is a battle that seems to bypass reason and common sense, and aims to frustrate the purposes of God with His people Israel.

In the recent decision of the UN Security Council on the legality of Israeli settlements, we could see an almost supernatural eagerness by the nations to give voice and mind to one purpose, which is to harm Israel and the Jewish people.  But, this latest chapter of UN bias and hostility towards Israel has not been closed. Over the next two weeks, some 70 countries will be preparing for an international conference in Paris on January 15 which will again deal with questions concerning the Jewish state. That conference will be followed two days later by another session of the UN Security Council where Israel expects yet another hostile decision by world leaders, just before the Obama administration leaves office in Washington.

Yet, the Bible again encourages us that “nothing is impossible with God” (Luke 1:37). The word of God tells us that He can turn the heart of kings. The nations might plot vain things, but there is still a God in heaven who will have the final word.

Will you pray with us that the purposes of the enemy will be frustrated and another anti-Israel resolution will be prevented?

Will you join the Isaiah 62 Prayer Initiative and receive monthly pray points with insights and devotions to ensure you can come before the throne with informed prayers?

Many blessings from Jerusalem,Dr. Jürgen Bühler
ICEJ Executive Director
Pledge to Pray
Join the Isaiah 62 Prayer Initiative
We invite you to join this global movement of prayer by using our monthly prayer points whenever you pray corporately or individually.
Pledge now
Isaiah 62 Prayer Letter for January
The nations might plot vain things, but there is still a God in heaven who will have the final word. Pray with us that the purposes of the enemy will be frustrated and another anti-Israel resolution will be prevented.
Read more
Make a Difference in Israel
Today’s overwhelming social needs give us an opportunity to comfort and bless the people of Israel in the name of Christians around the world, as an act of reconciliation and love.
Donate now
Copyright © 2017 ICEJ, All rights reserved.
You are receiving this email because you opted in via our website. Our mailing address is:
ICEJ
P.O. Box 1192
Jerusalem 91000
Israel Add us to your address book
Cosa ha spinto la Russia ad intervenire in Siria?
di sitoaurora Valentin Vasilescu Reseau International 10 gennaio 2017gbrssbgDecifrare le ragioni del coinvolgimento della Russia nel conflitto in Siria continua ad avere molte incognite. La prima incognita è che, mentre gli aerei russi in Siria potrebbero trasportare da 8 a 24 missili o bombe, sono armati solo di 2 bombe o missili “intelligenti” (KAB-250S/LG, KAB-500L/Kr, KAB-1500L, KAB-1500Kr, Kh-29L/T, Kh-25T ), a guida laser, GPS e TV/IR. La precisione di queste armi è intorno ai 2-5 m. Un’altra incognita è che i cacciabombardieri russi a volte rimanevano per un’ora nell’area di decollo finché non c’erano più civili nell’area del bersaglio. Ricordiamo che i bombardieri B-52 degli Stati Uniti seppellirono nei bombardamenti a tappeto, combattenti vietnamiti e aree abitate vicine, e gli aerei degli Stati Uniti Skyrider-1, F-100, F-105, F-4, F 8, A-4, A-6, A-26 e B-57 lanciarono migliaia di contenitori di napalm sui villaggi vietnamiti. Il metodo utilizzato dai russi in Siria è quello dell’aviazione di uno Stato che opera nel contesto delle operazioni in difesa del proprio territorio. Un’altra incognita è il motivo per cui la Russia decise d’intervenire nell’ottobre 2015 dopo più di quattro anni di guerra in Siria, quando il 75% del Paese era occupato dagli islamisti. Nel febbraio 2014, un colpo di Stato avvenne in Ucraina, sostenuto dall’occidente, noto come euromaidan e seguito dall’adesione della Crimea alla Russia con un referendum nel marzo 2014, e dallo scoppio della guerra civile nell’Ucraina orientale. Stati Uniti, Unione europea e Stati fedeli imposero l’embargo economico alla Russia. Nel settembre 2014, in occasione del vertice in Galles, la NATO decise di sviluppare nuove capacità di difesa ai confini della Russia, materializzatasi nello schieramento della 3.za brigata carri armati della 4.ta Divisione dell’esercito degli Stati Uniti nei Paesi baltici e Polonia (87 carri armati M1A1 Abrams, 20 obici semoventi M109A6 Paladin e 136 veicoli da combattimento della fanteria M2 Bradley). Aggiuntasi alla 10.ma Aerobrigata (50 elicotteri UH-60 Black Hawk, 10 grandi elicotteri da trasporto CH-47 Chinook e 24 elicotteri d’attacco AH-64 Apache). Nelle guerre del Golfo, l’esercito statunitense usò un nuovo algoritmo per la ricognizione strategica e gli attacchi di penetrazione in profondità delle difese del nemico. Dopo che l’US Air Force impose la supremazia aerea, i cacciabombardieri avviarono la neutralizzazione, con grande precisione, dei carri armati iracheni posizionati sulle linee fortificate di contrattacco e le linee offensive disposte a scaglioni dalle grandi unità della riserva tattica. Allo stesso tempo, gli elicotteri d’attacco dell’esercito e dei marines riuscirono, con il sostegno delle batterie di obici semoventi da 155mm M109A6 Paladin, a neutralizzare i gruppi d’artiglieria delle unità e divisioni nemiche, così come i rifornimenti per i carri armati del primo scaglione delle difese dell’esercito iracheno. La precisa localizzazione dei bersagli iracheni fu ottenuta grazie a un complesso programma di riconoscimento militare degli Stati Uniti, basato oltre che sui satelliti di sorveglianza, su quattro livelli dell’ISR (Intelligence, Surveillance e Reconnaissance), per l’acquisizione e il trattamento dei dati, disponendo del quadro completo della situazione sul teatro:
– Il primo livello, strategico, composto da droni a lungo raggio RQ-4A/B Global Hawk e Lockheed Martin RQ-170 Sentinel, e da aerei da ricognizione con equipaggio U-2, E-8C e RC-135.
– Il secondo livello erano i droni a breve e medio raggio RQ-7 Shadow, RQ-5 Hunter, MQ-1 Predator, MQ-9 Reaper.
– Il terzo livello erano gli aerei ad elica con equipaggio Cessna Caravan 208B, C-23A Sherpa, C-12R Horned Owl e C-12 MARSS-II King Air.
– Il quarto livello era la flotta di elicotteri di 12 brigate dell’esercito degli Stati Uniti (OH-58D Kiowa Warrior e AH-64 Apache).
saxdcvffvCon l’azione combinata dei mezzi da ricognizione e attacco statunitensi, la struttura dello schieramento da combattimento iracheno fu spezzata creando brecce ampie per le unità meccanizzate e corazzate. Per penetrare in profondità tre le difese e attuare con successo la manovra avvolgente, usarono pochissimi carri armati M1A2 Abrams, veicoli da combattimento di fanteria M2 Bradley e veicoli da combattimento del corpo dei marine AAV-7A1, poiché tutti cingolati dalla bassa velocità. Preferirono usare mezzi come i blindati LAV-25 Stryker (dalla velocità massima di 100 km/h), raggruppati in brigate. Una brigata di Stryker modello comprende 135 mezzi divisi in tre battaglioni di fanteria (3 compagnie), una squadra da ricognizione (3 compagnie) con 33 Stryker e HMMWV12, un battaglione di artiglieria (3 batterie di cannoni semoventi da 155mm) e un battaglione di soldati per le operazioni speciali. Dal 2012, l’esercito russo ha trasformato 7-10 brigate motorizzate sul modello statunitense, basate sui blindati da trasporto truppe anfibi BTR-80 e BTR-82A. Nei prossimi 2-3 anni, i BTR-80/82A saranno sostituiti dal nuovo VPK-7829 Bumerang.
In Siria, i cacciabombardieri russi Su-25, Su-24, Su-34 e l’Aeronautica siriana crearono brecce nella difesa dei mercenari effettuando attacchi sui depositi di munizioni e carburante, sui veicoli da combattimento (carri armati e artiglieria semovente) e anche fortificazioni d’appoggio. Gli elicotteri d’attacco russi Mi-24V e Mi-28N distrussero i mezzi da combattimento dei mercenari, come le Toyota armate di mitragliatrici e lanciamissili anticarro (contro le linee d’attacco), e autobombe suicide. Attraverso le brecce così create, i blindati BTR-82A russi s’infiltrarono come avanguardia, per via della maggiore capacità di manovra su terreno senza ostacoli e per la potenza di fuoco dei cannoni da 30 mm montati sulle torrette. Come protezione, i BTR-82A operano con diversi carri armati russi T-90A dotati del sistema di protezione attiva Shotra per nullificare i missili anticarro statunitensi TOW-2. Non è escluso che la Russia abbia inviato in Siria nuovi tipi di carri armati (T-14 Armata, veicoli da combattimento della fanteria T-15 e Kurganets-25) in fase di test; i blindati più avanzati al momento.
In Siria, l’esercito russo ha creato un potente sistema C4I (comando, controllo, comunicazioni, computer, informazioni e interoperabilità) da ricognizione e attacco. La raccolta e l’elaborazione dei dati avviene su più livelli, come nel caso delle forze armate statunitensi. Questi livelli sono, oltre alla ricognizione satellitare, gli aerei da ricognizione con equipaggio Il-20M1 e Tu-214R (le cui missioni durano più di 12 ore), droni (UAV) a medio raggio Zala, Jakovlev Pchela-1T e Orlan-10, droni a lungo raggio Dozor 600 ed elicotteri d’attacco e ricognizione Mi-35 e Ka-52. Dato che lo spazio aereo siriano è occupato a nord, centro ed est dagli aerei della coalizione guidata dagli Stati Uniti (che comprende aerei di Stati della NATO e del Golfo Persico), secondo le dichiarazioni del generale Philip Breedlove, ex-comandante della NATO in Europa, il contingente russo ha creato sull’ovest della Siria una no-fly zone (bolla AD/A2) che vieta qualsiasi azione della NATO. Nella zona di esclusione, la Russia ha attuato una serie di misure per garantirsi la supremazia nella guerra radio-elettronica (Electronic Warfare-EW) contro i sistemi di ricognizione a terra, aria e spazio della coalizione degli USA. La zona è diventata opaca alla ricognizione della NATO grazie al sistema russo Krasukha-4 che disturba i radar di sorveglianza dei satelliti-spia statunitensi della serie Lacrosse/Onyx, i radar a terra, i radar aeroportati di AWACS, E-8C, RC135, Sentinel R1 e quelli montati sugli UAV RQ-4 Global Hawk, MQ-1 Predator, MQ-9 Reaper. Gli aerei russi sono dotati dei sistemi di radiodisturbo SAP-518/SPS-171 e L-175B Khibinij e gli elicotteri Mi-8AMTSh dei sistemi Richag-AV. La Russia ha inviato in Siria altri sistemi per interferire e neutralizzare il radiocontrollo dei droni mentre svolgono le missioni da ricognizione nello spazio aereo della Siria occidentale, o per generare contromisure nello spettro visibile, infrarosso o laser, contro i sistemi di sorveglianza optoelettronici (IMINT) aerospaziali degli statunitensi. Per intercettare i velivoli nella no-fly zone in Siria, i russi impiegano i Su-30SM e Su-35, nonché i sistemi missilistici antiaerei a lungo raggio S-400.
Il dispiegamento dei contingenti aeroterrestri russi in Siria è quindi conseguenza della crescente aggressività della NATO ai confini della Russia. E’ servito non solo a sostenere il governo di Bashar al-Assad, ma a continuare la preparazione dei militari russi nel respingere l’invasione della Russia da parte della NATO. Anche questo ha permesso di testare, in condizioni di combattimento reali, l’operatività di alcuni elementi chiave del nuovo sistema strategico da ricognizione ed attacco delle forze armate russe. Il sistema è stato copiato da quello statunitense ed adattato alle condizioni specifiche dell’esercito russo, il cui ruolo è difendere la Russia, nel caso d’invasione della NATO.
=================== A Roma arriva “Run for Mem”
La maratona per la Memoria
Prima anticipazione sul Corriere della Sera per un’iniziativa nuova legata alla Memoria e che sta riscuotendo grande attenzione: la corsa non competitiva “Run For Mem / Corsa per la Memoria verso il Futuro” organizzata per il prossimo 22 gennaio dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, sotto l’egida della Presidenza del Consiglio dei ministri e in collaborazione con l’Associazione Maccabi Italia e la Maratona di Roma. “Vogliamo consegnare un messaggio, soprattutto alle nuove generazioni. Cioè che dopo una caduta, anche la più tragica e dolorosa, occorre alzarsi e riprendere a correre valorizzando la vita. – racconta la presidente dell’Unione Noemi Di Segni al giornalista del Corriere della Sera Paolo Conti – E, insieme, un altro messaggio, destinato a chi invece corre ogni giorno senza fermarsi: mai tralasciare la Memoria, indispensabile strumento per affrontare il futuro. Le iscrizioni sono aperte a tutti, stanno già arrivando molte e significative adesioni: una grande festa democratica, un appuntamento immancabile per tutti i cittadini che hanno a cuore il presente ma soprattutto il futuro”. Il quotidiano sottolinea come a volere l’iniziativa sia stata proprio la presidente UCEI Di Segni, ricordando come il progetto abbia riscosso adesioni sia in ambito ebraico (tra cui vengono segnalate il World Jewish Congress, Ambasciata d’Israele in Italia, la Comunità ebraica di Roma, Federazione associazioni Italia-Israele, The Jewish Agency for Israel) sia delle istituzioni sportive e civili come “il Coni, le Acli, la Comunità di Sant’Egidio, la Polizia e i Carabinieri ma anche “la Coreis, la Comunità religiosa islamica italiana, che sarà presente con una propria delegazione”. Previste due corse, una sportiva da 10 chilometri e una stracittadina di soli 3,5 chilometri. Il percorso, spiega il Corriere, toccherà molti luoghi legati alla Memoria non solo ebraica. Si parte da piazza 16 ottobre 1943, dunque la deportazione nazista degli ebrei romani, via degli Zingari, in ricordo della persecuzione nazista dei Sinti e dei Rom, via Tasso, carcere e luogo di tortura delle SS, Regina Coeli, dove vennero radunati gli ebrei romani il 16 ottobre 1943. Zygmunt Bauman (1925- 2017). Ricostruzioni della sua vita e dei suoi studi, interviste, interventi passati: tutti i quotidiani di oggi riportano con evidenza la notizia della morte di Zygmunt Bauman, il filosofo e sociologo polacco morto ieri all’età di 91 anni. Nato a Poznan (Polonia) il 19 novembre 1925, Bauman – noto del mondo per la sua teoria della società liquida – negli anni Sessanta, fu costretto a lasciare la cattedra dell’Università di Varsavia in seguito a un’epurazione antisemita promossa dal regime comunista e si trasferì a Tel Aviv. Chiamato nel 1972 dall’Università di Leeds, in Inghilterra, vi ha insegnò sociologia fino al 1990. “Con l’idea della liquidità ha rappresentato l’essenza del mondo: la sua rapidità, permeabilità e mutevolezza”, scrive Carlo Bordoni su La Stampa. “Non l’ho mai sentito pronunciare la formula della “società liquida” alla quale deve la sua enorme notorietà e anche la sua banalizzazione. – scrive invece Ezio Mauro su Repubblica – Anche quando nella discussione quella teoria sembrava la giusta, inevitabile conclusione di un ragionamento, ecco che Bauman scartava, apriva un’altra strada, aggiungeva qualcosa, andava oltre”. Se la Stampa ricorda anche uno delle sue ultime denunce sull’emergenza migranti – “I profughi – sosteneva il sociologo – ci ricordano ciò che vorremmo scordare” – il Corriere, in un articolo di Donatella Di Cesare, spiega come Bauman, parlando di Shoah, fu tra i primi a vedere “lucidamente il nesso tra orrore e modernità”. Roma, la Memoria si fa immagine. Si apre oggi nella Capitale, alla Casa della Memoria e della Storia, la mostra “Sopravvissuti: ritratti, memorie, voci”, dedicata agli scatti del fotografo Simone Grosso ai sopravvissuti della Shoah.  Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale, e dall’Associazione Nazionale Ex Deportati nei campi nazisti (Aned), con il patrocinio dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane (Ucei), l’esposizione presenta una selezione di fotografie scattate in occasione del XII congresso dell’Aned, come racconta in un ampio articolo Paolo Brogi sul Corriere Roma. Berlino ricorda le vittime di Gerusalemme. In segno di solidarietà per l’attentato terroristico palestinese di domenica scorsa a Gerusalemme – in cui sono stati uccisi quattro giovani israeliani -, la Porta di Brandeburgo, a Berlino, è stata illuminata ieri con i colori della bandiera israeliana. “Grazie Germania di starci a fianco in questa comune battaglia contro il terrorismo”, ha scritto su Twitter il premier israeliano Benjamin Netanyahu (Corriere). Rispetto all’attentato, secondo La Stampa, “il palestinese che domenica ha fatto strage di militari a Gerusalemme aveva progettato l’attacco da almeno un anno. Ma non è sicuro se fosse un sostenitore dell’Isis. II governo israeliano ha imboccato subito la pista della Stato islamico, le autorità palestinesi frenano, e negano che i seguaci del Califfo Abu Bar al-Baghdadi si siano impiantati in Cisgiordania”. Il governo di Gerusalemme è però preoccupato per possibili infiltrazioni dell’Isis, a maggior ragione quando al confine sud, nel Sinai, il miliziani islamisti sono tornati all’attacco, colpendo i militari egiziani. Il caso Netanyahu. Il premier israeliano sta vivendo un momento personale complicato da gestire, visto il caso in cui è stato coinvolto e di cui in queste ore parlano i media israeliani. Secondo le accuse – e la diffusione di un audio –  iI premier sarebbe stato disposto a ridimensionare il giornale a lui vicino Israel Hayom in favore di Yedioth Ahronoth, da anni critico nei suoi confronti, per ottenere una copertura più positiva da quest’ultimo (Corriere). ========================
leviatan Unius REI i am Messiah Yitzhak Kaduri
Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR. Italiani in Turchia, ripresi primi voli: Condizioni meteo restano difficili, centinaia ancora bloccati. [bho] ormai, la sharia ha sollevato un muro di diffidenza, violenza, mancanza di reciprocità, e crudeltà, un muro di 1400 anni tra noi e loro: gli assassini nazisti shariah ci minacciano: perché loro sono gli specialisti del genocidio,con la loro shariah politica teologia della sostituzione! ora, è il terrore! la Lega ONU OCI Araba MINACCIAno di sterminio
Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list
==========================
Navigazione articoli
12 segni con cui si manifesta una presenza diabolica
Dal disturbo del sonno al soffio di vento. Sino alle interiora degli animali. Le presenze sataniche si manifestano in molti modi
Molly Holzschlag
Gelsomino Del Guercio/Aleteia
11 gennaio 2017
12 segni con cui si manifesta una presenza diabolica Malik ml Williams / Flickr CC
Condividi

Tweet

Stampa

Condividi
Tweet
Stampa
85 Molte persone, trovandosi in situazioni strane, si domandano se si può con certezza capire quando alcuni mali vengono dall’occulto o quando invece dipendono da una normale malattia. A volte questo problema diventa ossessionante. Quali sono i sintomi di un maleficio, di un’azione diabolica? In “Cosa fare con i diavoli” (Ancora editrice), Raul Salvucci elenca dodici possibili segni che si manifestano in una persona che ha subito una fattura, 1 – ATTACCHI NOTTURNI Il disturbo del sonno. Nella testa c’è la centralina di tutti i comandi che regolano e ordinano il movimento di tutte le parti del corpo. La funzionalità di questo centro di comando e di controllo è assicurata dal ricambio che avviene durante il periodo del sonno: quando si perde in quantità notevole il sonno, non si ha più la potenza per agire normalmente. Perciò l’attacco sistematico al sonno è il principio di distruzione della vita ed elimina gradualmente nel soggetto colpito la possibilità di ogni resistenza all’azione demolitrice degli spiriti del male. L’attacco all’organo centrale della nostra vita psichica e vegetativa apre la porta al potere di trascinare una persona dove si vuole. 2 – OGGETTI NELLO STOMACO La fattura opera sulla vittima per mezzo di influssi negativi prodotti da oggetti fisici, preparati precedentemente con riti propiziatori nei laboratori dei maghi. Si comprende facilmente che più l’oggetto fatturato è vicino come distanza e presente come continuità di tempo alla persona, più è efficace l’azione malefica. La carica più efficace è quindi quella di piazzare il fatturato all’interno del corpo stesso: così, più che vicino, è al di dentro e la continuità non si interrompe mai neppure per qualche minuto. L’oggetto può essere di minuscole proporzioni, sia di materia solida che liquida e non è difficile creare occasioni per cui una persona possa mangiare o bere qualcosa preparato allo scopo. Un sintomo particolare, che può sembrare un po’ strano è un ondata di angoscia che parte dallo sterno e sale fino alla gola e alla testa. In questi casi oltre all’uso di bere acqua santa e di condire i cibi con olio e sale benedetti, giovano anche il mangiare poco e con frequenza e l’uso moderato di farmaci che aiutano la digestione. 3 – AVVERSIONE AL SACRO I principali aspetti dell’avversione al sacro: sono: 1) il distacco graduale per chi in qualche modo è praticante. Si incomincia spesso con pensieri vaghi sulla fede: forse non è vero niente, se Dio ci fosse perché c’è tanto male, a che serve pregare e andare in chiesa; 2) scarseggia il tempo per pregare; 3) come ci si mette a pregare la testa si sposta altrove; 4) disagio a stare in chiesa e a partecipare comunque a preghiere comunitarie. 4 – SALUTE Gli effetti negativi sulla salute sono abituali quando interviene il maleficio. Tra essi: 1) dolori fortissimi, in varie parti del corpo, specialmente quelle più delicate e sensibili, che a volte si spostano da una parte all’altra del corpo; 2) disturbi inspiegabili, i medici, anche a livello di specialisti, non riescono a individuare di che cosa si tratta; 3) le medicine non conseguono alcun effetto: si prova a cambiarle, ma senza alcun risultati; 4) a volte le analisi sono visibilmente sballate, con esiti e percentuali inammissibili. 5 – AFFETTI Scrive padre Gabriele Amorth in “Un Esorcista racconta“: il maligno può dare dei nervosismi insopprimibili specie verso le persone da cui si è più amati. Così rompe matrimoni, tronca fidanzamenti; suscita litigi con urla e strepiti in famiglie in cui in realtà tutti si vogliono bene; e sempre per motivi futili. Tronca amicizie; dà alla persona colpita l’impressione di non essere gradita in nessun ambiente, di essere scansata, di doversi isolare da tutti. Incomprensione, non amore, vuoto affettivo totale, impossibilità a sposarsi. 6 – AFFARI L’attacco malefico contro gli affari può avvenire anche a livelli molto alti, sul piano di svariati miliardi. Contese per lottizzazioni, concorrenza su grossi giri commerciali, efficienza di impianti di produzione industriali. A livello molto più modesto, ma frequentissimo, si commissionano malefici per la distruzione economica di piccole attività commerciali, di laboratori artigianali, di negozi. L’effetto distruttivo avviene lentamente per lo scatenarsi di un meccanismo perverso e inarrestabile che porta a inspiegabili fallimenti. Clienti che inaspettatamente non pagano, errori di contabilità stranissimi, fallimenti di cui a volte gli stessi tribunali non riescono a capire il congegno. ================================================  Top Stories
Ecco la chiesa voluta dalla mistica Natuzza Evolo
Nel suo paese, in provincia di Vibo Valentia, il luogo di culto a lei dedicato
Molly Holzschlag
Gelsomino Del Guercio/Aleteia
10 gennaio 2017
Ecco la chiesa voluta dalla mistica Natuzza Evolo ©Fondazione Natuzza Evolo
Condividi

Tweet

Stampa

Condividi
Tweet
Stampa
315
2 Il 2017 sarà un anno decisamente importante per la fondazione “Cuore Immacolata di Maria – Rifugio delle anime“, tanto cara a Natuzza Evolo, che l’ha sempre considerata la sua sesta figlia. LE OFFERTE DEI CENACOLI Nei prossimi mesi dovrebbe, infatti, essere aperta al culto la grande chiesa, ormai praticamente completata, realizzata a Paravati di Mileto (Vibo Valentia) grazie alle generose offerte di centinaia di migliaia di fedeli sparsi in ogni parte del mondo e in particolare dalla grande opera svolta dai “Cenacoli di preghiera” da lei fondati (Gazzetta del Sud, 10 gennaio). Tempi e modi dell’apertura al culto della grande chiesa saranno comunque stabiliti in sintonia con il vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera.Tropea monsignor Luigi Renzo al quale toccherà anche procedere alla nomina del rettore del santuario mariano. IL TESTAMENTO La realizzazione della chiesa, i cui lavori sono partiti alcuni anni fa, è direttamente collegata a quanto contenuto nel testamento spirituale di mamma Natuzza. «Non è una stata una mia volontà. Io sono le messaggera – ha lasciato detta la mistica – di un desiderio manifestatomi dalla Madonna nel 1944, quando mi è apparsa nella mia casa, dopo che ero andata in sposa a Pasquale Nicolace. Quando l’ho vista, le ho detto: come vi ricevo in questa casa brutta? Lei mi ha risposto: non ti preoccupare ci sarà una nuova e grande chiesa che si chiamerà “Cuore Maria Rifugio delle Anime” per alleviare le necessità di giovani, anziani e di quanti altri si troveranno in uno stato di bisogno».
hmg_0026-800×533 LE STIMMATE Su Mamma Natuzza – come veniva chiamata affettuosamente – nel periodo quaresimale, apparivano ferite sanguinanti per le quali non è mai stata trovata una spiegazione scientifica. E in diverse occasioni si sono registrati fenomeni di emografia e stati di trance. Fu al termine di uno di questi, nel 1944, che Natuzza rivelò di essersi sentita domandare la costruzione di «una grande casa per alleviare le necessità di giovani, anziani e di quanti si troveranno nel bisogno, con una grande chiesa che si chiamerà Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime. L’allora vescovo di Mileto Domenico Cortese, diede il via libera alla realizzazione dell’opera per la quale ora si sta ultimando il cantiere della chiesa» (Avvenire, 1 novembre 2014). IL “MIRACOLO” DEI CENACOLI La vita di Natuzza è stata tutta consacrata all’accoglienza e alla consolazione dei sofferenti. Diceva che per lei era una forma di dono a Dio, in aggiunta ai dolori fisici che pativa. A coloro che si rivolgevano a lei, con la grande semplicità di donna analfabeta ma dalla grande fede, raccomandava di seguire la volontà di Dio e offriva il conforto della preghiera. Tanto che su sua ispirazione è nato un grande movimento costituito dai “Cenacoli di preghiera”: partiti nel 1994, si sono diffusi in tutto il mondo e costituiscono, secondo il vescovo Renzo, la «più grande eredità di Mamma Natuzza». “CI HA INSEGNATO A PREGARE” Una mamma, poi, Natuzza lo era davvero. Dal suo matrimonio con Pasquale Nicolace sono nati cinque figli, che lei ha cresciuto nell’umile casa in cui lunghe file di persone venivano a trovarla e che ora raccontano: «Ci ha sempre detto che non sarebbe stata una madre solo per noi, ma ci ha donato una grande tenerezza e ci ha insegnato a pregare». IL MANICOMIO La posizione della Chiesa su Natuzza è cambiata nel corso degli anni. Il 18 febbraio 1940, il vescovo di Mileto Paolo Albera inviò a padre Agostino Gemelli una fitta documentazione riguardante il caso dell’allora diciassettenne Natuzza Evolo. La risposta di padre Gemelli non si fece attendere; la sua opinione fu che si trattasse di una personalità affetta da “sindrome isterica”, esortando i sacerdoti e i parrocchiani del luogo a disinteressarsi del caso al fine di «sminuire la portata e favorire anche così la guarigione della ragazza». Da lì a poco, Natuzza venne rinchiusa per alcuni mesi in manicomio per ordine dello stesso padre Gemelli. LA CAUSA DI BEATIFICAZIONE La Chiesa modificò in seguito radicalmente il suo atteggiamento nei confronti della Evolo: il vescovo Renzo, dopo aver aperto l’inchiesta diocesana, ha presentato la pratica alla Congregazione delle Cause dei Santi per le fasi successive nell’iter di beatificazione (Vatican Insider, 1 novembre 2014).
===================
Sud America in pericolo: gli USA installeranno una nuova base militare in Perù
di sitoaurora Ariel Noyola Rodriguezprovincias-loretoDopo l’impeachment parlamentare di Dilma Rousseff (Brasile) e l’arrivo di Mauricio Macri alla Casa Rosada (Argentina), gli Stati Uniti cercano disperatamente di aumentare la propria presenza militare in America Latina, e in particolare nel Cono Sud. Il Perù, uno dei Paesi dell’Alleanza del Pacifico, è l’ultima vittima delle incursioni imperiali di Washington. Il governo regionale di Amazonas (Perù) approvava alla fine del 2016 l’installazione di una nuova base militare degli Stati Uniti che, per l’opinione pubblica, viene presentata come centro di risposta alle catastrofi naturali.
Solo a un paio di giorni dall’uscita dalla Casa Bianca, Barack Obama decideva di non perdere l’opportunità di rafforzare il dispiegamento di forze statunitensi in Sud America. E’ il caso del governo regionale di Amazonas (Perù), del Comando del Sud America (‘US Southern Command’) e della società Partenon Contractista EIRL, che hanno firmato il progetto per installare una nuova base militare camuffata da Centro operativo d’emergenza regionale (COER) di Amazonas. Il finanziamento dell’opera sarà poco più 1,35 milioni di dollari, al 29 dicembre 2016, e sarà completato in circa 540 giorni. Secondo le informazioni fornite dal governo peruviano, la base militare degli Stati Uniti avrà un eliporto di 625 metri quadrati; due edifici, il primo un magazzino per aiuti umanitari da 1000 metri quadrati, e il secondo per ospitare il COER insieme ai moduli operativi (logistica, comunicazione, monitoraggio e analisi, ecc); inoltre disporrà di una sala riunioni, una multimediale, camere da letto e un parcheggio di 800 metri quadrati. Senza dubbio, questo è interventismo travestito da aiuti umanitari. Contrariamente a ciò che svolgerebbe ufficialmente, non si tratta della strategia per rafforzare la capacità di risposta dei peruviani alle calamità naturali. I militari degli Stati Uniti affondano gli artigli nel Cono Sud con l’approvazione del presidente del Perù Pedro Pablo Kuczynski. La sovranità del Sud America è in pericolo.
Gli Stati Uniti non hanno più bisogno di lanciare guerre di conquista per affermare la propria egemonia sul territorio latino-americano; ora il dominio avviene in modo molto più sottile: attraverso iniziative per la militarizzazione segreta. Oltre alla lotta al terrorismo, Washington utilizza la lotta al narcotraffico e un presunto impegno a rispettare i diritti umani come scuse per immischiarsi negli affari interni di altri Paesi.
Il Perù è una piattaforma decisiva per gli Stati Uniti nel consolidare il loro piano per dominare il Sud America, una zona che, come sappiamo, ha immense riserve strategiche in risorse naturali (gas, petrolio, metalli, minerali, etc.). Almeno negli ultimi dieci anni, i governi sudamericani hanno inflitto una tremenda battuta d’arresto all’influenza economica e geopolitica degli Stati Uniti nel continente. Tuttavia, dal 2009 il Perù non oppone resistenza alle incursioni imperiali di Washington, diventando uno dei Paesi latino-americani dalla maggiore presenza di forze armate degli Stati Uniti nel territorio, e prima di approvare l’installazione della nuova base militare nel dipartimento di Amazonas, il Comando Sud degli stati Uniti si era stabilito comodamente nelle regioni di Lambayeque, Trujillo, Tumbes, Piura, San Martin e Loreto. Va notato che la cooperazione militare tra Washington e Lima è non limitata all’installazione di basi militari; gli Stati Uniti sono entrati pienamente nell’apparato della sicurezza e della difesa. Con l’autorità del Ministero della Difesa del Perù, le Unità speciali d’intervento del Comando congiunto delle Forze Armate, il Comando per l’intelligence e le operazioni speciali congiunte e la componente speciale VRAEM sono stati addestrati dalle forze statunitensi tra maggio e settembre 2016. In parallelo, le forze peruviane hanno condotto una serie di esercitazioni militari congiunte con gli Stati Uniti, secondo le loro argomentazioni, per rafforzare la strategia difensiva verso aggressioni estere; una delle esercitazioni più importanti è Forze Silenziose (SIFOREX, in breve), che si svolge ogni due anni nel mare di Grau, considerata uno delle maggiori esercitazioni navali internazionali.
Il Perù riflette chiaramente come il Sud America viva momenti critici e una forte campagna d’infiltrazione. Insieme alle difficoltà economiche, la regione è vittima di una potente offensiva estera che cerca, sotto varie forme, di rafforzare la presenza di Washington. Le incursioni militari statunitensi nella regione avanzano rapidamente grazie ai vari governi conservatori, soprattutto dall’arrivo di Mauricio Macri alla presidenza dell’Argentina e dall’impeachment parlamentare di Dilma Rousseff in Brasile, e nel continuo sforzo per minare l’influenza di Paesi come Cina, Russia e Iran. Armare fino ai denti il Perù è vitale per gli Stati Uniti, per poter installare un’altra base militare in Argentina, proprio al confine con Paraguay e Uruguay. Indubbiamente, la costruzione di un futuro migliore per i Paesi del Sud America è in serio pericolo.. ========================È un film dell’orrore: centinaia di giumente incinte attaccate a macchine da salasso, anche fino alla morte! Tutto perché le aziende farmaceutiche ne vendono gli ormoni agli allevamenti intensivi di maiali!! Ma tra due settimane i ministri UE possono mettere al bando questo commercio assurdo. Spingiamoli ad agire con un’enorme mobilitazione: firma la petizione qui sotto *con un solo clic* e condividi con tutti! FIRMA QUI Cari avaaziani, Sembra un film horror: centinaia di giumente incinte attaccate a macchine che gli succhiano il sangue, alcune così deboli che collassano e muoiono. Ma ora possiamo fermare tutto questo. Questa tortura su larga scala sui cavalli è alimentata da aziende farmaceutiche europee per aumentare la produzione dei nostri allevamenti intensivi! L’UE sta considerando provvedimenti, ma finora non ha fatto nulla di concreto. È ora di fermare queste morti assurde! I ministri europei si riuniranno tra sole 2 settimane, mettiamoli sotto i riflettori con un’enorme petizione per la messa al bando del violento commercio di sangue. Aggiungi il tuo nome alla petizione qui sotto *con un solo clic* e condividi con tutti:  Clicca per firmare la petizione Al Parlamento, alla Commissione e al Consiglio dell’Unione Europea:
Vi chiediamo di mettere al bando l’importazione in Europa di qualsiasi prodotto ottenuto con tecniche crudeli o che causino sofferenze sugli animali. Come uno tra i leader mondiali nel benessere degli animali, l’Europa dovrebbe applicare i suoi standard anche ai prodotti di importazione. Clicca per firmare la petizione La morte di queste giumente non è l’unico orrore: viene estratto così tanto sangue che molte rimangono sotto shock, o diventano anemiche. E siccome il sangue è utile solo se sono incinte, spesso vengono forzate a gravidanze e aborti multipli. Il mercato è guidato dalle aziende farmaceutiche, che vendono l’ormone presente solo in questo sangue agli allevamenti intensivi, per far entrare in calore maiali e altri animali in modo innaturale. Un’altra follia in questa triste storia.   Ma se denunciamo questo orrore con un’enorme mobilitazione globale, possiamo ottenere la messa al bando di tutti i prodotti ottenuti dalla sofferenza degli animali, rendendo difficile per qualsiasi azienda ottenere profitti dalla violenza. Aggiungi il tuo nome alla petizione cliccando sul link, e poi condividi con amici e familiari: spingiamo l’UE ad agire!  Clicca per firmare la petizione I cavalli sono animali maestosi, pieni di bellezza e grazia: è difficile capire come degli esseri umani possano essere così crudeli. Ma quando ci impegniamo tutti assieme per proteggere gli animali dagli orrori che affrontano ogni giorno, riusciamo a fare cose incredibili. Facciamolo anche questa volta. Con speranza, Oliver, Rewan, Bert, Ari, Camille, Nataliya, Ricken e tutto il team di Avaaz Ulteriori informazioni (in inglese) Il commercio crudele del sangue di giumente gravide (Animals’ Angels USA)
http://www.animalsangels.org/investigations/horses/cruel-trade-pregnant-mare-blood-united-states-uruguay-and-argentina-9-30-15  Un’inchiesta sulle fabbriche di sangue (Animal Welfare Foundation)
http://animal-welfare-foundation.org/en/what-we-do/blood-farms.html Trasformare sangue di cavallo in profitti (The Dodo)
https://www.thedodo.com/turning-horse-blood-into-profits-1382177497.html  Perché il mondo vuole il sangue di cavallo? (The Guardian)
https://www.theguardian.com/world/2016/oct/03/horse-blood-farms-china-donkeys-wild-horses-us-mass-slaughter
Avaaz.org è un movimento globale con oltre 44 milioni di membri, che promuove campagne far valere la voce dei cittadini nelle stanze della politica di tutto il mondo (Avaaz significa “voce” in molte lingue). I membri di Avaaz vivono in ogni nazione del mondo; il nostro team è sparso in 18 paesi distribuiti in 6 continenti e opera in 17 lingue. Clicca qui per conoscere le nostre campagne più importanti, oppure seguici su Facebook o Twitter. Sei entrato/a a far parte del movimento di Avaaz e hai iniziato a ricevere queste email firmando “Sito delle Petizioni della Comunità” il 2014-09-09 usando l’indirizzo email lorenzo_scarola@fastwebnet.it.
Per essere sicuro/a che i messaggi di Avaaz raggiungano la tua casella di posta, ti preghiamo di aggiungere avaaz@avaaz.org alla tua lista di contatti. Per cambiare il tuo indirizzo e-mail, ricevere le e-mail in un’altra lingua o altre informazioni contattaci utilizzando questo modulo. Per non ricevere più le nostre e-mail, invia un’e-mail a unsubscribe@avaaz.org oppure clicca qui. Per contattare Avaaz non rispondere a questa e-mail, ma scrivici utilizzando il nostro modulo http://www.avaaz.org/it/contact, oppure telefonaci al 1-888-922-8229 (USA).
===================

Miedo, persecución, muerte

¡Abolición de las leyes de la blasfemia YA!

Pide al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain, la abolición de estas leyes que atacan a los cristianos y a las minorías religiosas
FIRMA

Hola, lorenzo

Hace seis años, un hombre caía acribillado a plena luz del día en Islamabad. Se llamaba Salmaan Taseer. Lo mataron por haber criticado el uso indiscriminado de la ley de la blasfemia contra personas inocentes como Asia Bibi por el único hecho de ser cristianas. Para el hombre que le disparó, su propio guardaespaldas, debía morir porque era un blasfemo.

Hoy, su hijo Shaan Taseer se enfrenta a la misma amenaza de muerte por haber felicitado la Navidad a Asia Bibi. Para los clérigos islamistas es igualmente culpable del crimen de blasfemia.

La blasfemia, una y otra vez. Un estigma que condena a los cristianos y a las minorías religiosas de Pakistán a vivir bajo amenaza de muerte permanente.

¿Quieres hacer algo para acabar con esta lacra? Dirígete al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain y pídele que derogue esta ley inhumana.
http://citizengo.org/es/node/40109 Enlace (la página de firmas que se abre cuando pinchas este enlace es nueva. Seguimos siendo HazteOir.org, pero con el fin de mejorar el proceso de entrega de las firmas a los destinatarios de esta campaña, hemos integrado la página de firmar en la web del Grupo CitizenGO. ¡Pero seguimos siendo HazteOir.org!)

Amnistía Internacional ha denunciado recientemente que hay pruebas abrumadoras de que la ley de la blasfemia de Pakistán se usa para atacar a las minorías religiosas, viola los derechos humanos y alienta a las personas a la venganza violenta contra los acusados, contra sus familias o sus abogados.

Las víctimas de la ley de la blasfemia viven un auténtico infierno. Si has seguido el caso de Asia Bibi podrás hacerte una idea. Pero no es la única víctima.

El cristiano evangélico Babu Shahbaz, de 41 años, fue detenido el pasado 30 de diciembre junto a su mujer y sus 3 hijos, después de que un musulmán denunciara que había arrancado y arrojado algunas páginas del Corán por la calle.

En realidad, el musulmán que lo acusa mantenía una disputa con él por una pequeña parcela de tierra de la familia y vio una oportunidad de destruir su reputación acusándolo de blasfemia.

Babu Shahbaz llevaba 15 años organizando encuentros de oración en los que participaban cristianos y musulmanes. Muchos en la comunidad no veían con buenos ojos esta práctica, por lo que Babu Shahbaz no tendrá quien defienda su inocencia.

Ahora se enfrenta a un panorama terrible: diez años de cárcel, pena de muerte o a la amenaza real de que alguien decida asesinarle.

Su verdugo podría ser un islamista fanático de los miles que hay en Pakistán dispuestos a apretar el gatillo a las órdenes de los clérigos radicales que tratan de imponer la sharia y que actúan de freno permanente a los intentos del Gobierno de modernizar el país y desintoxicar la Justicia.

Es urgente erradicar estas leyes para evitar más abusos y muertes. Pide al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain que derogue la ley de la blasfemia.
http://citizengo.org/es/node/40109

Desde que se promulgaron estas leyes en 1987, cerca de 1450 personas han sido acusadas de blasfemia en Pakistán. Desde 1990, 60 personas han perdido la vida fuera de los tribunales en relación con los cargos de blasfemia.

Tú puedes hacer mucho por Asia Bibi, por Shaan Taseer, por Babu Shahbaz y por todas las víctimas de las leyes de la blasfemia que padecen un horror inimaginable desde hace años, como Sawan Masih, Zaffar Bhatti y la propia Asia Bibi.

Las vidas de estas personas penden de un finísimo hilo y tú, aunque no lo creas, puedes hacer que el Gobierno de Pakistán resista las presiones internas de los violentos y su régimen de miedo y violencia.

Mándale un mensaje al presidente de Pakistán y pídele que derogue estas leyes. Hazlo pinchando aquí.

Porque no habrá paz para los cristianos en Pakistán hasta que la ley de la blasfemia sea erradicada.

¡Gracias por actuar!

Miguel Vidal y todo el equipo de MasLibres.org

Más información:

Felicitar la Navidad a Asia Bibi te puede matar
Pakistán: Arrestan a cristiano por presunta blasfemia contra el islam

¿Puedes ayudarnos a mantener nuestra actividad? HazteOir.org se financia exclusivamente con las aportaciones de nuestros socios y donantes. No recibimos ayudas, ni subvenciones, ni tenemos detrás a ningún lobby o corporación que costee nuestra actividad. Contribuye ahora haciendo clic en este enlace: https://colabora.hazteoir.org/

HazteOir.org es una plataforma de participación ciudadana de 500.000 personas que trabaja para defender la vida, la familia y las libertades fundamentales en España y en todo el mundo. Para conocer más HazteOir.org, haz click aquí, o síguenos en Facebook o Twitter.

Este mensaje fue enviado a lorenzo_scarola@fastwebnet.it. ¿Quieres darte de baja? Haz clic aquí.

Para contactar con HazteOir.org, no respondas a este e-mail. Escríbenos un mensaje en http://www.hazteoir.org/contacto o llámanos al +34-91 554 71 89.

Miedo, persecución, muerte

¡Abolición de las leyes de la blasfemia YA!

Pide al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain, la abolición de estas leyes que atacan a los cristianos y a las minorías religiosas
FIRMA

Hola, lorenzo

Hace seis años, un hombre caía acribillado a plena luz del día en Islamabad. Se llamaba Salmaan Taseer. Lo mataron por haber criticado el uso indiscriminado de la ley de la blasfemia contra personas inocentes como Asia Bibi por el único hecho de ser cristianas. Para el hombre que le disparó, su propio guardaespaldas, debía morir porque era un blasfemo.

Hoy, su hijo Shaan Taseer se enfrenta a la misma amenaza de muerte por haber felicitado la Navidad a Asia Bibi. Para los clérigos islamistas es igualmente culpable del crimen de blasfemia.

La blasfemia, una y otra vez. Un estigma que condena a los cristianos y a las minorías religiosas de Pakistán a vivir bajo amenaza de muerte permanente.

¿Quieres hacer algo para acabar con esta lacra? Dirígete al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain y pídele que derogue esta ley inhumana.
http://citizengo.org/es/node/40109 Enlace (la página de firmas que se abre cuando pinchas este enlace es nueva. Seguimos siendo HazteOir.org, pero con el fin de mejorar el proceso de entrega de las firmas a los destinatarios de esta campaña, hemos integrado la página de firmar en la web del Grupo CitizenGO. ¡Pero seguimos siendo HazteOir.org!)

Amnistía Internacional ha denunciado recientemente que hay pruebas abrumadoras de que la ley de la blasfemia de Pakistán se usa para atacar a las minorías religiosas, viola los derechos humanos y alienta a las personas a la venganza violenta contra los acusados, contra sus familias o sus abogados.

Las víctimas de la ley de la blasfemia viven un auténtico infierno. Si has seguido el caso de Asia Bibi podrás hacerte una idea. Pero no es la única víctima.

El cristiano evangélico Babu Shahbaz, de 41 años, fue detenido el pasado 30 de diciembre junto a su mujer y sus 3 hijos, después de que un musulmán denunciara que había arrancado y arrojado algunas páginas del Corán por la calle.

En realidad, el musulmán que lo acusa mantenía una disputa con él por una pequeña parcela de tierra de la familia y vio una oportunidad de destruir su reputación acusándolo de blasfemia.

Babu Shahbaz llevaba 15 años organizando encuentros de oración en los que participaban cristianos y musulmanes. Muchos en la comunidad no veían con buenos ojos esta práctica, por lo que Babu Shahbaz no tendrá quien defienda su inocencia.

Ahora se enfrenta a un panorama terrible: diez años de cárcel, pena de muerte o a la amenaza real de que alguien decida asesinarle.

Su verdugo podría ser un islamista fanático de los miles que hay en Pakistán dispuestos a apretar el gatillo a las órdenes de los clérigos radicales que tratan de imponer la sharia y que actúan de freno permanente a los intentos del Gobierno de modernizar el país y desintoxicar la Justicia.

Es urgente erradicar estas leyes para evitar más abusos y muertes. Pide al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain que derogue la ley de la blasfemia.
http://citizengo.org/es/node/40109

Desde que se promulgaron estas leyes en 1987, cerca de 1450 personas han sido acusadas de blasfemia en Pakistán. Desde 1990, 60 personas han perdido la vida fuera de los tribunales en relación con los cargos de blasfemia.

Tú puedes hacer mucho por Asia Bibi, por Shaan Taseer, por Babu Shahbaz y por todas las víctimas de las leyes de la blasfemia que padecen un horror inimaginable desde hace años, como Sawan Masih, Zaffar Bhatti y la propia Asia Bibi.

Las vidas de estas personas penden de un finísimo hilo y tú, aunque no lo creas, puedes hacer que el Gobierno de Pakistán resista las presiones internas de los violentos y su régimen de miedo y violencia.

Mándale un mensaje al presidente de Pakistán y pídele que derogue estas leyes. Hazlo pinchando aquí.

Porque no habrá paz para los cristianos en Pakistán hasta que la ley de la blasfemia sea erradicada.

¡Gracias por actuar!

Miguel Vidal y todo el equipo de MasLibres.org

Más información:

Felicitar la Navidad a Asia Bibi te puede matar
Pakistán: Arrestan a cristiano por presunta blasfemia contra el islam

¿Puedes ayudarnos a mantener nuestra actividad? HazteOir.org se financia exclusivamente con las aportaciones de nuestros socios y donantes. No recibimos ayudas, ni subvenciones, ni tenemos detrás a ningún lobby o corporación que costee nuestra actividad. Contribuye ahora haciendo clic en este enlace: https://colabora.hazteoir.org/

HazteOir.org es una plataforma de participación ciudadana de 500.000 personas que trabaja para defender la vida, la familia y las libertades fundamentales en España y en todo el mundo. Para conocer más HazteOir.org, haz click aquí, o síguenos en Facebook o Twitter.

Este mensaje fue enviado a lorenzo_scarola@fastwebnet.it. ¿Quieres darte de baja? Haz clic aquí.

Para contactar con HazteOir.org, no respondas a este e-mail. Escríbenos un mensaje en http://www.hazteoir.org/contacto o llámanos al +34-91 554 71 89.

==========================

Join 1000’s of people worldwide who have pledge to pray …

View this email in your browser

ISRAEL NEEDS YOUR PRAYERS

Dear Lorenzo,

There is a battle being fought over Israel that requires the engagement of our faith. It is a battle that seems to bypass reason and common sense, and aims to frustrate the purposes of God with His people Israel.

In the recent decision of the UN Security Council on the legality of Israeli settlements, we could see an almost supernatural eagerness by the nations to give voice and mind to one purpose, which is to harm Israel and the Jewish people.

 

But, this latest chapter of UN bias and hostility towards Israel has not been closed. Over the next two weeks, some 70 countries will be preparing for an international conference in Paris on January 15 which will again deal with questions concerning the Jewish state. That conference will be followed two days later by another session of the UN Security Council where Israel expects yet another hostile decision by world leaders, just before the Obama administration leaves office in Washington.

 

Yet, the Bible again encourages us that “nothing is impossible with God” (Luke 1:37). The word of God tells us that He can turn the heart of kings. The nations might plot vain things, but there is still a God in heaven who will have the final word.

Will you pray with us that the purposes of the enemy will be frustrated and another anti-Israel resolution will be prevented?

Will you join the Isaiah 62 Prayer Initiative and receive monthly pray points with insights and devotions to ensure you can come before the throne with informed prayers?

Many blessings from Jerusalem,

Dr. Jürgen Bühler

ICEJ Executive Director

Pledge to Pray

 

Join the Isaiah 62 Prayer Initiative

 

We invite you to join this global movement of prayer by using our monthly prayer points whenever you pray corporately or individually.

 

Pledge now

 

Isaiah 62 Prayer Letter for January

The nations might plot vain things, but there is still a God in heaven who will have the final word. Pray with us that the purposes of the enemy will be frustrated and another anti-Israel resolution will be prevented.

Read more

Make a Difference in Israel

Today’s overwhelming social needs give us an opportunity to comfort and bless the people of Israel in the name of Christians around the world, as an act of reconciliation and love.

Donate now

Copyright © 2017 ICEJ, All rights reserved.

You are receiving this email because you opted in via our website.

Our mailing address is:

ICEJ

P.O. Box 1192

Jerusalem 91000

Israel

address book

change how you receive these emails?

You can update your preferences or unsubscribe from this list

REX LEVIATHAN REGNUM UNIUS REI, guarda gli ultimi video dei canali a cui sei iscritto per il 10 gen 2017.

LIVE: Israel’s 70 Year Prophecy ends in 2017 – This is no joke | S…

 

Evangelist Anita Fuentes

 

A Gesù si dà tutto e subito!

 

Don Leonardo Maria Pompei

 

Pierre Le Corf : Les médias n’ont pas utilisé plus de cinq personne…


Sputnik France

 

Nadia Matar

 

Arutz Sheva TV

PTV No-comment – La scia del terrore

12 ore fa • 1.234 visualizzazioni

PandoraTV

Papa Francesco udienza al corpo diplomatico per lo scambio di augur…

san giuseppe da copertino

Kingdom of Ice: Frosts Turn Trees Into Works of Art

16 ore fa • 186 visualizzazioni


Sputnik

רה”מ נתניהו מבקר בבית החולים את פצועי הפיגוע בארמון הנציב

 

IsraeliPM

Questo è Guy Verhofstadt, il leader dell’ALDE nel quale M5S Europa …

byoblub

 

Christ is not a Myth. Historical Ancient Evidence for Jesus Existen…

2 giorni fa • 589 visualizzazioni

 

John 3:16

2017 YouTube, LLC 901 Cherry Ave, San Bruno, CA 94066

martedì 10 gennaio 2017

Gelsomino Del Guercio

Maternità, fede, Gesù: così “Suor Angela” ha cambiato la vita di Elena Sofia Ricci

La fiction “Che Dio ci aiuti” riporta l’attenzione su valori cristiani come la maternità. L’attrice-suora è il personaggio chiave che li trasmette al grande pubblico

Continua a leggere

Gelsomino Del Guercio

Ecco la chiesa voluta dalla mistica Natuzza Evolo

 

Nel suo paese, in provincia di Vibo Valentia, il luogo di culto a lei dedicato

Continua a leggere

Aleteia

Il giorno in cui i cani poliziotto individuarono Qualcuno vivo nel tabernacolo

20 anni fa, durante la …

Tod Worner

5 dritte su come leggere G.K. Chesterton

Pagina dopo pagina, è una profonda saggezza che deriva da …

Oleada Joven

Lettera di Gesù a te: dalla mia croce alla tua solitudine

 

A te che non sempre credi che io sia al tuo fianco, che mi guardi e non mi vedi e a volte perdi la speranza di incontrarmi

Aleteia Brasil

Concepito durante un abuso sessuale, separato dal gemello e candidato al premio per il goal più bello del mondo

 

La storia di Marlone e Marlon, fratelli gemelli e amici che si sono conosciuti solo a 12 …

 

NATALIA BIAŁOBRZESKA

Siamo genitori esemplari, allora perché i figli non ci danno retta?

Nel rapporto genitore-figlio non importa se si è una donna delle pulizie, se si ha un dottorato o il numero di zeri presenti nel …

LaFamilia.info

4 regole per educare i figli alla sessualità

Un’adeguata educazione affettivo-sessuale può fare la differenza nella vita di una persona

 

Evan H. Harrington

San André Bessette, l’uomo dei miracoli di Montreal

Così un uomo malaticcio e illetterato costruì una delle più grandi chiese del Nord America e guarì migliaia di persone, tramite …

 

Domenico Agasso jr

Papa Francesco: l’autorità di Gesù deriva dal servizio, il clericalismo disprezza la gente

 

Il pontefice Santa Marta: il Figlio di Dio è «umile, vicino alla gente e coerente», ecco perché …

 

Daniel R. Esparza

Per gli scienziati la mente non è limitata al cervello (né al corpo)

La neuroscienza ha scoperto che la mente non può essere confinata al cranio dell’uomo, ma che dovrebbe piuttosto essere …

 

Gelsomino Del Guercio

In pellegrinaggio restando a casa. Vi spieghiamo come fare

Ecco come ci si può calare nell’atmosfera spirituale dei più grandi luoghi mondiali della spiritualità. Da Padova a Moint Saint-Michel

Sempre Família

È nata lunga come una penna, ma oggi ha 6 anni ed è una bambina sana

Lily è nata prematura dopo 27 settimane di gestazione, ma ha lottato 8 mesi in ospedale e oggi conduce una vita normale

Alvaro Real

Caravaca: la croce misteriosa trasportata da due angeli

Un’apparizione miracolosa ha reso Caravaca de la Cruz un luogo universale

CitizenGO

is a community of active citizens that seeks to promote the participation of society in politics.

we are

5,869,551

active citizens · join us now!

What do you want to change?

Gelsomino Del Guercio

È lecito celebrare la Messa in casa?

I liturgisti bocciano questa pratica, secondo le indicazioni del Magistero. Anche se esistono delle eccezioni (lecite)

Silvia Lucchetti

4 tipologie di molesti nella Bibbia e come sopportarle pazientemente

Nel giorno della scomparsa del teologo Christian Albini presentiamo il suo ultimo lavoro dedicato a questa opera di misericordia …

Miedo, persecución, muerte

¡Abolición de las leyes de la blasfemia YA!

Pide al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain, la abolición de estas leyes que atacan a los cristianos y a las minorías religiosas

FIRMA

Hola, lorenzo

Hace seis años, un hombre caía acribillado a plena luz del día en Islamabad. Se llamaba Salmaan Taseer. Lo mataron por haber criticado el uso indiscriminado de la ley de la blasfemia contra personas inocentes como Asia Bibi por el único hecho de ser cristianas. Para el hombre que le disparó, su propio guardaespaldas, debía morir porque era un blasfemo.

Hoy, su hijo Shaan Taseer se enfrenta a la misma amenaza de muerte por haber felicitado la Navidad a Asia Bibi. Para los clérigos islamistas es igualmente culpable del crimen de blasfemia.

La blasfemia, una y otra vez. Un estigma que condena a los cristianos y a las minorías religiosas de Pakistán a vivir bajo amenaza de muerte permanente.

¿Quieres hacer algo para acabar con esta lacra? Dirígete al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain y pídele que derogue esta ley inhumana.

http://citizengo.org/es/node/40109 Enlace (la página de firmas que se abre cuando pinchas este enlace es nueva. Seguimos siendo HazteOir.org, pero con el fin de mejorar el proceso de entrega de las firmas a los destinatarios de esta campaña, hemos integrado la página de firmar en la web del Grupo CitizenGO. ¡Pero seguimos siendo HazteOir.org!)

Amnistía Internacional ha denunciado recientemente que hay pruebas abrumadoras de que la ley de la blasfemia de Pakistán se usa para atacar a las minorías religiosas, viola los derechos humanos y alienta a las personas a la venganza violenta contra los acusados, contra sus familias o sus abogados.

Las víctimas de la ley de la blasfemia viven un auténtico infierno. Si has seguido el caso de Asia Bibi podrás hacerte una idea. Pero no es la única víctima.

El cristiano evangélico Babu Shahbaz, de 41 años, fue detenido el pasado 30 de diciembre junto a su mujer y sus 3 hijos, después de que un musulmán denunciara que había arrancado y arrojado algunas páginas del Corán por la calle.

En realidad, el musulmán que lo acusa mantenía una disputa con él por una pequeña parcela de tierra de la familia y vio una oportunidad de destruir su reputación acusándolo de blasfemia.

Babu Shahbaz llevaba 15 años organizando encuentros de oración en los que participaban cristianos y musulmanes. Muchos en la comunidad no veían con buenos ojos esta práctica, por lo que Babu Shahbaz no tendrá quien defienda su inocencia.

Ahora se enfrenta a un panorama terrible: diez años de cárcel, pena de muerte o a la amenaza real de que alguien decida asesinarle.

Su verdugo podría ser un islamista fanático de los miles que hay en Pakistán dispuestos a apretar el gatillo a las órdenes de los clérigos radicales que tratan de imponer la sharia y que actúan de freno permanente a los intentos del Gobierno de modernizar el país y desintoxicar la Justicia.

Es urgente erradicar estas leyes para evitar más abusos y muertes. Pide al presidente de Pakistán, Mamnoon Hussain que derogue la ley de la blasfemia.

http://citizengo.org/es/node/40109

Desde que se promulgaron estas leyes en 1987, cerca de 1450 personas han sido acusadas de blasfemia en Pakistán. Desde 1990, 60 personas han perdido la vida fuera de los tribunales en relación con los cargos de blasfemia.

Tú puedes hacer mucho por Asia Bibi, por Shaan Taseer, por Babu Shahbaz y por todas las víctimas de las leyes de la blasfemia que padecen un horror inimaginable desde hace años, como Sawan Masih, Zaffar Bhatti y la propia Asia Bibi.

Las vidas de estas personas penden de un finísimo hilo y tú, aunque no lo creas, puedes hacer que el Gobierno de Pakistán resista las presiones internas de los violentos y su régimen de miedo y violencia.

Mándale un mensaje al presidente de Pakistán y pídele que derogue estas leyes. Hazlo pinchando aquí.

Porque no habrá paz para los cristianos en Pakistán hasta que la ley de la blasfemia sea erradicada.

¡Gracias por actuar!

Miguel Vidal y todo el equipo de MasLibres.org

Más información:

Felicitar la Navidad a Asia Bibi te puede matar

Pakistán: Arrestan a cristiano por presunta blasfemia contra el islam

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...