666 Anti-Israel Resolutions

Nikki Haley. WATCH: New US Ambassador to the UN Vows Never to Abstain from Anti-Israel Resolutions. Jan 18, 2017
Related: Anti-Israel UN resolution. Trump’s nominee as US ambassador to the UN slammed the world body’s bias against Israel, a US ally, vowing never to abstain from anti-Israel resolutions.
South Carolina Governor Nikki Haley, nominated by President-elect Donald Trump as US ambassador to the UN, slammed the world body for its “consistent” and “outrageous…bias against our ally Israel.”
“This cannot continue,” she stated.
Haley, the first governor to sign legislation combatting Boycott, Divestment and Sanctions (BDS) against Israel, is the daughter of immigrants from India who reminded their children on a daily basis of their good fortune to be Americans. Her brothers served in combat duty.
Haley pledged never to abstain when the UN takes any action that comes in direct conflict with the interests and values of the US, such as anti-Israel UN Resolution 2334, which “was a terrible mistake.” Click below and listen to Haley’s inspiring words of US patriotism and denouncement of anti-Israel bias.
Nikki Haley. OROLOGIO: Nuovo ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite Voti mai ad astenersi da risoluzioni anti-israeliane. 18 Gennaio 201
Correlati: risoluzione anti-Israele delle Nazioni Unite. candidato di Trump come ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite sbattuto la propensione del corpo mondo contro Israele, un alleato degli Stati Uniti, giurando di non astenersi dal risoluzioni anti-israeliane.
South Carolina Governatore Nikki Haley, nominato dal presidente eletto Donald Trump come ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, ha sbattuto il corpo mondo per la sua “coerenza” e “scandaloso … pregiudizi contro il nostro alleato Israele”.
“Questo non può continuare”, ha dichiarato.
Haley, il primo governatore a firmare la legislazione lotta contro Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni (BDS) contro Israele, è la figlia di immigrati provenienti da India, che ha ricordato i loro figli su base giornaliera della loro fortuna di essere americani. I suoi fratelli serviti in dovere di combattimento.
Haley ha promesso mai di astenersi quando le Nazioni Unite prende ogni azione che viene in diretto conflitto con gli interessi ei valori degli Stati Uniti, come ad esempio anti-Israele risoluzione ONU 2334, che “è stato un terribile errore.” Clicca qui sotto e ascoltare le parole ispirate di Haley di patriottismo degli Stati Uniti e denuncia di pregiudizio anti-Israele.
============================

google 666 youtube SpA FED NWO ] chi vi ha detto che Democrazia è anche libertà di fare il male? [ voi non dovevate tradire il Regno di ISRAELE: diffondere tanto satanismo, Darwin Sodoma GENDER porno, ecc.. in questi server! meglio per voi che non foste mai nati! … se non mi viene dato il Regno, quando io muoio? io mi trasformerò in un fantasma assassino!

====================

Last night an angel of the God to whom I belong and whom I serve stood beside me and said, ‘Do not be afraid, Paul. You must stand trial before Caesar; and God has graciously given you the lives of all who sail with you.’
(Acts 27:23-24) THE WORK OF MINISTRY TO OTHERS

We’ve been learning personal lessons from prison from Pastor Okuk Ojulu in Ethiopia as he shared them with Jim Cunningham.

He says, “The third lesson I learned is that imprisonment is for ministry to people in need. The thirty-six people who were imprisoned with me from Gambella in the Addis Ababa prison – 777 kilometres (483 miles) away from our families–had no strong faith in the Lord.

“I began to realise that the Lord put me there to minister to these people, to feed them with the Word of God in the prison. I ended up baptising some of them in the prison although I was not an officially recognised pastor, for no pastor was allowed to do this work in the prison.”

I am always amazed at the positive lessons from reading prison memoirs of followers of Jesus. And so many times they come to this similar conclusion. They were there to serve others. Mama Kwang of Project Pearl in China is a wonderful example. Carl Lawrence tells her story in his award-winning book, The Church in China:

As she sat quietly in prison singing a hymn, the Lord gave her a message: “This is to be your ministry.”

“But,” she objected, “I am all alone. Whom can I minister to?” She continued to pray that her ministry would be fulfilled. Suddenly an idea came to her. She stood up and called for the guard.

“Sir, can I do some hard labour for you?” The guard looked at her with contempt, mingled with surprise. No one had ever made that kind of request before.

“Look!” she exclaimed, “this prison is so dirty, there is human waste everywhere. Let me go into the cells and clean up this filthy place. All you have to do is give me some water and a brush.”

Not to her surprise, she soon found herself on her hands and knees cleaning and preaching. She was looking into the faces of people no longer recognisable as human beings. Through continuous torture, they had lost all hope of ever seeing another human being who did not come to beat them.

“Oh, when they realised that they could have eternal life, they would get so excited. They would fall down on the dirty floor and repent of their sins, and do you know that very soon all the prisoners believed in Jesus Christ.” [30]

RESPONSE:

Today I acknowledge that God can enable me to minister anywhere for Him — even prison.

PRAYER:

Thank You Lord that even in a filthy prison dungeon you give ministry opportunities.

===========================
John Kerry: ACT NOW! Protest Kerry’s Anti-Israel Speech.
Jan 4, 2017. The Obama administration abandoned Israel at the UN. Kerry added insult to injury by defending the betrayal and blasting Israel for its presence in Judea and Samaria. We must protest Kerry’s anti-Israel speech!
Secretary of State John Kerry defended the US abstention on an anti-Israel UN Security Council vote last month, claiming the Obama administration did not betray Israel and in fact acted in accordance with American and Israeli democratic values by opposing “settler expansion.”
In one of the most anti-Israel speeches by a supposed friend of Israel in recent memory, Kerry blasted Israel for its presence in Judea and Samaria, the ancient Jewish homeland, calling it an “occupation of Palestinian lands.”
While mentioning Palestinian terror and incitement only in passing, he focused almost solely on Israel and its policies, which he alleged endangered peace and security in the region.
Kerry blasted Israel, while neglecting to address the hundreds of thousands who have died in the region as a result of the Obama administration’s policies and under his watch.
Many Democrats, as well as Israeli leaders and others around the world, have denounced Kerry’s words.
Now it is our turn. We must protest his speech and demand a retraction!
We must not remain silent! We must make our voices heard! The State Department should know what the world thinks of their actions and policies.
=======================

Pubblicato il 18 gen 2017

– Centro italia in ginocchio per terremoto e neve
– Kerry raccomanda Trump di non seguire il suo esempio nell’ingerenza nei Paesi esteri
– Obama fa uscire Chelsea Manning ma non riesce a mettere in difficoltà Assange
– Con l’hard Brexit Theresa May sceglie di rafforzare l’asse Washington – Londra
– Siria: Prima operazione congiunta delle forze aeree di Russia e Turchia
– Benetton, i colori uniti del terrore
– Nell’Area Euro bussa l’inflazione
– Umani contro robot a New York
– In Cina il primo parcheggio automatizzato

=======================

Robert Kennedy
My Father was Killed for His Pro-Israel Stance, Robert Kennedy’s Daughter Says. Jan 18, 2017
Related: 1948 War of Independence. Late Senator Robert Kennedy fought to bolster Israel’s security and was therefore killed by a Palestinian terrorist, his daughter told Israeli TV. The daughter of late US Senator Robert F. (Bobby) Kennedy — assassinated by a Palestinian in June 1968 during his run for president — waxed poetic about the Jewish state in an interview with Israel’s Channel 1, saying that she came by her awe for the country honestly, from her family. Speaking in-studio during a recent trip to Israel, Kathleen Kennedy Townsend — attorney, politician, long-time Democratic Party activist and niece of President John F. Kennedy, Jr. — said that she feels a “special bond” with Israel, inherited from her father.
“Everywhere around the world could look to Israel as an example of people who are determined to make something work,” she said. “It’s fabulous.”
She recounted her father’s stint as a journalist at the age of 22 — for the defunct Boston Post — when he covered Israel’s War of Independence in 1948. [H]e wrote about the courage of the Israelis, and how they were determined to build a new country,” she told interviewer Ya’akov Ahimeir, whose own father,  Zionist revisionist Abba Ahimeir, was a well-known figure in the British Mandate of Palestine when RFK arrived. “After seeing such horror in Europe…they were going to build a country of courage and of democracy and of values. And…he realized, when he saw the Israelis, that the United States had a special relationship to this country, and needed to make sure that that relationship stayed firm.”
She then added, “And, as you know, in 1968, he was fighting for the 50 jets that would be given to the Israeli army, and he was killed because of his support [for Israel].”
Townsend was referring to her father’s murder at the hands of 24-year-old Sirhan Sirhan, who — after RFK’s address to supporters at the Ambassador Hotel in Los Angeles when he won the California primary — opened fire with a revolver, hitting the candidate three times and wounding five other people. RFK was rushed to the hospital and died the following day. Sirhan Sirhan told his interrogators that he had set out to kill RFK for his vocal support for Israel.
Staunch Supporter of Israel
According to a report released by think tankJerusalem Center for Public Affairs in 2008, RFK’s dispatches from Israel during the war included descriptions such as:
“The Jewish people in Palestine who believe in and have been working toward this national state have become an immensely proud and determined people. It is already a truly great modern example of the birth of a nation with the primary ingredients of dignity and self-respect.”
Another item he wrote was headlined: “Make Up for Lack of Arms with Undying Spirit, Unparalleled Courage.”
The JCPA report stated that RFK “was critical of a temporary slippage of the American government’s support for Jewish statehood. He feared that the US was shifting towards Britain’s negative policies and its aim “to crush” the Zionist cause. “If the American people knew the true facts,” Kennedy wrote, “I am certain a more honest and forthright policy would be substituted for the benefit of all.”
RFK’s assassin, a Jordanian citizen born to a Christian family in Jerusalem in Mandatory Palestine, is serving a life sentence at the Richard J. Donovan Correctional Facility in San Diego. In a 1989 interview from prison, he said, “My only connection with Robert Kennedy was his sole support of Israel and his deliberate attempt to send those 50 bombers to Israel to obviously do harm to the Palestinians.”
Asked by Ahimeir whether she is able to forgive her father’s murderer, Townsend responded: “To tell you the truth, that’s a little difficult.”

==============

Estoy emocionado, lorenzo:

Reanudan las actividades de Yazda en el kurdistan iraquí

Lo hemos conseguido. ¡Lo has conseguido! Las actividades de la ONG Yazda que trabaja por la minoría yazidí, regresan a la normalidad.

Te recuerdo la campaña que te enviaba hace unos días:

http://www.citizengo.org/es/pr/40118-inmediata-reanudacion-actividades-humanitarias-kurdistan

Hace unos minutos Yazda colgaba en su Facebook una nota de prensa que hemos colgado en nuestra campaña.

Está en árabe y en inglés. Te la traduzco resumida:

“Después de una serie de reuniones positivas con las autoridades competentes del gobierno regional del Kurdistán, hemos llegado a un resultado positivo sobre la reapertura de la sede tras resolver los problemas existentes entre las partes.

El cierre de nuestra sede fue debido a malos entendidos. Somos conscientes de que la actual situación es muy complicada y puede producir malos entendidos. Reiteramos nuestro compromiso de trabajar conforme a las leyes del Kurdistán. En Yazda creemos en la cooperación basada en el diálogo y el mutuo respeto para trabajar conjutamente por los derechos humanos de las víctimas del genocidio yazidí.
Recordamos que Yazda es una organización apolítica, sin vínculos con ningún partido político. Actuamos con neutralidad y profesionalidad para ayudar a las víctimas del genocidio yazidí para ofrecerles un futuro seguro.
Nuestro más sincero agradecimiento a todos aquellos que han contribuído a solucionar las diferencias y agradecer al gobierno del Kurdistán su comprensión de la situación”
Gracias a Dios, lorenzo, asunto concluido. Prueba superada 😉
Yazda podrá continuar con su trabajo humanitario.
Gracias por haber contribuído a ello.
La situación era muy grave. En pleno invierno, amenazaba con una catástrofe humanitaria.
No digamos nada de la atención de las mujeres víctimas de violación por el Estado Islámico. Hace unos días te contaba un caso de una niña de 15 años.
Se me abrían las carnes sólo de pensar que esas mujeres quedaban abandonadas…
¡Gracias a Dios logramos que puedan seguir recibiendo apoyo!
Por favor, COMPARTE ESTE CORREO para que todo el mundo se entere.
Un fuerte abrazo,
Luis Losada Pescador y todo el equipo de CitizenGO
PD. Gracias por haber contribuído a que Yazda pueda continuar con su tarea humanitaria en el kurdistan iraquí.
PD2. Espero poderte contar buenas noticias de Petr Jaseck la semana que viene. Como te dije, este lunes finalizó el plazo para las alegaciones finales de los abogados. Se supone que el tribunal deberá de resolver el próximo lunes. Si eres creyente, cuento con tus oraciones 😉

======================

La corsa della consapevolezza
Anche il Corriere dello sport dà appuntamento a domenica per Run for Mem, la corsa tra Storia e Memoria organizzata dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane insieme a Maratona di Roma e Maccabi Italia. “Si parte alle 10 dal quartiere ebraico con due percorsi, uno agonistico sui 10 km e uno non competitivo di 3,5 km. Alla partenza – viene sottolineato – ci sarà anche Shaul Ladany, uno degli atleti israeliani scampati all’attentato di Monaco 1972, durante l’Olimpiade tedesca”.
L’iniziativa, viene spiegato sul Trova Roma di Repubblica, nasce con l’obiettivo di celebrare la vita e la capacità che lo sport ha di andare oltre ogni distinzione di religione, di credo, di cultura e di genere per rivolgersi all’insieme della società. Un invito quindi rivolto a tutti “per correre all’andatura preferita, o semplicemente a passo libero, per esplorare e condividere il significato dei più importanti luoghi della memoria capitolina”.

I misteri del caveau. I gioielli di Mussolini e di casa Savoia, ma anche i libretti di risparmio degli ebrei italiani a Salonicco. La Tesoreria dello Stato, a Roma, custodisce dalla fine della guerra un immenso patrimonio storico ed economico. Di cui nessuno però saprebbe nulla, per colpa della burocrazia. All’argomento Panorama dedica un ampio approfondimento. Dichiara al settimanale Giorgia Calò, assessore alla Cultura della Comunità ebraica romana: “Sono certa che dal punto di visto storico e culturale sia un ritrovamento straordinario. Ci organizzeremo con I’UCEI e con le organizzazioni internazionali che si occupano di Shoah per decidere una strategia comune di intervento”. Afferma invece il responsabile del dipartimento culturale Claudio Procaccia: “Nessuno ci ha mai informato di questo materiale, la cui esistenza è completamente sconosciuta anche agli studiosi della Shoah”.

Note e arte per la Memoria. “Ci sono momenti in cui la musica trascende il valore della melodia e dell’armonia che la compongono. Quando accade, il suo significato e la sua potenza si moltiplicano, la musica si eleva diventando qualcosa di sacro, anche se agisce al di fuori di qualsiasi liturgia”. Così Repubblica presenta “Serata colorata”, il concerto della Memoria in programma giovedì sera all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Organizzato da Viviana Kasam e Marilena Francese, è tra gli appuntamenti sostenuti dall’Unione per questo Giorno della Memoria.
Sui giornali spazio anche a due altre iniziative che hanno il sostegno dell’UCEI e che sono state presentate ieri alla stampa. La nona edizione di Arte in Memoria, la biennale Internazionale di Arte Contemporanea curata da Adachiara Zevi presso la sinagoga di Ostia Antica (Repubblica Roma). La proiezione di Maestro, il docufilm dedicato al lavoro di Francesco Lotoro per recuperare musica e melodie dai campi di sterminio. Stasera, come riporta la Gazzetta del Mezzogiorno, il docufilm sarà presentato in anteprima nazionale a Barletta.

“Anti-Israele”. Niente circolo per Obama. Fa discutere la decisione di un circolo del golf del Maryland, alle porte di Washington, che ha negato l’iscrizione al presidente uscente degli Stati Uniti Barack Obama. L’ormai ex inquilino della Casa Bianca sarebbe stato rifiutato dai soci, “discriminato per la sua politica estera considerata ostile a Israele” (Corriere).

Nuovo ambasciatore, sfida a due. Lew Eisenberg o Peter Kalikow. La lotta per l’incarico di nuovo ambasciatore americano a Roma sembra restringersi a questi due nomi, entrambi espressione della comunità ebraica statunitense ed entrambi munifici sostenitori della campagna di Donald Trump. Il Foglio, secondo cui al Portico d’Ottavia non si parlerebbe d’altro, scrive: “L’occasione è di quelle ghiotte per l’ebraismo italiano e romano. Se dovesse puntare su Eisenberg o su Kalikow (il primo appare leggermente favorito), The Donald riconoscerebbe di fatto all’Italia il ruolo di interlocutore europeo più gradito sul dossier mediorientale”.

Adam Smulevich twitter @asmulevichmoked

=============================

Agenti dell’anarchia
di sitoaurora

Evgenij Satanovskij; VPK, 14/01/2017 – South Frontregnum_picture_14729986161034411_bigQuando gli islamisti diventano corpo costituente europeo
La sconfitta delle forze della jihad ad Aleppo e la rioccupazione di Palmyra da parte dello Stato Islamico (SIIL) mettono in discussione le minacce che i fondamentalisti islamici pongono non solo in Medio Oriente, ma anche per Russia e UE. Prima di tutto, c’è la questione della continuazione della lotta contro Mosca degli islamisti che ricevono sostegno e ordini da Arabia Saudita, Qatar e Turchia. (Lasciamo le speranze di una cooperazione a lungo termine con la Turchia agli “esperti” che cercano di dimostrare tale tesi al governo russo). Poi, si può studiare il flusso di jihadisti che lasciano zone altamente pericolose, in cui è minacciata la loro vita, per il “campo di volo alternativo” europeo. Discuteremo la situazione attuale nei Paesi al di fuori del Medio Oriente toccati dal radicalismo, utilizzando l’articolo appositamente scritto da FO Pleshunov e JB Sheglovin per l’Istituto del Medio Oriente.

Cambio di lavoro per i mercenari
L’eliminazione ai primi di dicembre, a Mosca, San Pietroburgo e Samara, di un gruppo terroristico proveniente dall’Asia centrale è stato un grande successo dei servizi di sicurezza russi. I servizi speciali uzbeko e tagiko hanno giocato il loro ruolo nel lavoro operativo e, naturalmente, hanno contribuito all’intelligence inserendo i loro agenti nella diaspora uzbeka e tagika in Russia. Diamo uno sguardo ravvicinato all’arsenale dei terroristi: armi da fuoco e componenti per dispositivi esplosivi improvvisati ci permettono di avere idea dei loro rifornimenti in Asia centrale. La maggior parte degli uomini arrestati non aveva mai preso parte ad attività terroristiche prima, e non aveva alcuna esperienza in combattimento. A causa di ciò, possiamo concludere che ci troviamo di fronte a un caso di lavori ordinati dai terroristi. I membri del gruppo sono stati identificati come sostenitori dello SIIL. Hanno ricevuto ordini e un anticipo da un emissario dello SIIL in Turchia. Questo la dice lunga sulla veridicità di Ankara quando si dice pronta a collaborare con la Russia nella lotta al terrorismo. Dobbiamo aspettarci che la Turchia cooperi a tutti i livelli nella ricerca, arresto ed estradizione degli organizzatori dei terroristi. Se ciò non dà risultati, almeno costringerà terroristi e loro alleati a sospendere temporaneamente le attività. A causa di ciò, la pressione esercitata da Mosca su Ankara è importante in quanto la Turchia è il “mercato” non ufficiale per l’organizzazione di attentati su richiesta, perché numerosi “mediatori” provengono dal Caucaso del nord e dall’Asia centrale. Concentriamoci sull’etnia dei membri di tali gruppi terroristici. La maggior parte è tagika, probabilmente pedine. Anche se la caduta di una delle loro squadre (l’arresto di un gruppo di sostenitori dello SIIL nelle vicinanze di Mosca) non ha influenzato tutti i gruppi, è stato comunque un duro colpo per l’intera cellula. La spina dorsale del collettivo erano i membri arrestati a Mosca e Samara, così come i terroristi liquidati ad ottobre a Nizhnij Novgorod. Erano gli unici che opposero resistenza all’arresto. Ciò significa che erano mercenari. Resistere all’arresto significa essere eliminati. Solo i membri più fanatici, soprattutto i terroristi dal Caucaso del nord, segue tale strada. Gli attentati di Volgograd e Rostov-na-Donu furono commessi da elementi provenienti dal Daghestan. A causa dell’evidente mancanza di contatto con il mondo clandestino nella regione, e poiché l’ex-comandante degli OMON tagiki G. Khalimov ha aderito allo SIIL, la gente del Caucaso del nord non fa più da “mediatrice”. E’ probabilmente Khalimov stesso che ha convinto i capi dello SIIL che i molti migranti tagiki che vivono in Russia potrebbero essere utilizzati per organizzare attentati nel Paese. Questo porta alla domanda: chi c’è dietro a tali operazioni? Appare chiaro che non sono state ordinate dai capi dello SIIL, che attualmente hanno altre gatte da pelare e non possono finanziare od organizzare tali operazioni in Russia. Solo il Qatar potrebbe. E’ il Qatar che ha finanziato l’invio di unità dello SIIL da Dayr al-Zur e Raqqa a Palmyra. E’ il Qatar che ha diretta influenza sui capi dello SIIL. Tenendo conto del tempo per trasmettere informazioni, ricercare gli autori, trasportare i componenti necessari per le bombe, le armi, ecc., possiamo dire che l’ordine fu emesso due o tre mesi prima. Il recente acquisto delle azioni della Rosneft da un fondo sovrano del Qatar, dettosi motivato da ragioni strettamente economiche, sarebbe una cortina di fumo per mostrare pubblicamente al mondo la buona qualità delle relazioni tra Qatar e Russia.

G. Khalimov, a sinistra, negli USA

G. Khalimov, a sinistra, negli USA

La debolezza di Berlino
Il Servizio federale d’intelligence e l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione tedeschi sospettano che Arabia Saudita, Quwayt e Qatar finanzino moschee e movimenti religiosi che propagano l’Islam radicale sul territorio tedesco. Lo riporta la Süddeutsche Zeitung in un articolo citando estratti di un rapporto dei servizi segreti tedeschi. Berlino apprende che l'”esportazione dell’Islam” nella versione fondamentalista contribuisce alla crescita del salafismo nel Paese. Vi sono circa 10mila salafiti in Germania oggi. Citando i servizi speciali, la Süddeutsche Zeitung parla di organizzazioni note per il finanziamento della costruzione di moschee in Germania, con una “lunga strategia per influenzare” il Paese. Per esempio, l’articolo cita la Revival of Islamic Heritage Society del Quwait, e la Lega musulmana mondiale del Qatar. I servizi speciali tedeschi sono certi che tali organizzazioni siano “strettamente legate ad organizzazioni statali del Paese in cui hanno sede”. Il Revival of Islamic Heritage Society operò in Russia negli anni ’90 e fu chiuso dal Ministero della Giustizia e aggiunto alla lista delle organizzazioni proibite, anche se le sue azioni verso la propagazione del salafismo e dell’Islam radicale non erano così importanti come quelle effettuate dai fondi sauditi. Il lavoro svolto dagli organi di sicurezza russi ha dimostrato che un fondo del Quwayt influiva negativamente sull’Ummah in Russia, e su alcuni imam russi. Fu anche dimostrato che era coinvolto in attività proibite. Inoltre, a seguito degli ordini del Ministero degli Esteri e dei Servizi speciali russi per chiudere il fondo, il Quwayt lanciò una campagna per convincere l’omologo russo a fare marcia indietro. Ma le azioni del Quwayt non erano così serie come quelle di Arabia Saudita e Qatar, Paesi ufficialmente wahhabiti. Tuttavia, Doha non attivò alcuna struttura in Russia. A causa di ciò, non c’è molto da dire sulla Lega musulmana mondiale, attiva in Germania. E’ molto probabilmente un ramo della Fratellanza Musulmana e non un’organizzazione salafita. Questo movimento viene utilizzato dal Qatar per contrastare l’Arabia Saudita ed è considerato suo principale strumento per estendere la propria influenza nel mondo islamico. Le azioni del fondo del Qatar in Germania intendono influenzare la società musulmana in tutta l’UE. A causa della migrazione, si apprende che i musulmani in Germania saranno un’importante forza demografica ed elettorale, e potranno quindi influenzare la politica di Berlino. Questo è il vero obiettivo di tali fondi. Non intendono organizzare cellule terroristiche, create da emissari specifici dalla missione specifica in un luogo specifico. I fondi hanno una missione ideologica: sono destinati a formare ed arruolare personale e, facendo filantropia e finanziando progetti sociali, intendono conquistarsi i musulmani. Il lungo lavoro dei servizi speciali tedeschi permetterà al governo di sapere quali libri e scritti sono presentati da tali fondi tra i credenti. Ci saranno informazioni su scuole musulmane gestite da tali fondi che propagano l’estremismo. Sarà dimostrato che tali fondi finanziano i progetti sociali o scuole delle comunità. Con questi argomenti, i servizi speciali potranno andare in tribunale, ma potranno dimostrare che i fondi sono filantropici e che la formazione di estremisti sarebbe solo una fantasia di alcuni genitori. Come possiamo raccogliere le prove che i fondi islamici sono responsabili di azioni illegali? Dobbiamo prima infiltrarli. Questo dovrebbe essere agevolato dal numero elevato di persone coinvolte in tali strutture, ma sarà anche più complicato per via dei loro efficaci sistemi di sicurezza. Nuovi partecipanti ai fondi agiranno sotto sorveglianza a lungo. L’infiltrazione di tali strutture richiederebbe più di un anno, ma fornirebbe le prove utili per un processo. L’intelligence dovrebbe monitorare le azioni finanziarie di tali fondi. Rubano, monetizzano illegalmente, frodano e fabbricano ricevute contraffatte. Anche se comparissero rapidamente sotto un altro nome, l’infiltrazione permetterebbe di chiudere alcuni di tali fondi. Il più importante rimane lo studio dettagliato dei loro documenti, per dimostrare come contribuiscono ai conflitti interetnici ed interconfessionali. Ci vorrà del tempo, ma permetterà di mettere questi fondi sulla lista nera del ministero della Giustizia.dad-2Il gallo francese non si preoccupa
Dopo l’attentato eclatante di Parigi del 13 novembre 2015 commesso da combattenti dello SIIL, l’UE ha iniziato a liquidare i gruppi estremisti di vario tipo. Il 15 novembre 2016, un’operazione speciale contro l’organizzazione salafita “La vera religione” (Die wahre Religion) fu avviata in 10 Länder federali tedeschi, tra cui Berlino e la parte occidentale del Paese. Più di 200 edifici furono perquisiti e il ministro degli Interni tedesco Thomas de Maizière decise di vietare “La vera religione” per attività anticostituzionali. Ma tali azioni non sono il risultato di una strategia ben coordinata ed efficace. Nel maggio 2016, nel comune di Molenbeek di Bruxelles, una scuola coranica clandestina fu chiusa per violazione… “della legge urbanistica”. In Francia, l’attentato commesso il 14 luglio, giorno della presa della Bastiglia, dal tunisino Muhamad Lahuayaj-Buhlal, dove 86 persone furono uccise (e 308 ferite) ha dimostrato che il regime di emergenza istituito dal governo non basta. Più di 6 mesi dopo gli attentati di Parigi nulla fu fatto dal governo per dimostrare che in realtà lotta contro l’estremismo. Nel Paese, le posizioni di media e società civile verso il terrorismo rendono la lotta all’estremismo più complicata che in altri Paesi europei. Per esempio, le pubblicazioni dall’agenzia stampa “France Press” chiamano “terroristi” o “islamisti” persone di ogni origine etnica tranne i palestinesi che commettono atti terroristici in Israele. L’AFP chiama tali attentatori suicidi “attivisti”, “combattenti” o “aggressori”. In Francia, le comunità ebraiche (scuole, negozi, ecc) vengono attaccate dagli estremisti religiosi (Muhamad Marah, Amedy Coulibaly), in connivenza con la dirigenza francese. Per i servizi speciali, il modo migliore per smascherare un potenziale terrorista è verificare se riceve assicurazioni sociali. Questo non fu fatto in Belgio, dove Salah Abdasalam e altri terroristi ricevettero più di 50mila euro dal governo. Il governo “sponsorizzava” i terroristi fino agli attentati di Parigi; Abdasalam stesso ricevette più di 21mila euro, quando gli attentati a Parigi e Bruxelles non costarono agli islamisti più di 33mila euro. Finché le società europee (francese, in primo luogo) legittimano il terrorismo, gli sforzi degli organi di sicurezza nella guerra al terrorismo non saranno efficaci, e i terroristi potranno ancora nascondersi nelle nostre società.

Le “talpe” entrano in azione
16002839 Con l’inizio dell’azione delle talpe arabe (come l’attivazione di gruppi estremisti in Medio Oriente e in Africa del Nord), la guerra in Siria e la lotta degli Stati regionali contro lo SIIL, s’è permesso che migliaia di islamisti europei giungessero nella regione per soddisfare le proprie inclinazioni sadiche. Tra costoro c’erano combattenti professionisti che molto hanno contribuito al successo dello SIIL prima del coinvolgimento occidentale e russo nel conflitto. Oggi, una parte importante di tali combattenti islamisti torna in Europa, dove ricevono assicurazioni sociali, protezione dei loro diritti fondamentali e riposo prima della nuova operazione. Molti terroristi attivi nel 2015 e 2016 a Parigi, Bruxelles o Germania hanno combattuto in Medio Oriente con lo SIIL e altri gruppi di stessa obbedienza. Oppure, almeno hanno ricevuto un addestramento militare. Sebbene l’UE attenda il ritorno degli islamisti, si può dire che il pericolo provenga anche dagli stessi servizi speciali europei. Per esempio, dopo gli attentati a Bruxelles e Parigi si vide l’incompetenza degli organi di sicurezza di questi Paesi. Apparve la teoria delle talpe islamiste infiltrate nei servizi di sicurezza occidentali. Ciò fu confermato in Germania, che subì un attentato questa estate. Dei tre Paesi citati, solo i servizi speciali tedeschi sono riusciti a smascherare gli agenti doppi. Il 29 novembre, The Telegraph, citando Der Spiegel e il governo tedesco, riferiva l’arresto di un impiegato dell’Ufficio federale per la protezione della Costituzione, sospettato di preparare un attentato nella sede dell’organizzazione a Colonia e di reclutare islamisti a tal fine su internet. Il nome del sospettato non fu rivelato, ma si sa che lavorava per i servizi speciali almeno dall’inizio del 2016, e fu incaricato di raccogliere informazioni sugli estremisti. Su diverse chat, il sospettato, con nomi diversi, appellò gli attentati contro i non credenti “in nome di Allah” e rivelò informazioni riservate. I rappresentanti delle sicurezza tedeschi dichiararono che l’agente era già sospettato: abbracciò l’Islam due anni prima, senza che la famiglia sapesse delle sue posizioni radicali. Durante le indagini, fu chiarito che l’agente giurò fedeltà a Muhamad Mahmud, il capo della cellula austriaca dello SIIL. Nell’intervista a Reuters del 2016, Hans-Georg Maassen, direttore dei servizi speciali tedeschi, dichiarò che vi sono circa 40mila islamisti in Germania. Tra questi, più di 8000 sarebbero salafiti radicali. I servizi speciali cercano di affrontare questa minaccia (non solo all’estero ma anche sul territorio nazionale). Una dichiarazione dell’8 novembre si ebbe sulla custodia di 5 sospetti terroristi dello ISIS. Il loro capo era un iracheno, Abu Wala (vero nome Ahmad Abdalaziz), a capo della cellula dello SIIL locale. La scoperta di una talpa negli organi di sicurezza tedeschi ha portato al rafforzamento delle azioni delle agenzie di Stato contro l’estremismo in Germania. Poiché i servizi ufficiali speciali tedeschi combattono in segreto le ideologie del terrorismo, la caccia agli islamisti nel Paese è resa più difficile dal fatto che ora si nascondono tra la crescente comunità di rifugiati, migranti e minoranze etnico-religiose. Diventa impossibile avere una chiara visione della situazione. La rivista Der Spiegel riferisce di zone dove gruppi di migranti, per esempio il clan libanese a Duisburg o i curdi a Gelsenkirchen, controllano strade o quartieri, intimidiscono e mettono a tacere i residenti locali. Gli agenti di polizia femminili sono anche soggetti ad aggressioni, come riportato cinque anni fa da Rainer Wendt, il presidente del sindacato della polizia tedesca. Le elezioni locali del 2016, che hanno visto “Alternative per la Germania” divenire un attore politico serio, hanno dimostrato che i tedeschi non sono d’accordo con l’attuale politica del governo. Le elezioni legislative del 2017 mostreranno il vero rapporto di potere nella Germania di oggi. Vi sono meno probabilità, tuttavia, che sarà lo stesso in Belgio e in Germania, nonostante le elezioni in questi Paesi in 2 anni. In Belgio, le divisioni regionali, che più di una volta hanno portato il Paese all’anarchia, saranno chiaramente al centro della scena, davanti ad ogni altra domanda e prima che sia troppo tardi. Come accennato prima, società e dirigenza francesi, pensando che i terroristi siano iracheni, siriani, nordafricano, ma non palestinesi, continuano a permettere all’estremismo islamico di legittimarsi. A seconda dei Paesi, il problema nel trattare con tale forma di estremismo viene affrontato in modo diverso. Alcuni, come Iran, Arabia Saudita, Qatar, Turchia e Pakistan, collaborano con i radicali per cercare di usarli nel loro interesse, contro l’opposizione. Altri, come Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia, indirettamente li usano come attori regionali. Alcuni altri li riforniscono e addestrano, come la Germania in Siria, o li sostengono militarmente per rovesciare un regime autoritario, come fece l’Italia in Libia. Ci sono anche Paesi, come Danimarca, Australia, Nuova Zelanda ed altri membri della coalizione “antiterrorismo” a guida USA in Iraq o in Afghanistan, che “non si accorgono” di cosa succeda sotto il proprio naso. E alcuni, come la Giordania, devono tollerare la presenza dei radicali sul territorio, purché combattano e distruggano i governi legittimi vicini, se sono nemici. Infine, vi sono Paesi utilizzati come basi operative nella speranza che, poiché utilizzati come rifugio confortevole dai radicali, non li facciano esplodere.
Il passato ha dimostrato che giocare con i jihadisti porta inevitabilmente al conflitto con loro. Questo è già successo in Turchia, Pakistan o Arabia Saudita. A causa delle modeste dimensioni e delle risorse colossali utilizzate per comprarsi la sicurezza, il Qatar finora è stato risparmiato dal terrorismo. Per i Paesi più grandi, questo non è possibile. Ciò non può essere negato. Anche se la situazione in Medio Oriente e nell’Unione europea dimostra che vi sono ancora tentativi di utilizzare od ignorare gli estremisti. Per ora, l’unico esempio di opposizione efficace ad essi in campo internazionale è quello delle Forze Aeree russe in Siria. Il fatto che Mosca guidi questa campagna riuscita, per ora è la maggiore speranza per il resto del mondo.

=========================
Shalom Lorenzo, More than ever before, Israeli sovereignty over its own capital, the holy city of Jerusalem, has come under vicious attack.
Here’s what Palestinian officials have been saying about the United States moving its embassy to Jerusalem:
Moving the US embassy to Jerusalem will open the gates of hell… will absolve us of all agreements and turn Palestine into a war zone – Fatah officials
Embassy move constitutes a declaration of war against our people and our Arab and Islamic nation – PLO official
Relocating embassy to Jerusalem will lead to an explosion of the security situation in the entire region – Palestinian Authority Prime Minister
As we have reported, Palestinian leader Abbas sent letters to world leaders, asking them to ensure that US President-elect Trump does not follow through with his pledge to move the US embassy to Jerusalem.
Sign Your Name to Support Moving the US Embassy to Jerusalem. If you already signed, please FORWARD this to all of your contacts!
Abbas told Trump that such a move would “likely have a disastrous impact on the peace process… and on the stability of the entire region.”
Please join us in showing support for permanent Israeli control of a united Jerusalem, and for moving the US and other foreign embassies to Israel’s capital.
Right now, on the eve of President-elect Donald Trump’s inauguration,
let us express strong support for Trump’s pledge to move the embassy.
World leaders must know that millions of people around the world support complete, permanent Israeli sovereignty over Jerusalem.
No more American betrayals of Israel such as Obama’s support of the UN’s shameful resolution declaring the Western Wall to be “occupied Palestinian land.”
We CANNOT let the Palestinians, the UN, and Obama’s failed policies take Jerusalem away from the people of Israel.
Show Your Support for Permanent Israeli Control of its Capital – Jerusalem!
If you already signed, please FORWARD this to all of your contacts!
The time has come to affirm Israel’s timeless connection to all of Jerusalem.
Now is the time to say ‘YES’ to a united Jerusalem under Israeli control.
We pray that Trump’s pledge to move the US embassy will be fulfilled very soon.
Let’s show the next US president how much support he has for the bold step of moving the US embassy to Jerusalem!
Thank you for helping Israel in such a meaningful way.
With Blessings from Israel,
The ‘United with Israel’ Family
Click Here to Support Moving the US Embassy to Jerusalem
PS – We URGE you to forward this email to everyone you know. Give them the opportunity to make a real difference for Israel!

======================

Sharia Dhimmi Schiavo AKBAR ][ questi islamici shariah, sono stati tutti finanziati ed armati dai: UK Francia; Turchi USA, ARABIA ASAUDITA! Dobbiamo chiere il conto ai nostri politici e alloro viltà e tradimento: per queste crudeltà! Ma i nostri politici sono i massoni ladri del Signoraggio Bancario Rothschild regime Bildenberg: legge marziale e pena di morte: subito! BEIRUT, 19 GEN – Le rovine dell’antico anfiteatro romano di Palmira, nella Siria centrale, torna a essere teatro di una macabra esecuzione collettiva da parte di miliziani dell’Isis. Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), i miliziani jihadisti hanno ucciso 12 persone, di cui quattro civili e otto tra militari e miliziani, nello storico emiciclo. L’Isis ha ripreso Palmira nelle scorse settimane dopo che l’anno scorso la cittadina chiave era passata sotto il controllo delle forze russe e governative. Nel luglio 2015, l’Isis aveva ucciso 25 militari governativi nell’anfiteatro romano.

Marco Ricci · ringraziamo Obama
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/mediooriente/2017/01/19/isis-uccide-12-persone-in-teatro-palmira_c89e11ae-8f19-42e6-aa81-1cdc72e253ee.html

10:44 19.01.2017 [ 121047 ] Facebook blocca RT: impossibile pubblicare messaggi multimediali [ ORMAI SIAMO IN UNA DEMOCRAZIA VIGILATA DAL REGIME MASSONICO BILDENBERG! ] Facebook impedisce al canale televisivo RT di pubblicare i messaggi con link, immagini e video sulla sua pagina inglese. Queste opzioni saranno di nuovo disponibili dopo l’inaugurazione di Trump, si legge sul sito del canale televisivo.
===================

PERCHÉ OGNI PROCEDIMENTO SIA IMPOSTATO IN MODO CORRETTO, per prima cosa: BISOGNA AVERE CHIARa la GERARCHIA DI VALORI DI RIFERIMENTO! Il Valore principale è il bene delo Stato, quindi, i giudici devono decidere se si tratta di contenzioso di tipo penale( ed in questo caso non sembra, che il PM abbia favorito economicamente i suoi donatori), o di contenzioso di tipo amministrativo (per una mancata dichiarazione dei redditi)! In entrambi i casi, le valutazioni politiche rimangono, sempre valide presso la opinione dell’ELETTORATO! Quindi, il PM riceverà una sanzione amministrativa, maggiorata delle spese legali, nel caso in cui fosse trovato compevole di procedimento amministrativo! IO SONO DELL’AVVISO CHE LA IMMUNITÀ PARLAMENTARE DEVE ESSERE RISPETTATA, SU QUESTIONI CHE NON VERTONO IL TRADIMENTO DELLO STATO! Pertanto se ci sono pendenze con la giustizia: poi, le sconterà quando il PM diventerà normale cittadino come tutti! ] [ Loyalist or prosecutor? Netanyahu graft probes put AG in uneasy spotlight
As the PM’s former cabinet secretary, Avichai Mandelblit ought to recuse himself from the investigations, some charge; but the state’s top lawyer denies bias. By Marissa Newman January 19, 2017, Former cabinet secretary and current Attorney General Avichai Mandelblit attends a Constitution, Law, and Justice, Committee meeting in the Israeli parliament on July 18, 2016. (Miriam Alster/Flash90)
Writers. Marissa Newman Marissa Newman is The Times of Israel political correspondent. In his office in East Jerusalem, a mild-mannered legal authority will be contemplating in the coming weeks what may be the toughest decision of his professional life: whether evidence against Prime Minister Benjamin Netanyahu warrants the first indictment of a sitting prime minister in Israel’s 69-year history.
As the investigations into Netanyahu’s alleged misdeeds deepen and near-daily leaks pepper the evening news broadcasts, it remains unclear, for now, whether the premier has engaged in any criminal activity.
But in the interim, some left-wing activists and lawmakers have been attempting to thrust the media-shy Attorney General Avichai Mandelblit front-and-center, accusing him of being in the prime minister’s pocket and calling on him to recuse himself from the case due to his past role as Netanyahu’s cabinet secretary.
While weighing his next moves and the fate of the prime minister, and possibly that of the governing coalition, Mandelblit this week stepped into the fray to dismiss the charges of bias leveled against him, describing himself as cloistered in the Justice Ministry and impervious to the mounting public debate and pressure.
“We close the windows on Salah a-Din Street in Jerusalem and focus on enforcing the law,” he said on Monday during a commencement address in the coastal city of Netanya. “The background noise from outside, from those who want to shift our position — to either side — does not penetrate, does not affect. These are foreign considerations — they must not have an effect.”
Prime Minister Benjamin Netanyahu (L) speaks with his former cabinet secretary Avichai Mandelblit (now attorney general) during the weekly government conference in Jerusalem, on December 20, 2015.
Loyalist? Witness? Or ‘impartial’?

Putting the pun in punditry, Israeli media commentators frequently resort to labeling attorney generals deemed under the thumb of prime minister as the “family” government attorney (in Hebrew, replacing the term Hayoetz hamishpati lamemshala with Hayoetz hamishpahti lamemshala). Mandelblit and his predecessor Yehuda Weinstein have not been spared this brickbat.
Earlier this week, shifting the focus to Mandelblit, activist Eldad Yaniv wrote a letter to police urging them to make the attorney general a witness in the so-called “Case 2000,” which deals with recordings of Netanyahu and Yedioth publisher Arnon “Noni” Mozes hashing out an alleged quid pro quo. The reported agreement, which was not implemented, would have seen the prime minister advance legislation to curb the circulation of the Sheldon Adelson-backed free daily Israel Hayom, in exchange for more favorable coverage in Yedioth. Both Netanyahu and Mozes have been questioned under caution multiple times by police in the affair.
Activist Eldad Yaniv in Tel Aviv on February 8, 2015 Netanyahu has denied any wrongdoing in the two investigations against him, noting in a Facebook post earlier this week that he had voted against the Israel Hayom bill (which would have banned free dailies), dissolved the government over the “subversion” within the coalition in supporting the proposal, and included a provision in the coalition agreements in the current government to ensure the bill would not be revived.
(Police are also investigating, separately, whether Netanyahu and his family received lucrative gifts from wealthy benefactors while in office.)
As cabinet secretary during that period, tasked with setting the agenda and coordinating with ministers on proposed legislation, Mandelblit must have had inside information on the Mozes case and Netanyahu’s stance on the Israel Hayom law, Yaniv argued.
“Noni went in and out of the office,” he wrote in a Facebook post on Monday, “12 times. In this period, when the rebellious ministers were voting against Bibi and in favor of the Israel Hayom law. Bibi decides to advance elections because of Israel Hayom. To fire the rebellious ministers. Chaos in the office. The same office in which Mandelblit is the senior official.”
Prime Minister Benjamin Netanyahu (right) and Yedioth Ahronoth publisher Noni Mozes. “Mandelblit saw everything. Heard everything. Touched everything. There is no scenario in which Mandelblit was not involved in consultations to advance the elections over Israel Hayom… What all this means: Mandelblit is an essential witness for the police investigation. Period.”
‘Mandelblit saw everything. Heard everything. Touched everything’. From the Knesset, Meretz leader Zehava Galon this week led the “loyalist” charge against Mandelblit for allowing Netanyahu to retain the Communications Ministry portfolio amid the media-related allegations.
“This is precisely what a state looks like when a country’s gatekeepers become Netanyahu’s gatekeepers,” she said. “Netanyahu needs to go, and he needs to take the attorney general with him.”

Hitting back, Education Minister Naftali Bennett, one of Netanyahu’s senior coalition partners, defended Mandelblit’s conduct in the investigation, saying that he is “straight, strong, and impartial.”
Other complaints against Mandelblit include claims that he stalled in opening the investigation into the prime minister. And some media reports noted that the attorney general recused himself from partaking in debates on the parole for ex-president and convicted rapist Moshe Katsav, recently freed from prison, and probes into former Prime Minister’s Office official Gil Sheffer, accused of sex crimes.
The attorney general bowed out of those cases over his personal acquaintance with the suspects, fueling the calls for him to hand over the reins in the Netanyahu cases as well.
Prime Minister Benjamin Netanyahu, cabinet secretary Avichai Mandelblit and Attorney General Yehuda Weinstein (left to right) at a cabinet meeting in Jerusalem, November 2014. The stinging accusations of deliberate delays also recall Mandelblit’s marginal role in the so-called Harpaz affair — of which he was later cleared — in which as military advocate general he was suspected of obstruction of justice in delaying handing over incriminating documents to police. ‘We the law’. Mandelblit has mostly kept a low profile since assuming office in February 2016 — with the exception of forcefully objecting, in writing, to the so-called Regulation Bill to legalize West Bank outposts.
But in his address Monday evening, Mandelblit personally addressed the probes, adamantly denying any delays in launching the investigations. He spoke throughout in the royal “we,” aligning himself not with the prime minister, but with the other law enforcement agencies.
“When I talk about ‘we’ — that is the police, state prosecutor, attorney general,” he said.
Prime Minister Benjamin Netanyahu, his wife Sara (C) and their son Yair seen with actress Kate Hudson at an event held at the home of producer Arnon Milchan (right), March 6, 2014. Mandelblit said “we” had unanimously made a “strategic” decision to focus attention on “Case 1000,” which involves gifts to the Netanyahu family from millionaire benefactors, while downplaying — for the time being — the Mozes affair, dubbed “Case 2000.” In doing so, said Mandelblit, with “relative” secrecy, the police managed to get to dozens of witnesses and gather considerable evidence in the former case. “An immediate and premature breaking out of Case 2000 and the media outcry that it was obvious would follow, would not have allowed for organized, systematic progress in Case 1000,” he said, in defense of the perceived stalling. “It allowed the police to work intensively, to gather evidence, and to complete the probe into Case 1000 by gathering dozens of testimonies and other investigative actions, some across the sea.”
The consensus in prioritizing the gifts probe over the Mozes case was “wise, smart, and justified,” he said. “The only considerations taken into account were the best interests of the investigation and of getting to the truth — and this consideration alone,” he said.
As attorney general, he added, “I don’t have the privilege of not making decisions in these cases.”

=========
Pubblicato il 19 gen 2017. Giulietto Chiesa: “Stiamo vivendo la III guerra mondiale a pezzi?” https://youtu.be/HjPUqsWFdzc
Giulietto Chiesa è intervenuto a Genova in un convegno organizzato dal gruppo Gioia piena dal titolo “Stiamo vivendo la III guerra mondiale a pezzi?”. Data la delicatezza dell’argomento e il peso delle dichiarazioni di Giulietto Chiesa pubblichiamo l’intervento integrale e la sessione di domande e risposte.
Video a cura di Nicola Alberi, registrato lo scorso 13 gennaio presso la Biblioteca Civica Berio. https://www.youtube.com/watch?v=HjPUqsWFdzc
Nicola Toneatto6 ore fa
il barone Rotschild famiglia di ebrei ramificata con le loro banche in tutti i paesi occidentali e quindi padroni del mondo. Giulietto lo cita ma specificare chi è questo bastardo non si può, sarebbe tacciato di razzismo ma sarebbe solo l’inizio della verità. “sono tutti uomini dell’occidente, tutti bianchi” si ma quasi tutti ebrei
==============

22:20 18.01.2017
4564
Lotta all’Isis, la Francia è il più grande contributore UE di jihadisti
La Francia è tenuta il più grande contributore di jihadisti in Europa.
=====================

Cina, Xi Jinping, loro non possono invocare il libero mercato: 1. se fanno lavorare gli operai come schiavi, 2. se li pagano come schiavi, e 3. se i loro prodotti sono più scadenti dal punto di vista qualitativo!

===============
google 666 youtube SpA FED NWO ] chi vi ha detto che Democrazia è anche libertà di fare il male? [ voi non dovevate tradire il Regno di ISRAELE: diffondere tanto satanismo, Darwin Sodoma GENDER porno, ecc.. in questi server! meglio per voi che non foste mai nati! … se non mi viene dato il Regno, quando io muoio? io mi trasformerò in un fantasma assassino!
si è vero: nessuno vi costringe ad accettare la mia legge, e nessuno vi costringe ad aderire al mio REGNO di: ISRAELE & PALESTINA
========================

Diego Fusaro: “Desovranizzazione. Il capitale dissolve gli Stati nazionali.”  https://www.facebook.com/diegofusarofilosofo/?fref=ts
==================

Un ex-oppositore svela il lato occulto della opposizione siriana
di sitoaurora

al-Manar 18 gennaio 2017

manar-05112090014847524774Tornato in patria, l’oppositore Nawaf Bashir moltiplica le sensazionali rivelazioni sul lato nascosto della opposizione siriana appoggiata da Stati del Golfo e le potenze occidentali. Sapendo che Bashir non è un oppositore qualsiasi: è uno dei fondatori della Dichiarazione di Damasco, una delle prime istanze dell’opposizione siriana apparse nel 2005. È anche il capo di una grande tribù, i Baqarat, il cui numero di membri è pari a circa un milione, secondo alcune stime. Nel 2011 raggiunse l’opposizione durante lo scoppio della crisi siriana, lasciando la Siria per la Turchia nel 2012. Ma è tornato in Siria all’inizio del gennaio 2017. In un’intervista al canale televisivo arabo al-Mayadin, spiega che ha deciso di tornare in patria dopo aver scoperto l’entità del complotto contro la Siria. Secondo lui, molti oppositori hanno visitato Israele “credendosi di essere diventati degli eroi”. “Alcuni di loro furono liquidati in Turchia. Perciò gli altri temono di parlare e molti vogliono tornare in Siria”, ha detto.

I legami pericolosi con al-Qaida
Bashir ha anche rivelato i legami tra il ramo di al-Qaida in Siria e l'”opposizione moderata”, ed ha accusato l’ex-premier Riad Hijab di aver avuto dal Qatar 47 milioni di dollari che ha poi dato al ramo di al-Qaida in Siria, Jabhat al-Nusra, ora rinominatosi Fatah al-Sham, ed istruendolo su come attaccare la città di Aleppo. Riferendosi alla corruzione dilagante nell’opposizione siriana, soprattutto tra le personalità più importanti che risiedono in Turchia, accusava chi presiedeva la coalizione dell’opposizione siriana, senza nominarlo, di aver rubato 116 milioni di dollari prima di fuggire in un Paese arabo e fondare un suo partito. Ha ricordato anche il caso di un altro funzionario che ha rubato 18 milioni di dollari ed è fuggito in Gran Bretagna dove ha preso la cittadinanza inglese, e il destino ancora ignoto di 51 milioni di dollari scomparsi dalle casse della coalizione, per non parlare delle armi fornite ai ribelli e poi rivendute. L’opposizione siriana ha anche riportato il caso di Nazir al-Haqim, un membro della coalizione accusato di aver consegnato passaporti falsi a chi voleva andare in Siria, come terroristi di SIIL e al-Nusra. Secondo Bashir, l’Arabia Saudita ha ridotto il sostegno all’opposizione siriana, mentre il Qatar continua a rafforzarlo.

Il sequestro dei Fratelli Musulmani
Gli aiuti “che vengono spediti in nome del popolo siriano vanno direttamente nelle casse dei Fratelli Musulmani (MB), utilizzati da al-Qaida e al-Nusra, mentre posano da moderati, gli consegnano armi e ne preparano le forze per le battaglie, pensando solo a prendere il potere”, rivelava inoltre. In una precedente intervista, indicava che la FM controlla tutte le strutture dell’opposizione siriana, assicurandosi che chi gli si oppone o non ne fa parte, non occupi posizioni importanti nella coalizione e nell’alto commissariato per i negoziati.

Operazione estera fin dall’inizio
In un’altra intervista con il canale iraniano al-Alam, rivelava che l’opposizione siriana persegue scopi dettati dall’estero, perciò non ci fu il dialogo nazionale che il Presidente siriano Bashar al-Assad propose all’inizio delle proteste nel 2011. “Dall’inizio gli obiettivi erano esteri, perseguiti da individui che si compravano i manifestanti per spingerli alle armi… questo è il motivo per cui le cose mutarono corso: manifestazioni pacifiche che rivendicavano la riforma del regime e delle leggi e la creazione dello Stato dei cittadini e della democrazia, divennero dimostrazioni armate e quindi la catastrofe che il popolo siriano sta ancora pagando”. Ricordava che ogni volta che il governo siriano proponeva una soluzione politica in linea con le richieste popolari, le proteste esplodevano per rifiutare il dialogo. Bashir ha anche rivelato l’esistenza di 800 fazioni in Siria. “Questo significa che ci sono 800 principati, ognuno controlla 20-30 villaggi e regioni, e sono finanziati da Arabia Saudita e Qatar e altri”, lamentava.

Il saccheggio dell’ELS
Ha anche svelato il saccheggio delle istituzioni dello Stato nelle regioni controllate dall’esercito libero siriano, la prima milizia che prese le armi ed attualmente sulla scia dell’offensiva turca nel nord della Siria, “Scudo dell’Eufrate”. “L’ELS era presente in molte regioni siriane, ma non fu in grado di dare alcunché ai cittadini. Fabbriche, ferrovie e istituzioni statali furono saccheggiate e derubate come bottino di guerra, in quanto proprietà del popolo siriano vanno restituite e non cedute a individui o gruppi armati”, si dispiaceva.
===================

The one-stop news site
covering Israel, the region and
the Jewish people worldwide

THE DAILY EDITION WHAT MATTERS MOST ON » THU, JAN 19, 2017
Visit the timesofisrael.com – updated 24/7. The Jewish world’s fastest-growing website. Click here!
His widow Maria says: ‘I want this scam closed and I want the world to know that they were responsible for taking the love of my life away from me’

Fleeced by Israeli binary options firm, Canadian man dies by suicide

Fred Turbide of Edmonton, Alberta, was a devoted husband and father of four who was looking forward to enjoying his retirement with his family. Then the ‘brokers’ of 23Traders got hold of him
By SIMONA WEINGLASS

Trump: ‘I did not forget’ Jerusalem embassy move pledge

US president-elect tells Israel Hayom daily that he doesn’t ‘break promises,’ intends to go through with relocation

By ALEXANDER FULBRIGHT

In final remarks, Obama says chance for two-state solution passing by

By ERIC CORTELLESSa

Jerusalem mayor vaunts Trump, campaigns for embassy move

By RAOUL WOOTLIFF

Trump’s UN envoy pick says settlements could ‘hinder peace’

By ERIC CORTELLESSA

FBI to probe wave of bomb threats to US Jewish institutions

Federal authorities to investigate second string of hoax attacks targeting JCCs across country after 32 community centers, synagogues receive threats

By TIMES OF ISRAEL STAFF and AGENCIES

Swastika drawn in snow at home of Canadian Jewish newspaper columnist

Auschwitz museum appeals for personal SS documents
By JTA

German populist’s call to end Nazi guilt ignites outrage

By
LIVE UPDATES Latest: Arab leaders vow to rebuild Umm al-Hiran homes
Erdan demands probe of Arab MKs for incitement in run-up to car-ramming

Joitn List head slams minister as ‘pathological liar’; family of driver in alleged attack in Umm al-Hiran demands probe into death; sappers blow up 10 tons of fireworks

By SARA MILLER

Police minister maintains Bedouin car-ramming was terror attack

Gilad Erdan says ‘unequivocal conclusion’ is Umm al-Hiran killing was intentional, cites intelligence findings and driver’s behavior

By TIMES OF ISRAEL STAFF

Israeli Arabs on strike over Bedouin home demolitions

By TIMES OF ISRAEL STAFF

After Umm al-Hiran violence, Arab lawmakers push 10-year demolition freeze

By TIMES OF ISRAEL STAFF

Shin Bet ‘still investigating’ if Umm al-Hiran driver had IS ties

By JUDAH ARI GROSS

Fear and loathing in Umm al-Hiran

REPORTER’S NOTEBOOK While most Israelis were coping with another ‘terror attack’ in which a policeman was killed, at the partly demolished Bedouin village a very different narrative held sway

By DOV

Police minister calls for probe into Arab MKs’ ‘incitement’

By TIMES OF ISRAEL STAFF

Army Radio DJ fired over support for driver who killed cop

By TIMES OF ISRAEL STAFF

Hundreds across country protest ‘bloodshed, home demolitions’

By TIMES OF

Loyalist or prosecutor? Netanyahu graft probes put AG in uneasy spotlight

As the PM’s former cabinet secretary, Avichai Mandelblit ought to recuse himself from the investigations, some charge; but the state’s top lawyer denies bias

By MARISSA NEW

Analysis: Legal path to depose PM is tortuous, but indictment would likely end his career

By RAPHAEL AHREN

Senior minister, former news site editor testify in PM graft probe

By RAOUL WOOTLIFF

Tweeter-in-Chief

ROSANNE SKOPP Presidential dignity that inspires trust should come with the office, but the 45th American president-elect is too far

A time for strategy, not emotion!
ARTHUR KOLL Objectively, the 6 principles Kerry laid out in his address are in line with Netanyahu’s own positions

We don’t need no climate science

MICHA ODENHEIMER We can learn all we need to know about global warming from subsistence farmers struggling for survival

Tiny moth with distinctive ‘hairdo’ named after Trump

Newly discovered creature called Neopalpa donaldtrumpi to bring wider public attention to protecting fragile habitats

Likud MK Ayoub Kara to become Israel’s first Druze minister
Netanyahu expected to nominate longtime member of party a minister without portfolio in latest cabinet

National Library makes ‘historic’ acquisition of rare Hebrew texts

Valmadonna Trust Library’s manuscripts span the globe and a millenium, including a 1491 Bible; will be on display at institution’s new Jerusalem home

Rabbis plan response to white supremacist threats in Montana

Jewish spiritual leaders raise funds to send non-Jewish students on Auschwitz visit, gift Torahs to Jewish families across state

Tom Brady ad highlights Israeli-developed video tech
Replay Technologies’ 360-degree imaging format will be used in upcoming Super Bowl broadcas

5 Jewish moments in epic ‘Crazy Ex-Girlfriend’ episode
Musical-comedy series has some standout scenes in second season

HEBREW

MEDIA REVIEW

THU, JAN 19, 3:15 PM

Press puts the ‘um’ in Umm al-Hiran

With everything disputed about what went down in the Bedouin village and why, the only thing clear is that anyone who claims to have all the answers, like the police or Israel Hayom, is probably wrong

Departing, US envoy’s wife reflects on motherhood and the modern diplomatic spouse

INTERVIEW After five-and-a-half years, US Ambassador to Israel Dan Shapiro and family to leave Israel on Friday, says Julie Fisher, but will quickly return as ex-pats

By RENEE GHERT-ZAND

Ahead of Trump inauguration, a grassroots movement of rabbinic ‘resistance’ sprouts

With calls for an #InaugurationFast, liberal American rabbis navigate political and spiritual waters to lead their flocks in protest of the incoming administration

By AMANDA BORSCHEL-DAN

Facing inauguration and women’s march, DC synagogues split on entering the fray

The US capital’s temples tiptoe the fine line between politics and Jewish values

By BEN SALES

Mideast expects big changes under Trump

ANALYSIS From Cairo to Tehran, Syria to the Gulf, key players eye the prospect of once-unimaginable new alliances under the incoming US administration

By DAN PERRY and BRADLEY KLAPPER

Air force gets first Arrow 3 missile defense battery

Israel enters ‘new age’ as US-Israeli system designed to shoot down ballistic missiles goes operational

By JUDAH ARI GROSS

Women of the Wall denied entry to Western Wall

Members of group kept away from site after refusing to undergo body searches, which the High Court had banned

By TIMES OF ISRAEL STAFF

IDF chief hospitalized for unspecified treatment

Gadi Eisenkot’s condition was discovered 2 months ago; deputy Yair Golan assumes post of acting chief of staff

By TIMES OF ISRAEL STAFF

Related article: Liberman opts to give army chief extra year in saddle

Hamas halts electricity protests, but anger remains

Harsh security crackdown and aid from Qatar have put an end to widespread demonstrations in the Gaza Strip

By MIKE SMITH

Collapse of burning Tehran high-rise kills 50 people

30 firefighters among dead at Iconic Plasco building, which was erected by a Jewish businessman who was executed in the 1979 revolution

By AMIR VAHDAT

Forward this email to a friend

This email was sent to lorenzo_scarola@fastwebnet.it

why did I get this? unsubscribe from this list update subscription preferences

The Times of Israel · 4 George Washington St. · Jerusalem 9418704 · Israel

Formación con Richard Cohen

CONÉCTATE

Hola, lorenzo

¿Las personas nacen con sentimientos homosexuales o es una condición adquirida? ¿Es posible cambiar la orientación sexual de homosexual a heterosexual? ¿Cómo podemos ayudar a aquellos que experimentan sentimientos homosexuales no deseados?

La respuesta a esta y otras cuestiones en una jornada de formación de mano de Richard Cohen el próximo miércoles, 25 de enero, a partir de las 16.00h. Participa en directo a través del siguiente enlace:

http://youtu.be/cSVBq_mTK4Q

Richard Cohen es un conocido escritor y conferencista estadounidense famoso por sus seminarios en los que ayuda, con probada eficacia, a homosexuales que quieren dejar de serlo a través del uso de terapias reparativas.

Ahora va a explicarnos, a ti y a mí, cómo lo hace. Y lo mejor es que nos lo va a contar en tiempo real, en riguroso directo para que podamos hacerle todas las preguntas que queramos.

No te lo pierdas. Conéctate el miércoles 25 de enero, a las 16.00h, para participar en esta jornada de formación. Hazlo, de modo online, a través del siguiente link:

http://youtu.be/cSVBq_mTK4Q

El objetivo de esta formación es prestar nuestra ayuda a todos aquellos que lo soliciten pues, como el propio Cohen dice, “si alguien quiere vivir una vida como gay, debe ser respetado. Si alguien quiere cambiar, también ha de ser respetado. Practiquemos la verdadera tolerancia, la diversidad real y la igualdad para todos”.

¡Espero que te guste!

Ignacio Arsuaga y todo el equipo de HazteOir.org

¿Puedes ayudarnos a mantener nuestra actividad? HazteOir.org se financia exclusivamente con las aportaciones de nuestros socios y donantes. No recibimos ayudas, ni subvenciones, ni tenemos detrás a ningún lobby o corporación que costee nuestra actividad. Contribuye ahora haciendo clic en este enlace: https://colabora.hazteoir.org/
HazteOir.org es una plataforma de participación ciudadana de 500.000 personas que trabaja para defender la vida, la familia y las libertades fundamentales en España y en todo el mundo. Para conocer más HazteOir.org, haz click aquí, o síguenos en Facebook o Twitter.

Este mensaje fue enviado a lorenzo_scarola@fastwebnet.it. ¿Quieres darte de baja? Haz clic aquí.

Para contactar con HazteOir.org, no respondas a este e-mail. Escríbenos un mensaje en http://www.hazteoir.org/contacto o llámanos al +34-91 554 71 89.

Hola lorenzo:

Hace unos días, te explicaba para qué sirve tu firma y por qué es tan necesaria.

Hoy me gustaría aprovechar este instante que nos dedicas, para mostrarte algunas de las victorias que HazteOir.org ha conseguido gracias al compromiso e interés de ciudadanos activos como tú.

Estas son algunas de nuestras victorias destacadas:

Más de 100.000 firmas para evitar la expropiación de la Catedral de Córdoba

Logramos el retiro de importantes anunciantes de un programa de Telecinco por promover el incesto

Miles de ciudadanos consiguieron una disculpa pública por parte del director de un hotel en Cullera por discriminar a jóvenes discapacitados

Más de 20.000 personas hacen valer el derecho de los niños a tener un padre y una madre frente a la publicidad de El Corte Inglés

Las firmas de miles de ciudadanos evitaron el ataque contra la libertad de expresión del Cardenal Cañizares en las Cortes Valencianas y en el Ayuntamiento de Valencia

Todas y cada una de las peticiones y campañas conseguidas han sido posible gracias a ti y a miles de personas activas como tú.

¿Te gusta lo que hacemos? Cuéntaselo a los demás. Comparte nuestra página de Facebook, así tus amigos también tendrá la oportunidad de conocernos. Puedes hacerlo pinchando este botón:

Comparte nuestro Facebook

https://www.facebook.com/sharer.php?u=https://www.facebook.com/HazteOir.org

Gracias por estar ahí… seguimos en contacto, tenemos mucho que hacer juntos.

Un cordial saludo,

Cristina Castro y todo el equipo de HO

¿Puedes ayudarnos a mantener nuestra actividad? HazteOir.org se financia exclusivamente con las aportaciones de nuestros socios y donantes. No recibimos ayudas, ni subvenciones, ni tenemos detrás a ningún lobby o corporación que costee nuestra actividad. Contribuye ahora haciendo clic en este enlace: https://colabora.hazteoir.org/

HazteOir.org es una plataforma de participación ciudadana de 500.000 personas que trabaja para defender la vida, la familia y las libertades fundamentales en España y en todo el mundo. Para conocer más HazteOir.org, haz click aquí, o síguenos en Facebook o Twitter.

Este mensaje fue enviado a lorenzo_scarola@fastwebnet.it. ¿Quieres darte de baja? Haz clic aquí.

Para contactar con HazteOir.org, no respondas a este e-mail. Escríbenos un mensaje en http://www.hazteoir.org/contacto o llámanos al +34-91 554 71 89.

Annunci