CINA STOP GLOBALIZZAZIONE RIDUZIONE in SCHIAVITÙ

#CINA, STOP GLOBALIZZAZIONE e RIDUZIONE in SCHIAVITÙ di TUTTO il GENERE UMANO! ] [ #welfare: è lo stato sociale e assistenziale: che deve essere garantito e condiviso a livello mondiale! NON SI PUÒ FARE GLOBALIZZAZIONE: senza: 1. CERTIFICAZIONE sulla qualità dei prodotti ( noi abbiamo comprato troppi prodotti cinesi che erano scadenti! ) 2. SENZA UNA BASE comune e CONDIVISA di DIRITTI UMANI universali: libertà di religione, uguaglianza nella cittadinanza, e uguaglianza su tutto il Pianeta delle tutele di welfare: validate dal ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. welfare: come qualsiasi iniziativa diretta a garantire la sicurezza e il benessere dei cittadini, e dei lavoratori. POICHÉ: senza queste premesse e tutele: la golobalizzazione deve essere immediatamente DISTRUTTA! a #Gerusalemme STOP GENDER Sodom Darwin monkeys scam Hollywood OBAMA Zapatero messe sataniche: banking seigniorage Bestialismo usurocrazia e parassitismo Sistema Bancario Privato, e suo bestialismo umano delle SpA azionisti Soros Rothschild Rochefeller (il cristiano marrano) Padrone FARISEO della Banche centrali: SpA BCE FED FMI. Infatti: sappiamo tutti che la forza di ISRAELE come della Chiesa Cattolica: consiste sempre nel dire la verità! Mentre abbiamo le prove che la Sinagoga può mentire: infatti noi abbiamo il bestialismo goyim umano del FMI BM FED BCE SPA 666 NWO, ed abbiamo il Talmud satanico! adesso i padroni della Rete: cercano di nobilitare il termine GOYIM ( Do non-Jews consider the terms Goy or Goyim to be offensive?) ma, nel Talmud satanico in realtà significa schiavo al pari del Corano Satanico: che conosce i suoi similari Kufir Dhimmis e Murtids, poi, gli induisti hanno gli schiavi dalit! ECCO PERCHÉ CON QUESTI CRIMINALI NOI NON POSSIAMO GLOBALIZZARE NULLA! http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2017/03/05/cina-liglobalizzazione-interesse-tutti_aefc5b20-77f1-4f97-a76d-db9baaa79d24.html

=========================

stop al satanismo delle Lobby ideologia del GENDER! stop al finanziamento della ideologia del GENDER! La messa nera è la versione satanica della messa cattolica. La cerimonia si svolge con pochi adepti, uniti da un forte legame di omertà. STOP A SACRILEGI E PROFANAZIONI! marzo 2017 Vescovi spagnoli denunciano atti blasfemi contro la fede cristiana nel festival di carnevale di Las Palmas, Canarie. ‘MATRIMONI GAY E ABORTO SONO SACRAMENTI SATANISTI’ – noalsatanismo.myblog.it/?p=165 http://www.radiospada.org/2016/02/messe-nere-ostie-e-bambini-profanati/12 feb 2016 – La pratica delle messe nere è politically and legally correct. … si rompe il primo, se si è fatalmente single e/o felicemente gay, e via discorrendo. ‘MATRIMONI GAY E ABORTO SONO SACRAMENTI SATANISTI’

No al satanismo PER INFORMARSI E DIFENDERSI DAGLI INGANNI DELLE SETTE E DALLE IDEOLOGIE DI ODIO E DISCRIMINAZIONE CONTRO I CRISTIANI NEL MONDO
Mese: aprile 2016
La falsa profezia di Malachia & altre sui ‘due papi’
Immancabile in tante persone la smania di correre dietro alle “profezie”, tanto più gettonate quanto più possono far pensare a una prossima fine del mondo. Come se il 21 dicembre 2012 non avesse insegnato niente!
Gruppi estremisti tradizionalisti, o ai margini della Chiesa (come la setta di MDM e la setta di Gallinaro) e altri seguaci di false o non approvate rivelazioni private cattoliche, fanno un gran polverone con la presunta “profezia dei due papi“.
La più gettonata è la falsa “profezia dell’ultimo papa o profezia sui Sovrani Pontefici” falsamente attribuita a San Malachia, perchè non appartiene affatto al vero SAN MALACHIA, vissuto dal 1094 al 1148 , ma è un testo inventato e scritto di sana pianta nel 1595!
La spieghiamo meglio in seguito.
Prima ci soffermiamo su una tra le più diffuse, che viene spesso abbinata a quella di Malachia: è quella tratta dagli scritti della Beata Anna Caterina Emmerich. Molti tradizionalisti ed anche la stessa falsa veggente Maria Divina Misericordia MDM, sostengono che la “profezia” riguarda la Chiesa dopo il Concilio Vaticano II e in particolare il rapporto tra Papa Francesco e Benedetto XVI papa emerito. Il testo dimostra chiaramente che questo è del tutto falso.
Le parole trascritte della Emmerick non sono una profezia, ma una visione. Bisogna andare molto cauti con il fare parallelismi pericolosi nell’ambito di un discernimento che spetta soltanto al Magistero della Chiesa!
Tra l’altro, sappiamo che LA EMMERICK DETTO’ I SUOI SCRITTI AD UN’ALTRA PERSONA. Dal 1819 fino al giorno del suo trapasso, nel 1824, le visioni della Emmerick furono dettate da lei stessa al poeta romanticista Clemens Brentano, che sedette al capezzale della Emmerick per trascrivere quanto lei diceva: ciò quindi ci mette ulteriormente in guardia dall’ interpretare come ci pare le rivelazioni private!
La visione della Emmerick riguarda la situazione della Chiesa nel 19 ° secolo, e sono identificati i due papi: Bonifacio IV regnò nel 608-615; Pio VII regnò nel 1800-1823. I passaggi rilevanti sono citati qui di seguito:  “Poi ho avuto una visione meravigliosa.  “Roma mi è apparsa improvvisamente nei primi tempi … ho visto un Papa (Bonifacio IV), e un imperatore il cui nome non conoscevo. Non riuscivo a trovare la mia strada nella città, anche le cerimonie sacre; eppure le ho riconosciute come cattoliche …
Papa Bonifacio IV  “Quando avevo assistito a questa visione, anche nei più piccoli dettagli, ho visto ancora una volta l’attuale Papa (Pio VII) e la chiesa buia del tempo a Roma. Sembrava essere una grande, vecchia casa come un municipio con colonne di fronte … [questa descrizione si adatta ad un tempio massonico di quel tempo].  ” Poi ho visto la connessione tra i due papi e i due templi … Il quadro era favorevole ai primi tempi, perché in loro l’idolatria era in calo, mentre AI NOSTRI GIORNI è proprio il contrario. “ Papa Pio VII
( “La vita e le rivelazioni di Anna Caterina Emmerick completi”, pagina 277 e segg.)
Card José Saraiva Martins, prefetto della Congregazione delle cause dei Santi: non autentici gli scritti attribuiti alla Emmerick «La beata ( Anna Katharina Emmerick, 1774-1824 ) ci ha lasciato di sicuro solo tre lettere.
Gli altri scritti, che le vengono erroneamente attribuiti, hanno diversa origine:
Le “visioni’” della Passione di Cristo furono annotate, rielaborate con grande libertà e senza alcun controllo, dallo scrittore tedesco Clemens Brentano ( 1778-1842 ) e vennero pubblicate nel 1833 con il titolo:
L’acerba passione di nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo. Pertanto, le opere in discussione non possono considerarsi né scritte né dettate dalla Emmerick e neppure autentiche trascrizioni delle sue affermazioni e delle sue narrazioni,
ma un’opera letteraria del Brentano e con tali ampliamenti e manipolazioni
che è impossibile stabilire quale sia il nucleo vero e proprio da potersi attribuire alla beata. Ne consegue che gli scritti in questione non sono lo specchio verace del pensiero e delle esperienze mistiche della monaca agostiniana.
Le singole affermazioni, sia quelle che esprimono una sana religiosità, sia quelle che presentano stranezze e sentimenti antisemiti, sono scaturite dalla creatività e dalla fantasia artistica del Brentano». Lo ha ribadito il cardinale José Saraiva Martins, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, in un articolo pubblicato dall’Osservatore Romano del 7 ottobre 2004. fonte: 30Giorni – mensile internazionale cattolico (http://www.30giorni.it/in_breve_id_n…g_32125_l1.htm )
CHI ERA DAVVERO SAN MALACHIA?

SAN MALACHIA Malachia O’Morgair era un monaco irlandese cistercense, arcivescovo di Armagh, vissuto tra il 1094 e il 1148, oggi noto per la Profetia Summis Pontifices che, però, venne alla luce soltanto 450 anni dopo la sua morte, inserita in un’opera in lingua latina del monaco benedettino Arnoldo Wion, Lignum Vitae (1595), il quale la introduce soltanto con queste parole: “San Malachia morì il 2 novembre 1148. Noi possediamo tre lettere di San Bernardo a lui indirizzate, le epistole CCCXIII, CCCXVI e CCCXVII. ‘Si crede’ (quindi non è sicuro) che egli abbia scritto pure qualche opuscolo. Ma di lui non conosco che una certa profezia sui Sovrani Pontefici. Siccome questo scritto è breve e a quanto pare non è stato ancora stampato, lo riproduco qui per rispondere al desiderio di parecchi”. La profezia in realtà è un elenco di 111 papi, a partire da Celestino II (1143-1144) ognuno dei quali definito da un breve motto in latino che dovrebbe metterne in evidenza il nome, il simbolo, il luogo di provenienza o comunque un elemento che lo contraddistingue. Dopo l’elenco dei 111 papi, nel manoscritto si trova un’intera frase che recita così: “Nella persecuzione estrema, il trono della Santa Romana Chiesa verrà occupato da Pietro il Romano, che pascerà il suo gregge fra molte sofferenze, finite le quali la città dei sette colli verrà distrutta e il tremendo Giudice giudicherà il proprio popolo. Fine (o Amen)”. La profezia era già tornata di grande attualità dopo la morte di Giovanni Paolo II, che era il 110mo nell’elenco e ovviamente lo è ancora di più da quando Benedetto XVI ha rinunciato al ministero di vescovo di Roma. L’autenticità della profezia è stata però ripetutamente smentita da una seria ricerca storica. San Malachia non è anonimo monaco, al contrario è stato una figura molto importante della Chiesa irlandese e del monachesimo cistercense. Non per niente San Bernardo ne ha scritto la biografia citando tutti gli aspetti possibili, personali e di governo della Chiesa, senza mai menzionare presunte profezie o rivelazioni personali riguardo al succedersi dei Papi. Il che sarebbe davvero strano se ci fosse stato un manoscritto del genere. Il quale è pubblicato invece per la prima volta, come detto, nel 1595. In secondo luogo, il riferimento ai Papi precedenti il 1590 è abbastanza preciso, con motti che richiamano lo stemma o il casato, mentre per i Papi successivi il riferimento è molto più vago e diventa possibile solo andando alla ricerca di elementi eterogenei cosa che, tra l’altro, renderebbe possibile la compatibilità con qualsiasi personaggio. Ad esempio, il primo papa della lista, Celestino II, è definito Ex castro Tiberi, con allusione al luogo di origine del Papa, che nacque a Città di Castello, sul fiume Tevere. Eugenio III (1145-1153) è definito Ex magnitudo montis, e anche qui il riferimento è al luogo di nascita: Montemagno, in provincia di Pisa. Se invece guardiamo ai papi della nostra epoca, le interpretazioni date ai rispettivi motti sono a dir poco forzate. Giovanni XXIII sarebbe Pastor et Nauta (pastore e marinaio) con riferimento al suo mandato di Patriarca di Venezia (antica repubblica marinara) o al ruolo di “traghettatore della Chiesa nel mare della modernità” attraverso il Concilio Vaticano II. Paolo VI è indicato dal motto Flos Forum, fiore dei fiori, definizione che alcuni attribuiscono al giglio: nello stemma di Paolo VI compaiono tre gigli. Giovanni Paolo I èDe Medietate lunae, che molti hanno riferito al fatto che il suo pontificato – 33 giorni – è durato “il tempo di una luna” con riferimento al mese lunare; in realtà il mese lunare è di 28 giorni e mezzo mese lunare, come indica il motto, è quindi di 14 giorni. Giovanni Paolo II sarebbe De labore solis, che alcuni vedono come riferimento alla provenienza da un Paese dell’Est (dove sorge il sole). Benedetto XVI sarebbe poi De gloria olivae, motto che fa faticare non poco gli esegeti di Malachia: l’interpretazione che va per la maggiore fa riferimento al nome Benedetto sostenendo che i benedettini sono chiamati anche olivetani, il che però non è vero in quanto gli Olivetani sono soltanto un ramo riformato del monachesimo benedettino; più recentemente ci si è riferiti al fatto che Benedetto XVI ha canonizzato il fondatore degli Olivetani, san Bernardo Tolomei, ma si vede che per poter rendere credibile la profezia bisogna fare un notevole sforzo di fantasia. Del resto come non notare che un motto del genere è così vago da potersi adattare a chiunque? A un papa italiano (terra degli ulivi) come a un papa mediorientale o nordafricano (di carnagione olivastra) o anche a un papa impegnato per la pace (l’ulivo è simbolo di pace). Qualcuno prima del conclave che ha poi portato all’elezione del cardinal Ratzinger, aveva visto nella profezia di Malachia un rafforzamento della candidatura al papato del cardinal Martini, ma era sicuramente qualcuno esperto di cocktail, visto che aveva associato l’oliva al Martini. Un altro elemento sottolineato dai critici è il fatto che nell’interpretazione classica, nell’elenco dei Papi sono considerati anche dieci anti-papa, il che è quantomeno curioso. Per la Chiesa gli anti-papa non possono essere certo inclusi nella successione di Pietro (tanto è vero che l’esistenza di un anti-papa Giovanni XXIII all’inizio del XV secolo non ha impedito che papa Roncalli assumesse quel nome nel 1958) né nella profezia si fa menzione di eventuali anti-papa, come ci si aspetterebbe. Se dovessimo perciò togliere gli anti-papa dall’elenco troveremmo che Benedetto XVI non sarebbe più il 111esimo Papa della lista ma soltanto il 101mo, con tanti auguri agli esegeti per trovare un nuovo aggancio tra persona e motto. Un ultimo problema riguarda il 112esimo della lista, Petrus Romanus. Secondo alcuni storici si tratterebbe di un’aggiunta al testo inserita nel XIX secolo, ma a parte questo, la profezia non parla di un 112esimo papa. La cosa ha dato adito a due interpretazioni. La prima è che ci possano essere altri papi dopo il numero 111 e prima di Petrus Romanus, che poi nella tradizione è diventato Pietro II: in questo caso la fine della Chiesa e del mondo sarebbe rimandata a data da destinarsi. La seconda è che dopo Benedetto XVI non ci sia un altro Papa, ma un “reggente” che guidi la Chiesa senza che ci siano tempo e condizioni per la convocazione o la conclusione di un conclave. In questo caso la fine sarebbe davvero prossima: al venir meno di un papa (per morte o, come in questo caso, per rinuncia) la reggenza della Chiesa spetta infatti, fino all’elezione del papa successivo, al cardinale Camerlengo di Santa Romana Chiesa. Quindi, dopo la rinuncia di Benedetto XVI, ci sarebbe dovuto essere come reggente il Camerlengo, che in quel momento era il cardinale Tarcisio Bertone, che era anche segretario di Stato vaticano. Ebbene, il nome completo del cardinale Bertone è Tarcisio Pietro Evasio, nato a Romano Canavese: ed ecco fatto Petrus Romanus, a patto di non farsi domande sul perché Malachia avrebbe indicato il secondo nome e non il primo, e usato come aggettivo (Romanus) il nome della città che in questo caso è sostantivo. Ma, del resto, quando si è fermamente intenzionati a credere al catastrofismo apocalittico, si prende per buono tutto ed il contrario di tutto…. Fonti: Libro «2012 – Catastrofismo e fine dei tempi», Piemme http://mariadivinemercytrueorfalse.blogspot.it/2016/03/blessed-anne-catherine-emmerich.html#more
Condividi:  Pubblicalo Posted on 30 aprile 2016Posted in Eresie e falsi profeti1 commento
Papa Francesco ringrazia e incoraggia il FAMILY DAY:”Voi avete retta coscienza cristiana “ family-day-francesco-300×200“Andate avanti così”: questo l’incoraggiamento del Papa a Massimo Gandolfini, presidente del “Comitato Difendiamo i nostri figli”, durante l’udienza del 29 aprile 2016 in Vaticano. “Molte sono le sfide che stiamo affrontando”ha spiegato Gandolfini in un’intervista
a Radio Vaticana,dopo l’incontro con il Pontefice. Gandolfini – Il Papa si è detto molto soddisfatto; era al corrente dei due “Family Day” del 20 giugno 2015 e del 30 gennaio scorso; ho chiesto proprio esplicitamente se poteva darmi una parola e sostanzialmente il Papa ha detto: “Sono molto contento; vi ringrazio per quello che state facendo”; e io gli ho posto proprio la domanda esplicita: “Dobbiamo andare avanti? Vuole dare qualche correzione?”. Mi ha detto: “Andate avanti così; siate un laicato forte, ben formato, con una retta coscienza cristiana”. E poi: “Agite liberamente”. Io ho fatto presente al Santo Padre che noi non siamo “contro” nessuno e che quando veniamo rappresentati come omofobi, come qualcuno che ce l’ha con le persone di pari sesso eccetera, ho detto al Santo Padre che è una rappresentazione falsa: perché personalmente e anche come comitato non siamo schierati “contro” nessuno. Siamo schierati “contro” delle ideologie che sono anche rappresentate per legge. Io ho parlato al Santo Padre della legge che purtroppo ormai sta arrivando alla fine, quella sulle unioni civili e ho detto al Santo Padre che questa è una pessima legge perché paragona e omologa le unioni tra persone di pari sesso alla famiglia con tutta la cascata di cose orribili. Ho parlato al Santo Padre anche dell’utero in affitto, della “stepchild adoption”, di tutte queste cose, per cui è “contro” questo tipo di azione legislativa e di mentalità, di cultura che noi ci schieriamo. D. – Proprio su questo punto, il 9 maggio inizia di fatto la discussione alla Camera. Se il calendario chiude e viene rispettato, il 12 ci sarà il voto finale. Come vi preparate per questa data? Gandolfini – Innanzitutto, questa data è significativa perché il 12 maggio 2007 ci fu il primo “Family Day” ed è impressionante che probabilmente la legge passerà proprio il 12 maggio, probabilmente con il voto di fiducia che il governo deciderà di metterci. Noi abbiamo intenzione già di intraprendere alcuni percorsi. Il primo percorso è quello costituzionale. Stiamo già facendo appello direttamente al presidente della Repubblica perché vagli con estrema attenzione e rigore i profili di incostituzionalità che una sessantina di specialisti costituzionalisti e uomini di scienze giuridiche gli hanno presentato: perché i profili di incostituzionalità di questa legge ci sono e sono più d’uno, sono tanti. In più, faremo naturalmente anche un appello alla Corte costituzionale, più o meno per gli stessi principi e poi, naturalmente, cercheremo di muoverci il più possibile per vedere se, in un futuro forse neanche così lontano, non possiamo prendere in considerazione un referendum abrogativo. D. – La prossima sfida del Comitato “Difendiamo i nostri figli”?

Papa Francesco: No a ideologia gender e a matrimoni gay Gandolfini – Bè, la prossima sfida, cioè quella che abbiamo più vicina: innanzitutto, faremo una convention, una seconda convention, un incontro dei nostri comitati, dei nostri simpatizzanti sul territorio il 28 maggio, qui a Roma. E magari ci sarà l’occasione di poter dire qualcosa di più. Stiamo continuando a lavorare molto con il Ministero per quanto riguarda la scuola, il famoso “comma 16, art. 1 della legge 107”, per avere una garanzia assoluta che in Italia, quando si parla di genere, si intende sesso. Guardi, se semplicemente si accettasse l’idea di scriverlo nero su bianco – per la cultura e la tradizione italiana, genere è sesso, maschile e femminile – si capirebbero tante confusioni, tanti malintesi e potremmo essere tutti molto più tranquilli e sereni. Non sarà certamente contento il “progressista” Massimo Faggioli, che aveva parlato di «grande freddo» tra il Papa e il Family Day, oggi si è rivelata una giornata di grande freddo sulla sua attendibilità come opinionista! In realtà, che Papa Francesco fosse ben a conoscenza del Family Day lo si era capito dall’approvazione da parte della Conferenza Episcopale Italiana, nonché dal suo netto intervento a pochi giorni dal 30 gennaio, quando disse: «la Chiesa ha indicato al mondo che NON PUO’ ESSERCI CONFUSIONE TRA LA FAMIGLIA VOLUTA DA DIO E OGNI ALTRO TIPO DI UNIONE . La famiglia, fondata sul matrimonio indissolubile, unitivo e procreativo, appartiene al “sogno” di Dio e della sua Chiesa per la salvezza dell’umanità. Per mezzo del matrimonio e della famiglia Iddio ha sapientemente unite due tra le maggiori realtà umane: la missione di trasmettere la vita e l’amore vicendevole e legittimo dell’uomo e della donna, per il quale essi sono chiamati a completarsi vicendevolmente in una donazione reciproca non soltanto fisica, ma soprattutto spirituale».

NO ALLA LEGGE CIRINNA’ ,Comitato Difendiamo i nostri figli Papa Francesco era anche intervenuto pochi giorni prima del referendum sloveno sull’abrogazione del matrimonio gay, vinto dai sostenitori della famiglia, invitando i pellegrini sloveni a «sostenere la famiglia, struttura di riferimento del vivere sociale», esprimendo «apprezzamento all’intera Chiesa slovena in favore della famiglia» e incoraggiando «tutti, specialmente quanti hanno responsabilità pubbliche, a sostenere la famiglia, struttura di riferimento del vivere sociale». Il 14 novembre 2014, infine, Papa Francesco aveva anche incontrato una delegazione di responsabili della “Manif Pour Tous“ italiana, l’associazione in difesa della famiglia naturale, congratulandosi con loro per l’importanza dell’attività svolta. Fonti:Radio Vaticana,Uccr
Condividi:  Pubblicalo Posted on 29 aprile 2016Posted in Spiritualità
Santa Caterina da Siena,gli Angeli di Dio e l’inferno 29 aprile Memoria liturgica di Santa Caterina da Siena ,Dottore della Chiesa e Patrona d’Italia insieme a San Francesco d’Assisi e dal 1999 è anche compatrona d’Europa, insieme a Edith Stein (Santa Teresa Benedetta della Croce) e S.Brigida di Svezia,S. Benedetto di Norcia e Santi Cirillo e Metodio. Caterina nasce a Siena nel 1347. Ultima dei venticinque figli del tintore Jacopo Benincasa, a dodici anni è promessa a un giovane senese, ma la giovane rifiuta il matrimonio combinato dai genitori (secondo le consuetudini del tempo), e per apparire meno bella si taglia i capelli. La reazione dei genitori è molto dura: la obbligano ai lavori più umili e pesanti. La punizione familiare cessa quando il padre, vedendola pregare, si rende conto che non è come le altre figlie. Libera di seguire la sua strada, veste l’abito delle Mantellate del Terzo Ordine domenicano e per tre anni si ritira in silenzio quasi assoluto nella sua casa.

MATRIMONIO MISTICO CON GESU’ ,VISIONE DI S.CATERINA DA SIENA A vent’anni le appare Gesù con Maria e altri santi, le pone l’anello nuziale al dito e, in una successiva visione, le chiede di dedicarsi al rinnovamento della Chiesa. Caterina inizia così il suo impegno nella vita pubblica, percorrendo le strade non solo di Torino e d’Italia. Numerose personalità del tempo, uomini e donne, politici e cardinali, religiosi e laici, sono toccate dal suo carisma e si stringono attorno a lei, scegliendola come loro madre e maestra. Pur essendo semianalfabeta, dètta un importante trattato di mistica, numerose lettere e poesie, indicando Gesù come guida e modello per tutti. … La sua carità verso i poveri e i malati, l’assistenza ai condannati a morte e le conversioni che seguono, attirano l’attenzione e l’entusiasmo del popolo semplice che la ritiene una santa, ma le procurano anche tante calunnie . A Pisa, nella Chiesa di Santa Cristina, nel 1375, riceve le stimmate, quale segno della sua perfetta identificazione con il Crocifisso; cinque piaghe che rimangono invisibili per significare i dolori soprattutto morali che avrebbe sopportato per l’unità della Chiesa. Le sue lettere raggiungono anche PAPA URBANO VI (lo chiama “IL DOLCE CRISTO IN TERRA”), che risiede esule ad Avignone, chiedendogli di porre fine al lungo esilio e fare ritorno coraggiosamente a Roma. Una lettera splendida ,in cui Santa Caterina esorta il Papa a ritornare “NEL LUOGO VOSTRO “, Roma, e a non temere le calunnie e i vizi dei nemici che lo hanno percosso e non lo riconoscono come Papa:”io vedo che nel luogo vostro,(Roma), che SIETE CRISTO IN TERRA, si vede l’inferno di molte iniquità, col veleno dell’amore proprio; il quale amore gli ha mossi a levare il capo contra di voi, non volendo sostenere la Santità vostra che vivessero in tanta miseria…..E sostenendo Voi senza colpa le percosse di questi iniqui, che col bastone vogliono percuoter la Santità vostra, riceverete la luce.
Perocché la verità è quella cosa che ci libera. E perchè verità è, che eletto dallo Spirito Santo e da loro, Vicario Suo siete, la tenebra della bugia e della eresia, la quale hanno levata, non potrà contra questa luce ” . (Lettera a Papa Urbano VI http://www.veniteadme.org/la-lettera-di-santa-caterina-da-siena-papa-urbano-vi/) Stremata dalla fatica di una vita intensa, Caterina si spegne a Roma il 29 aprile 1380 a soli trentatré anni. Canonizzata nel 1491, è proclamata dottore della Chiesa da Paolo VI nel 1970. Protettrice delle infermiere italiane, è invocata dalle donne contro l’asportazione del seno, nonché contro la cefalea e le pestilenze. In una rivelazione Gesù le parla delle pene dell’INFERNO e dichiara: “ (a. 1378, Il Dialogo, cap. XXXVIII): Figliola, la lingua non è sufficiente a narrare le pene di queste poverelle anime. Come sono tre i principali vizi: cioè l’amor proprio, da cui nasce il secondo cioè la propria reputazione, da cui procede il terzo, cioè la superbia con falsità ed ingiustizia e crudeltà, e con altri iniqui ed immondi peccati che dopo questi seguono”. Ed ancora (Cap. XL) : “E’ tanto l’odio che i dannati hanno che non possono volere né desiderare alcun bene, ma sempre mi bestemmiano. E sai perché essi non possono desiderare il bene? Perché, finita la vita dell’uomo, è legato il libero arbitrio, e perduto essi hanno il tempo. Se essi finiscono in odio con la colpa del peccato mortale, sempre per divina giustizia sta legata l’anima col legame dell’odio, e sempre sta ostinata in quel male che ella ha”. Durante un dialogo con il Padre eterno, Santa Caterina riporta le parole di Dio sulla divina Provvidenza e sull’intervento degli Angeli di Dio nella vita umana: “A volte essa (la Provvidenza di Dio) si esercita sui grandi servitori senza passare per la creatura, direttamente, così come hai provato tu stessa e come hai sentito dire dal glorioso padre san Domenico. Il beneamato servitore vide un giorno che i monaci non avevano nulla da mangiare e disse, pieno di fede e certo che Io l’avrei soccorso: ‘Figli miei, sedetevi’. Obbedendogli, i monaci si sedettero alla tavola. Allora Io, che aiuto tutti coloro che ripongono le proprie speranze in Me, inviai DUE ANGELI a portare dei pani bianchissimi in così grande quantità che bastarono per molti pasti. Ecco un esempio in cui la Mia Provvidenza agisce senza il tramite dell’uomo e solo attraverso la clemenza dello Spirito Santo”. 0429-wIL MIRACOLO DEL CUORE DI SANTA CATERINA Secondo il suo confessore e storico Beato Raimondo da Capua, Santa Caterina da Siena recava una cicatrice sulla sinistra del petto, come attestavano le compagne che l’avrebbero vista molte volte. E per il biografo la cicatrice era prova del fatto che il Signore aveva squarciato il petto della Santa, per prenderle il cuore e restituirglielo tempo dopo, purificato e risplendente. Ma già prima la Santa aveva avuto i dolori della corona di spine, quindi, nel 1375, aveva ricevuto le sacre stigmate. Racconta Raimondo da Capua, testimone e confidente: “La prudentissima vergine m’aggiungeva di aver sperimentato nel proprio corpo qualcosa di ciascun patimento di Lui; qualcosa, stimando impossibile di poter sostenere tutta intera la Passione di Gesù. Diceva pure che il maggior dolore sofferto dal Crocifisso fu nel petto, a causa della disgiunzione delle ossa, e in prova di questo lei adduceva i dolori del proprio corpo: tutti le erano passati, ma quello no. Benché ogni giorno lei soffrisse continuamente di dolori ai fianchi e al capo, confermava che i dolori del petto erano impossibili, né per lei, né per lo stesso Salvatore. Le ossa del petto, infatti, disposte dalla natura a protezione del cuore e dei polmoni, non possono disunirsi senza che il cuore non ne risenta fortemente e ,forse, eccetto per miracolo, non potrebbe accadere ad un altro senza morirne (…) Dopo che il corpo della santa vergine provò la passione,che le durò molti giorni, si indebolirono senza dubbio le sue forze, ma moltiplicò l’amore nel suo cuore (…). La forza di quell’amore fu tale, che il cuore della vergine si divise nel mezzo in due pareti, e così, rotte le vene vitali, solo a causa della veemenza del Divino Amore, e non per altra cagione, lei spirò. Molti furono i testimoni presenti a questa morte, e alcuni sono ancora vivi, i quali lo dissero a me per primo. Allora mi recai da lei serio serio, e con ogni attenzione cercai di frugare nel suo pensiero, e la supplicai di dirmi la verità. Invece di rispondermi, diede in un pianto dirotto. Passato del tempo, finalmente mi disse: “Padre, avreste voi compassione di un ‘anima la quale, liberata da un carcere tenebroso, dopo aver veduto, sia di nuovo rinchiusa nelle tenebre? Quell’infelice sono io! Tutto ciò è accaduto a me per le mie colpe, avendo così disposto la provvidenza di Dio”. Queste parole accrebbero la mia curiosità di sapere come si era svolta una cosa così portentosa, e le domandai: “Figlia cara,ma l’anima tua fu veramente separata dal corpo?”. E Lei: “Il fuoco del Divino Amore, e il desiderio di unirmi a Colui che io amo, erano tanto accesi, che se anche il mio cuore fosse stato di pietra o di acciaio si sarebbe spezzato ugualmente e aperto”. santacaterinadasiena.png Don Marcello Stanzione http://www.santiangelididio.org/2-uncategorised/223-santa-caterina-da-siena-e-gli-angeli.html
Condividi:  Pubblicalo Posted on 29 aprile 2016Posted in Preghiere e meditazioni dei Santi
FAMIGLIE ROVINATE DALLA SETTA DI MDM e da settarismi analoghi
mdmdevil
MDM ,Maria Divina Misericordia,una dei tanti falsi profeti sorti oggi contro Papa Francesco Sempre di più ci giungono da ogni parte d’Italia APPELLI ALLARMANTI da parte di madri e mogli disperate perchè i loro mariti o fidanzati trascurano le loro famiglie ,trascurano i loro veri affetti ed il lavoro e le loro responsabilità (che sono i doveri primari di un buon cristiano!) ,per seguire a tempo pieno gruppi falsamente “cattolici” di “rosarianti” che impongono catene di preghiera “secondo i messaggi della falsa veggente Maria Divina Misericordia” (l’irlandese Mary Carberry che sul web si spaccia per Mary Divine Mercy) ,che invita a “pregare affinchè Papa Francesco muoia o se ne vada dal Vaticano,perchè il Papa sarebbe l’alleato dell’Anticristo e l’apocalisse è vicina”… Gruppi che si riuniscono sui socialnetwork,con messaggi martellanti,preghiere ossessive dettate dall’inquietudine e dalla paura (non dalla Fiducia nella Divina Provvidenza e nelle Promesse di Cristo: queste preghiere sono vane ,perchè non sono preghiere NELLA VOLONTA’ DI DIO),poi si danno appuntamento in “FALSI GRUPPI DI PREGHIERA” in varie località italiane …LO SCOPO DI SATANA E’ SEMPRE QUELLO DI DIVIDERE CHI SI AMA E DI TOGLIERE LA SPERANZA E LA FIDUCIA NELLA CHIESA E NELLE PROMESSE DI CRISTO:in primis,satana mira a dividere i coniugi ed ogni persona dai propri veri affetti ,perchè il suo scopo è di indurre l’irretito a vedere nemici ovunque (tranne dentro se stesso!),quindi ad inveire anche contro i propri cari ,se questi ultimi non si adeguano alle sue ossessioni ; l’obiettivo è quello di insinuare dubbi e sfiducia verso il Papa ,per allontanare i fedeli dalla Chiesa e così poterli far dominare da santoni sètte ed opinionisti catastrofisti di turno ! E così aumentano depressioni angosce e mali spirituali e famiglie sfasciate. QUELLA DI MDM NON E’ LA SOLA SETTA CHE PREDICA GLI STESSI INGANNI DIABOLICI e provoca gli stessi enormi danni ai fedeli: purtroppo tanti sacerdoti non conoscono la terribile diabolica insidia dei “messaggi di MDM” contro la Chiesa e di altri gruppi scismatici analoghi,che abbiamo trattato in questo blog,come la “Chiesa universale della Nuova Gerusalemme” sorta a Gallinaro in provincia di Frosinone ,e vari gruppi similari che ,sbandierando la presunta “difesa dell’ortodossia della Chiesa” ,si dedicano quotidianamente alla diffamazione calunniosa ed insidiosa di Papa Francesco .IN DEFENSE OF POPE FRANCIS IL PECCATO GRAVE DI SCISMA FORMALE:IL NON RICONOSCERE IL PAPA . Per tutti coloro che commettono l’apostasia,o eresia, o scisma formale,vi è la scomunica latae sententiae (automatica).  Can 751 L’eresia è la negazione ostinata o il dubbio ostinato dopo la ricezione del battesimo di una qualche verità che si deve credere per fede divina e cattolica; l’apostasia è il ripudio totale della fede cristiana; lo scisma è il rifiuto della sottomissione al Sommo Pontefice o della comunione con i membri della Chiesa a lui soggetti.  Canon 1364 §1: apostata dalla fede, un eretico o scismatico incorre nella scomunica latae sententiae. E ‘tristemente ironico che alcuni cattolici si sono tagliati automaticamente fuori dalla Chiesa,accusando falsamente il Papa di aver cessato di essere un membro della Chiesa, ma da questo rifiuto del Papa, essi stessi hanno cessato di essere membri formali della Chiesa. E’ Cristo che ci garantisce l’infallibilità del Suo Vicario in terra ,il Papa ,in materia di fede e di morale e di custodia della dottrina millenaria della Chiesa. E questo indipendentemente dalla sua impeccabilità o meno come persona: QUESTO E’ CIO’ CHE TUTTI I SANTI HANNO Su_questa_pietra_b2SEMPRE SEGUITO E CREDUTO .Le Promesse di Cristo nel Vangelo ci garantiscono che la Chiesa è Santa in virtù della Santità di Cristo stesso che l’ha fondata e che ci ha garantito che la Chiesa ,anche se tra le tempeste della storia ,tra Santi e peccatori, vivrà in eterno protetta ispirata ed amata da Cristo, fino alla fine dei tempi ,perchè la Chiesa appartiene a Cristo e Maria è Madre della Chiesa ! Gesù ha garantito l’indefettibilità della Chiesa, cioè che la Chiesa non può andare MAI fuori strada, e che Pietro e i suoi successori sono la Roccia su cui si fonda l’indefettibilità della Chiesa (Mt 16: 17-19). Così accusando il Papa di eresia, SI ACCUSA GESU’ DI MENTIRE e di non riuscire a proteggere la Sua Chiesa. Gesù ha pregato affinchè LA FEDE DI OGNI PAPA NON VENGA MAI MENO ,quindi abbiamo l’Autorità indiscussa di Cristo sul Papato.(Vangelo di Luca,22:32) Nessun Papa può mai commettere l’apostasia o l’eresia o scisma, perché la grazia di Dio assolutamente lo impedisce, per il bene della Chiesa e dei fedeli. E se c’è chi sostiene che i vari Santi e Dottori della Chiesa avrebbero detto che il Papa può commettere l’eresia, la mia risposta è che le opinioni dei Santi sono sempre soggette agli insegnamenti del Magistero.San Tommaso D’Aquino ,grande Dottore della Chiesa, commise un errore nella Summa Theologica sulla Immacolata Concezione. Il Magistero, in un secondo momento, definitivamente risolse la questione contraddicendo la sua opinione. E non siamo liberi, oggi, di mantenere la sua opinione in quel merito, anche se S.Tommaso rimane sempre un santo e dottore della Chiesa. Noi siamo sotto l’autorità del Papa e dei Vescovi, così com’era. E nessun Santo o Dottore della Chiesa ha mai accusato alcun Papa di eresia. Alcuni hanno scritto circa il mero caso ipotetico. Ma nessuno ha mai fatto una tale accusa, come alcuni cattolici ignoranti e arroganti stanno facendo oggi . Chi vive in uno stato di grazia è un membro della vera Chiesa, almeno implicitamente. Ma apostati, eretici, scismatici non sono più membri formali della Chiesa, anche se dicono di “seguire la loro coscienza”. Almeno certa gente sappia che sta ricevendo Comunioni sacrileghe,perchè dal momento che non riconosce il Papa come tale, non riconosce neanche l’Autorità di Cristo nella Chiesa. Quindi queste persone sono in stato di SCISMA FORMALE.  Articolo tratto e tradotto dal libro IN DIFESA DI PAPA FRANCESCO del teologo cattolico romano e traduttore della Bibbia RONALD L. CONTE Jr. Questo testo ha il pregio di contenere teologia dogmatica millenaria ed incostestabile sulla natura divina della Chiesa e del Papato http://www.amazon.com/Defense-Pope-Francis-Ronald-Conte-ebook/dp/B015YH15DY/
Condividi:  Pubblicalo Posted on 29 aprile 2016Posted in Eresie e falsi profeti
MARIA NOSTRA FORZA E NOSTRA DIFESA consacrazione_408qvqnb.pngarticolo di PADRE FRANCESCO BAMONTE, sacerdote esorcista, religioso dei Servi del Cuore Immacolato di Maria, Presidente dell’Associazione Internazionale Esorcisti. S. LUIGI MARIA GRIGNION DA MONFORT nel «Trattato della vera devozione a Maria» ci invita a fare la Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria perchè Lei con la sua Umiltà vince sempre ogni male, Lei è la nostra difesa potente contro il maligno e contro le sue menzogne: i demoni La temono moltissimo, perchè MARIA, Madre di Cristo Dio, è MADRE DELLA CHIESA e Madre nostra, vero Aiuto dei Cristiani: «Dio non ha mai fatto o formato che una sola inimicizia, ma irriconciliabile, che durerà, anzi aumenterà sino alla fine: quella fra Maria, Sua degna Madre, e il diavolo; tra i figli e i servi della S. Vergine, e i figli e i seguaci di Lucifero; così che la più terribile nemica del diavolo, creata da Dio, è Maria, la Sua Santa Madre. Egli le donò fin dal paradiso terrestre, quantunque ella non fosse ancora che nella sua mente, tanta abilità per scoprire la malizia di questo antico serpente, tanta forza per vincere, atterrare, umiliare quest’empio orgoglioso, che egli la teme non solamente più degli angeli e degli uomini, ma, in un certo senso, più di Dio stesso. Non già che la potenza di Dio non sia infinitamente più grande di quella della Santissima Vergine, poiché Maria è la Creatura tutta pura e la più eletta da Dio, ma è sempre una Creatura; ma prima di tutto perché Satana essendo orgoglioso soffre infinitamente di più d’essere vinto e punito da una piccola e umile serva di Dio: l’umiltà di Lei lo umilia più che la potenza di Dio. In secondo luogo perché Dio diede a Maria un potere così grande contro i demoni che essi temono di più, come essi stessi furono obbligati a confessare loro malgrado per bocca degli ossessi, uno solo dei suoi sospiri per qualche anima, che le preghiere di tutti i santi, una sola delle sue minacce contro di essi che tutti gli altri tormenti. ….L’umile Maria avrà sempre vittoria sopra questo orgoglioso, una vittoria così grande da giungere fino a schiacciargli la testa ove risiede il suo orgoglio. Ella scoprirà sempre la sua malizia di serpente, ne sventerà i piani infernali e dissiperà i diabolici consigli e difenderà sino alla fine del mondo i suoi servi fedeli da quei crudeli artigli» (Trattato della vera devozione a Maria cfr. n°50.7; 51-52; 54). «Porrò inimicizia fra te e la Donna». Genesi 3,15 Nel libro dell’Apocalisse 12,1-4, ci viene descritta una lotta implacabile tra una Donna vestita di sole che rappresenta Maria e la Chiesa e un enorme drago rosso che rappresenta il diavolo, Satana. Il libro dell’ Apocalisse descrivendo questa lotta, fa una profezia della battaglia fra la luce e le tenebre, fra il bene e il male, fra l’odio e l’amore, fra le schiere di Dio e le schiere di Satana, iniziata fin dall’origine del mondo e che si concluderà alla fine dei tempi quando le forze demoniache saranno definitivamente sconfitte con la vittoria finale di Cristo su Satana. Nelle prime pagine della Bibbia, nel libro della Genesi 3,15 a riguardo di questa lotta di Dio contro Satana, troviamo un’altra profezia che attraversa tutta la storia dell’umanità permettendoci di comprenderla in profondità: «Porrò inimicizia fra te e la Donna». È l’annuncio dell’opposizione irriducibile che vi sarebbe stata tra Satana, l’angelo superbo escluso dal Cielo, e l’umilissima Maria, la Madre del Redentore.
Il diavolo aveva trascinato l’umanità alla rovina con la collaborazione di una donna. E Dio oppone un’altra Donna, questa volta sottomessa e fedele, con il compito di vincere il diavolo strappandogli le anime redente dal sangue del Figlio. Questo è il significato profondo delle parole di Dio: «Io porrò inimicizia tra te e la Donna». Invano si cercherebbe di comprendere la storia umana, con le sue grandezze e le sue miserie, con i suoi slanci di bene e i suoi abissi di malvagità, se non alla luce di questa inimicizia irriducibile, che ha come campo di battaglia i cuori degli uomini di generazione in generazione, fino a quando il Signore GESU’ trionferà definitivamente. I SACERDOTI CHE ESERCITANO IL MINISTERO PASTORALE DEGLI ESORCISMI, quando nominano la Madonna, sperimentano come i demoni, per il loro grande odio e disprezzo nei suoi confronti, s’infuriano grandemente e senza osare mai di chiamarla per nome, dicono “quella”, e poi a “quella” aggiungono espressioni piene di ingiurie nei suoi confronti.
Dice S. Bonaventura che Maria è come un fuoco e come la cera si liquefa al calore del fuoco, così i demoni perdono le forze con le anime che si ricordano spesso del Santo Nome di Maria e l’invocano devotamente, tanto più se queste cercano d’imitarla. E S. Alfonso Maria de Liguori ci dice: «Oh, come tremano i demoni dell’inferno nel vedere Maria e nell’udire il suo bel nome. Beato chi nelle battaglie con l’inferno, invoca sempre il bel nome di Maria. Quante vittorie su questi nemici hanno riportato i devoti di Maria con il suo santissimo nome».
S. Tommaso da Kempis dice: «Non si teme sulla terra un grande esercito di nemici armati, quanto le potenze dell’inferno temono il nome della Vergine e la sua protezione su una persona. I demoni cadono abbattuti nell’udire il nome di Maria. Al tuono di questo grande nome il demonio fugge e l’inferno trema». CARI FRATELLI, la Divina Misericordia ha affidato la difesa della nostra anima alla sollecitudine materna della Piena di grazia, Nostra Madre Maria. La lotta implacabile fra la Donna vestita di sole e il dragone infernale ha come posta in palio le nostre anime, gemme preziose delle quali non vi è nulla di più caro a Dio nella creazione. Non è forse per salvare le nostre anime che il Verbo si è fatto carne e ha versato il Suo sangue sulla croce? MADONNA E GESU’ PICMIXA Maria Madre della Chiesa e dell’umanità, GESU’ Redentore ha affidato tutte le anime, perché le proteggesse.
In Lei, nel suo Cuore Immacolato, noi troviamo rifugio, dentro al suo Cuore Immacolato siamo come dentro ad una fortezza e non temiamo l’aspra battaglia. Lei smaschera l’ingannatore e il profumo delle sue virtù lo fa indietreggiare. Nella lotta quotidiana contro Satana rivestiamoci dell’armatura di Maria. La presenza e la materna protezione di Maria, sono un esorcismo al quale Satana non può resistere. Sia Maria nella nostra anima, nei nostri pensieri, nei nostri sentimenti e in tutto il nostro essere. Chi si affida e si consacra al Cuore Immacolato di Maria e vive questa consacrazione attraverso la preghiera del Santo Rosario, il sacrificio e il digiuno, cammina sotto la sua protezione, riuscirà a sfuggire a tutte le insidie del nemico infernale, si salverà lui e salverà anche tanti altri con lui.
Con queste armi, Maria, come il giovane Davide invia il suo popolo ad affrontare il gigante Golia confidando nel nome del Signore. Queste armi sono mezzi incomprensibili ai grandi del mondo, i quali si chiedono quali possibilità abbiano strumenti di questo genere per farci uscire dalla strettoia infernale nella quale si sono cacciati. In realtà Satana conosce queste armi per lui micidiali e le teme, mentre usa a suo piacimento quelle costruite dalla stoltezza degli uomini. Per quale motivo saranno questi mezzi umili, semplici e apparentemente inefficaci, a salvare il mondo? La ragione per chi ha gli occhi limpidi della fede, è evidente. La preghiera, i sacrifici e il digiuno, sono una richiesta fiduciosa rivolta a Dio perché intervenga Lui stesso con la sua potenza, laddove gli uomini sono impotenti. Nel momento dell’oscurità, dell’angoscia e della disperazione solo Dio potrà venire in nostro soccorso, ma è necessario che Maria possa presentarsi a Dio portandogli le nostre preghiere, i nostri sacrifici, i nostri digiuni. E allora tutti i figli e servi di Maria diventeranno con lei la potente intercessione presso Dio, che salverà il mondo. Queste armi apparentemente senza forza, otterranno che intervenga Colui che tutto può. Allora quella salvezza che agli occhi degli uomini pareva impossibile, per grazia divina diventerà possibile. PREGHIERA3380437_4c865 In questo momento denso di pericoli che l’umanità deve affrontare, a Te ci rivolgiamo o Maria perché sappiamo che Tu sei la Mamma che non ci abbandona, Tu sei la Regina vittoriosa che combatte e la Madre premurosa che ci protegge. Mentre Satana macchina le sue trame di distruzione e di morte, Tu prepari i tuoi piani di misericordia e di salvezza. Nell’oscurità di un mondo senza cuore, Tu continuamente accendi le fiamme della fede e dell’amore. Nell’ora in cui la diga del peccato e dell’odio trabocca, minacciando di travolgere la terra, Tu fai argine con l’esercito dei tuoi figli, umili e fedeli, che hanno risposto con prontezza alla tua chiamata. O Maria, Tu che sei l’Aiuto dei cristiani, sei la Madre della Chiesa, proteggi sempre la Chiesa di tuo Figlio Gesù Nostro Vero Dio e nostro Salvatore! O Madre dell’umanità, salva gli uomini dall’ eterno nemico. O Donna incoronata di stelle, schiaccia la testa alla serpe orgogliosa con la tua potenza regale. Il Tuo Cuore Immacolato trionferà sempre . Amen, Alleluja ! Padre Francesco Bamonte esorcista, Presidente dell’Associazione Internazionale Esorcisti.
Condividi:  Pubblicalo Posted on 28 aprile 2016Posted in Maria Santissima, Preghiere e meditazioni dei Santi
Riti satanici nelle Terme di Stabia: testimonianza di Ornella,salvata da una setta satanica Castellammare di Stabia aprile 2016 – Le Terme di Stabia,abbandonate al degrado, si trasformano in un covo di “Figli di Satana”, con tanto di riti satanici, atti sessuali e la comparsa sui muri e sul pavimento dello stabilimento termale di macchie rosse sangue e scritte inequivocabili,inneggianti a satana. E’ quanto riportato in esclusiva,sull’edizione cartacea di “Outside Free Press Indipendente” del Direttore Responsabile, Genny Manzo e del Vice Direttore, Ciro Serrapicascre-1024x57647_-e1460220404965-672×372 Già il 9 luglio del 2015 il dilagare di sette sataniche nella zona convinse alcuni membri di un gruppo di preghiera di Castellammare di Stabia, con l’aiuto di alcuni imprenditori, a noleggiare un elicottero per invocare la benedizione sulla città con un esorcismo dal cielo .L’iniziativa è di un sacerdote di Cava dei Tirreni (Salerno), che raccoglie ogni settimana numerosi fedeli in un santuario della zona per la preghiera e la meditazione. Dietro l’idea vi è l’aumento di profanazioni, furti sacrileghi nelle chiese ,furti di S.Ostie consacrate e danneggiamenti di croci e vandalismo nei cimiteri in tutta la zona.Tanti episodi dissacranti anticristiani che si ripetono ,insieme al dilagare della criminalità e del degrado.12970733_10207874465931863_796150673_o-300×200 sette-sataniche-4 LA TESTIMONIANZA DI ORNELLA ,FINITA NELLE MANI DI UNA SETTA SATANICA .Orrore a Pomigliano D’Arco: costretta a bere sperma umano e sangue di gatti sacrificati,abusata sessualmente nelle messe nere. Stava per morire. Ornella oggi ha 22 anni ed è malata di anoressia. In passato ha tentato due volte il suicidio. Segue settimanalmente un programma di recupero al centro antiviolenza Criminalt di Napoli. I suoi carnefici – nonostante le denunce alla polizia – sono riusciti a farla franca perché non è stato possibile dimostrare che la ragazza non fosse consenziente quando prendeva parte ai rituali satanici. “Il peggio sembra essere alle spalle”, spiega a Retenews24 Mariarosaria Alfieri, la specialista che la tiene in cura: “Il percorso di recupero è ancora lungo e deve fare i conti con danni psicologici irreparabili. Il lavoro di ricostruzione della terribile vicenda umana è stato difficile e si è scontrato con la condizione fisica non ottimale della paziente”. La dottoressa Alfieri chiarisce che il racconto del dramma di Ornella ha una finalità principalmente preventiva per evitare che altri giovani cadano nella trappola delle sette sataniche. Una storia cruda quella di Ornella caduta per amore in una setta satanica. Il suo calvario ha inizio nel 2009 quando con la famiglia si trasferisce da Frosinone a Pomigliano D’Arco. È sola, senza amici, Ornella che ha appena 19 anni cerca rifugio nelle chat dove conosce Maurizio, un ragazzo napoletano di cui si innamora perdutamente. E’ un momento difficile per la giovane che da poco ha perso il padre, Salvatore, per una malattia incurabile. Con Maurizio ritrova il sorriso. Il passo verso l’inferno è, però, breve e repentino. Il fidanzato fa parte di una setta satanica. E’ il novembre del 2010 quando Ornella fa il suo ingresso nel gruppo di Satana partecipando ai rituali. Costretta a pulire escrementi di animali e di altri adepti, raccoglierli a mani nude. Quando durante qualche riunione, o meglio rituale, sgozzavano i gatti, Ornella doveva bere il loro sangue. Un solo giorno a settimana la facevano mangiare abbondantemente e le somministravano gli energizzanti. Agli incontri dove erano presenti sia uomini che donne lei doveva presentarsi nuda. Tutti gli astanti abusavano di lei e lo sperma umano misto al sangue dei gatti veniva raccolto in alcuni vasetti che poi doveva ingoiare. La giovane mente alla famiglia, ma ad un certo punto crolla. Si ammala. Sviene di continuo non riesce più a reggersi . Il gruppo ha paura che possa morire, e tra l’altro in quelle condizioni Ornella non serve più a nessuno. La ragazza viene scaricata da una macchina fuori la porta di casa con addosso jeans maschili. Comincia il suo secondo calvario tra ospedali e programma di recupero. I suoi carnefici vengono denunciati alla polizia. Non ci sono prove per incastrare il gruppo satanico. Solo il racconto di una ragazza che adesso cerca di ritrovare una vita normale grazie all’associazione Criminalt. Fonte: Rete News 24 http://www.retenews24.it/…/orrore-a-pomigliano-darco-costr…/
Condividi:  Pubblicalo Posted on 27 aprile 2016Posted in Criminologia e sètte
La reincarnazione è incompatibile con la fede cristiana nella Resurrezione slide_46La credenza nella reincarnazione è assolutamente incompatibile con la fede cristiana nella risurrezione ,perchè predica la separazione tra spirito e materia. Molti cristiani credono nella reincarnazione perché ignorano la propria fede, e questo ha portato a molta confusione su questo argomento. 1. La reincarnazione è un concetto della spiritualità orientale, e afferma che lo spirito deve dissociarsi dal corpo materiale in cui si trova. 220px-reincarnation_asAnche se ci sono molte variazioni sulla credenza nella reincarnazione, possiamo definirla come la “dottrina in cui l’anima dell’uomo passa attraverso diversi corpi sino alla liberazione da ogni legame con la materia”. La reincarnazione è una credenza di origine orientale, diffusa nell’ambiente della New Age con qualche ritocco di occidentalizzazione che è diventata di moda, anche tra i cristiani che si sono allontanati dalla loro fede. Questa concezione del bilancio delle anime,che dopo la morte, si reincarnano in un altro corpo, e sono condannate a ritornare in questa vita per pagare per il male che hanno fatto in passato (induismo) o per migliorare la vita dopo la vita (spiritismo). La versione che si diffonde di più in Occidente,a partire dalla metà dell’Ottocento, grazie alla letteratura spiritista e gnostica, è molto più seducente, perché elimina il lato più duro e negativo (punizione nelle vite future), per puntare i riflettori su un piano egocentrico di auto-realizzazione,di maturità spirituale , l’evoluzione, e l’accumulo di esperienze. E nelle maggior parte delle versioni psicoanalitiche (S. Grof, T. Dethlefsen, B. Weiss),per spiegare facilmente tutti i mali della vita come conseguenze dei problemi nelle vite precedenti. Non vi è dubbio che le dottrine della reincarnazione vogliono dare una risposta ai problemi esistenziali come l’origine del male, la sofferenza, l’esistenza di disuguaglianze, il senso della giustizia oltre la morte … ma negano l’amore di Dio, la salvezza, il perdono di Dio, e non si assumono il libero arbitrio, ma sono dottrine fataliste ,in cui il destino è guidato da una legge inesorabile dove ognuno è solo nelle mani di se stesso. Attualmente vi è un sacco di confusione e ignoranza a causa della valanga di libri di film “auto-aiuto”, soap opera e serie televisive che trasmettono queste dottrine come prove scientifiche. Alcuni promotori dello spiritismo, della parapsicologia e dell’esoterismo di auto-aiuto hanno diffuso idee molto sbagliate sul tema. E ‘comprensibile che se uno è buddista, o aderisce alle credenze dell’induismo,deve essere coerente con il credere nella reincarnazione. Come dovrebbe essere ovvio che un cristiano crede nella risurrezione, non nella reincarnazione. Il problema è che molti cristiani che non conoscono a fondo la propria fede hanno assunto una valanga di dottrine estranee alla loro vera fede ed inconciliabili con essa. Sono stati culturalmente influenzati da credenze spiritistiche, teosofiche, antroposofiche, esoteriche e gnostiche, in particolare quelle promosse dalla letteratura “New Age”. La credenza nella reincarnazione, nella sua versione occidentale, è anche ripresa e diffusa dai movimenti “contattisti” che predicano di essere in contatto con gli extraterrestri. 2. Questa convinzione è contraria alla dottrina e alla tradizione cristiana e del tutto incompatibile con la fede nella risurrezione attestata nella Bibbia e la fede in Gesù Cristo come Salvatore. Per la fede cristiana, l’essere umano ha una identità unica, corpo e anima, e non LA LEGGE DEL KARMA dove non vi è il perdono di un Dio che salva. Gesù stesso dice al ladrone sulla croce: “Oggi sarai con Me in paradiso” (Lc 23,39), così troviamo qui un ladro senza karma e senza reincarnazione,un uomo pentito per i suoi errori che riconosce che Cristo è il Dio che salva,e così raggiunge la mèta ,la realizzazione della Gioia e della Pace eterna in Cristo . I cristiani da sempre credono nell’amore di un Dio che salva e perdona: non in una legge fredda e universale di causa ed effetto,come è appunto il karma. Inoltre,secondo la vera antropologia cristiana, la reincarnazione banalizza la morte, il corpo e l’identità, trasformandoli in semplici realtà accidentali. Ma la Bibbia è chiara per chi crede nella rivelazione ebraico-cristiana: “Molti di quelli che dormono nella polvere della terra si risveglieranno: gli uni alla vita eterna, gli altri per la vergogna e l’orrore eterno. I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento, e quelli che hanno insegnato a molti la giustizia risplenderanno come le stelle per tutta l’eternità “(Daniele 12,2-3) “Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio,nessun tormento le toccherà.Agli occhi degli stolti parve che morissero;la loro fine fu ritenuta una sciagura,la loro dipartita da noi una rovina,ma essi sono nella pace.“.(Sapienza, 3,1-3) Nelle loro prove i martiri Maccabei confessano:« Il Re del mondo, dopo che saremo morti per le sue leggi, ci risusciterà a vita nuova ed eterna » (2 Mac 7,9). « È bello morire a causa degli uomini, per attendere da Dio l’adempimento delle speranze di essere da lui di nuovo risuscitati » (2 Mac 7,14) “E ‘stabilito che l’uomo muoia una sola volta, e dopo questo c’è il giudizio …” (Eb. 9:27) San Paolo afferma che se Cristo è risorto dai morti , tutti saranno risuscitati, e la fede cristiana è fondata nella risurrezione di Cristo. (1 Cor 15). E mentre leggete questo capitolo della prima lettera ai Corinzi, è chiaro che la nostra risurrezione è come quella di Gesù Cristo, per cui vi è una vita nuova e definitiva , non una passeggiata in corpi diversi. Il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna: “Nella morte, Dio chiama l’uomo a Sè. Perciò il cristiano può affrontare la propria morte con serenità e con un desiderio simile a quello di San Paolo: “desidero di partire e di essere con Cristo” (Fil 1,23) … La morte è la fine del pellegrinaggio terreno dell’uomo, del tempo di grazia e di misericordia che Dio gli offre per la sua vita terrena nel piano di Dio e per decidere il suo destino ultimo. Quando è finalmente compiuto “l’unico corso della nostra vita terrena”, non vi sono più altre vite terrene. E ‘stabilito che l’uomo muoia una sola volta (Eb 9:27). Non c’è “reincarnazione” dopo la morte” http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p123a11_it.htm RESURREZIONE CRISTO“Noi fermamente crediamo e fermamente speriamo che, come Cristo è veramente risorto dai morti e vive per sempre, così pure i giusti, dopo la loro morte, vivranno per sempre con Cristo risorto, e che Egli li risusciterà nell’ultimo giorno. Come la Sua, anche la nostra risurrezione sarà opera della Santissima Trinità:  « Se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi, colui che ha risuscitato Cristo dai morti darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del suo Spirito che abita in voi » (Rm 8,11). 3. La Parola di Dio insegna che questa è l’unica vita terrena decisiva e il destino dell’uomo è deciso irrevocabilmente in questa vita. Inoltre, la credenza nella reincarnazione nega anche il bisogno di salvezza, dal momento che ognuno si salva, su un percorso di miglioramento individuale di causa ed effetto.Invece, nella fede cristiana crediamo che siamo salvati gratuitamente da Dio, che Gesù Cristo portò i nostri peccati e ci dà il suo perdono e la vita eterna.
Per la fede cristiana,OGNI ESSERE UMANO ha una storia unica di fronte a Dio, perché Dio lo ha creato e amato come unico e irripetibile. La manifestazione gloriosa di Gesù Cristo alla fine dei tempi è il punto di compimento della nostra storia, per la nostra fede non c’è “un ciclo infinito di storie”. La reincarnazione si scontra con le credenze fondamentali della fede cristiana .Credere nella risurrezione dei morti è stato un elemento essenziale della fede cristiana fin dalle sue origini. « Fiducia christianorum resurrectio mortuorum; illam credentes, sumus – La risurrezione dei morti è la fede dei cristiani: credendo in essa siamo tali »(Tertulliano). 4. Né la reincarnazione è così antica come si suol dire, né si trova nella maggior parte delle religioni, né ha base scientifica, e tanto meno ha a che fare con la Bibbia. Ci sono molte idee false diffuse circa la possibile compatibilità tra la dottrina cristiana e la reincarnazione.E’ opportuno ricordare che tale credenza è apparsa in Occidente intorno alla metà dell’Ottocento NEI CIRCOLI OCCULTISTI (C. Flammarion e L. Figuier); all’incirca nello stesso periodo in cui accadeva che alcuni “filosofi” moderni credevano di aver capito tutto delle Upanishad indú per il solo fatto che qualcuno gliene aveva parlato in qualche salotto erudito di un piccolo paese della Germania (Schopenhauer); tanto che addirittura ci furono alcuni, anche dopo l’Ottocento (e pare che ce ne siano ancora), che, forti della loro supposta comprensione, pretesero di spiegare agli stessi Indú il vero significato dei loro testi sapienziali, convinti come erano (e sono) della loro “onniscienza”. Alcuni dicono che la Chiesa cattolica ha cancellato alcune citazioni dalla Bibbia che parlavano della reincarnazione, soprattutto al Concilio di Nicea. Questo è falso, perché mai nella fede ebraica o cristiana è mai esistita la teoria della reincarnazione. Inoltre molti hanno brandito come argomento quello secondo cui il teologo cristiano Origene credesse nella reincarnazione. Ma non è vero, perché Origene credeva che le anime pre-esistevano ai corpi, non per essere reincarnate. E la dottrina della pre-esistenza delle anime è stata anche condannata dai Padri della Chiesa. Spiritisti e medium dicono anche che la reincarnazione è la più antica e la più universale convinzione,ma non è vero, perché nei testi dell’Induismo compare solo dal secolo VII a.C. e non nei Veda, che sono più vecchi; non è supportata nelle antiche religioni cinesi (Taoismo e Confucianesimo), o nell’ antica religione egiziana, anche se il libro dei morti ha alcune menzioni della metempsicosi, ma non è la stessa cosa: la metempsicosi è la “trasmigrazione delle anime”, è relativa ad un antico insegnamento che assegna alle anime un destino post-mortem legato alla condotta terrena. Basti pensare alla mummificazione dei corpi dei defunti: gli Egiziani credevano che vi fosse un’altra vita dopo la morte e che solo conservando intatto il corpo fosse possibile accedervi. Né i persiani, né il popolo africano hanno mai concepito questa idea della reincarnazione . Negli antichi greci non ci sono idee della reincarnazione; viene attribuita a Pitagora e ne parla poeticamente Platone,ma essi furono influenzati dalle tarde dottrine dello gnosticismo. Ma l’antico poeta greco Omero, nonostante trasmetta le idee del suo tempo sulla sopravvivenza delle anime, nelle sue opere non riporta nessun testo allusivo alla reincarnazione. Molti spiritisti e medium usano citazioni bibliche estrapolate dal contesto per attribuire il ritorno alla vita di Elia o Giovanni il Battista, alla reincarnazione, quando in realtà il testo biblico non si riferisce mai a un’idea del genere. Altri autori dicono anche che vi è evidenza scientifica della reincarnazione in base alla “terapia della vita passata , ” come afferma il Dr. Brian Weiss, ma in realtà queste sono solo teorie non scientifiche, mentre molti sono esperti nel diffondere “un insieme di assurdità” scritte in un modo molto convincente per attirare il plauso generale del pubblico. Una corrente senza base scientifica diffusa che si basa sulla “regressione a vite precedenti” è la psicologia transpersonale di Stanislav Grof, che ha usato l’LSD e poi la respirazione olotropica per regressioni e, ovviamente, i risultati sono stati tutti i tipi di allucinazioni. Il Dr. Kurt Koch, in più di 103 casi investigati per 15 anni, ha riscontrato gravi disturbi psicologici e danni di coloro che si sottopongono a questi “viaggi” di vite passate. Trad. dell’articolo del Prof MIGUEL PASTORINO del RIES Red Iberoamericana de estudios de las Sectas
Condividi:  Pubblicalo Posted on 27 aprile 2016Posted in Bufale anticristiane, Spiritualità1 commento
Dorothy Murdock,la ‘profetessa Acharya’ che diceva che Gesù è un mito 31e4e4bb059855efb419a98e706d0859La profetessa occultista anticristiana Dorothy Murdock ,che ha passato tutta la vita a combattere contro il Cristianesimo, spacciandosi per egittologa e quant’altro, si è spenta proprio il 25 dicembre 2015 ,ironia del destino. Così si può definire la sorte di Dorothy Murdock, conosciuta con lo pseudonimo di Acharya S., scrittrice nota in America per essere stata una delle più note SOSTENITRICI DELLA TEORIA DEL “MITO DI GESU’” (sulle sue false teorie antistoriche si basa anche il noto VIDEO ZEITGEIST ,un video di bufale anticristiane smontate da tutti gli storici ed archeologi internazionali ) ,era convinta che massoni pagani ed ebrei del primo e secondo secolo avessero inventato il racconto di Gesù e dei suoi discepoli, creando un collage con tutte le altre religioni del mondo, in combinazione con l’astrologia. La Murdock soffriva di cancro al seno ed è morta, coincidenza vuole, proprio lo scorso 25 dicembre 2015, anniversario (storico, non mitologico) della nascita di quel Gesù che ha tanto combattuto durante la sua vita. Si è battuta come un leone per affermare le sue verità, venendo ignorata dalla comunità scientifica di cui avrebbe voluto far parte. Ma non aveva né titoli, né credenziali accademiche a parte una (normale) laurea in Civilizzazione classica e greca, il suo libro più famoso si intitola The Christ Conspiracy (Adventures Unlimited Press 1999). Forse l’unico studioso di livello che ha impiegato del tempo per risponderle è stato l’agnostico Bart D. Ehrman, che ha scritto: «il libro di Acharya S. è il sogno del cospiratore senza fiato. Tutti gli argomenti avanzati sono infatti sbagliati», il suo lavoro «è pieno di così tanti errori e affermazioni stravaganti che è difficile credere che l’autrice potesse essere seria mentre scriveva, non si dovrebbe essere sorpresi dal fatto che il suo parere non venga considerato dagli studiosi veri o citato da esperti del settore». Anche Michael K. Licona, docente di teologia presso la Houston Baptist University e noto studioso di Nuovo Testamento, ha dato attenzione alle tesi della Murdok, pubblicando un lungo articolo di confutazione dei suoi argomenti. Tralasciamo la tesi secondo cui i dodici apostoli sarebbero stati inventati seguendo le costellazioni dello zodiaco e legate all’era dei Pesci (il simbolo del cristianesimo è il pesce), basterà citare la risposta di Noel Swerdlow, docente di Astronomia e astrofisica presso l’Università di Chicago, specialista nell’astronomia dell’antichità: «ciò che questa donna sta sostenendo è così stravagante che non vale la pena rispondere. Le moderne idee circa l’età dei Pesci o dell’Acquario sono basate sulla posizione dell’equinozio di primavera nelle regioni delle stelle di queste costellazioni, ma tali regioni, i confini tra quelle costellazioni, sono una convenzione completamente moderna dell’International Astronomical Union allo scopo di mappatura. Quando questa donna dice che il pesce cristiano era un simbolo dell’era dei Pesci sta dicendo qualcosa che nessuno avrebbe mai pensato di dire nell’antichità perché si tratta interamente di un’idea moderna, nata del ventesimo secolo» (N. Swerdlow, corrispondenza e-mail con M. Licona del 19/09/01). Più interessante, invece, la replica del prof. Licona alla tesi di Acharya S. sul Gesù come mito preso in prestito da altre religioni pre-cristiane, in particolare il parallelismo viene fatto con Krishna, una divinità induista, che la miticista sostiene essere morto crocifisso come Gesù. Il teologo americano ha contattato Edwin Bryant, docente di Induismo presso la Rutgers University, traduttore in lingua inglese del Bhagavata-Purana, uno dei testi sacri dell’induismo dove a lungo si parla di Krishna, e autore del libro Krishna: The Beautiful Legend of God, il quale ha risposto: «E’ assolutamente senza senso. Non esiste assolutamente alcuna menzione da nessuna parte in cui si allude ad una crocifissione di Krishna», aggiungendo che le fonti parlano della morte tramite una freccia scagliata accidentalmente da un cacciatore. La divinità è morta e ascesa al cielo, ma non era una resurrezione (E. Bryant, conversazione telefonica con M. Licona del 06/09/01). Acharya S. sostiene che altri dei indù siano morti crocifissi come Gesù, ad esempio Vishnu. Il prof. Bryant ha risposto: «Questa donna non sa di cosa sta parlando! Vishnu era una forma di Krishna adorata nello stato del Maharashtra, non ci sono assolutamente dèi indiani ritratti come crocifissi. Prima di fare queste dichiarazioni dovrebbe leggere almeno un corso di religione indù!». Ma ogni tesi complottista, lo sappiamo, si basa sempre su uno spicchio di verità. Infatti, dei 24 elementi in comune tra Krishna a Gesù che la signora Dorothy Murdock ha elencato nel corso della sua carriera da scrittrice, 14 sono sbagliati e uno è parzialmente errato. Esistono quindi almeno 9 elementi biografici che sembrano in comune: la nascita da una vergine (1) segnalata da una stella (2), celebrata da esseri celesti e vaccari (3), la persecuzione da parte di un tiranno che ha ucciso migliaia di bambini (un parallelo di Erode) (4), ha guarito molte persone tramite miracoli (5), ha insegnato (non tramite parabole)(6) e ha favorito i poveri (7), ha criticato i branhamiti che non lo hanno riconosciuto (8), ed è asceso al cielo (ma non risorto) (9). L’agnostico e razionalista indiano Benjamin Walker, nel suo libro The Hindu World: An Encyclopedic Survey of Hinduism, ha fornito la risposta, dopo aver tracciato queste analogie: «non c’è alcun dubbio sul fatto che gli indù hanno preso in prestito i racconti dal cristianesimo, tralasciando il nome di Gesù» (B. Walker, The Hindu World: An Encyclopedic Survey of Hinduism, Vol.1, Praeger 1983, pp. 240-241). Effettivamente le notizie sulla leggendaria divinità Krishna (le cui fonti più antiche risalgono a 2500 anni dopo la sua presunta esistenza) derivano dai testi Bhagavata Purana e il Harivamsa. Rispetto al primo, gli studiosi (tra cui Bryant) lo ritengono composto nel VII secolo d.C. (altri inveceparlano del IX e X secolo), in ogni caso certamente centinaia di anni dopo la stesura dei racconti evangelici. Più incertezza invece rispetto alHarivamsa, il prof. Bryant ha comunque sostenuto che la maggior parte delle fonti sembrano indicare la sua composizione tra il IV e il VI secolo d.C., mentre David Mason, direttore di Asian Studies presso l’Università del Wisconsin, ritiene possa risalire al II secolo d.C. (D. Mason, email a M. Licona del 06/11/01), lo stesso affermano Ravi M. Gupta e Kenneth R. Valpe in The Bhagavata Purana: Sacred Text and Living Tradition (Columbia University Press 2013, p.92). In ogni caso sicuramente dopo i Vangeli, quindi se non si tratta di coincidenza si tratta di plagio degli autori dei testi indù nei confronti dei testi cristiani (come d’altra parte sembra sia avvenuto anche per il Corano). Oltre a Krishna, la signora Murdock ha sostenuto similitudini anche tra Gesù e il Buddha, accusando il cristianesimo di aver copiato anche il buddismo. Nel suo libro The Christ Conspiracy (pag. 109,110), ha elencato 18 presunte similitudini che il prof. Licona ha inviato a Chun-Fang Yu, storica del buddhismo e professore emerito di Chinese Buddhist Studies presso la Columbia University. La risposta è stata: «nessuna delle diciotto similitudini è corretta, soltanto alcune hanno qualche parvenza di correttezza ma sono gravemente distorte. Questa donna è totalmente ignorante sul Buddismo, è molto pericoloso diffondere tale disinformazione e, per quanto mi riguarda, eviterei di impegnarmi in una discussione con lei, senza che prima questa donna abbia seguito un corso base sulla religione buddhista». La Murdock (alias Acharya S) ha avanzato tante altre tesi, come l’inesistenza di Paolo di Tarso, la datazione dei Vangeli al 150 d.C., la falsità del martirio dei primi cristiani, le convinzioni cristiane di Adolf Hitler alla base del genocidio degli ebrei ecc. Insomma, una sorta di Corrado Augias all’americana. Significativo che perfino il miticista con più titoli accademici, Robert Price (ovvero teologo e docente di critica biblica presso il Center for Inquiry Institute, una sorta di associazione di scettici americani, come il CICAP italiano), ha rifiutato tutte le sue tesi, scrivendo: «”The Christ Conspiracy” è un contenitore di eccentricità riciclate, buttate lì a casaccio, poche di esse meritano considerazione, la maggior parte sono pericolosamente traballanti, quasi tutte sono completamente folli» (R. Price, Free Inquiry, Summer 2001, pp. 66-67). La scrittrice americana ha scritto che la ragione per cui è stata ignorata dagli studiosi è perché i suoi «argomenti sono troppo intelligenti e pericolosi, sono stati soppressi perché senza dubbio risultano inconfutabili» (The Christ Conspiracy, pag. 21). E’ quello che ripetono anche i complottisti dello sbarco sulla Luna o di coloro che “sanno” che Elvis Presley è ancora vivo. La signora Murdock ha fatto la sua vita, ha combattuto la sua insensata battaglia intellettuale ed è andata male, molto male. Il Signore l’ha chiamata a sé il 25 dicembre 2015, ora finalmente saprà qualcosa di più anche della Sua storia terrena. articolo tratto da UCCR
Condividi:  Pubblicalo Posted on 26 aprile 2016Posted in Bufale anticristiane
Sacerdote esorcista: “i messaggi di MDM aprono alla possessione diabolica” 11027467_464382563708947_5569093412072605544_n PADRE JOHN ABBERTON E’ SACERDOTE ESORCISTA nella diocesi di Heckmondwike, West Yorkshire, Regno Unito.
“Sono un sacerdote esorcista nella Chiesa cattolica con 15 anni di esperienza. Ho il permesso di condividere queste testimonianze di esorcismi da me compiuti, lo faccio affinchè altri non si espongano ai pericoli ed agli inganni della falsissima e perversa falsa veggente, sedicente Maria Divina Misericordia….abbreviata nella sigla MDM, che fa girare da anni sul web dei presunti “messaggi da Gesù all’umanità, l’Avvertimento”, correlati ad una fitta rete di marketing dei suoi libri, come ‘Il libro della Verità’ (solo lei detiene la verità…)…
(per approfondire, leggere attentamente il nostro dossier: https://noalsatanismo.wordpress.com/2016/04/25/i-falsi-messaggi-di-gesu-allumanita-di-mdmuna-setta-apocalittica-new-age/)
I cosiddetti “messaggi” di Maria Divina Misericordia sono di origine diabolica! Ultimamente ho cercato di aiutare una signora che era solita leggere questi messaggi falsi DA ANNI… Questa signora è stata posseduta da molti demoni. Non posso dire quanti. Ho avuto molte sessioni con lei, in presenza di un altro sacerdote e diversi laici che sono testimoni di quello che ho da dire.
Questa persona è venuta da me subito dopo che aveva smesso di leggere quei falsi messaggi. La ragione che l’aveva indotta a smettere di leggere quei messaggi era che si sentiva “SPIRITUALMENTE MORTA” a dispetto di quello che invece promettono quei messaggi e le preghiere raccomandate dai messaggi e si rese conto che non stava crescendo nella fede! Si sentiva infelice di questo e stranamente a disagio.
Non appena ha smesso di seguire quei messaggi è stata attaccata da un demone. Si sentiva la sua presenza e poi si rese conto che aveva bisogno di aiuto.
In una sessione di esorcismo, ho pregato in particolare contro gli spiriti che erano entrati in lei attraverso Maria Divina Misericordia. Dopo questo mio comando NEL NOME DI GESU’ CRISTO, la povera donna ha cominciato a toccarsi in modo lascivo, poi è stata come SCARAVENTATA SUL PAVIMENTO da una forza che la spingeva contro la sua volontà, si rigirava su se stessa come fosse un birillo e ha iniziato a gridare. Mentre mi inginocchiai accanto a lei, ho pregato contro lo spirito di Jezebel – uno spirito associato alla falsa profezia. Quando ho fatto questo, gli occhi della donna lampeggiavano e mi fissarono dritto verso di me con uno sguardo di rabbia incontenibile. Abbiamo avuto bisogno di molte sessioni di esorcismi.
Trust pope francis
PADRE JOHN ABBERTON NELLA SUA CHIESA mostra la scritta:”STAI SERENO E ABBI FIDUCIA IN PAPA FRANCESCO!”
A un certo punto ha vomitato qualcosa di “grosso” …. li per lì è stata male…Ma quando ritornò a casa, mi telefonò e mi disse: “ORA SONO FELICE DI PAPA FRANCESCO! mi sento riconciliata con Dio e ho ritrovato la Pace!”. Quella donna ora è completamente guarita.
Mi ha autorizzato a raccontare quanto le è accaduto. Mentre stava leggendo questi “messaggi” di Maria divina misericordia, ha dipinto un quadro che credeva fosse ‘ispirato da dio’… Lei lo appese in camera da letto del suo figlio piccolo. Dopo questo fatto, il ragazzo è stato disturbato ogni notte. I disturbi si sono fermati quando la donna strappò il disegno e lo bruciò. Dopo di allora, il bambino ha ripreso a stare bene ed a dormire profondamente.
Questi e molti altri fatti di cui sono testimone sono la prova conclusiva per me che i “messaggi” di Maria Divina Misericordia sono ispirati da satana.  demonic-sea2l1Questa signora è una delle quattro persone che mi hanno contattato perché avevano problemi spirituali attraverso la lettura di questi cosiddetti messaggi. Un’altra persona mi ha detto che aveva bisogno del mio aiuto perché “si era sentita male” dopo aver pregato più volte il cosiddetto “SIGILLO DEL DIO VIVENTE, diffuso da Maria divina misericordia….un altro ancora mi ha detto che era stato “attaccato” quando ha deciso di smettere di leggere i messaggi. Ci sono altre indicazioni relative a questi cosiddetti “messaggi” che devono essere conosciute. Prima di tutto, dove i demoni sono coinvolti nella promozione di falso misticismo, false visioni e locuzioni, è possibile che ci possa essere IL COINVOLGIMENTO DI PIU’ DEMONI. Demoni che lavorano insieme assumono compiti diversi. SONO DEMONI CHE INCORAGGIANO LA DIPENDENZA DA QUEI MESSAGGI …La presenza o l’attività di un tale demone potrebbe essere una delle ragioni per cui così tanti sembrano incapaci di liberarsi da queste cose. Ci può essere anche uno spirito di rabbia presente che potrebbe spiegare perché alcuni aderenti a quei messaggi di Maria Divina Misericordia si arrabbiano violentemente se qualcuno cerca di far loro capire l’inganno in cui sono caduti!
Nel giudicare inganni gravi come questo, è importante essere rigorosi. Molte persone, quando vengono consigliate a non seguire piu’ quei messaggi perchè sono demoniaci, reagiscono dicendo cose del tipo: “Ma ci viene detto di dire il Rosario. Sicuramente questo non può essere sbagliato o demoniaco”. MA IL DEMONIO PUO ‘ANCHE DIRE DI PREGARE IL ROSARIO, MESCOLANDO PREGHIERE CATTOLICHE A FALSO MISTICISMO , QUANDO VUOLE CONFONDERE I FEDELI PER PROPAGANDARE LE SUE CALUNNIE, MASCHERANDOLE DA ‘FEDE CRISTIANA’, PER ESEMPIO: Molte persone non si rendono conto che, dopo che Santa Bernadette vide veramente la Madonna a Lourdes , vi fu un numero considerevole di altre apparizioni (falsissime) segnalate nella grotta di Massabielle da altre ragazze! Nessuna delle altre ‘apparizioni’ è stata mai accettata dalla Chiesa cattolica come vera e propria, perchè i ‘messaggi’ erano contrari alla vera Dottrina evangelica. INVECE SANTA BERNADETTE ERA VERAMENTE ISPIRATA DALLA SANTA VERGINE MARIA e S. Bernadette lo ha dimostrato anche con la sua umiltà ed obbedienza al Papa ed alla Santa Chiesa cattolica.
I falsi messaggi e le apparizioni di “Nostra Signora del Monte Carmelo del Volto Santo”, che hanno avuto origine in Spagna, insieme ad altri cosiddetti eventi falsi mistici, sono stati accompagnati da RICHIESTE DI RECITA DEL ROSARIO, ma dove la menzogna demoniaca è alla radice di queste richieste, QUESTI ROSARI SONO CARENTI, DAL MOMENTO CHE SONO RICHIESTI DALLE INTENZIONI DEI DEMONI, NON DALLA VOLONTA’ DI DIO !
Dio guarda il cuore delle anime e sarà sempre misericordioso verso coloro che sono stati intrappolati nella menzogna diabolica non per colpa loro; ma è importante sapere che LA PREGHIERA DEVE ESSERE OFFERTA SECONDO LA VOLONTA’ DI DIO, ALTRIMENTI DIFFICILMENTE SARA’ VERA PREGHIERA, SE ISPIRATA DALLA VOLONTA’ DI ‘QUALCUN’ALTRO’….. Deve venire dal cuore, e la mente ha bisogno di essere informata ed in linea con gli insegnamenti della Chiesa. Dove c’è una ricerca onesta della verità e il desiderio di pregare, Dio agirà secondo la Sua misericordia, ma dobbiamo chiarire che L’AUTENTICITA’ DI FEMONEMI MISTICI NON SI BASA sulla richiesta di pregare il Rosario e sull’Adorazione anche eucaristica, come una sorta di autenticazione, ciò non è sufficiente .
Tradizionalmente guardiamo i frutti, e secondo la Sacra Scrittura questi si vedranno soprattutto nella vita quotidiana e nel modo in cui trattiamo l’un l’altro. Molte persone apparentemente trascorrono molte ore in preghiera, ma sono mentalmente disturbati e possono essere classificati come affetti da “MANIA RELIGIOSA”. Noi non sappiamo come Dio giudica tale preghiera. Certi falsi mistici chiamano alla preghiera ossessiva …La vera preghiera deve essere preghiera in unione con la Volontà di Dio, che è sempre fondata nella vita della Chiesa cattolica , che è in unione con il Papa ed il Magistero e secondo gli insegnamenti della Scrittura e della Tradizione millenaria della Chiesa cattolica, che è eterna! Quando non partiamo da queste fondamenta, siamo aperti all’ inganno diabolico ed alla confusione.
Nella vita spirituale ci deve essere sempre equilibrio. Non possiamo concentrarci troppo su eventi mistici (non approvati dalla Chiesa) o esperienze o opinioni , e non dovremmo mai ascoltare “profeti di sventura”.
I messaggi che vengono da Dio portano sempre un senso di pace, anche se i messaggi sono molto gravi. Continua l’agitazione e l’ansia , allora non è un buon segno. Inoltre, alcune persone che pensano di sapere meglio degli altri (dicono di sapere di più sul presunto futuro per esempio) possono rapidamente diventare arroganti e prepotenti.
Dobbiamo sempre ricordare che la cosa più importante per la vita spirituale è quella di cercare la volontà di Dio nella nostra vita quotidiana. E’ sbagliato stare continuamente a pensare a quello che “potrebbe” accadere, quando Dio ci chiama ad affrontare problemi quotidiani ,a migliorare noi stessi e le nostre esigenze sotto il nostro naso! C’è il pericolo che concentrarsi sui cosiddetti “messaggi” diventi una FUGA DALLE RESPONSABILITA’ e problemi che non siamo disposti ad affrontare.
Uno degli aspetti di questo tipo di situazione in cui la gente diventa troppo facilmente manipolabile dai cosiddetti “messaggi” di cui non si conosce la esatta provenienza, ma vengono spacciati per veri, è una mancanza di conoscenza della Sacra Scrittura. Per fare un esempio, la menzione di un regno millenario di Cristo nel Libro della Rivelazione. Il numero 1.000 in teologia ebraica è il simbolo della “divinità” e quindi non dovrebbe essere preso alla lettera. Infatti il Magistero ha dichiarato il Millenarismo un’eresia.
Alcune persone che affermano di avere visioni o “sentire” locuzioni sono malati di mente. Altri sono abbastanza sani di mente, ma hanno una forte immaginazione, a causa di stress, ansia, attacchi di panico, malattia o confusione o inganno, soprattutto se ‘qualcun’ altro’ li coinvolge in questa spinta emotiva con propagande martellanti. Il peggiore dei casi, come questo di MDM, è quello in cui qualcuno deliberatamente crea una visione falsa o un ‘messaggio mistico’ sia per il gusto di arricchirsi sia per ottenere una qualche forma contorta di fama. Questo inganno crea un GRANDE PERICOLO SPIRITUALE, perchè la ricerca di fama e potere, attraverso la diffusione di ‘messaggi falsamente mistici’, attira molti demoni. chiesa cattolica sant’agostinoCi sono indubbiamente VERI MISTICI e profeti nel mondo. Di solito però hanno BUONI DIRETTORI SPIRITUALI che presentano all’AUTORITA’ DELLA CHIESA e ad Essa obbediscono. Discernere queste cose non è mai facile e, a volte, si commettono degli errori, ma quando vediamo seri problemi teologici, disobbedienza all’Autorità della Chiesa, profezie apocalittiche e spirito di rabbia o caparbietà possiamo essere sicuri che qualcosa è seriamente sbagliato. In casi del genere è più saggio allontanarsi piuttosto che continuare la lettura o sostenere la presunta mistica o mistico, incorrendo nell’errore di venerarli al posto di Cristo, che è Vero Dio, è lo Sposo mistico della Chiesa cattolica, Cristo ama la Sua Chiesa e ci ha chiamati ad esserle fedeli, perchè Cristo ne garantisce l’infallibilità ed ha promesso di custodirLa in eterno”. FONTE https://jkhgadfly.wordpress.com/2015/05/08/exorcist-priest-testifies-maria-divine-mercy-cult-opens-door-to-demonic-possession/
Condividi:  Pubblicalo Posted on 26 aprile 2016Posted in Sacerdoti esorcisti
I FALSI “MESSAGGI DI GESU’ ALL’UMANITA’” DI MDM: una setta apocalittica New Age
I FALSI “MESSAGGI DI GESU’ ALL’UMANITA’” DI MDM: una setta apocalittica New Age     MARIA DIVINA MISERICORDIA LAVORA PER UNA SETTA MASSONICA. UNA TRUFFA CLAMOROSA La sedicente MDM Maria Divina Misericordia è la falsa veggente, che dal 2010 diffonde sul web i “Messaggi di Gesù all’umanità: l’Avvertimento The warning e la seconda venuta ” ,”Il libro della verità”(the Book of Truth); la sua identità è stata recentemente scoperta: è la furba imprenditrice irlandese di 58 anni Mary Mcgovern/Carberry , che dopo il fallimento della sua ditta di PR a Dublino, si è reinventata l’attività sul web di ‘profetessa antipapa Francesco’(attività molto remunerativa, dato che i suoi libri & gadgets vengono venduti in tutto il mondo), in realtà E’ UNA MEDIUM ed ha sempre avuto contatti con altri medium ‘canalizzatori ‘New Age, appartiene a CHRISTIAN SCIENCE (una branca della Società Teosofica, gruppo occultista, falsamente cristiano, il cui intento è quello di creare una “chiesa new age occultista mondiale” contro la Chiesa cattolica…), con cui ha organizzato conferenze in tutto il mondo per vendere i suoi libri, ma lei non si è MAI fatta vedere…
OUTING MARY CARBERRY
Libro dossier in inglese che rivela la vera storia e la vera identità di Mary Carberry,la falsa veggente Maria Divina Misericordia Mary Carberry, nei suoi messaggi sul web, dice di essere “L’ULTIMO ANGELO DELL’APOCALISSE” e si autoproclama DIVINA (molto modesta!) …Ma nel febbraio 2015 un’indagine del giornale IRISH MAIL e di molti blogger cattolici ha smascherato la sua vera identità ed ha pubblicato un dossier che ha rivelato la sua vera identità, i suoi loschi traffici ed i suoi veri mandanti. I suoi “messaggi” sono costruiti ‘ad arte’, secondo strategie di persuasione di marketing, per soggiogare le persone, allontanarle dalla Chiesa, incutere timore sull’imminente fine del mondo. Dice ai cattolici di pregare il Rosario, ma poi istiga a pregare per la morte di Papa Francesco! MDM dà un «avvertimento» a tutti gli uomini: Papa Francesco sarebbe «il falso profeta, l’alleato dell’ Anticristo»… Mary Carberry lavorava pure nel giornalismo, e per lei è stato facile prendere le notizie scoop ed elucubrarci sopra, inventandosi che Benedetto XVI sarebbe stato ‘esiliato dal Vaticano’: una BUFALA, perchè Benedetto XVI vive ancora oggi in Vaticano come Papa emerito, si è dimesso a causa di gravi problemi di salute che gli impedivano di compiere quei necessari e difficili viaggi apostolici, che invece Papa Francesco sta compiendo oggi, ma Benedetto XVI nutre grande stima per Papa Francesco, a cui dimostra sempre adesione e affetto. falso gesu’Attraverso quei messaggi, parla un falso Gesù Cristo la cui immagine è venerata da MDM, ( si tratta dell’immagine di GESU’ SANANDA MAYTREYA, considerato dai New agers uno dei tanti “maestri spirituali alieni “, non il Figlio di Dio come Gesù stesso ci ha rivelato nei Vangeli, ma una vaga entità superiore che ‘si collega a noi mediante spiritismo’ ) che lancia continue MINACCE contro tutti coloro che non seguono i suddetti ‘messaggi’ed invettive contro il Papa e la Chiesa. Questo falso Cristo, come MDM stessa rivelò nell’introduzione di ‘The Book of Truth’,(il libro della Verità ) “si è collegato” con lei alle tre di notte, attraverso un’ immagine di Gesù Sananda che lei teneva sul comodino (questa immagine è stata disegnata da Nanette Johnson, seguace della New Age, ed è stata ESPOSTA A CHICAGO ed in altre località nel mondo, durante la promozione del ‘Libro della Verità’ nel 2013 , ovvero il libro che raccoglie i messaggi di MDM). La sua chiamata a ‘messaggera’ risalente al 9 novembre 2010 viene descritta da Mary Carberry come un’innaturale POSSESSIONE del suo corpo attraverso quell’immagine. Ha scritto sotto dettatura, in esatti 7 minuti, 745 parole. Ciò porta il dubbio della «SCRITTURA AUTOMATICA » conosciuta come PRATICA OCCULTA ED ESOTERICA. Quindi tutto ciò non ha nulla a che fare con il vero Signore Gesù Cristo e con la vera Parola di Dio, che ci mette in guardia da ogni tipo di pratica occultista, che è un abominio e un rinnegamento del vero Dio (Deuteronomio,18,10-12). UN EX SEGUACE della falsa veggente MDM e DEI “MESSAGGI DA GESU’ CRISTO12799362_960775730676616_1693097662479673227_n ALL’UMANITA’ “HA SCRITTO:
“Questa irlandese, dice cose su Gesù, che sono state scritte tanto tempo fa, nei libri esoterici degli indù e dei massoni e teosofi, Gesù che non conosce il suo destino, che visse in Gran Bretagna e India….
Ora ho scoperto queste cose, posso affermare che le profezie di questa irlandese sono totalmente false. Nei messaggi di Maria divina Misericordia c’è un passo in cui dice che Gesù durante la sua giovinezza sarebbe stato ‘portato’ in viaggio astrale in India e in Inghilterra, un altro in cui si dice che Gesù nella fase iniziale della sua missione non sapeva che sarebbe morto in croce….” SIMBOLI MASSONICI NEI TESTI di Maria Divina Misericordia alias Mary Carberry. IL ‘SIGILLO DEL DIO VIVENTE ‘ Sigillum Dei Vivi: CON QUALE AUTORITA’ UNA SEDICENTE VEGGENTE AFFERMA DI ESSERE IN POSSESSO DEL ‘SIGILLO DI DIO’? OVVIAMENTE NON VIENE DA DIO! MDM SERVA DELLA MASSONERIA Il Sigillo di Dio di MDM si basa sulle PRATICHE OCCULTISTE DI JOHN DEE , che era l’indovino / astrologo/medium della regina Elisabetta I d’Inghilterra. Infatti la falsa veggente MDM dice nella sua pubblicità in rete “Il Sigillo del dio vivente vi renderà invisibili “..E’ UN TALISMANO caricato con operazioni magiche di spiritismo, quindi è contrario alla vera fede cristiana! L’occultista John Dee avrebbe posto il suo ‘Sigillo di Dio o Sigillum Dei Vivi’ (SI CHIAMA CON LO STESSO NOME USATO DA MDM) sotto la sua sfera di cristallo durante le sedute di spiritismo in cui affermava ‘di comunicare con gli angeli della Cabala” che NON SONO GLI ANGELI DI DIO ….ma spiriti evocati medianicamente.
Il Sigillum Emeth (Æmeth), conosciuto anche come Sigillum Dei è realizzato dall’alchimista John Dee, che ne ha aggiunto al nome la voce “Æmeth” ovvero “VERITA’”, uno dei 72 nomi delle entità nella tradizione cabalistica/occultista usata dalla New Age.
IL LIBRO DI MDM SI CHIAMA “LIBRO DELLA VERITA’….La preghiera “Il Sigillo di Dio” della falsa veggente MDM non nomina MAI Gesù Cristo, ma fa un voto o patto con un dio universale, un’entità non ben precisata….un dio che vuole essere adorato, che vuole ci si leghi a lui con questo ‘patto satanico’: è pensato per essere utilizzato come un incantesimo di ” protezione ” e di dominio sulle persone… L’uso e la fede nei poteri o rituali magici, come il suddetto “sigillo di Dio” è una forma di spiritismo e di idolatria che è chiaramente condannata nel Catechismo della Chiesa cattolica 2117. IL VERO SIGILLO DI DIO INDELEBILE E’ IL SACRAMENTO DEL BATTESIMO attraverso il quale ognuno di noi entra a far parte del Corpo mistico di Cristo, la Chiesa, E’ IL SIGILLO DELLO SPIRITO SANTO: ce lo dice San Paolo nella Lettera agli Efesini 1:13.Risultati immagini per bautismoCe lo ricorda anche il Catechismo della Chiesa cattolica: “QUESTO SIGILLO DELLO SPIRITO SANTO segna l’appartenenza totale a Cristo, l’essere al Suo servizio per sempre, così come LA PROMESSA DI PROTEZIONE DIVINA nella grande prova escatologica ” (escatologia =fine del mondo,Giudizio universale) CCC # 1296. Dunque, perchè i seguaci di MDM si affannano a cercare altri ‘sigilli’ che non vengono da Dio ma dal Nemico ?
amd-plain-200
GRADI DI LOGGIA MASSONICA:croce nella corona,con compasso e piramide rovesciata Il sedicente “sigillo di dio” di MDM ha origini occulte e demoniache: John DEE usava il Sigillum Dei Vivi per controllare le persone e dominarle… Infatti è accompagnato da UN ALTRO SIMBOLO MASSONICO IN COLORE ROSSO presente in tutte le intestazioni del ‘Sigillo di Dio’ di MDM
LA CROCE DENTRO LA CORONA,(SIMBOLO DEI ROSACROCE, LO STESSO SIMBOLO CHE RITROVIAMO NEI TESTI DEI TESTIMONI DI GEOVA, LA TORRE DI GUARDIA….E IN TUTTI I TESTI E SIGILLI MASSONICI, AFFIANCATO ANCHE DA UN TESCHIO E OSSA INCROCIATE, SIMBOLO DI RIBELLIONE ALLA CHIESA)…Il massone Ray V. Denslow afferma:
“LA CROCE DENTRO LA CORONA, IN COLORE ROSSO, è simbolo limitato ai gradi storici in Massoneria esemplificato nei vari ordini di York e riti scozzesi …” (Ray V. Denslow, Ritratti massonici, Operazioni di THS Missouri Lodge di Research, vol. # 29, p.7) Si tratta di una chiara presa in giro della autorità divina della Chiesa cattolica.
La setta di questa falsa veggente schernisce anche la Sacra Scrittura con la sua medaglia che promette la salvezza solo indossando un pezzo di bigiotteria!
LA MADONNA, NELLA MEDAGLIA DI MDM, INDOSSA UNA CORONA DI SPINE: SAPPIAMO DA APOCALISSE CAPITOLO 12,1-2 , CHE IL CAPO DELLA SANTA VERGINE E’ ADORNATO DA UNA CORONA DI DODICI STELLE …
Le stelle, che adornano il capo della Madonna – figurativamente la Madre della Chiesa – rappresentano i Vescovi e il nostro Papa che sono i maestri legittimi della nostra Fede nominati da Gesù stesso ad essere successori degli Apostoli. mdm-sigillum-deiI Massoni hanno una unica interpretazione blasfema del simbolo della Croce dentro la Corona:
“La ‘Croce’ in Massoneria è una croce filosofica, secondo Albert Pike, ‘ Morale e Dogma ‘, pag. 771. È filosofica nel senso che rappresenta l’unione tra il principio fecondatore maschile,(l’albero perpendicolare della croce), e la matrice femminile della natura, la riproduttrice, (l’albero orizzontale della croce).
Simbologia fallica applicata alla Croce di Cristo – Bestemmia!
I Massoni descrivono la ‘corona’ di questo emblema massonico, come la “prima emanazione del cabalistico Sephiroth …” [CF McQuaig, “Il Rapporto massonico”, Norcross, Georgia, Risposta libri e cassette, 1976, pag. 34] Ribadendo il giudizio negativo della Chiesa cattolica in materia di adesione ad associazioni massoniche, il cardinale Joseph Ratzinger (papa emerito Benedetto XVI) ha dichiarato nel 1983 per conto della Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede …
” i loro principi sono stati sempre considerati inconciliabili con la dottrina della Chiesa e perciò l’iscrizione a esse rimane proibita.
I fedeli che appartengono alle associazioni massoniche sono in stato di peccato grave e non possono accedere alla Santa Comunione “. blue-shL’altro gruppo massonico che usa l’emblema ‘croce dentro la corona’ è Christian Science (CRISTIANESIMO SCIENTISTA..,fede nelle medicine alternative New Age, nella magia e nello spiritismo). Questo gruppo è stato fondato da Mary Baker Eddy in Massachusetts ma il massone Henry Steele Olcott, che è stato co-fondatore della Società Teosofica con la medium Helena Petrovna Blavatsky, ‘”era un socio di Mary Baker Eddy.’” La famiglia Eddy teneva sedute spiritiche e fu in queste sedute che la medium Blavatsky incontrò il colonnello Henry Steele Olcott. ‘”
Mary Baker Eddy si era sposata con un massone e questo ha permesso agli altri membri di Christian Science di aderire alla Massoneria.” Lei aveva anche alcuni suoi materiali pubblicati nella Rivista mensile della Massoneria.”
Molte persone collegate con Christian Science, come amministratori e membri del consiglio e una serie di editori di The Christian Science Monitor erano massoni. diabolici falsi messaggi MDMMary Carberry e’ un membro di Christian Science
QUINDI MDM STA DIFFONDENDO UN FALSO CRISTIANESIMO, UN CRISTIANESIMO ESOTERICO … Molti Vescovi hanno giudicato i «messaggi da Gesù Cristo all’umanità, l’Avvertimento » come eretici e scismatici e li hanno condannati apertamente. Ad esempio il Vescovo di Dublino, i vescovi di Gran Bretagna, i Vescovi d’America e dell’Australia e di Malta, la conferenza episcopale della Slovacchia ed il Vescovo Ausiliare Laun di Salisburgo (Austria), i vescovi di Singapore e molte altre conferenze episcopali nel mondo anche in Italia, specialmente molti sacerdoti esorcisti che hanno ricevuto richieste di aiuto da persone che, dopo aver seguito quei messaggi per anni, sono state tormentate da ossessioni e vessazioni diaboliche. Chi crede a tali messaggi e «si divide» dal Papa, si scomunica da solo secondo i diritti della Chiesa (canone 1364,§ 1). Quindi chi riceve la Santa Comunione e poi crede a questi messaggi, non alla vera Parola di Gesù nei Vangeli, tramandataci fedelmente dai Padri della Chiesa, COMMETTE SACRILEGI EUCARISTICI. Fonte https://jkhgadfly.wordpress.com/2015/05/08/exorcist-priest-testifies-maria-divine-mercy-cult-opens-door-to-demonic-possession/
logo-sanmichele-300×300 No al satanismo PER INFORMARSI E DIFENDERSI DAGLI INGANNI DELLE SETTE E DALLE IDEOLOGIE DI ODIO E DISCRIMINAZIONE CONTRO I CRISTIANI NEL MONDO
Mese: maggio 2016
San Michele Arcangelo e S.Giovanna D’Arco:le voci degli Angeli di Dio
San Michele Arcangelo e S.Giovanna D’Arco:le voci degli Angeli di Dio     L’eroina che, nel XV secolo, liberò la Francia dalla conquista inglese, era giustamente una di quelle anime che piacevano agli angeli ed ai santi.
(Purtroppo in molti libri di storia,di stampo anticlericale e anticristiano,Giovanna d’Arco viene presentata come una specie di pazza fanatica visionaria. Molti libri scolastici sembrano scritti da quei detrattori della Chiesa che affermano che la Sindone è un falso, senza averlo verificato,etc …tante calunnie,in nome di una “scientificità illuminata” ,che in realtà è solo propaganda laicista e contraria alla vera storia).
Nel suo villaggio di Domrémy,Jannette fu dapprima una bambina dolcissima, molto pia, migliore delle altre. Le accadde di custodire le greggi nelle praterie in cui la Mosa disegna anelli verdi scuri, sottolineati dai pioppi; ella li menava anche nei gigliati del Bosco Chenu, su di una leggera scoscesa a qualche distanza dal fiume. Giovanna, detta Jannette,aveva delle amiche. Le preferite si chiamavano Mengette, Hauviette e Guglielmina. Ella aveva anche dei fratelli ed una sorella, a casa, in chiesa o nei campi, mai ella dava oggetto del minimo rimprovero. Quando era sola al pascolo, pregava. Sentiva parlare costantemente delle disgrazie del regno. Vi era allora un re che era diventato pazzo, il povero Carlo VI, ed una regina, Isabella di Baviera, che tradiva il suo paese d’adozione ed avrebbe voluto dare la corona di Francia al re d’Inghilterra che aveva sposato sua figlia Caterina; vi era “grande desolazione nel regno di Francia”, e quelle disgrazie occupavano tutti i pensieri della fanciulla. Allorché le sue amiche facevano i girotondi intorno ad una quercia che si chiamava l’Albero delle Fate o credevano di vedere delle “signore” nella fontana dei Ribes che sgorga all’entrata del bosco, Giannina, più saggia e più pia, implorava per il suo paese il soccorso del cielo. Nella contrada, vi era una grande venerazione per Nostra Signora che si pregava a Bermont ed a Vaucouleurs. San Michele era il patrono del Barrois (era allora il nome della regione che dipendeva da Bar). Infine, nella chiesa di Domrémy, si potevano vedere le statue di due sante martiri, Caterina e Margherita (quella di Margherita esiste ancora). 55af0f0aececdd447e0c9f8b5ea01ea5Ecco quello che ha raccontato Giovanna stessa: “Avevo tredici anni quando ebbi una voce da Dio per aiutare a governarmi. E la prima volta, ebbi una grande paura. Sentivo la voce dal lato destro, verso la chiesa, e raramente l’ho sentito senza chiarezza. Avendola sentita per tre volte, riconobbi allora che era la voce di un angelo”. Giovanna scorge un essere meraviglioso, accompagnato da molti altri spiriti simili, sotto forma umana, ma come fatti di luce; ella comprese che era san Michele, il protettore del regno di Francia, con l’esercito degli angeli. “San Michele, quando giunse a me, mi disse che le sante Caterina e Margherita sarebbero giunte a me, che io agisca secondo il loro consiglio, poiché esse erano ordinate per guidarmi e consigliarmi in quello che dovevo fare, che mi occorreva credere quello che mi avrebbero detto, e che questo era il comando di Nostro Signore. Prima di ogni cosa, san Michele mi disse di essere una brava fanciulla, che Dio mi avrebbe aiutata, in particolare per giungere in soccorso al Re di Francia. Ed egli mi raccontava la pietà che vi era nel regno di Francia. Era sotto la forma d’un vero cavaliere in armi. Quanto agli angeli, io li ho visti coi miei occhi. Credo anche fermamente alle parole e i fatti di san Michele che mi è apparso, come credo che Nostro Signore Gesù Cristo soffrì morte e passione per noi; e quello che me lo fa credere, è il buon consiglio, il conforto e la dottrina che mi ha dato. Io li ho visti (san Michele e le altre due sante) cogli occhi del mio corpo così come ora vedo voi e quando se ne andarono, io piangevo, ed avrei ben voluto che mi portassero con loro”. Così si esprimeva Giovanna a Rouen, davanti ai suoi giudici. Per tre anni, Giannina custodì il silenzio su quelle visioni. Ella continuò a custodire le sue pecore, ad aiutare sua madre nel menage, a lavorare il piccolo giardino vicino alla chiesa; ma ella diventava sempre più pia e, ogni sabato, ella si recava nella cappella di Nostra Signora nei boschi di Bermont. Una sua madrina (a quell’epoca se ne potevano avere diverse e Giovanna non contava meno di quattro padrini e otto madrine!), una sua madrina dunque afferma che, da quel momento, Giannina “si comportava come una santa”. Lo stato della Francia si faceva sempre più spaventoso. L’odioso trattato di Troyes, nel 1420, aveva riconosciuto al re d’Inghilterra Enrico V, marito di Caterina di Francia, la qualità di erede al trono a scapito del delfino Carlo. Essendo morto questo re d’Inghilterra prima di Carlo VI, fu suo figlio, Enrico VI, che fu proclamato re di Francia nel 1422. Tra i partigiani del re di Francia ed i partigiani del re d’Inghilterra, “Armagnacchi” e “Borghignoni”, la lotta non cessava ed agli orrori dell’invasione si univano quelle della guerra civile. Nelle campagne saccheggiate, nei villaggi incendiati, delle epidemie causate dalla putrefazione dei morti che non si seppellivano più, completavano l’atroce opera delle armi. 69000fa63c22246a2a0a58327481fca5Nel 1428, l’anno in cui gli Inglesi cominciarono ad accerchiare Orléans, Giovanna, che ha sedici anni, non può più resistere agli ordini del cielo. “Va, figlia di Dio!”, ripetono le voci. E, coraggiosamente, malgrado tutti gli ostacoli, ella va… La sua fiducia è ricompensata. Ed è lei che lo affermerà più tardi: quand’ella giunge, l’8 marzo 1429, al castello di Chinon per presentarsi davanti a Carlo VII, che gli Inglesi chiamavano “il re di Bourges”, Giovanna si sente realmente accompagnata da san Michele, da santa Caterina, da santa Margherita e da un corteo di angeli. L’8 maggio, la Chiesa celebrava l’apparizione di San Michele sul Monte Gargano ed era allora giorno di festa per tutta la cristianità. E’ quel giorno ch’ebbe luogo la liberazione di Orléans. Più tardi, nella sua prigione di Crotoy, vicino ad Amiens, prima di essere trasferita a Rouen, l’eroina ricevette per l’ultima volta la visita di san Michele. Egli apparve sotto la forma di un cavaliere dall’armatura scintillante e la riconfortò perché ella trovasse la forza di subire la crudele prigionia di Rouen, l’iniquo processo, lo spaventoso supplizio del fuoco. Al momento della sua morte, Giovanna invocò l’Arcangelo ed anche Gabriele, il messaggero della Redenzione. Come il vecchio poeta della Canzone di Rolando l’aveva immaginato per il suo eroe, san Michele e san Gabriele si chinarono sulla santa della patria e la condussero verso Dio. Quando san Michele fu proclamato, oltre quarant’anni fa, il patrono dei paracadutisti dell’esercito francese, un ufficiale compose una bella preghiera che insegna in quale spirito deve essere compiuto il dovere di soldato: “San Michele ci insegni, come a Giovanna d’Arco, a resistere senza mai odiare, a compatire lealmente, da fratello, l’avversario di un giorno”. Il nostro solo nemico è il demonio, padre degli odi e della guerra. Contro di lui, san Michele possiede una grandissima potenza, poiché la sua missione è precisamente quella di combattere i demoni e di far trionfare gli amici di Dio. (Fonte: Don Marcello Stanzione,Milizia di San Michele Arcangelo). “Una vita è tutto quello che abbiamo e la viviamo credendo in ciò per cui viviamo.Ma sacrificare ciò che sei e vivere senza fede, è un destino più terribile della morte.” Santa Giovanna D’Arco joan_of_arc_wallpaper_by_saintfighterfire
Condividi:  Pubblicalo Posted on 31 maggio 2016Posted in Preghiere e meditazioni dei Santi, San Michele Arcangelo
S.Giovanna D’Arco:”BISOGNA COMBATTERE PERCHE’ DIO DONI LA VITTORIA”
S.Giovanna D’Arco:”BISOGNA COMBATTERE PERCHE’ DIO DONI LA VITTORIA”
“Non ho paura. Sono nata per fare questo “S.Giovanna d’Arco. Dalla catechesi di Benedetto XVI
“Oggi vorrei parlarvi di Giovanna d’Arco, una giovane santa della fine del Medioevo, morta a 19 anni, nel 1431. Questa santa francese, citata più volte nel Catechismo della Chiesa Cattolica, è particolarmente vicina a santa Caterina da Siena, patrona d’Italia e d’Europa. Giovanna d’Arco non sapeva né leggere né scrivere, ma può essere conosciuta nel più profondo della sua anima grazie a due fonti di eccezionale valore storico: i due Processi che la riguardano.
Il primo, il Processo di Condanna (PCon), contiene la trascrizione dei lunghi e numerosi interrogatori di Giovanna durante gli ultimi mesi della sua vita (febbraio-maggio 1431), e riporta le parole stesse della Santa.
Dalle sue stesse parole, sappiamo che la vita religiosa di Giovanna matura come esperienza mistica a partire dall’età di 13 anni (PCon, I, p. 47-48). Attraverso la “voce” dell’arcangelo san Michele, Giovanna si sente chiamata dal Signore ad intensificare la sua vita cristiana e anche ad impegnarsi in prima persona per la liberazione del suo popolo. La sua immediata risposta, il suo “sì”, è il voto di verginità, con un nuovo impegno nella vita sacramentale e nella preghiera: partecipazione quotidiana alla Messa, Confessione e Comunione frequenti, lunghi momenti di preghiera silenziosa davanti al Crocifisso o all’immagine della Madonna. La compassione e l’impegno della giovane contadina francese di fronte alla sofferenza del suo popolo sono resi più intensi dal suo rapporto mistico con Dio. Uno degli aspetti più originali della santità di questa giovane è proprio questo legame tra esperienza mistica e missione politica. Dopo gli anni di vita nascosta e di maturazione interiore segue il biennio breve, ma intenso, della sua vita pubblica: un anno di azione e un anno di passione…. L’INGIUSTA CONDANNA,FRUTTO DI RIVALITA’ POLITICHE
A differenza dei santi teologi che avevano illuminato l’Università di Parigi, come san Bonaventura, san Tommaso d’Aquino e il beato Duns Scoto, questi giudici,che avevano fatto una scelta politica,non di vera fede -che condannarono al rogo S.Giovanna -sono teologi ai quali mancano la carità e l’umiltà di vedere in questa giovane l’azione di Dio. Vengono alla mente le parole di Gesù secondo le quali i misteri di Dio sono rivelati a chi ha il cuore dei piccoli, mentre rimangono nascosti ai dotti e sapienti che non hanno l’umiltà (cfr Lc 10,21). Così, i giudici di Giovanna sono radicalmente incapaci di comprenderla, di vedere la bellezza della sua anima: non sapevano di condannare una Santa.
Circa 25 anni più tardi, il Processo di Nullità, aperto sotto l’autorità del Papa Callisto III, si conclude con una solenne sentenza che dichiara nulla la condanna (7 luglio 1456; PNul, II, p 604-610). Questo lungo processo, che raccolse le deposizioni dei testimoni e i giudizi di molti teologi, tutti favorevoli a Giovanna, mette in luce la sua innocenza e la perfetta fedeltà alla Chiesa. Giovanna d’Arco sarà poi canonizzata da Benedetto XV, nel 1920.
LO STENDARDO DI GIOVANNA: I SANTI NOMI DI GESU’ E DI MARIA
santa giovanna d’arco 1Cari fratelli e sorelle, il Nome di Gesù, invocato dalla nostra Santa fin negli ultimi istanti della sua vita terrena, era come il continuo respiro della sua anima, come il battito del suo cuore, il centro di tutta la sua vita. Il “Mistero della carità di Giovanna d’Arco”, che aveva tanto affascinato il poeta Charles Péguy, è questo totale amore di Gesù, e del prossimo in Gesù e per Gesù. Questa Santa aveva compreso che l’Amore abbraccia tutta la realtà di Dio e dell’uomo, del cielo e della terra, della Chiesa e del mondo. Gesù è sempre al primo posto nella sua vita, secondo la sua bella espressione: “Nostro Signore servito per primo” (PCon, I, p. 288; cfr Catechismo della Chiesa Cattolica, 223). Amarlo significa obbedire sempre alla sua volontà. Ella afferma con totale fiducia e abbandono: “Mi affido a Dio mio Creatore, lo amo con tutto il mio cuore” (ibid., p. 337). Con il voto di verginità, Giovanna consacra in modo esclusivo tutta la sua persona all’unico Amore di Gesù: è “la sua promessa fatta a Nostro Signore di custodire bene la sua verginità di corpo e di anima” (ibid., p. 149-150). La verginità dell’anima è lo stato di grazia, valore supremo, per lei più prezioso della vita: è un dono di Dio che va ricevuto e custodito con umiltà e fiducia. Uno dei testi più conosciuti del primo Processo riguarda proprio questo: “Interrogata se sappia d’essere nella grazia di Dio, risponde: Se non vi sono, Dio mi voglia mettere; se vi sono, Dio mi voglia custodire in essa” (ibid., p. 62; cfr Catechismo della Chiesa Cattolica, 2005). La nostra Santa vive la preghiera nella forma di un dialogo continuo con il Signore, che illumina anche il suo dialogo con i giudici e le dà pace e sicurezza. Ella chiede con fiducia: “Dolcissimo Dio, in onore della vostra santa Passione, vi chiedo, se voi mi amate, di rivelarmi come devo rispondere a questi uomini di Chiesa” (ibid., p. 252). Gesù è contemplato da Giovanna come il “Re del Cielo e della Terra”. Così, sul suo stendardo, Giovanna fece dipingere l’immagine di “Nostro Signore che tiene il mondo” (ibid., p. 172): icona della sua missione politica. La liberazione del suo popolo è un’opera di giustizia umana, che Giovanna compie nella carità, per amore di Gesù. Il suo è un bell’esempio di santità per i laici impegnati nella vita politica, soprattutto nelle situazioni più difficili. La fede è la luce che guida ogni scelta, come testimonierà, un secolo più tardi, un altro grande santo, l’inglese Thomas More. In Gesù, Giovanna contempla anche tutta la realtà della Chiesa, la “Chiesa trionfante” del Cielo, come la “Chiesa militante” della terra. Secondo le sue parole, ”è un tutt’uno Nostro Signore e la Chiesa” (ibid., p. 166). Quest’affermazione, citata nel Catechismo della Chiesa Cattolica (n. 795), ha un carattere veramente eroico nel contesto del Processo di Condanna, di fronte ai suoi giudici, teologi che la perseguitarono e la condannarono. Nell’Amore di Gesù, Giovanna trova la forza di amare la Chiesa fino alla fine, anche nel momento della condanna. Mi piace ricordare come santa Giovanna d’Arco abbia avuto un profondo influsso su una giovane Santa dell’epoca moderna: SANTA TERESA DI GESU’ BAMBINO.
therese-and-joan
S.TERESA DI LISIEUX,conl’armatura e lo stendardo di S. Giovanna D’Arco In una vita completamente diversa, trascorsa nella clausura, la carmelitana di Lisieux si sentiva molto vicina a Giovanna, vivendo nel cuore della Chiesa e partecipando alle sofferenze di Cristo per la salvezza del mondo. La Chiesa le ha riunite come Patrone della Francia, dopo la Vergine Maria. Santa Teresa aveva espresso il suo desiderio di morire come Giovanna, pronunciando il Nome di Gesù (Manoscritto B, 3r), ed era animata dallo stesso grande amore verso Gesù e il prossimo, vissuto nella verginità consacrata. Cari fratelli e sorelle, con la sua luminosa testimonianza, santa Giovanna d’Arco ci invita ad una misura alta della vita cristiana: fare della preghiera il filo conduttore delle nostre giornate; avere piena fiducia nel compiere la volontà di Dio, qualunque essa sia; vivere la carità senza favoritismi, senza limiti e attingendo, come lei, nell’Amore di Gesù un profondo amore per la Chiesa. Grazie. «SIGNORE, DIO DEGLI ESERCITI» Preghiera di S.Teresa di Gesù Bambino ispirata da un’immagine rappresentante la Venerabile Giovanna d’Arco. Signore, Dio degli eserciti, che ci avete detto nel vostro Van­gelo: «Non sono venuto a portare la pace ma la spada» armate­mi per la lotta, io ardo di combattere per la vostra gloria, ma vi supplico, fortificate il mio Scoraggio … Allora con il Santo re David io potrò gridare: «Voi solo siete il mio scudo, e voi, Signore, preparate le mie mani alla guerra … ». O mio Diletto! Io comprendo a quale combattimento voi mi destinate, non è sui campi di battaglia che io lotterò … Io sono prigioniera del vostro Amore, ho liberamente ribadi­to la catena che mi unisce a Voi e mi separa per sempre dal mondo che voi avete maledetto … La mia spada non è altro che l’Amo­re, con esso io scaccerò lo straniero dal regno. Vi farò procla­mare Re nelle anime che rifiutano di sottomettersi alla vostra Potenza Divina. Senza dubbio, Signore, uno strumento debole come me stes­sa non vi è necessario, ma Giovanna vostra vergine e valorosa sposa ha detto: «Bisogna combattere perché Dio doni la vit­toria». O mio Gesù, io combatterò quindi per vostro Amore fino alla sera della mia vita. Poiché non avete voluto gustare riposo sulla terra, io voglio seguire il vostro esempio e spero così che questa promessa uscita dalle vostre labbra Divine si realizzerà per me: «se qualcuno mi segue, in qualsiasi luogo Io sia egli pure vi sarà, e il Padre mio l’onorerà». Essere con voi, essere in voi, ecco il mio unico desiderio … la certezza che voi mi date della sua realizzazione mi fa sop­portare l’esilio in attesa del giorno radioso del Faccia a Faccia eterno! … PREGHIERA A SANTA GIOVANNA D’ARCO 5999a02d4e4c6d305a1a85616ff1dda41 – O gloriosa Vergine Giovanna D’Arco che, in tante battaglie vittoriosa, foste sostegno ai vostri soldati e terrore agli avversari, accoglietemi, ve ne prego, sotto la vostra protezione ed ottenetemi conforto nel combattere le sante battaglie del Signore. Gloria.. 2 – O gloriosa Vergine Giovanna D’Arco, che forte nella fede e nella pietà, viveste gli anni della vostra giovinezza in una purezza angelica, aiutatemi a mantenere sempre, in questi tempi così difficili, l’anima mia immune dalle sozzure del peccato e dal veleno dell’incredulità. Gloria.. 3 – O gloriosa Vergine Giovanna D’Arco, che obbediste sempre, anche con il sacrificio degli affetti famigliari, alle voci celesti che vi facevano conoscere la divina volontà intorno alla missione affidata da Dio al vostro umile braccio, fate che io adempia fedelmente i divini voleri e accolga docilmente i buoni consigli e le ammonizioni dei miei genitori e superiori. Gloria.. 4 – O gloriosa Vergine Giovanna D’Arco, che nel nome di Dio e dei vostri Santi Protettori, vinceste, in battaglie sanguinose ed ostinate, i nemici della vostra patria e del vostro re, sostenete la mia debolezza nella lotta aspra e quotidiana contro i miei nemici spirituali, il mondo, il demonio, la carne, affinché ne riporti vittoria per servire il Re del Cielo e raggiungere la vera patria del Paradiso. Gloria.. 5 – O gloriosa Vergine Giovanna D’Arco, che, per la verità e la giustizia, affrontaste l’iniquità di giudici perversi, le sofferenze di un lungo carcere, il tradimento, l’abbandono e l’orribile strazio del rogo, dove foste bruciata viva, sorreggetemi, vi scongiuro, nella sincera e coraggiosa professione della fede, e assistetemi fino alla morte, perchè io ne custodisca immacolato e intatto il prezioso tesoro. Gloria.. Fonte: http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/audiences/2011/documents/hf_ben-xvi_aud_20110126_it.html
santa teresa giovanna d’arco
S.Giovanna D’Arco:”Bisogna dare battaglia perchè Dio doni la vittoria “.Santa Teresa di Lisieux:” O mio Gesù,così io combatterò per il Tuo Amore fino alla sera della mia vita “.
Condividi:  Pubblicalo Posted on 30 maggio 2016Posted in Preghiere e meditazioni dei Santi
CORPUS DOMINI
CORPUS DOMINI
La Solennità del Corpus Domini nacque per onorare la Presenza di Gesù nell’Eucaristia,il Suo Corpo e Sangue,donato per la salvezza di tutti gli uomini, fatto cibo per sostenere la nostra “vita nello Spirito”. http://www.santiebeati.it/dettaglio/90912
Per i nostri mali,spirituali e fisici, Suor Faustina – che nella sua breve vita ha conosciuto ogni genere di infermità, del corpo e dell’anima,sopportandoli con fede eroica e ricevendo grandi grazie da Gesù – ci ha lasciato questa bellissima preghiera di guarigione nell’adorazione a Gesù Eucaristia:
“Gesù il Tuo Sangue puro e sano circoli nel mio organismo malato, ed il Tuo Corpo puro e sano trasformi il mio corpo malato e pulsi in me una vita sana e forte.”
dal Diario di Santa Faustina Kowalska ,apostola della Divina MisericordiaCorpus Domini (1) “Qui c’è il tesoro della Chiesa,
il cuore del mondo,
il pegno del traguardo a cui ogni uomo,
anche inconsapevolmente anela;
nell’umile segno del pane e del vino,
Cristo cammina con noi,
quale nostra forza e nostro viatico,
e ci rende per tutti testimoni di speranza.”
San Giovanni Paolo II eucharist-8Preghiera in riparazione dei sacrilegi eucaristici Mio Gesù Eucarestia Dio fatto uomo per riaprirci le porte del Paradiso con la tua santa Passione e Morte di croce. Hai colmato la misura del Tuo amore donandoci Te stesso nel Gran Sacramento. Ma il tuo amore non è capito e tanti tuoi figli ingrati ti ricevono con il peccato mortale nell’anima; altri, insipienti, profanano il Tuo Corpo santissimo trattando le Ostie consacrate senza rispetto e senza devozione; altri ancora, con spirito diabolico, ti sottomettono a riti satanici. Allora si leva il tuo grido di condanna: “guai, tre volte guai ai profanatori del mio santo e immacolato Corpo. Tremenda è la pena”(Gesù ad un’anima consacrata.”) Il mio cuore piange con Te, e mosso dalla carità che Tu ci hai insegnato, ti risponde con un grido di espiazione: Pietà, mio Dio; per il dolore del tuo Cuore Sacratissimo, ti offro in espiazione lo stesso tuo Corpo immolato e il tuo Sangue versato per la salvezza di tutti. Ti offro tutte le mie sofferenze fisiche e morali, assieme ai tuoi meriti infiniti, assieme ai meriti della Madre tua e ai dolori del suo Cuore Immacolato, in espiazione di tutti i sacrilegi, le profanazioni e gli oltraggi che ricevi nella Santissima Eucarestia. PREGHIERA DAVANTI AL SS.SACRAMENTO4027962_2ba6a
di Santa Faustina Kowalska Ti adoro Creatore e Signore nostro nel SS.Sacramento.
Ti adoro per tutte le opere delle tue mani,
nelle quali si rivela tanta sapienza, bontà e misericordia.
O Signore, hai seminato tanta bellezza sulla terra
ed essa mi parla della tua bellezza,
benchè sia soltanto un pallido riflesso di Te,
Bellezza inconcepibile.
E sebbene ti sia nascosto e ti tenga occultato
ed abbia nascosto la tua bellezza,
il mio occhio illuminato dalla fede ti raggiunge
e la mia anima riconosce il suo Creatore,
suo sommo bene,
ed il mio cuore si immerge totalmente
in una preghiera di adorazione.
O mio Creatore e Signore,
la tua bontà m’incoraggia a parlarti,
la tua misericordia fa scomparire fra di noi
l’abisso che separa il Creatore dalla creatura.
E’ una delizia per il mio cuore parlare con Te, o Signore.
In Te trovo tutto ciò che il mio cuore può desiderare.
Qui la tua luce illumina il mio intelletto
e lo rende a conoscerti sempre più profondamente.
Qui sul mio cuore scendono torrenti di grazie,
qui la mia anima attinge la vita eterna.
O mio Creatore e Signore,
Tu solo oltre a questi doni mi dai Te stesso
e ti unisci strettamente alla tua misera creatura.
Qui i nostri cuori si comprendono senza ricorrere alle parole,
qui nessuno è in grado di interrompere il nostro colloquio.
Quello di cui parlo con Te, o Gesù, è un nostro segreto,
di cui le creature non saranno messe al corrente…,
Si tratta di perdoni segreti,
che conosciamo solo Gesù e io;
è un segreto della sua misericordia
che abbraccia singolarmente ogni anima.
Per questa tua inconcepibile bontà,
ti adoro, o Creatore e Signore,
con tutto il cuore e con tutta l’anima.
E benchè questa mia adorazione sia tanto misera ed insignificante,
tuttavia sono tranquilla perchè so
che tu conosci che essa è sincera, sebbene così inadeguata. portrait-of-our-lordPREGHIERA DAVANTI A GESU’ EUCARESTIA
Signor mio Gesù Cristo, che per l’amore che porti agli uomini, Te ne stai notte e giorno in questo Sacramento tutto pieno di pietà e di amore, aspettando, chiamando ed accogliendo tutti coloro che vengono a visitarti, io Ti credo presente nel Sacramento dell’Altare. Ti adoro nell’abisso del mio niente, e Ti ringrazio di quante grazie mi hai fatte; specialmente di avermi donato Te stesso in questo Sacramento, e di avermi data per Avvocata la tua Santissima Madre Maria e di avermi chiamato a visitarti in questa chiesa. Io saluto oggi il tuo amantissimo Cuore ed intendo salutarlo per tre fini: primo, in ringraziamento di questo gran dono; secondo, per compensarti di tutte le ingiurie, che hai ricevuto da tutti i tuoi nemici in questo Sacramento: terzo, intendo con questa visita adorarti in tutti i luoghi della terra, dove Tu sacramentato te ne stai meno riverito e più abbandonato.
Gesù mio, io ti amo con tutto il cuore. Mi pento di aver per il passato tante volte disgustata la tua Bontà infinita. Propongo con la tua grazia di non offenderti più per l’avvenire: ed al presente, miserabile qual sono, io mi consacro tutto a Te: ti dono e rinunzio tutta la mia volontà, gli affetti, i desideri e tutte le cose mie. Da oggi in avanti fai di me e delle mie cose tutto quello che ti piace. Solo ti chiedo e voglio il tuo santo amore, la perseveranza finale e l’adempimento perfetto della tua volontà. Ti raccomando le anime del Purgatorio, specialmente le più devote del Santissimo Sacramento e di Maria Santissima. Ti raccomando ancora tutti i poveri peccatori. Unisco infine, Salvator mio caro, tutti gli affetti miei con gli affetti del tuo amorosissimo Cuore e così uniti li offro al tuo Eterno Padre, e lo prego in nome tuo, che per tuo amore li accetti e li esaudisca. Così sia. Sant’Alfonso Maria de Liguori
Condividi:  Pubblicalo Posted on 29 maggio 2016Posted in Preghiere e meditazioni dei Santi
“Chi è come Dio?Noi siamo della stirpe di Maria e le porte dell ‘inferno non prevarranno contro la Chiesa”Beata Maria Deluil-Martiny
“Chi è come Dio?Noi siamo della stirpe di Maria e le porte dell ‘inferno non prevarranno contro la Chiesa”Beata Maria Deluil-Martiny     556_001L’azione delle sette segrete è essenzialmente satanica –
Dagli scritti della Beata Maria Deluil-Martiny,fondatrice della Società delle Figlie del Cuore di Gesù ,Marsiglia,1841/1884 “Ma, chi è come Dio, Sorelle? Le porte dell’ inferno non prevarranno contro la Chiesa da Lui fondata. II trionfo finale non è per coloro che portano l’insegna del dragone, ma per noi che portiamo il Nome di Gesù Cristo sulle nostre fronti e il Suo amore nei nostri cuori! La Provvidenza procede per vie incomprensibili allo spirito umano, ma appunto perciò altrettanto adorabili; solo lassù avremo la gioiosa sorpresa, l’ammirazione del grande disegno divino, di cui ora si scorge soltanto qualche linea, senza vederne l’insieme. Bisognò che Gesù soffrisse ed entrasse così nella Sua gloria; bisogna che la Chiesa e le anime passino per la stessa via. La Chiesa non vive un giorno solamente: quando i Martiri cadevano come d’inverno la neve cade in falde, non si sarebbe potuto credere che tutto era perduto? Al contrario, il loro sangue preparava i trionfi dell’avvenire. Non è per noi che dobbiamo vivere, perciò bisogna vedere tutto attraverso i disegni di Dio; i nostri dolori attuali, dovessero raggiungere il colmo e dovessimo noi essere sacrificate nella catastrofe, acquistano e preparano i trionfi futuri della Chiesa; noi lavoriamo per quelli che verranno dopo di noi; essi raccoglieranno, ad maiorem Dei gloriam, il frutto delle nostre lacrime e forse del nostro sangue. La Chiesa procede di lotta in lotta, di vittoria in vittoria, sino all’eternità che sarà il trionfo definitivo. Sbaglierebbe chi volesse, nel momento presente giudicare l’insieme delle cose.
Noi abbiamo la promessa e la sicurezza della vita eterna, nonché il conforto di sapere che Dio trionfa sempre, e che il Suo trionfo sarà tanto più grandioso, quanto più Gli sarà costato.
Torna più comodo vivere in un tempo di pace relativa; ma il vivere in tempi turbolenti è più stimolante, più nobile e meritorio. Il nostro compito è di dissodare, lavorare e smuovere faticosamente il terreno; altri raccoglieranno la messe…, ma questa, feconda e copiosa, sarà certamente collocata nei granai del Padre celeste. Gli sforzi di Satana si faranno perciò sempre più furibondi e disperati, e la santità dei giusti sempre più fulgida, sino a che il tempo non sarà più e Satana sarà ricacciato per sempre nell’abisso. Modesti operai di questa grande opera, lavoriamo nel silenzio e nella speranza. Preghiamo: è la condizione del successo: ripariamo, poiché il dolore supremo è di vedere Dio oltraggiato e bestemmiato; soffriamo, lottiamo, moriamo se occorre, sicure che lassù una Provvidenza veglia, l’Onnipotenza ci assiste e riuscirà vittoriosa; la Bontà tiene conto di tutto, l’Amore infinito si china verso di noi per condurci ai suoi fini divini. Noi siamo della stirpe di Maria, della quale Dio stesso ha proclamato l’inimicizia perpetua con la razza di Satana; e alla quale Egli ha dato il trionfo per mezzo di Gesù Cristo, senza però dispensarci dalla fatica, nè privarci dell’onore e del merito della lotta”. Beata Maria di Gesù Deluil-Martìny
Lettera dell’8 dicembre 1882
Condividi:  Pubblicalo Posted on 28 maggio 2016Posted in Preghiere e meditazioni dei Santi
Testimonianza di Federica,ex testimone di Geova,ritornata nell’abbraccio di Gesù e Maria
Testimonianza di Federica,ex testimone di Geova,ritornata nell’abbraccio di Gesù e Maria
BELLISSIMA TESTIMONIANZA EX TESTIMONE DI GEOVA , tornata alla Chiesa cattolica,guarita spiritualmente grazie a Gesù e Maria-
Oggi Federica è felicemente sposata con figli,ha una bella famiglia che vive nella benedizione della Sacra Famiglia,e ci ha donato la sua testimonianza . “Oggi voglio ricordare quanto il Signore con la Sua misericordia mi ha amato, io che ero nelle tenebre sono stata abbracciata da Dio . Tutto ha avuto inizio quando io avevo 2 anni ,ero stata battezzata cattolica cristiana dai miei genitori …col nome di Federica Rita ..nel giorno della Madonna di Loreto il 10 Dicembre 1978 nella Chiesa di San Venanzio martire a Camerino provincia di Macerata.
testimoni-di-geova
UNA DELLE ULTIME COPERTINE DELLA RIVISTA GEOVISTA “TORRE DI GUARDIA “ANNUNCIANTE LA IMMINENTE FINE DEL MONDO Due anni dopo mia mamma ,soffrendo molto di depressione e sbalzi di umore repentini…cercava aiuto da tutti ..cercava speranza …e conobbe una testimone di geova che le promise che la loro religione poteva far vivere in un paradiso sulla terra e che presto ci sarebbe stata LA FINE DEL MONDO , l’ Armagheddon e ci si doveva preparare subito entrando a far parte della Congregazione dei testimoni di Geova, perchè solo così sarebbe entrata nel paradiso terrestre. ..Nella sua disperazione mia mamma si aggrappò a questa ..falsa speranza e divenne testimone di geova.
Mio padre dopo 3 anni si convinse anche lui che fosse la cosa giusta e divenne anche lui testimone di geova.
Io ero piccola avevo 5 anni quando mio padre divenne testimone di geova.
Ovviamente mi crebbero con le usanze dei testimoni di geova e con le loro regole ..cmq io sin da piccola avevo un grande amore per Dio e per tutto ciò che Lo riguardava. Un giorno avevo 5 anni ,alcuni amici dei miei genitori erano stati a casa nostra e si erano fermati a dormire da noi.
La mattina presto cominciò a piovere molto forte con tuoni e fulmini; la mia mamma e il mio papà erano a lavorare e mi lasciarono con questa famiglia di amici ,i quali,vedendo questo temporale ,decisero di partire in fretta, visto che io dormivo e la mia mamma da lì a un’ ora sarebbe dovuta tornare.
Mi sveglio all’ improvviso a causa di un fortissimo tuono, io avevo molta paura dei tuoni …e mi ritrovai sola in casa …
Cominciai a piangere e in ginocchio con le mani giunte pregai Dio dicendo ‘ti prego tu sei un Papà, io ho tanta paura, fa che la mia mamma torni subito’: non feci in tempo a finire la mia preghiera che la mia mamma era lì. ..Tornò stranamente un’ ora prima senza sapere che ero a casa da sola!
Per la prima volta compresi che Dio mi amava e si interessava proprio a me e che qualunque cosa gli chiedevo Lui era sempre pronto ad ascoltarmi. controllo_mentaleCrebbi e divenni una Testimone di geova e una missionaria dei TdG…Dedicavo 90 ore al mese ad andare di casa in casa a distribuire le riviste della Torre di Guardia,Svegliatevi… Poi la malattia di mia mamma si aggravò, i miei si separarono e noi ci trasferimmo: io non vissi un’ infanzia felice, ma molto difficile ..questo portò un ‘adolescenza complicata. All’ età di 17 anni scappai da casa e cominciai a capire che la religione dei testimoni di geova era un insieme di regole, ma non c’ era l’ Amore di Dio.
Commisi molti errori:mi sposai in comune a 18 anni e dopo un anno mi separai ,iniziai ad andare in discoteca.
Facevo la ballerina in discoteca …conoscete i 10 comandamenti:ecco, non ce n’è uno che purtroppo io non abbia infranto….
Partecipai al concorso di Miss Italia, sfilai come modella e mi proposero di diventare famosa, diventando l ‘amante di un ricco personaggio…ringraziando Dio rifiutai….poi ,più tardi, conobbi il mio attuale sposo,Antonio, che all’epoca era ateo e che con sua mamma praticava cartomanzia,leggeva i Tarocchi ….
Dopo due anni di vita “spericolata”,mi ammalai di diabete e dopo un anno nel 2000 il 4 Gennaio mia mamma morì a causa della sua malattia.
Mi crollò il mondo addosso, io avevo solo lei…fui portata da alcuni parenti nelle Marche per un anno.
Nel frattempo io e Antonio ci eravamo lasciati ,proprio sei mesi prima della morte di mia mamma…ma Dio aveva un progetto per noi e più avanti lo riportò sul mio cammino…
Nel Giugno del 2001 decido di andare a vivere da sola, tornando in Umbria.Comincio a frequentare un gruppo di giovani , uscivo con un ragazzo ateo e nel frattempo frequentavo anche un gruppo dei Testimoni di geova ,ero nella confusione totale e conducevo una vita doppia: da un lato a volte andavo con i TdG ,dall’ altro frequentavo questo gruppo di amici, tra cui c’erano atei ma anche dei cattolici. IL PRIMO VERO INCONTRO CON GESU’
4027962_2ba6aNel Maggio del 2002 una coppia di miei amici si sposarono in chiesa e io non volevo entrare in chiesa perché i testimoni di geova mi avevano insegnato che ‘dentro le chiese cattoliche c’è il diavolo’ e io avevo paura ad entrarci….
Poi il ragazzo ateo con cui uscivo mi disse ironicamente:
“io ci entro e non mi è mai successo niente , vieni con noi, dài vedrai che non ti succede niente! “.
Il 23 Maggio entrai per la prima volta in chiesa a Foligno ,per assistere alla celebrazione del matrimonio dei nostri amici.
Quando mi sedetti ,vidi il Crocifisso davanti a me:i miei occhi furono rapiti ,io non avevo mai visto un crocifisso,( a parte a scuola dove evitavo di guardarlo) , sentivo che Gesù era lì ed era Vivo e guardava proprio me !
Non era più un Dio giudice, lontano, ma sofferente come me, mi amava ed era li in quella chiesa ,Vivo per me.
Ne ebbi la certezza nel cuore…
I miei amici mi chiamavano, ma io non risposi:per mezz’ora fui come rapita fissando il Crocifisso …poi nel cuore pronunciai queste parole:
” Se Tu sei lì e finora non ho capito niente..Ti prego aiutami perché io sto morendo e ho sbagliato tutto fino ad oggi ! Aiutami !”
Finita la Messa, tutti mi chiedevano cosa fosse successo, io cercai di spiegarlo, ma non mi credevano. Poco tempo dopo,dal congresso del Rinnovamento Carismatico di Rimini mi telefonò una zia delle Marche: sua la figlia le aveva detto, durante la preghiera .”Federica si è convertita ,chiamala e domani dille di venire con noi al Santuario di Collevalenza ”
( in provincia di Perugia, dove la Beata Madre Speranza trovò come a Lourdes delle fonti di acqua miracolosa,dove vennero costruite delle piscine,seguendo l’ispirazione di Gesù Misericordioso).
Mia zia le rispose che non se la sentiva di chiamarmi,perchè sapeva che io ero una Testimone di geova e non sopportavo le preghiere cattoliche e non ne volevo sapere di entrare in una chiesa cattolica. Ma la figlia continuò a dirle:”Credimi ,chiamala, nella preghiera ho sentito che lei ascolterà”.
Così mia zia mi telefonò, io ero uscita dalla Chiesa in quel momento e lei mi disse ,con un po’ di timore sulla mia reazione:”Federica volevo chiederti se domani vuoi venire a Collevalenza con noi…”
Io le risposi subito:”Zia guarda oggi sono entrata in chiesa e voglio diventare cattolica cristiana. ”
Lì per lì mia zia rimase senza parole e mi chiese se ero seria o se la stavo prendendo in giro! …Poi il giorno dopo mi portò a Collevalenza e mentre facevo il bagno nelle piscine del santuario,mi insegnarono a fare il Segno di Croce ,ripresi a pregare .. DAL SANTUARIO DI LOURDES, IL CORAGGIO DI DIMETTERSI DALLA CONGREGAZIONE DEI TESTIMONI DI GEOVA
3499693_2d04eDopo un mese andammo a Lourdes e davanti alla grotta di Lourdes scrissi una lettera alla Congregazione dei Testimoni di geova in cui spiegavo le mie dimissioni e il 23 Settembre successivo,nella chiesa di San Francesco in Foligno ( dove il Santo vendette le stoffe del padre e dove si trova Santa Angela, mistica da Foligno morta il 4 Gennaio come la mia mamma) ricevetti la prima Santa comunione a 24 anni: quale gioia il mio Dio il mio Signore si univa a me ! Proprio a me ,che tanto avevo parlato male della sua Chiesa, dei suoi Sacerdoti ,della sua Mamma Ss.ma…
Sì Dio aveva avuto un’ infinita Misericordia con me, perdonandomi gratuitamente tutto ..io mi sentivo come il Figlio prodigo .
Andavo alla Messa tutti i giorni e facevo tantissime domande ,tutto dovevo imparare ..
Non sapevo il Padre Nostro e l’Ave Maria e una notte, dopo il bagno nel santuario di Collevalenza, nel sonno ripetei tutta la notte l’ Ave Maria, finalmente dormivo di un sonno sereno ,perciò fu un dono di Dio e la mattina ricordavo l’Ave Maria perfettamente a memoria!Dopo un anno incontrai di nuovo Antonio, il ragazzo ateo che faceva i Tarocchi e che avevo lasciato tanto tempo prima…e che oggi è diventato il mio Sposo!
Antonio fu molto meravigliato ,quando gli raccontai della mia conversione alla fede cattolica, disse:”ma tu non eri testimone di geova. .?”.Cominciai a parlargli dell’ Amore che Dio aveva avuto per me….riprendemmo a frequentarci , ci fidanzammo e dopo un periodo di riflessioni e di prove decidemmo di sposarci in Chiesa .
Lui rinunciò ai Tarocchi ,alla cartomanzia imparata da sua madre, e cominciò un vero cammino di fede: ricevemmo il Sacramento della Cresima insieme ,una settimana prima di sposarci ,iniziammo a pregare insieme e vivere i Sacramenti della Santa Chiesa e quante grazie dopo il Sacramento del matrimonio Dio ci ha fatto!!!
Ecco come Dio e la Mamma Maria ci amano immensamente con infinita Misericordia e cercano noi,i Loro figli, con eterna passione e tenerezza ….hanno fatto di tutto anche per chi ,come me, era tanto lontana e si era persa …”
FEDERICA.
Condividi:  Pubblicalo Posted on 28 maggio 2016Posted in TESTIMONIANZE
“Yoga cristiano”? ASSOLUTAMENTE NO. Lo Yoga non è “una pratica ginnica”
“Yoga cristiano”? ASSOLUTAMENTE NO. Lo Yoga non è “una pratica ginnica”     LO YOGA NON E’ solo una PRATICA GINNICA, è una tecnica occultista ed è incompatibile con la fede cristiana cattolica.
mb2b2b2bac
la medium H.P.Blavatsky e il mago nero Aleister Crowley E’ una pratica di contattismo con gli spiriti indù Deva, lo scrisse anche il padre del satanismo moderno Aleister Crowley, che importò la moda dello yoga in Europa dall’India, a metà Ottocento: lo yoga pervade un po’ tutta l’opera del mago nero Crowley, assumendo nei suoi scritti un’importanza almeno pari a quella della magia tradizionale…e lo ha diffuso in Occidente con l’aiuto della medium Helena Petrovna Blavatsky fondatrice della Società Teosofica e feroce anticristiana, esattamente come Crowley che si definiva l’anticristo. Ma i CENTRI YOGA, con la loro propaganda, diffondono l’idea che lo yoga sia una sorta di “talismano” per il benessere fisico e la guarigione da ogni male, NON INFORMANO sulle vere origini e scopi dello yoga ed ancora oggi tanti sprovveduti, anche tra i cattolici, cadono nell’inganno. Immagine correlataALEISTER CROWLEY, considerato il padre del satanismo moderno, era un maestro di Yoga: questo libro, in foto, è un noto trattato di Crowley su come lo Yoga serva all’annullamento del sè per entrare in contatto con “gli spiriti”…altro che semplice ‘ginnastica’. Facciamo notare che in più riprese la Chiesa ha espresso un giudizio negativo sullo Yoga, che comunque rimanda all’Induismo. Di Yoga, e qui verrebbe da chiedersi se tanti cattolici siano informati, parlò l’allora cardinal Ratzinger ancora Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede nel 1999 nel corso di un’intervista: “Se lo Yoga è ridotto solo a ginnastica si può anche accettare, ma deve essere realmente ridotto a un puro esercizio di rilassamento fisico, liberato da ogni elemento ideologico”. Ma il confine tra le due concezioni è molto sottile ed il rischio di cadere nell’inganno è forte ed evidente: “Il rischio è che lo yoga diventi un metodo autonomo di ‘redenzione’, privo di un vero incontro tra Dio e la persona umana. E in quel caso, siamo già nel trascendente”. “Nel momento in cui lo si chiama ‘yoga cristiano’ è già ideologizzato e appare come una religione, e questo non mi piace tanto” inoltre “ l’insegnamento della meditazione trascendentale e dello yoga nelle Chiese cattoliche e nelle comunità religiose da parte di sacerdoti mi sembra molto pericoloso perché in questo contesto queste pratiche sono già offerte come un qualcosa, appunto, di religioso”. Di Yoga si era occupato anche il Pontificio Consiglio del Dialogo interreligioso nel 2003 che si espresse così: “Lo scopo ultimo dello Yoga è l’estinzione della coscienza. Scopo ultimo dell’orazione cristiana è invece l’incontro della persona umana con il Dio-persona”. E ancora: “In questa visione Dio non è trascendente e ciò porta inevitabilmente ad abbracciare una forma di panteismo, concezione incompatibile con il cristianesimo e con la rivelazione del Dio fatto uomo che parla a ogni anima”. Immagine correlataLa Conferenza episcopale dell’Emilia Romagna con un Documento del 2013 si è espressa in modo inequivocabile sullo yoga che non è “ginnastica”: “E’ bene non sottacere la pericolosita’ per la salute delle persone- scrivono i vescovi- causata dalla frequentazione di corsi che prevedono l’uso di tecniche mutuate dalla psicoterapia, dallo yoga, dal training autogeno, applicate in modo spurio e disordinato da persone incompetenti, senza adeguati controlli. L’elemento egocentrico-narcisistico, introdotto dall’uso improprio di certe tecniche, puo’ incidere sull’equilibrio psico-affettivo e provocare particolari patologie e disturbi”. Documento CEI: “Religiosità alternativa, sette, spiritualismo”: http://www.grisrimini.org/documenti/magistero/Religiosita_alternativa_2013.pdf
pigeoninbasilica-600px_-600pxPapa Francesco: “mille corsi di yoga, zen e tutte queste cose…Ma tutto questo non sarà mai capace di darti la libertà di figlio di Dio. Soltanto è lo Spirito Santo che muove il tuo cuore per dire ‘Padre’. Soltanto lo Spirito Santo è capace di scacciare, di rompere questa durezza del cuore e fare un cuore ‘Docile’. Docile al Signore. Docile alla libertà dell’amore”. http://it.radiovaticana.va/news/2015/01/09/il_papa_chi_ama_dio_%C3%A8_libero,_solo_lo_spirito_apre_il_cuore/1117507 Infatti YOGA SIGNIFICA ‘GIOGO’, SOTTOMISSIONE A SPIRITI DEVA, lo dicono gli stessi EX GURU YOGA, come Rabi Maharaj nel suo libro autobiografico: la morte di un guru yogi per rinascere in Cristo:
“quegli esseri che incontravo quando mi trovavo nella trance yogica in meditazione profonda, che si mascheravano in Shiva o in qualche altra deità indù non sono altro che demoni”.
Rabi ha scoperto che solo Gesù poteva donargli il perdono dal peccato, la pace e la figliolanza divina.
“il piano di satana è controllare il cervello dell’uomo occidentale con il misticismo orientale”. Fonte: http://www.gris-imola.it/ultime_notizie/RabiMaharajlamortediunguruyogaperrinascereinCristo.php
Lo Yoga non è compatibile con Cristo
screen_shot_2013-05-23_at_12-54-55_pm_t500x356
Il Baphomet o caprone di Mendes ideato dall’occultista Eliphas Levi, simbolo del satanismo e il Padmasana Yoga…notevoli analogie Aleister Crowley, il padre del satanismo moderno, era un praticante di Yoga e maestro yogi…La cultura irenistica e relativistica della New Age vuole introdurre una tecnica estatica della fusione che identifica tout court“dio” con l’uomo, lo Yoga, talvolta anche all’interno della Chiesa, appiattendo la dimensione “spirituale” su un vago “benessere psicofisico”, facendo dell’esperienza “spirituale” una conquista dell’uomo (magia) e non un dono gratuito di Dio in Cristo (fede) e disponendo al ripiegamento narcisistico e disimpegnato del sè perchè incentrato su un determinismo spersonalizzante (reincarnazione, karma, ecc). Anche nello Yoga, come nelle diffusissime pratiche olistiche nella New Age, si parla di inesistenti “energie sottili e naturali” (ki, kundalini, prana, ecc.), talmente sottili che la scienza non ha mai misurato, a cui sarebbero attribuibili fantasmagoriche qualità autoguaritrici e autoilluminative fino ad essere “dio”. Mai, prima di con-fondersi in occidente con la New Age, lo yoga è stato presentato come una “tecnica di rilassamento psicofisico”; se fosse così sarebbe una cosa buona. In realtà lo yoga non è una tecnica neutra poichè il cuore dello yoga è il ripiegamento su di sè filtrando tutto con le proprie sensazioni cancellando la dimensione esterna per arrivare al Sè. Il contrario del cristianesimo che è un esodo da sè. Lo Yoga e le altre tecniche esoteriche orientali hanno lo scopo di aumentare la “sensibilità” o “sensitività” al preternaturale talvolta facendo emergere “poteri di caduta” (siddhi) o “medianità” o “energie sottili”. Lo slogan è“conoscenza sperimentale” (Mircea Eliade, Lo Yoga: immortalità e libertà, ed BUR, Milano 2005, p.50). Promettono, falsamente, di non avere più limiti: “il liberato in vita [yogi realizzato] può estendere quanto vuole la sua sfera di azione; non deve temere nulla perchè i suoi atti non hanno più conseguenze per lui e, pertanto, non hanno più limiti” (Mircea Eliade, Lo Yoga: immortalità e libertà, ed BUR, Milano 2005, p.46). Ovviamente siamo nella pericolosissima sfera del preternaturale, tanto più nello Yoga occidentale tantrizzato e in modo ingannevole presentato come “ginnastica”, in cui opera Satana che da sempre ha un’unica ricetta: allontanare l’uomo da Gesù, fargli credere che la sua vita sia in proprietà e non in amministrazione, fargli credere che esiste un trucco o tecnica o magia o energia sottile capace di piegare chi sta sopra, Dio, ai capricci dell’ego, espandendolo e appropriandosi della gloria di Dio in modo smisurato fino all’egolatria e inventandosi tanti “corpi occulti o sottili o auree” autocostruite magicamente al posto del solo“corpo glorioso risorto” che ci sarà donato dalla unica resurrezione di Cristo. Questa tantrizzazione delle pratiche orientali che promettono la autoliberazione intramondana verso una irrealistica libertà assoluta, respingendo la salvezza personale in Cristo,”ad esse è affidato il compito di assicurare ad un tipo umano superiore una specie di invulnerabilità che gli permetta di aprirsi a qualsiasi esperienza del mondo, avendo persino il potere di trasformare i veleni in farmaci… al di là del bene e del male… cavalcando la tigre [del sè in autoespansione]” (Julius Evola, Lo Yoga della potenza, ed Mediterranee, Roma 2006, p.91). Lo Yoga viene falsamente presentato in Occidente come una “ginnastica” capace di determinare strabilianti effetti fisici, psichici e spirituali. Con questo escamotage mentre nelle scuole non è più possibile pregare Dio è invece possibile evocare Shiva, “signore dello Yoga” e degli stati alterati di coscienza, mediante le posizioni rituali “asana” e l’inversione della respirazione per assorbire il “prana” detta “pranayama” per raggiungere la “samadhi” o stato di fusione con Shiva. Pratiche pericolose che possono provocare danni fisici, psichici e spirituali. Così, anche inconsapevolmente, gli insegnanti yogi occidentali sono missionari del movimento guru della New Age che con-fonde il Sè con il divino sottoforma di “energie” mai scientificamente riscontrate che svilupperebbero l’inesistente “aura” fino ad essere Dio… o forse un pallone autogonfiato??!? http://www.gris-imola.it/new_age/yoga.php
Condividi:  Pubblicalo Posted on 27 maggio 2016Posted in NEW AGE1 commento
PER UN SANO TRADIZIONALISMO
PER UN SANO TRADIZIONALISMO     I lefebvriani confondono col modernismo, che pure è presente nel cattolicesimo di oggi, quel sano progressismo nella dottrina e nella vita cristiana, che è stato promosso dal Concilio, che può farci parlare di un sano progressismo. Un cattivo tradizionalismo ferma il cammino della storia, non comprende il valore del nuovo, mummifica il perenne, confonde l’immutabile con l’immobilismo, la saldezza con la rigidezza, il solido col pietrificato, il conservare col conservatorismo, la fedeltà con l’arretratezza, il progresso col sovvertimento e, per esser fermo nel passato, non è capace di cogliere i valori e i problemi del presente e le speranze del futuro. Autore Giovanni Cavalcoli OPAutore Padre Giovanni Cavalcoli
Pio X 1
il Santo Pontefice Pio X È rimasta famosa la frase di San Pio X, il quale disse, seppur in un colloquio privato e non in un documento ufficiale, che il cattolico non può che essere un tradizionalista. Se la confrontiamo con l’attacco ai “tradizionalisti” fatto da Papa Bergoglio nel suo discorso al recente sinodo dei vescovi sulla famiglia, ci pare che molta acqua sia passata sotto i ponti nel Magistero pontificio. E invece, a parte le legittime o discutibili preferenze od opinioni personali dei due Papi, dobbiamo fare alcune precisazioni, al termine delle quali, spero, ci accorgeremo che la distanza per non dire opposizione non è così grande quanto a tutta prima potrebbe sembrare. Chiediamoci infatti che cosa i due Papi hanno inteso qui per “amore alla tradizione”. Quale tradizione? Tradizione in che senso? “Amore” come e quanto? Dovrebbe subito apparire evidente, per il cattolico istruito ed attento ai fatti ecclesiali di oggi, che il termine “tradizione” è inteso in due sensi diversi, tanto che, chiarendo i rispettivi significati del medesimo termine, potremmo esser sicuri che i due Papi si sarebbero dati ragione a vicenda. Infatti, mentre Pio X si riferiva chiaramente alla Sacra Tradizione, la quale, insieme con la Scrittura, è fonte della divina Rivelazione custodita e interpretata infallibilmente dal Magistero della Chiesa, Papa Francesco ha evidentemente condannato un certo “tradizionalismo”, che, male interpretando la Sacra Tradizione o prendendola a pretesto, nega l’infallibilità o la verità, ovvero osa accusare di errore o di possibilità di errore il Magistero dottrinale del Concilio Vaticano II e, di conseguenza, il Magistero che ad esso si rifà, dei Papi successivi, fino al presente felicemente regnante. Se pensiamo alla Sacra Tradizione, è ovvio che il cattolico non può essere che tradizionetradizionalista.Infatti, si può dire in certo modo che tutto il contenuto della dottrina della fede è oggetto della tradizione apostolica, secondo il Nuovo Testamento, intesa ad un tempo come atto del trasmettere o del predicare a voce, tradere [Rm 6,17; I Cor 11,23; 15, 3; II Tm 2,2; Gd 3], e contenuto della predicazione, traditum [I Cor 11,2; II Ts 2,15; I Tm 6,20]. Infatti Cristo non ha detto agli apostoli “scrivete” o, come farebbe un maestro di scuola: “prendete appunti”, ma: “predicate”, e per giunta a viva voce, fino alla fine dei secoli, giacchè allora non a esistevano i moderni mezzi tecnici di comunicazione orale. Tuttavia l’annuncio della Parola di Dio a viva voce, nonostante l’esistenza oggi di raffinati e potentissimi mezzi di comunicazione, resta sempre di primaria importanza, che vorremmo dire quasi sacramentale.
omelia
il Santo Padre durante un’omelia Si pensi all’omelia del sacerdote nella Santa Messa o alle parola del confessore nel corso della confessione. Esse trasmettono una speciale grazia di luce legata al sacramento, si trattasse anche di un sacerdote senza titoli accademici, come un San Giovanni Maria Vianney o un San Pio da Pietrelcina. Per questo la Chiesa ci dice che la Messa ascoltata in TV, quasi fosse un semplice spettacolo, non ha lo stesso valore spirituale di quella ascoltata alla presenza fisica del celebrante e neppure è possibile confessarsi per telefono, così come telefoniamo al medico per chiedergli un parere o un aiuto.
apostoli
Gesù insegna agli Apostoli È del tutto comprensibile peraltro che gli stessi apostoli, per conservare una migliore memoria, abbiano poi pensato di mettere o far mettere per iscritto le parole del Signore. E così è nato il Nuovo Testamento, ovvero la Scrittura, che si aggiunse a quella dell’Antico Testamento, nata allo stesso modo, benchè non manchino circostanze, nelle quali Dio stesso comanda di scrivere [per es. Dt 6,9; 11,20]. Anche nell’Apocalisse il Signore comanda di scrivere [19,9: 21,5].
Eppure l’ordine di Cristo di predicare e quindi di trasmettere a voce, resta sempre valido. Ed anzi è il Magistero divinamente assistito dallo Spirito Santo, Magistero che, per ordine di Cristo, ha il compito di conservare, di interpretare ed esplicitare infallibilmente i dati sia della Tradizione che della Scrittura: “Chi ascolta voi, ascolta me” [Lc 10,16]. Sbagliò dunque Lutero a voler interpretare la Scrittura senza tener conto della mediazione della Chiesa e sbaglio Monsignor Marcel Lefèbvre a voler interpretare la Tradizione senza tener conto di quegli sviluppi che furono apportati dal Concilio Vaticano II. È certamente a questo tipo di tradizionalismo che il Papa si è riferito nel suo discorso al sinodo. Tuttavia, dobbiamo dire che non ogni tradizionalismo è sbagliato. Infatti nulla e nessuno impedisce di concepire un sano tradizionalismo, il quale, senza per nulla respingere le dottrine nuove del Concilio rettamente interpretate, provi uno speciale interesse per tradizioni preconciliari tuttora valide, soprattutto se legate all’immutabilità del dogma, le quali potrebbero essere riprese e rivalorizzate con utilità per la Chiesa del nostro tempo.
Tomas Tyn 3
il Servo di Dio domenicano Tomas Tyn I lefevriani confondono col modernismo — che pure è presente nel cattolicesimo di oggi — quel sano progressismo nella dottrina e nella vita cristiana, che è stato promosso dal Concilio, che può farci parlare di un sano progressismo, come per esempio quello di un Maritain, di uno Spiazzi, di un Ratzinger e di un Congar, accanto a un sano tradizionalismo, come è stato quello del Servo di Dio Padre Tomas Tyn, al quale ho dedicato una biografia, pubblicata nel 2007 da Fede&Cultura: “Padre Tomas Tyn. Un tradizionalista postconciliare” [vedere qui], un titolo apparentemente strano, che non è stato compreso da tutti, che avevo studiato con la massima attenzione e del quale non mi sono affatto pentito.Esso significa che un sano tradizionalismo non si trova affatto a disagio nella Chiesa del postconcilio, ma, ricordando e conservando ciò che non può perire o mutare, dà un contributo valido ed indispensabile al bene della Chiesa, in reciprocità con un sano progressismo, che scaturisce da ciò che non passa; mentre viceversa un cattivo tradizionalismo ferma il cammino della storia, non comprende il valore del nuovo, mummifica il perenne, confonde l’immutabile con l’immobilismo, la saldezza con la rigidezza, il solido col pietrificato, il conservare col conservatorismo, la fedeltà con l’arretratezza, il progresso col sovvertimento e, per esser fermo nel passato, non è capace di cogliere i valori e i problemi del presente e le speranze del futuro.
fune
il tiro alla fune Auguriamo al Santo Padre, che si trova in mezzo all’aspro conflitto di modernisti e lefevriani, di poter operare efficacemente, con l’intercessione di Maria Regina Pacis, per la conciliazione tra questi due partiti avversi, che stanno lacerando la Chiesa, affinchè la tradizione e il progresso possano doverosamente lavorare assieme per un sano rinnovamento e una sana modernità espandendo la Chiesa verso sempre più ampli orizzonti di giustizia e di pace.
FONTE http://isoladipatmos.com/per-un-sano-tradizionalismo/Francesco-tradizionalisti-progressisti (1)
Condividi:  Pubblicalo Posted on 27 maggio 2016Posted in Spiritualità
Consacrazione e Novena al Sacro Cuore di Gesù
Consacrazione e Novena al Sacro Cuore di Gesù
card-sacro-cuore-alacoqueConsacrazione al Sacro Cuore di Gesù (di Santa Margherita Maria Alacoque) Io (nome e cognome), dono e consacro al Cuore adorabile di nostro Signore Gesù Cristo ,la mia persona e la mia vita, (la mia famiglia/il mio matrimonio), le mie azioni, pene e sofferenze, per non voler più servirmi d’alcuna parte del mio essere, che per onorarlo, amarlo e glorificarlo. E’ questa la mia volontà irrevocabile: essere tutto suo e fare ogni cosa per suo amore, rinunciando di cuore a tutto ciò che potrebbe dispiacergli. Ti scelgo, o Sacro Cuore, come unico oggetto del mio amore, come custode della mia via, pegno della mia salvezza, rimedio della mia fragilità e incostanza, riparatore di tutte le colpe della mia vita e rifugio sicuro nell’ora della mia morte. Sii, o Cuore di bontà, la mia giustificazione presso Dio, tuo Padre, e allontana da me la sua giusta indignazione. O Cuore amoroso, pongo tutta la mia fiducia in te, perchè temo tutto dalla mia malizia e debolezza, ma spero tutto dalla tua bontà.
Consuma, dunque, in me quanto può dispiacerti o resisterti; il tuo puro amore s’imprima profondamente nel mio cuore, in modo che non ti possa più scordare o essere da te separato. Ti chiedo, per la tua bontà, che il mio nome sia scritto in te, poichè voglio concretizzare tutta la mia felicità e la mia gloria nel vivere e morire come tuo servo. Amen.
Coroncina Novena al Sacro Cuore di Gesù, Cor Sacratissimusrecitata da Padre Pio O mio Gesù, che hai detto: “in verità vi dico, chiedete ed otterrete, cercate e troverete, picchiate e vi sarà aperto” ecco che io picchio, io cerco, io chiedo la grazia….
– Pater, Ave, Gloria
– S. Cuore di Gesù, confido e spero in Te. O mio Gesù, che hai detto: “in verità vi dico, qualunque cosa chiederete al Padre mio nel mio nome, Egli ve la concederà” ecco che al Padre tuo, nel tuo nome, io chiedo la grazia….
– Pater, Ave, Gloria
– S. Cuore di Gesù, confido e spero in Te. O mio Gesù, che hai detto: “in verità vi dico, passeranno il cielo e la terra, ma le mie parole mai” ecco che appoggiato all’infallibilità delle tue sante parole io chiedo la grazia….
– Pater, Ave, Gloria
– S. Cuore di Gesù, confido e spero in Te. O S. Cuore di Gesù, cui è impossibile non avere compassione degli infelici, abbi pietà di noi miseri peccatori, ed accordaci le grazie che Ti domandiamo per mezzo dell’Immacolato Cuore di Maria, tua e nostra tenera Madre.
– S. Giuseppe, Padre Putativo del S. Cuore di Gesù prega per noi
– Salve, o Regina.. Preghiera al Sacro Cuore di Gesù Per le anime afflitte da mali, dispiaceri, contrarietà
2009-02-10_055805_jesussacredheartGESU’ nel Tuo Cuore squarciato, depongo questa mia pena, la copro con la Tua Passione e Morte,
colle Tue Sacre Piaghe,
col Tuo Preziosissimo Sangue,
con i dolori e le lacrime di Maria SS.
coi meriti di S. Michele Arcangelo
e di tutta la Corte Celeste,
con i meriti di S. Giuseppe e di tutti i Santi e Beati del Cielo e con i meriti di tutti i Santi e Giusti della terra e delle Anime purganti. Gesù pensaci Tu, io non ci penso più
Pater, Ave, Gloria
La devozione al Sacro Cuore di Gesù “Gli elementi essenziali della devozione al Cuore di Cristo appartengono in modo permanente alla spiritualità della Chiesa, lungo tutta la sua storia. Perché fin dall’inizio, la Chiesa alzò il suo sguardo al Cuore di Cristo trafitto sulla croce… Sulle rovine accumulate dall’odio e dalla violenza potrà essere costruita la civiltà dell’amore tanto desiderata,il Regno del Cuore di Cristo!”.[Giovanni Paolo II, 5 ottobre 1986]
Altare_maggiore Sacro Cuore
Dipinto sull’Altare Maggiore della Basilica del Sacro Cuore a Roma Sul cuore misericordioso di Dio vi sono molti accenni nell’Antico Testamento. Di Gesù “mite e umile di cuore” e della sua misericordia si parla molto nel Nuovo Testamento. I Padri della Chiesa e i mistici medievali si soffermano sull’importanza dell’amore divino, di cui il cuore è la maggiore espressione. I primi impulsi alla devozione del Sacro Cuore di Gesù provengono dalla mistica tedesca del tardo Medio Evo, rappresentata in modo particolare da Matilde di Magdeburgo e S. Gertrude di Hefta (seconda metà del XIII secolo). La devozione al Sacro Cuore in senso moderno ha però inizio con San Francesco di Sales (1567-1622). Il capolavoro del Santo della Savoia è “Il trattato dell’amor di Dio – Teotimo”, nel quale la storia del mondo appare come “storia d’amore” da scoprire nel cuore di Gesù: “Stabilirò la mia dimora nella fornace di amore,nel cuore trafitto per me. Presso questo focolare ardente sentirò rianimarsi nelle mie viscere la fiamma d’amore finora così languente. Ah! Signore,il vostro cuore è la vera Gerusalemme; permettetemi di sceglierlo per sempre come luogo del mio riposo…”. Santa Margherita Maria Alacoque (1647-1690), è detta la “messaggera del Sacro Cuore.” Suora dell’ordine della Visitazione – ordine fondato da S. Francesco di Sales e dalla baronessa S. Giovanna di Chantal -, ha sin dal 1673 una serie di apparizioni del Cuore di Gesù: “Il Divino Cuore mi fu presentato come in un trono di fiamme, più sfolgorante di un sole e trasparente come un cristallo, con la piaga adorabile; esso era circondato da una corona di spine e sormontato da una Croce.” cuore2Nella dodicesima delle Promesse raccolte da Margherita Alacoque dalla voce di Gesù (la“Grande Promessa”) è assicurata la grazia ai fedeli che si accostano il primo venerdì del mese, per 9 mesi consecutivi e con cuore sincero, alla S. Eucarestia: “Io prometto nell’eccesso della misericordia del mio Cuore che il mio amore onnipotente concederà a tutti quelli che si comunicheranno il primo venerdì del mese per nove mesi consecutivi la grazia della penitenza finale. Essi non moriranno in mia disgrazia, né senza ricevere i Sacramenti, e il mio Cuore sarà loro rifugio sicuro in quell’ora estrema.”Nella terza apparizione, Gesù chiede a Margherita di comunicarsi ogni primo venerdì del mese e di prostrarsi faccia a terra per un’ora nella notte tra il giovedì e il venerdì. Da queste parole nascono le due principali manifestazioni della devozione al S. Cuore: la Comunione del 1° venerdì del mese e l’Ora Santa di riparazione ai torti subiti dal Cuore di Gesù. Nella quarta e più importante apparizione, avvenuta l’ottavo giorno dopo la festa del Corpus Domini del 1675 (la stessa data in cui oggi il calendario liturgico celebra la solennità del Sacro Cuore), Gesù dice a suor Margherita “Ecco quel Cuore che ha tanto amato gli uomini da non risparmiare nulla fino al sacrificio supremo senza limiti e senza riserve, per dimostrare il suo amore. La maggior parte di essi però mi ricambia con l’ingratitudine, che manifestano con irriverenze, sacrilegi e con l’apatia e il disprezzo verso di me in questo sacramento d’amore. Ma ciò che maggiormente mi affligge è il vedermi trattato così anche da cuori a me consacrati.” In questa visione Gesù chiese alla santa che il primo venerdì dopo l’ottava del Corpus Domini fosse consacrato dalla Chiesa a una speciale festa in onore del Suo Cuore. La festa, celebrata per la prima volta a Paray-le-Monial, la città della Borgogna in cui sorgeva il monastero di suor Margheritam fu estesa a tutta la Chiesa da Pio IX nel 1856. San Giovanni Bosco (1815-1888) fu particolarmente devoto al Sacro Cuore, e non esitò ad accettare, nonostante la stanchezza dell’età e la salute ormai irrimediabilmente compromessa, la richiesta di papa Leone XIII a edificare a Roma un tempio internazionale dedicato al Sacro Cuore di Gesù. “Propagate questa devozione, che tutte le racchiude: la devozione al Sacro Cuore di Gesù. Abbiate sempre dinanzi alla vostra mente il pensiero dell’Amore di Dio nella Santa Eucarestia” [MB.XVI,195]. Papa Leone XIII (al secolo Gioacchino Pecci, 1810-1903) dispose con l’enciclica “Annum Sacrum” (1899) che l’Anno Santo del 1900 fosse dedicato al Sacro Cuore. Il 21 luglio 1899 approvò le Litanie e la pratica del 1° venerdì, mentre il 31 dicembre 1899 consacrò l’umanità e il mondo al Sacro Cuore. Sulla devozione al Sacro Cuore di Gesù meritano infine di essere ricordate le lettere encicliche“Miserentissimus Redentor” di Pio XI (1928), “Haurietis Aquas” di Pio XII (1956), “Investigabiles divitias Christi” di Paolo VI (1965) e “Dives in Misericordia” di Giovanni Paolo II (1980). LE PROMESSE DI NOSTRO SIGNORE PER I DEVOTI DEL SUO SACRO CUORE Gesù benedetto, apparendo a S. Margherita Maria Alacoque e mostrandole il suo Cuore, splendente come il sole di fulgidissima luce, fece le seguenti promesse per i suoi devoti: 1. Io darò loro tutte le grazie necessarie al loro stato 2. Metterò e conserverò la pace nelle loro famiglie 3. Li consolerò in tutte le loro pene 4. Sarò loro sicuro rifugio in vita e specialmente in punto di morte 5. Spanderò copiose benedizioni su di ogni loro impresa 6. I peccatori troveranno nel mio Cuore la sorgente e l’oceano infinito della misericordia 7. Le anime tiepide si infervoreranno 8. Le anime fervorose giungeranno in breve tempo a grande perfezione 9. La mia benedizione poserà anche sulle case dove sarà esposta ed onorata l’immagine del mio Cuore 10. Ai sacerdoti io darò la grazia di commuovere i cuori più induriti 11. Le persone che propagheranno questa devozione, avranno il loro nome scritto nel mio Cuore e non ne sarà cancellato mai. 12. A tutti quelli che, per nove mesi consecutivi, si comunicheranno al primo venerdì d’ogni mese, io prometto la grazia della perseveranza finale: essi non morranno in mia disgrazia, ma riceveranno i Santi Sacramenti (se necessari) ed il mio Cuore sarà loro sicuro asilo in quel momento estremo. La dodicesima promessa è detta “grande”, perché rivela la divina misericordia del Sacro Cuore verso l’umanità. Queste promesse fatte da Gesù sono state autenticate dall’autorità della Chiesa, in modo che ogni cristiano può credere con sicurezza alla fedeltà del Signore che vuole tutti salvi, anche i peccatori. http://www.festadelladivinamisericordia.com/page/g-i-primi-venerdi-del-mese.asp Condividi:  Pubblicalo Posted on 26 maggio 2016Posted in Preghiere e meditazioni dei Santi
“Preparate le scorte ,la fine è vicina”:i DELIRI delle sette contro il Papa
“Preparate le scorte ,la fine è vicina”:i DELIRI delle sette contro il Papa
Lupo-anti-papista
I LUPI ANTIPAPISTI I DELIRI DELLE SETTE CONTRO PAPA FRANCESCO NON HANNO MAI FINE: come vedete dal volantino qui sopra,molti cittadini si stanno attivando per informare le persone affinchè non cadano negli inganni di queste sètte ,il riferimento in particolare è alla setta “Chiesa della Nuova Gerusalemme” sorta a Gallinaro in provincia di Frosinone che diffonde in tutta Italia l’odio verso Papa Francesco ,che tanti sedicenti Illuminati definiscono ‘falso profeta,alleato dell’anticristo’ ,come diffondono anche tanti gruppi tradizionalisti sedevacantisti ,insieme alla PARANOIA DELL’IMMINENTE FINE DEL MONDO …. CHI SI RIFIUTA DI SEGUIRE LE DIRETTIVE DI QUESTI GRUPPI,viene escluso dalle amicizie e dai rapporti familiari, viene insultato minacciato ed emarginato come fosse un appestato….Stanno instillando nelle persone un VELENO LETALE di disinformazione e calunnia,che sfascia le famiglie,crea paranoie ed angosce,distrugge la speranza la fede e la carità fraterna. Continuano a diffondere nei loro gruppi,sui social e sul web, L’AVVISO di “accumulare provviste e scorte alimentari,monete d’oro e d’argento da conservare per affrontare il periodo buio che sta per arrivare e cercare un luogo sicuro dove nascondersi”,si consiglia pure di non uscire di casa se non per lo stretto necessario ,di non frequentare le chiese cattoliche ma solo le Messe in latino o quelle dei loro gruppi (dicono infatti che Gesù se ne sarebbe andato dalla Chiesa…danno del bugiardo a Gesù stesso ,perchè proprio Lui ci ha garantito che la Chiesa è Sua Sposa mistica! e lo è fin dal principio,nonostante i peccati dei primi apostoli e di quelli di oggi,che ci saranno sempre,come sempre ci sono stati e sempre ci saranno grandi Santi nella Chiesa!) controllo_mentaleNON BASTAVANO i Testimoni di Geova ,che sono sempre all’ “avanguardia” nello scagliarsi contro il Papa e contro la Chiesa cattolica , seminando TERRORISMO APOCALITTICO che puntualmente si rivela una clamorosa bufala ( è da quando è stata fondata nell’Ottocento,che la setta dei TdG si scatena con profezie sulla imminente fine del mondo ed anche se non c’azzeccano mai ,ci riprovano sempre ..della serie “RITENTA e sarai più …SFORTUNATO!”…. secondo loro ormai ci siamo,nel 2017/ 2018 ,mi raccomando chiudetevi nei bunker e preparate le scorte…) STAVOLTA ,oltre ai soliti TdG che da tempo suonano le trombe ,gli AVVISI A CORRERE AI RIPARI per la fine del mondo imminente (dando ovviamente sempre la “colpa” a papa Francesco …) arrivano sia dalla setta “Chiesa universale della Nuova Gerusalemme “di Gallinaro in provincia di Frosinone,che si è diffusa in vari gruppi in tutta Italia,sia dalla setta creata sul web dalla medium Mary Carberry (seguace della Società Teosofica e furba commerciante) che si spaccia per Maria Divina Misericordia e diffonde i “messaggi da Gesù all’umanità”,a cui tanti sprovveduti cattolici abboccano in tutto il mondo…sètte a cui si aggregano i gruppi tradizionalisti sedevacantisti contro Papa Francesco di cui vi abbiamo parlato dettagliatamente 1)QUI https://noalsatanismo.wordpress.com/2016/04/25/i-falsi-messaggi-di-gesu-allumanita-di-mdmuna-setta-apocalittica-new-age/ 2)QUI https://noalsatanismo.wordpress.com/2016/04/22/sono-la-reincarnazione-di-cristola-setta-di-gallinaro-contro-papa-francesco/ 3)QUI https://noalsatanismo.wordpress.com/2016/05/17/i-siti-complottisti-contro-papa-francescoche-si-spacciamo-per-cattolici/ SI VEDE che si sono messi tutti d’accordo nel diffondere gli stessi deliri, e che il Burattinaio che tira i fili di questi gruppi è sempre lui ,il padre della menzogna,come lo chiama Gesù. Tutto questo non viene da Dio,lo capirebbe anche un bambino… CHI CI GUADAGNA DA QUESTE SETTE CHE SEMINANO ODIO CONTRO IL PAPA,SE NON LA MASSONERIA ,CHE MIRA PROPRIO A DIVIDERE, ad allontanare la gente dalla Chiesa e a far crollare il rispetto per l’Autorità del Papa,che è fondamento della Chiesa,istituita da Gesù ? ..A Gallinaro coi soldi della povera gente ingannata,stanno pure creando un TEMPIO ARCA, per salvare gli “eletti” dall’apocalisse imminente:ecco questi sono i risultati di codesti “profeti illuminati” che non ascoltano cosa ha detto GESU’ da sempre sulla fine dei tempi e gesu-domani-inquietudinecosa ci ha consigliato veramente Lui di fare : Gesù NON dice di affannarsi per studiare “chi come quando e perchè” sarà l’anticristo e avverrà la fine ,per vivere nell’angoscia e nella paura . TUTTO IL CONTRARIO ! Gesù ci dice “A CIASCUN GIORNO BASTA LA SUA PENA,non affannatevi per il domani “(Matteo 6,34). “Quanto poi a quel giorno o a quell’ora, nessuno li conosce, neanche gli angeli nel cielo, e neppure il Figlio, ma solo il Padre. State attenti, vegliate, perché non sapete quando sarà il momento preciso. È come uno che è partito per un viaggio dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vigilare. Vigilate dunque, poiché non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino, perché non giunga all’improvviso, trovandovi addormentati. Quello che dico a voi, lo dico a tutti: Vegliate!” (VANGELO DI MARCO Mc 13,32-37) Gesù ci dice di “VEGLIARE SEMPRE ” soprattutto SULLE NOSTRE COSCIENZE OGNI GIORNO ,affinchè siano sempre pronte ad accogliere Lui nella propria vita ed amare e seguire Lui .Il nostro atteggiamento deve essere solo di fiducia nel Suo infinito amore e di fedeltà alla Sua Chiesa contro la quale Egli ha promesso che le porte degli inferi non prevarranno (cfr. Mt 16,18) ECCO COSA DICE GESU’ in merito ai vari profeti di apocalisse imminente: “Badate che nessuno vi inganni! Molti infatti verranno nel mio nome, dicendo: “Io sono il Cristo”, e trarranno molti in inganno” (Mt 24,4-5) QUESTE SETTE STANNO SOLO FACENDO DEL MALE e lo si intuisce anche dall’arroganza che usano contro chi ,come noi e tante altre persone di buona volontà,sta cercando di arginare i DANNI CHE PROVOCANO NELLE ANIME E NELLE VITE DELLE PERSONE. E non ci stancheremo di ripeterlo,che ci insultino pure nei loro gruppi:I FRUTTI MARCI sono il risultato di quello che questa gente predica,portando tante famiglie allo sfascio ed anche tanti alla depressione ,al nichilismo talvolta anche al suicidio,alla chiusura verso una progettualità di vita di amore e di speranza,che è quello che Nostro Signore GESU’ ci ha veramente insegnato. RACCOMANDIAMO questi scritti da consultare: 1)in molti giornalettisti e giornalettai si prodigano per diffondere la BUFALA che Papa Francesco non sia stato canonicamemte eletto . In questo breve saggio GIANCARLO CERRELLI , avvocato specializzato in Diritto canonico, confuta la tesi di Socci & company http://www.lanuovabq.it/it/articoli–francescoparola-di-canonista-10544.htm 2)Karol Wojtyla il 9 novembre 1976, pochi mesi prima di essere eletto Papa,disse «Ci troviamo oggi di fronte al più grande combattimento che l’umanità abbia mai visto. Non penso che la comunità cristiana l’abbia compreso totalmente. Siamo oggi davanti alla lotta finale tra la Chiesa e le Anti-Chiesa, tra il Vangelo e gli Anti-Vangelo».E’ VERO e mai abbiamo negato che da sempre esista questa lotta e che oggi è ancora più aspra,MA ripetiamo con GESU’ che solo Dio Padre conosce la fine dei tempi e PRECISIAMO:questa lotta tra la Chiesa e le varie Anti-Chiesa comprende la lotta contro tutte le eresie,sia quelle moderniste sia QUELLE DELLE SETTE APOCALITTICHE SEDEVACANTISTE. http://www.amicidomenicani.it/leggi_sacerdote.php?id=2224 3) http://isoladipatmos.com/gli-eretici-lefebvriani-e-le-vergini-vilipese/ ” Il lefebvrismo è una malattia,tanto quanto il modernismo …. Ai lefebvriani non è chiaro che il Pontefice Regnante è depositario di una autorità che gli perviene direttamente da Cristo Dio, mentre loro si sono auto-investiti di una autorità che gli perviene solo dalla loro superbia. Per questo è difficile il dialogo e la ricerca di punti comune con soggetti che vivono in modo così chiuso, fiero e deciso nel proprio errore.” 4) Rivelazione pubblica e rivelazioni private – il loro luogo teologico Le rivelazioni private o “profezie visioni e rivelazioni” non possono essere accreditate o interpretate come ci pare,ma devono essere sempre sottomesse al discernimento prudente della Chiesa E NON AGGIUNGONO NULLA ALLA PAROLA DI DIO ,che è l’unica definitiva Rivelazione pubblica: parole di Benedetto XVI http://www.vatican.va/roman_curia/congregations/cfaith/documents/rc_con_cfaith_doc_20000626_message-fatima_it.html
Condividi:  Pubblicalo Posted on 26 maggio 2016Posted in Eresie e falsi profeti
Ossessioni sataniche: come combatterle con l’abbandono confidente in GESU’
Ossessioni sataniche: come combatterle con l’abbandono confidente in GESU’     Testimonianza di una persona colpita dalle ossessioni diaboliche azione20del20maligno20copertina20w “Ti voglio raccontare semplicemente la mia esperienza con le ossessioni sataniche o diaboliche e spero che questo possa esserti d’aiuto se anche tu hai dei pensieri ossessivi nella tua mente e non sai come combatterli. Questo articolo non è un trattato sul disturbo ossessivo compulsivo, non tratto di psicologia, ossessioni e compulsioni e fenomeno patologico, ma parlo della mia esperienza personale con le ossessioni sataniche e quindi pensieri, immagini o impulsi ricorrenti e persistenti. Sono stato combattuto, pieno di tentazioni, assalti, demoni, Satana non mi dava pace con la sua azione ordinaria e straordinaria e ora ti spiegherò quello che ho sentito e come sono stato salvato. In questo articolo vedremo cosa sono le ossessioni, poi cercheremo di capire insieme perché ci colpiscono, in che modo, quando e soprattutto vedremo le armi a nostra disposizione per combatterle e vincere. Ora facciamo una piccola premessa. Molte volte nella vita di una persona ci si trova a combattere con degli strani pensieri che nascono dentro la testa senza capire per quale motivo sono lì, perché sono arrivati e senza sapere neanche come eliminarli, ecco questo è quello che è successo a me dall’età di 20 anni. Puoi capire subito come sia diventato difficile poter vivere tranquillamente tutti i giorni, però è importante che capisci che è stato difficile, ma non impossibile vincerli ! Cosa è un pensiero ossessivo satanico? Partiamo cercando di capire cosa è un pensiero ossessivo satanico e cioè un pensiero che si manifesta nella mente di una persona e che può sorgere sotto forma di idea, immagine, suono, musica o qualsiasi altra rappresentazione mentale e che ha la caratteristica di essere accompagnato con uno stato di ansia e agitazione … Il termine ossessione deriva dal latino “obsessio”, ovvero assedio, parliamo quindi di un pensiero che si presenta in modo invasivo, contro la volontà di chi lo subisce e che assedia in continuazione la mente. Chi lo subisce è perfettamente cosciente che tale pensiero non gli appartiene ,ma nonostante tutti gli sforzi psicologici per combatterlo non sembra riuscirci, questo è ciò che è successo a me. L’ossessione di origine satanica arriva dal demonio e pertanto è inutile combatterlo con armi non adeguate quali la psicologia moderna. Le armi da usare devono assolutamente essere quelle di Cristo e le vedremo insieme dopo. Ora andiamo avanti nel capire bene di cosa stiamo parlando. Chi è vittima di questo pensiero negativo è in continua lotta con la sua mente e cerca disperatamente di mitigare la sensazione di ansia che è prodotta. Le varietà dell’ossessione possono essere davvero tantissime, a qualcuno può capitare di avere pensieri negativi verso la persona amata e la tentazione di poter fare del male; altri possono avere pensieri sessuali perversi,fobie e paura del futuro, insomma sono moltissime le rappresentazioni mentali che paralizzano l’anima nell’ansia continua . E’ una lotta continua tra il pensiero ossessivo ed il corpo che genera lo stato di ansia. Un’ottima spiegazione ci è donata da Padre Gabriele Amorth noto esorcista che dice così: “La persona afflitta da un male di questo tipo ha insensati pensieri d’ossessione, ma non riesce a liberarsene. Ha l’anima combattuta. La sua volontà è libera ma oppressa in gran parte da pensieri costringenti e ossessionanti. Si tratta di una serie d’inaspettati assalti che si ripetono in un lungo intervallo del tempo. L’individuo vive continuamente uno stato d’esaurimento, di disperazione, di depressione e di permanenti tentazioni di suicidio. Questi fatti ne condizionano regolarmente i sogni. Solitamente la gente ritiene che questi fenomeni appartengono al settore della psichiatria. Assolutamente comprensibile! Dobbiamo dire, però, che in alcuni casi né l’adoperarsi di uno psichiatra e né l’aiuto di un medico possono fare qualcosa, il che deve far pensare ad un’azione del Diavolo e alla sua presenza. La scienza qui è impotente. Intendere e distinguere adeguatamente lo può solamente, con la misericordia di Dio, un sacerdote che nella sua attività collabori e preghi intensivamente.” Perché alcuni di noi sono vittime di ossessioni sataniche? Il perché lo sa solo Nostro Signore Gesù Cristo Figlio di Dio. Noi grazie alla Bibbia sappiamo che Satana vuole divorare e distruggere tutto ciò che Dio ha creato e se potesse avrebbe già ucciso ogni essere umano sulla terra. Satana è menzognero e assassino e come tale lotta in continuazione per compiere la sua opera. Egli è molto abile nel dividere le persone,inculcando ossessioni di odio… Fa di tutto per nascondersi e per far finta di non esistere. Molte volte fa entrare un pensiero nella nostra testa del tipo “Ma si, tanto lo fanno tutti” ma ecco la bugia e la menzogna. Tenta di portarci sollievo presentandosi in modo sapiente e accattivante, come fece con Gesù che digiunava nel deserto e Satana lo provocò offrendogli del cibo e dicendogli: “Se sei figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane” (Mt 4,3): ecco la tentazione di Satana che vuole portare tutto sul materiale, tralasciando completamente lo spirito, ma Gesù infatti risponde con la Parola di Dio: “Non di solo pane vivrà l’uomo ma di ogni Parola che esce dalla bocca di Dio” (Mt 4,4). Per raggiungere lo scopo di dividerci da Dio, Satana usa bugie in continuazione, fa credere cose non vere alle persone, dice menzogne, falsità e vuole portare a confonderci. Perché Dio permette che le ossessioni di Satana ci colpiscono? Questa è la casistica formulata da sacerdoti esorcisti di notevole esperienza:  Per aumentare considerevolmente la nostra fede. In questo caso il Signore permette l’azione demoniaca perché noi possiamo, attraverso il dolore ed il sacrificio, trasformarlo in bene. In questo esercizio Dio ci insegna a lavorare su noi stessi, ci dona un’immensa grazia e ci insegna ad aumentare la nostra pazienza, i nostri esercizi spirituali e la nostra umiltà. Diciamo che questa situazione vale praticamente sempre, in ogni presenza di un’ossessione satanica, Dio vuole accrescere la nostra fede e migliorare il nostro percorso spirituale
Continua esposizione al peccato senza confessione e sincero pentimento. Quando siamo presi da un peccato e non riusciamo ad uscirne, allora è possibile che ci si trovi in presenza di ossessione satanica. Il peccato può essere differente, magari il perdurare di un tradimento coniugale, dipendenza da pornografia e pratiche sessuali , oppure l’aver praticato magia e spiritismo,oppure il non riuscire a perdonare qualcuno, orgoglio,egoismo,superbia, ira , violenza, dipendenze da droga e/o alcool, il peccato di aborto ,in tutti questi casi l’azione satanica è sempre presente.
L’ossessione potrebbe essere causata da un maleficio, ovvero una fattura, un’opera di qualcuno che tramite un rito demoniaco invoca il male su un’altra persona. Se questa seconda non ha una difesa personale (vedremo dopo come), allora finisce vittima del maleficio. Questa pratica può attaccare una persona lontana da Dio perché chi segue i Sacramenti, è in grazia di Dio ed ha fede totale in Gesù Cristo nostro Signore, in questo caso allora non deve temere nulla.
Le ossessioni possono colpire chi ha praticato qualsiasi tipo di magia, riti blasfemi, messe nere ,chi si è affidato a maghi e cartomanti per risolvere i propri problemi personali. In questo caso la persona ha lasciato la strada del Signore per seguirne una molto pericolosa e i risultati negativi non tardano ad arrivare. Perché Dio lo permette? gesubambinaDio ci dà la libertà di scelta tra bene e male e quindi spesso l’ossessione è conseguenza del nostro peccato . Ma possiamo azzardare l’ipotesi che l’ossessione accada talvolta per far progredire un’anima nel proprio percorso spirituale. Questo sicuramente è quello che è successo a me. L’ossessione è stato per me un modo per avvicinarmi ad adorare il preziosissimo Sangue di Gesù Cristo e affidarmi all’ Amore di Maria Sua Madre. Mi ha permesso di vedere il mondo sotto un altro aspetto e ha rafforzato in me la convinzione che il dolore, in questo caso la mia croce, può diventare il modo per offrire il mio sacrificio a chi è in difficoltà ed ha bisogno delle mie preghiere. Perché era proprio questo che io ho capito quando stavo molto male. Ho imparato a pregare per gli altri e non per richiedere la mia guarigione, questo è uno degli insegnamenti che ho ricevuto. Io più pregavo per il bene degli altri e più ne avevo benefici io. E’ incredibile questa cosa e ci fa capire come siamo tutti legati tra di noi con un unico filo conduttore: AMA IL PROSSIMO TUO COME TE STESSO. Questo è il comandamento che personalmente ho sperimentato. Satana ci attacca perché è un leone ruggente pronto in qualunque momento a divorarci ma noi se siamo con Dio non dobbiamo temere NIENTE! Vediamo ora insieme come è possibile difendersi e stare meglio. Esiste un unico modo per combattere e vincere le ossessioni sataniche: seguire Dio.
Ecco cosa fare: 1) Armatura di Dio. Nella Bibbia esiste un passo Efesini 6, 10-20 che spiega bene come affrontare il combattimento spirituale: ” Rivestitevi dell’armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo”:.Consacrato nella verità, il cristiano sarà in grado di continuare quella testimonianza alla Verità di fronte a un mondo incredulo, che Gesù ha inaugurato nei giorni della Sua vita mortale http://christusveritas.altervista.org/lottaspirituale.htm art72_big_sanmichele_satana_raffaello· cingiti i fianchi con la Verità (amore per Gesù e confidare nelle Sue promesse eterne ) · rivestiti con la corazza della Giustizia (Non è la ‘giustizia sommaria’,ma il continuo ESAME della nostra coscienza ed in questo abbiamo sempre bisogno di Confessione e di un direttore spirituale ,il sacerdote che ci aiuta a costruire questa corazza spirituale) · ai piedi lo zelo per propagare il Vangelo della pace · in mano lo scudo della Fede, con il quale potrete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno · l’elmo della salvezza(essere radicati nella fiducia in Dio che salva,Gesù ) · la spada dello Spirito, cioè la Parola di Dio · Pregare incessantemente con ogni sorta di lode a Dio e di suppliche nello Spirito Santo Ora che abbiamo capito come è fatta l’armatura di Dio seguiamo incessantemente la Parola, il Verbo incarnato e quindi le parole di Gesù e non avremo più paura. 2) Seguire i Sacramenti. E’ importante a riguardo seguire i Sacramenti per rimanere saldi nella fede con indosso la nostra armatura. I Sacramenti sono istituiti da Gesù Cristo e toccano tutte le tappe della vita di un cristiano. Grazie ai Sacramenti il cristiano nasce e cresce, riceve la guarigione e il dono della missione. I Sacramenti sono sette e sono i seguenti:· Battesimo· Cresima· Confessione· Eucaristia· Matrimonio· Ordine Sacro· Unzione dei malati gesc3b920gifI Sacramenti cristiani sono il frutto del Sacrificio di Gesù, essi ci avvicinano a Lui e ci permettono di vivere la nostra vita in serenità testimoniando la Parola del Signore. Se quindi ti trovi a non seguire uno di questi Sacramenti, allora per il tuo bene potresti iniziare a regolarizzare la tua posizione, quindi, se non sei battezzato procedi con il battesimo, se non sei cresimato procedi con la cresima, se sei nel peccato e vuoi essere perdonato allora confessati e dopo la confessione segui la Messa per ricevere Gesù Eucaristia. Se vivi nella convivenza o nel peccato allora pensa con serietà al matrimonio per essere un testimone cristiano con la tua famiglia. Se conosci qualcuno che è in una grave situazione fisica e psichica al punto che potrebbe perdere la vita, allora prega per lui e fai in modo che gli venga fatta l’unzione dei malati, in questo modo il malato riceverà grazia, conforto e pace nel dolore. Infine, ma non per importanza, l’Ordine Sacro si riferisce ad un corpo ecclesiale in cui si entra a far parte con una particolare consacrazione, in questo caso il Sacramento riguarda chi desidera di essere portatore in prima persona della Parola ed entrare a far parte dell’Ordine della Chiesa, se senti questo desiderio non aspettare oltre. 3) Smettere subito di compiere il peccato. Come già ribadito nel punto precedente, se sei nel peccato allora è il caso di cambiare subito atteggiamento, chiedere perdono al Signore, confessarsi e fare penitenza. 4) Pregare per gli altri. Questo è un punto importante. Gesù ci ha insegnato ad amare il prossimo come noi stessi e questo è esattamente quello che dobbiamo fare. Questo significa che se vediamo o sentiamo o conosciamo qualcuno che è in uno stato di sofferenza allora è necessario pregare per lui con vero amore come se pregassimo per noi per chiedere una grazia. La preghiera per gli altri avrà ripercussioni fortissime positive su di noi. Più preghi per gli altri e più starai meglio tu. 5) Seguire i 10 comandamenti,SEGUIRE LE BEATITUDINI INSEGNATECI DA GESU’ http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p3s1c1a2_it.htm. Vivere realmente e con amore le Beatitudini ,ogni giorno della nostra vita. Questo ci rende in grazia di Dio. 1411111111111111111111116) Avere fiducia nel futuro e pregare. Non disperare mai. Affidarsi completamente a Gesù e continuare a ripetere “Gesù confido in Te”. A riguardo ti consiglio di leggere tante volte al giorno L’ATTO DI ABBANDONO di Don Dolindo Ruotolo:GESU’ PENSACI TU . A me è servita per capire bene come agisce Dio. http://www.festadelladivinamisericordia.com/don-dolindo-ruotolo.asp 7) Accettare la prova e portarla con Gesù . Il dolore è una prova a cui tutti noi siamo sottoposti nella nostra vita. La vita dei Santi è piena di momenti dolorosi che sono serviti a loro per comprendere il mistero del dolore e la salvezza insita nell’ accettazione dello stesso. Io personalmente posso dire che un giorno ho iniziato ad accettare il dolore che stavo passando per via delle ossessioni ed ho compreso che potevo offrire il mio dolore come sacrificio per Gesù, offrendolo come preghiera per aiutare le persone che conosco che sono malate. Offrire quindi il mio dolore come guarigione per qualcun altro. Il dolore poi è cambiamento è mutamento è la crisi che dentro di noi ci porta ad una visione nuova della croce di Cristo. Ognuno di noi deve portare una croce ogni giorno e nel momento in cui si accetta, è il momento in cui si inizia a stare meglio. San Paolo parla di una spina nel fianco che gli provocava quotidianamente un dolore immenso. Non sappiamo esattamente di che dolore si tratta, San Paolo parla solo di un angelo di Satana che lo perseguita e così chiede per ben 3 volte al Signore di liberarlo ma Dio gli risponde “Ti basta la mia Grazia”. Questo ci insegna che attraverso il dolore e la sofferenza impariamo a conoscere Dio nel suo intimo. Poi se la sofferenza è offerta per la salvezza delle anime e per la conversione dei peccatori allora si diventa uno strumento di collaborazione con l’azione di Dio per la salvezza di tutte le anime. 8) Partecipare a preghiere di liberazione. Le preghiere di liberazione, per esempio quelle dei gruppi carismatici, possono portare dei grossi benefici a chi vi partecipa. Personalmente mi è capitato di partecipare e devo dire che ho ricevuto dei benefici in termini di serenità interiore. Non bisogna però andare alle preghiere di liberazione pensando che si va dal medico a prendere un antibiotico e poi finita la preghiera si torna a compiere gli stessi errori di prima. No, così non va bene. E’ importante quindi seguire sempre tutti questi dieci punti. rosario-di-pompei9) Rosario giornaliero. Il Rosario è una delle preghiere più forti che esistono, se non la preghiera più potente che esiste. Quando il Rosario scorre nelle nostre mani, gli Angeli ed i Santi si uniscono a noi nella preghiera. Maria, Madre di Gesù ci ha detto che non esiste problema spirituale e materiale che non si possa risolvere con la preghiera del Rosario ed i nostri sacrifici come per esempio il digiuno (o l’astinenza dai nostri vizi e dipendenze). Il Rosario è il più potente antibiotico che esiste al mondo, è naturale, è gratis e non ha controindicazioni. Il Rosario ha in sé una meravigliosa potenza. Se non sai come recitarlo oppure vuoi recitarlo in comunione con altre persone ,lo puoi recitare in chiesa ,lo puoi trovare in rete il Rosario online o su Radio e Tv cattoliche. http://www.reginamundi.info/Santo-Rosario-on-line/
Al termine della recita del Rosario io di solito faccio anche un’altra preghiera che per me è molto importante. E’ LA PREGHIERA PER VINCERE QUALUNQUE PAURA della Milizia di San Michele Arcangelo:IO-SONO-CON-VOI “Signore Gesù, io credo alle tue parole: “Non abbiate paura, sono Io!…Ricevete lo Spirito Santo”. Ti ringrazio perché lo so che non mi hai dato uno Spirito di paura, ma uno Spirito di pace e di gioia, uno Spirito d’ amore e di unità. Grazie perché Tu ripeti al mio cuore: “Io dico che se tu credi, vedrai la gloria di Dio!”. È il Tuo Volto, Signore, che io cerco; mostrami il Tuo Volto. Io credo che niente è impossibile a Dio ed ogni potere è stato dato a suo Figlio, Gesù. Io credo, Signore, ma aumenta la mia fede e perché questa mia fede sia rafforzata, dammi i segni che hai promesso a coloro che crederanno in Te. Con Te, Signore, non ho più paura di alcun male e mi sento sicuro ( Recitare il Salmo 90) Mi metto sotto la protezione del Sangue di Gesù e non ho più paura dei trabocchetti dei malvagi, degli spiriti del male, di qualunque maledizione o infestazione. Nel nome di Gesù, aggrappato alla sua santa Croce, niente mi può turbare. Se Gesù stesso è con me, chi sarà contro di me? Con Lui nulla mi fa paura: la malattia, la morte, la povertà, l’ abbandono, non possono nulla contro di me. In nome di Gesù Cristo, per la forza del suo Sangue, per la potenza dello Spirito Santo, scaccia dal mio cuore, dalla mia mente e dal mio corpo ogni spirito di paura e di turbamento. Prendo autorità su tutto questo. Sono sicuro che con Gesù, Signore della mia vita, vivrò nella fiducia, lodandolo senza fine. Mia luce e mia salvezza è il Signore. Alleluia (Recitare il Salmo 114). 1 Padre Nostro, 1 Ave Maria, 1 Gloria. Amen.” 10) Perdonare e pregare per i nemici. Un altro elemento importante è il fatto di preservare ancora dentro di noi del rancore oppure odio nei confronti di chi ci ha fatto del male. Questo è un punto davvero spinoso, dobbiamo comprendere che Gesù vuole che noi amiamo con la A maiuscola. Dobbiamo quindi capire che non esistono più nemici o persone che dobbiamo odiare perché questa pratica, l’odio, ci allontana da Dio. Prendiamo per esempio proprio Gesù quando in croce dice “Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno”. Ecco questo, Gesù, lo vuole anche da noi. Questo è il gesto massimo di amore verso il genere umano. Non basta quindi pregare solo per gli altri che sono in difficoltà ma dobbiamo fare un passo in più ed iniziare anche a pregare per i nostri nemici e chi ci fa del male. Se lo faremo le nostre grazie saranno aumentate sensibilmente. Sono consapevole che il dolore che provi è grande e tu vorresti continuare a piangere e chiedere aiuto e pregare solo per te. Io questo lo so, ma se tu riesci a pregare prima per gli altri e poi anche per i tuoi persecutori allora il tuo dolore diminuirà e starai bene. Lode e Gloria a Dio. I punti che ho appena scritto non sono una classifica. Non esiste una scaletta e non sono messi in ordine di importanza, io ho iniziato a seguire questi 10 punti e quindi porto la mia esperienza e posso testimoniare che da quando ho iniziato a seguirli le mie ossessioni hanno perso la loro forza ed ho iniziato a star bene. le contrarietàE’ importante offrire tutti i nostri dolori a GESU’ , Lui è l’Uomo dei dolori, Lui ha dato un valore infinito ad ogni nostro dolore, Lui ci ha salvati e liberati dal dolore trasformandolo in Grazia eterna. Immergiamoci nella Sua grazia e qualsiasi dolore diventerà gioia. Te lo garantisco. Io l’ho sperimentato su di me in passato ed anche oggi, tutti i giorni. Oltre che pregare è importante anche che facciamo del bene, è importante continuare a ripeterci che queste ossessioni sono passeggere, non durano per sempre. Poi più passerà il tempo e più ti renderai conto che le ossessioni non diventano realtà e questo rafforzerà in te sempre più il concetto che essi sono solo pensieri e non ti possono far nulla. A volte hai la sensazione che cedi agli atti delle ossessioni ma non è assolutamente così! Questa è una sensazione di confusione che Satana ti sta dando, la realtà è diversa. Tu sei sempre padrone della tua volontà. Satana con questa sensazione ci vuole distruggere, ma non può farlo perché Gesù ci ama e non lo permette! Se seguirai tutti i passi che Gesù ci ha suggerito e se vivrai la parola di Gesù Cristo nostro Signore, la sensazione di cedere andrà via e poi anche se i pensieri negativi arriveranno, saranno vuoti della loro negatività. Non dare eccessiva importanza ai pensieri ossessivi. Continua a confidare in Gesù che è Dio e tutto passerà ,sarai libero e diventerai testimone della fede.”

Annunci