EURO SCRITTURALI X MONETA NOSTRA

*** attualmente, con questo metodo è possibile pagare: mutui, multe, tasse! lo Stato ha la prerogativa del signoraggio sulle monete metalliche, la Banca Centrale ha la prerogativa del signoraggio sulle banconote, quindi, tutte le banche commerciali creano denaro elettronico dal nulla e se lo scambiano tra di loro attraverso una PEC! A motivo della par condicio,  (“parità di trattamento” oppure “pari condizioni”) o della uguaglianza i tutti i cittadini di fronte allo Stato tutti possiamo creare denaro dal nulla e farlo accreditare alla Banca!
è necessario contabilizzare il denaro che è stato creato dal nulla! poi, inviarlo, compilare il modulo a termini di legge: con una PEC alla banca: modulo che Marco Saba ti regala chiedendo gentilmente a:
*** Moneta Nostra su Facebook: https://www.facebook.com/MonetaNostra/

non esiste una legge che vieta alle banche di creare denaro dal nulla ” per cui la legge non lo vieta a nessuno. Quindi la legge non lo vieta neanche a noi! Non e’ una provocazione si puo’ fare anche domani mattina!

Salvo5puntozero 18 ore fa
Libero Mondo le tasse si pagano sui profitti. Pagare un debito è un’operazione a profitto zero. Quindi niente tasse.
Marco Saba
Banche : il problema – che il pubblico non riesce a vedere – e la soluzione
https://seigneuriage.blogspot.it/2017/04/banchieri-ladroni-e-sovranita-istantanea.html

Salvo5puntozero
E’ esattamente così….erano tanto impegnati a NASCONDERE la creazione monetaria che si sono dimenticati di farsi fare la legge apposta che dia loro questo diritto CHE NON HANNO. Quindi non essendo vietato per loro, non lo è per nessuno!
=================
in Italia abbiamo: 10 milioni di poveri, e 4000 suicidi per motivi economici.
il sistema bancario è un delitto legale e un delitto costituzionale.
Banche fanno finta di avere perso: e si fanno rimborsare dallo Stato. Banche come cartelli di privati che continuano a rubare sempre di più: perché fingono di essere in sofferenza.. Banche Venete hanno chiesto: 6,4 + 20 miliardi

SALMAN SAUDI ARABIA ] tutti lo sanno e tutti lo dicono: “UNIUS REI non può mentire!” ] [ Allah è un demonio muto, infatti, non ha mai parlato a nessuno, perché lui non può parlare! ] MA, PRIMA DI SUICIDARTI IO TI POSSO PRESENTARE JHWH il MIO Dio chiacchierone: che lui vive nel mio TEMPIO EBRAICO celeste, cioè, se tu non hai più paura di me di stare alla Sua infinita presenza di amore!

SALMAN SAUDI ARABIA ] perché gli ebrei sono come imbambolati spirituali? [ 1. perché hanno il satanismo del Talmud ] E perché loro non sanno che le varie alleanza di Adamo, Noé Abramo e Mosé sono state superate e trascese (non annullate) dalle alleanze che Dio ha fatto con i Profeti.. che poiché, un certo Salman impedisce le alleanze che JHWH ha fatto con i Profeti? poi, gli ebrei non lo possono capire politicamente!

OREB la casa degli ebrei? è in Arabia Saudita!!! ] Esodo 3,1-15 Il pruno ardente; la chiamata di Mosè, At 7:30-34 (Es 2:23-25; 6:2-8) Am 7:14-15 1. Mosè pascolava il gregge di Ietro suo suocero, sacerdote di Madian, e, guidando il gregge oltre il deserto, giunse, alla montagna di Dio, a Oreb. [[[ Il monte Sinai, “solitamente” identificato col monte Oreb, è il luogo in cui, secondo il Libro dell’Esodo, Mosè fu chiamato da Dio attraverso il roveto ardente ]]]

====================
dove passa Satana NATO SpA USA il Gufo al Bohemian Grove 322 Baal Talmud? poi, segue ISIS shariah Salman il demonio Allah! ] Nell’ultimo paese liberato dall’America da un “malvaggio dittatore” si commerciano schiavi. 21.04.2017, È ben noto che l’intervento NATO a guida USA del 2011 in Libia, con lo scopo di rovesciare Muammar Gheddafi, ha portato ad un vuoto di potere che ha permesso a gruppi terroristici come l’ISIS di prendere piede nel paese. Nonostante le conseguenze devastanti dell’invasione del 2011, l’Occidente è oggi lanciato sulla stessa traiettoria nei riguardi della Siria. Proprio come l’amministrazione Obama ha stroncato Gheddafi nel 2011, accusandolo di violazione dei diritti umani e insistendo che doveva essere rimosso dal potere al fine di proteggere il popolo libico, così l’amministrazione Trump sta oggi puntando il dito contro le politiche repressive di Bashar al-Assad in Siria e lanciando l’avvertimento che il suo regime è destinato a terminare presto — tutto ovviamente in nome della protezione dei civili siriani.
Siria, Medvedev: Idlib? Provocazione ben pianificata che ha avvantaggiato anche gli Usa
Ma mentre gli Stati Uniti e i loro alleati si dimostrano effettivamente incapaci di fornire una qualsiasi base legale a giustificazione dei loro recenti attacchi aerei —figurarsi poi fornire una qualsiasi evidenza concreta a dimostrazione del fatto che Assad sia effettivamente responsabile dei mortali attacchi chimici della scorsa settimana — emergono sempre più chiaramente i pericoli connessi all’invasione di un paese straniero e alla rimozione dei suoi leader politici. Questa settimana abbiamo avuto nuove rivelazioni sugli effetti collaterali degli “interventi umanitari”: la crescita del mercato degli schiavi.
Il Guardian ha riportato che sebbene “la violenza, l’estorsione e il lavoro in schiavitù” siano stati già in passato una realtà per le persone che transitavano attraverso la Libia, recentemente il commercio degli schiavi è aumentato. Oggi la compravendita di esseri umani come schiavi viene fatta apertamente, alla luce del sole. “Gli ultimi report sul ‘Mercato degli schiavi’ a cui sono sottoposti i migranti si possono aggiungere alla lunga lista di atrocità [che avvengono il Libia]” ha detto Mohammed Abdiker, capo delle operazioni di emergenza dell’International Office of Migration, un’organizzazione intergovernativa che promuove “Migrazioni ordinate e più umane a beneficio di tutti”, secondo il suo stesso sito seb. “La situazione è tragica. Più l’IOM si impegna in Libia, più ci rendiamo conto come questo paese sia una valle di lacrime per troppi migranti”.
Il paese nordafricano viene usato spesso come punto di uscita per i rifugiati che arrivano da altre parti del continente. Ma da quando Gheddafi è stato rovesciato nel 2011 “il paese, che è ampio e poco densamente popolato, è piombato nel caos della violenza, e i migranti, che hanno poco denaro e di solito sono privi di documenti, sono particolarmente vulnerabili”, ha spiegato il Guardian.
L’incontro del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov con il primo ministro della Libia, Fayez al Serraj.
Un sopravvissuto del Senegal ha raccontato che stava attraversando la Libia, proveniendo dal Niger, assieme ad un gruppo di altri migranti che cercavano di scappare dai loro paesi di origine. Avevano pagato un trafficante perché li trasportasse in autobus fino alla costa, dove avrebbero corso il rischio di imbarcarsi per l’Europa. Ma anziché portarli sulla costa il trafficante li ha condotti in un’area polverosa presso la cittadina libica di Sabha. Secondo quanto riportato da Livia Manente, la funzionaria dell’IOM che intervista i sopravvissuti, “il loro autista gli ha detto all’improvviso che gli intermediari non gli avevano passato i pagamenti dovuti e ha messo i passeggeri in vendita”. La Manente ha anche dichiarato:
“Molti altri migranti hanno confermato questa storia, descrivendo indipendentemente [L’uno dall’altro] i vari mercati degli schiavi e le diverse prigioni private che si trovano in tutta la Libia”, aggiungendo che la OIM-Italia ha confermato di aver raccolto simili testimonianze anche dai migranti nell’Italia del Sud.
Il sopravvissuto senegalese ha detto di essere stato portato in una prigione improvvisata che, come nota il Guardian, è cosa comune in Libia.
“I detenuti all’interno sono costretti a lavorare senza paga, o in cambio di magre razioni di cibo, e i loro carcerieri telefonano regolarmente alle famiglie a casa chiedendo un riscatto. Il suo carceriere chiese 300.000 franchi CFA (circa 450 euro), poi lo vendette a un’altra prigione più grossa dove la richiesta di riscatto raddoppiò senza spiegazioni”. In Europa c’è un’intera casta di mantenuti… dai migranti
Quando i migranti sono detenuti troppo a lungo senza che il riscatto venga pagato, vengono portati via e uccisi. “Alcuni deperiscono per la scarsità delle razioni e le condizioni igieniche miserabili, muoiono di fame o di malattie, ma il loro numero complessivo non diminuisce mai”, riporta il Guardian. “Se il numero di migranti scende perché qualcuno muore o viene riscattato, i rapitori vanno al mercato e ne comprano degli altri”, ha detto Manente. Giuseppe Loprete, capo della missione IOM del Niger, ha confermato questi inquietanti resoconti. “È assolutamente chiaro che loro si vedono trattati come schiavi”, ha detto. Loprete ha gestito il rimpatrio di 1500 migranti nei soli primi tre mesi dell’anno, e teme che molte altre storie e incidenti del genere emergeranno man mano che altri migranti torneranno dalla Libia.”Le сondizioni stanno peggiorando in Libia, penso che ci possiamo aspettare molti altri casi nei mesi a venire”, ha aggiunto.
Ora, mentre il governo degli Stati Uniti sta insistendo nell’idea che un cambio di regime in Siria sia la soluzione giusta per risolvere le molte crisi di quel paese, è sempre più evidente che la cacciata dei dittatori — per quanto detestabili possano essere — non è una soluzione efficace. Rovesciare Saddam Hussein non ha portato solo alla morte di molti civili e alla radicalizzazione della società, ma anche all’ascesa dell’ISIS.
Mentre la Libia, che un tempo era un modello di stabilità nella regione, continua a precipitare nel baratro in cui l’ha gettata “l’intervento umanitario” dell’Occidente — e gli esseri umani vengono trascinati nel nuovo mercato della schiavitù, e gli stupri e i rapimenti affliggono la popolazione — è sempre più ovvio che altre guerre non faranno altro che provocare ulteriori inimmaginabili sofferenze.
=================

dove passa Satana NATO SpA USA il Gufo al Bohemian Grove 322 Baal Talmud? poi, segue ISIS shariah Salman il demonio Allah! ] 21.04.2017 Assad: l’Occidente usa i negoziati di Ginevra ed Astana per coprire i terroristi sharia, Assad ritiene che l’Occidente e i suoi alleati nella regione usino i negoziati a Ginevra ed Astana per coprire i terroristi e non per una soluzione politica.

==================
OREB la casa degli ebrei? è in Arabia Saudita!!! ] “voi servirete Dio su questo monte”: è un presente storico: al di fuori dello spazio e del tempo! l’ordine di Dio di essere servito sull’Oreb è un ordine eterno! [ Esodo 3,12 E Dio disse: «Va’, perché io sarò con te. Questo sarà il segno che sono io che ti ho mandato: quando avrai fatto uscire il popolo dall’Egitto, voi servirete Dio su questo monte». ] ED OVVIAMENTE JHWH LUI SAPEVA CHE ANCHE TU AVRESTI AVUTO BISOGNO DI LUI!

dove passa Satana NATO SpA FED USA il Gufo al Bohemian Grove 322 Baal Talmud? poi, segue: ERDOGAN ISIS shariah Salman il MECCA KAABA demonio Allah! [ voi avete cancellato 2000 anni di cristianesimo in Siria e Iraq, e da dove voi dovete passare? VOI PASSERETE E DOVRETE PASSARE!

Moneta Nostra: è sovranità istantanea? Intervista con Marco Saba MONETA SCRITTURALE: la sentenza della Cassazione a sezioni unite, del 2007 dice: “il debitore può offrire moneta scritturale al posto della moneta legale e il creditore non può rifiutare senza un valido motivo!” https://youtu.be/aMFBkMBi5JU
===================

enlightened Gezabele second: Regina Elisabetta compie 91 anni: Dopo la grande festa dei 90. Sempre in gran forma ] è lo stesso patto con il diavolo che hanno fatto i Farisei: Rothschild Rochefeller e Morgan 666 SpA FED
my ISRAEL ] so come uccidere gli ENLIGHTENED (è un metodo che ho già collaudato, anche se non ho ucciso nessuno: ), ma, io non voglio prevenire l’azione di Dio in loro favore.. IO HO BISOGNO DI LORO!
===============
MONETA NOSTRA: rete di cittadini e avvocati che hanno deciso di creare euro a seguito dell’ordinanza del Tribunale di Bolzano del 6 settembre 2016. https://www.facebook.com/MonetaNostra/ For foreigners interested in the project: Moneta Nostra·Giovedì 13 aprile 2017. Here in Italy we discovered some important things:1 – There is no law forbidding anyone to create virtual fiat currency denominated in Euro (Court of Bolzano, September, 6, 2016);2 – There is no law governing fiat currency creation denominated in Euro – only issuance against existing funds is regulated;3 – Any debtor creating scriptural money denominated in Euro can pay his debts with this money instead of using legal money and the creditor cannot refuse such payments (Court of Cremona, 2017; Supreme Court of Italy, 2007).So we started a Facebook page “Moneta Nostra” to teach everyone in the Euro-zone for how to pay his debts through electronic Euro created by him and sent through an email to the creditor (a bank, a financial institution, and the public administration). Here: https://www.facebook.com/MonetaNostra/  By sending a message to the page, anyone can receive for free the form for the email.The initiative can be duplicated in any monetary area where scriptural money creation is not regulated by law (U.S. and UK, as an example).

Moneta Nostra 5 aprile 2017, Tribunale di Cremona:, Ordinanza 31 marzo 2017, causa: RG2144 del 2016: “…parificabilità della moneta scritturale a quella avente corso legale ai fini dell’adempimento delle obbligazioni pecuniarie: si è affermato, in tal senso, che il debitore ha facoltà di offrire, quando la legge non ponga specifiche limitazioni, moneta scritturale in luogo di quella legale (…) senza che il creditore possa rifiutarla senza giustificato motivo (Cass., S.U., sentenza n. 26617 del 18 dicembre 2007)”.

In questo sito viene trattato il problema dell’insolvenza cronica pianificata del sistema bancario italiano. In particolare ci soffermiamo sulla voce più importante oscurata nei bilanci: la rendita da creazione di denaro a corso legale. La Banca d’Italia, e tutte le altre banche italiane, sono in bancarotta tecnica finché non contabilizzano all’attivo l’aggregato monetario all’atto della creazione.
La nascita di una entità terza come “Centrale Rischi Banche” è resa necessaria dal fatto che la Banca Centrale Europea è arrivata ad accentrare i poteri assoluti di vigilanza bancaria in Europa, in spregio ai più elementari principi del conflitto d’interessi. https://centralerischibanche.blogspot.it/

==================
UN ERRORE GIUDIZIARIO ] giovedì 6 aprile 2017. Tribunale di Cremona: il debitore e il denaro scrittuREALE
UNA SENTENZA PER MONETA NOSTRA http://marcodellaluna.info/sito/2017/04/05/una-sentenza-per-moneta-nostra/
Alle volte i giudici sembrano voler difendere il sistema di profitto e potere dei banchieri, mentre in realtà lo minano alle fondamenta (anche se ci arrivano attraverso una serie di errori).
Oggi un Giudice del Tribunale di Cremona, giudicando sull’opposizione di  una mia cliente disoccupata contro una banca che le sta vendendo all’asta l’unica casa, dopo lungo pensamento sulle mie eccezioni di nullità del mutuo in relazione al fatto che la banca non aveva prestato denaro ma semplice promesse contabili di denaro, e che la legge non autorizza le banche a creare euro, ha deciso in favore della banca, respingendo l’opposizione. I motivi che ha dichiarato per tale sue decisione sono esposti sotto, ciascuno seguito da confutazione in rosso.
“che è incontestato l’impiego della somma mutuata, da parte [della debitrice opponente], ai fini del pagamento del corrispettivo per l’acquisto dell’immobile cui il contratto di mutuo era preordinato, e che, dunque, in tale funzione economico/sociale è rinvenibile la causa concreta del negozio di mutuo stipulato tra le parti;
Errore: “somma”: che cosa è una “somma”? Una quantità di danaro? O di promessa di danaro? L’art. 1813 CC richiede che sia di danaro. Dov’è il denaro che la banca avrebbe dato alla cliente? La banca, sollecitata a farlo, non lo ha dimostrato.

che la nozione di consegna, non definita dall’art. 1813 c.c., non può limitarsi al materiale trasferimento della somma in contanti dal mutuante al mutuatario, dovendosi invece ritenere comprensiva di ogni atto idoneo a porre le cose nel potere di disposizione giuridica dell’avente causa;
Errore: per “mettere a disposizione” il denaro, bisogna averlo, e l’opponente ha contestato che la banca lo abbia, e anzi ha dimostrato che non lo possiede.

che gli assegni e gli altri titoli di credito sono espressamente regolamentati nel codice civile italiano (art. 1992 ss.) ed in alcune leggi speciali dello stato (R.D. 1736/1933), onde non è corretto affermare, come fatto dalla difesa dell’attrice a pagina 6 del proprio atto introduttivo del presente giudizio, che “il Codice Civile e le norme di esso che, in particolare, che regolano i rapporti in esame, conoscono soltanto il danaro legale, ossia la moneta legale, cioè le banconote”;
Errore: il Codice Civile e le altri leggi citate trattano l’assegno e le cambiali come promesse di denaro, non certo come denaro! L’assegno circolare è una promessa di denaro, uno strumento di debito a carico della banca, soggetto a rischio emittente.

che l’accredito sul conto corrente dell’attrice abbia realizzato l’effetto di attribuirle un autonomo titolo di disponibilità della somma e di acquisire al suo patrimonio la somma medesima, uscita dal patrimonio della convenuta;
Errore: non vi è disponibilità di somma di denaro se non vi è il legittimo possesso del corrispondente denaro da parte del disponente (cioè della banca); e non vi è uscita dal patrimonio della banca di alcun denaro, perché la banca non preleva alcunché dai propri conti, ma crea direttamente il danaro, “la somma”, digitando numeri sui conti correnti di disponibilità del mutuatario.

che la ricostruzione propugnata dalla difesa dell’attrice in merito alla creazione ex nihilo della moneta da parte delle banche commerciali è errata, in quanto le banche non creano moneta, ma trasferiscono somme che sono nella loro disponibilità… … ;
Errore: le banche di credito creano denaro, anzi euro, mediante scritturazione, come dichiara la Banca d’Italia ufficialmente alla Commissione Finanza del Senato con lettera 27.02.17 e nelle tabelle ufficiali della BdI; e questa creazione corrisponde a circa l’84% del totale degli euro in circolazione.

che, in ogni caso, l’eventuale operazione consistente nell’emissione di moneta scritturale a favore del mutuatario non viola l’art. 128 TFUE, in quanto:

la citata disposizione disciplina esclusivamente l’emissione della moneta avente corso legale all’interno dell’Unione, ossia l’Euro, riservata alle banche centrali nazionali e alla Banca centrale europea, senza disporre alcunché in merito ad altri tipi di moneta, come quella scritturale, che è espressione di autonomia privata e la cui circolazione avviene all’interno del sistema bancario per mezzo di accrediti e compensazioni;

Quindi, per questo Giudice, le banche non creano affatto moneta; ma, se lo fanno, allora possono farlo legittimamente. A parte ciò, in quanto sopra vi sono tre errori:
-primo: il TUB e le altre leggi nazionale definiscono le banche come istituti di intermediazione del credito, non parlando mai di creazione della moneta, la quale invece sarebbe il loro core business, se lecita – e lo è, perché esse de facto creano moneta, come ammesso dalla autorità monetarie;
-secondo errore: il TFUE assegna alla BCE il compito di prevenire l’inflazione, cosa che sarebbe impossibile (non bastando all’uopo la mera regolazione dei tassi) se l’84% della creazione monetaria fosse rimessa alle banche di credito;
– terzo errore: lo Stato accetta, richiede e usa per i pagamenti di tributi, stipendi etc. il denaro contabile creato dalle banche private alla stregua e al pari dell’Euro legale, quindi rende valuta legale quella creazione non autorizzata di moneta denominata come Euro.

la creazione di moneta c.d. fiat o fiduciaria da parte delle banche commerciali mediante registrazioni contabili è, con evidenza, fenomeno distinto dall’emissione di moneta Euro; esso si verifica allorché gli istituti creditizi concedono prestiti impiegando le somme ricevute in deposito, in tal modo moltiplicando l’offerta di moneta rispetto alla moneta effettivamente circolante;

Errore: come detto sopra, lo Stato stesso non la distingue, ma la tratta alla pari, anzi la esige come mezzo esclusivo di pagamento oltre determinati importi (e poi non si tratta di “istituti”, perché sono soggetti privati, da quanto Amato li ha privatizzati nel 1995).

il fenomeno è previsto e disciplinato: in particolare, il regolamento CE n°1745/2003 della Banca Centrale Europea assoggetta le banche aventi sede negli Stati membri all’obbligo di destinare una parte della moneta ricevuta in deposito a riserve minime da detenere presso le banche centrali nazionali, secondo il sistema della c.d. riserva frazionaria;

Errore multiplo: i depositi avvengono appunto quasi interamente in “moneta” contabile; peraltro le banche di credito creano i depositi esse stesse con l’atto di creare, digitandoli direttamente sul conto di disponibilità del cliente, gli importi che prestano al medesimo. Depositi di moneta creata contabilmente non possono coprire creazioni contabili di ulteriore moneta, essendo della medesima natura di questa moneta. E non servono nemmeno, per la medesima natura. Anzi, non sono nemmeno depositi, perché il deposito può avere come oggetto solo e unicamente una cosa mobile oppure danaro, mentre il denaro contabilmente creato è un credito, e i crediti non sono oggetto possibile di un deposito. Però soprattutto va detto che i depositi dei risparmiatori vengono sì usati dalle banche di credito: vengono usati per coprire, per nascondere, il fatto che creano moneta mediante semplici registrazioni contabili, realizzando un pari ricavo (flusso di cassa positivo) che non contabilizzano e su cui quindi non pagano le tasse, come ammette la Banca d’Italia nella suddetta comunicazione del 27.02.17, dicendo che si è consapevolmente scelto di non tassare i ricavi da creazione monetaria (pari in Italia a circa 1.000 miliardi l’anno).

la diversità fra i due mezzi di scambio ha posto, peraltro, il problema della parificabilità della moneta scritturale a quella avente corso legale ai fini dell’adempimento delle obbligazioni pecuniarie: si è affermato, in tal senso, che il debitore ha facoltà di offrire, quando la legge non ponga specifiche limitazioni, moneta scritturale in luogo di quella legale, ad es. consegnando un assegno circolare, senza che il creditore possa rifiutarla senza giustificato motivo (Cass., S.U., sentenza n. 26617 del 18 dicembre 2007);

Quella giurisprudenza non teneva conto della realtà della creazione monetaria qui sopra spiegata: credeva, per così dire, che i bambini nascessero sotto i cavoli. Ma prendiamo per buono ciò che afferma il Tribunale di Cremona, ossia che si può pagare con moneta scritturale ogniqualvolta ciò non sia espressamente escluso dalla legge.
Benissimo: se così è, allora la legge non esclude che i clienti rimborsino i prestiti delle banche, erogati da queste in moneta scritturale da loro creata, creando essi stessi moneta scritturale – cioè Moneta Nostra – e spedendola con una pec alla banca.
Questa è la conclusione dell’ordinanza del Giudice di Cremona, appoggiata all’autorevole, seppur scientificamente superata, sentenza delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione: “ai fini dell’adempimento delle obbligazioni pecuniarie… il debitore ha facoltà di offrire, quando la legge non ponga specifiche limitazioni, moneta scritturale in luogo di quella legale… senza che il creditore possa rifiutarla senza giustificato motivo.”
Avete capito? Sembrava che volesse dar ragione alle banche e al sistema, e al contrario dà ragione ai suoi critici radicali. Incredibile Giustizia!
05.04.17  Marco Della Luna

=====================

IL TRUCCO DELLA MONETA BANCARIA (SECONDA PARTE) albertomicalizzi / 2 settimane ago
Lo scorso 28 Marzo Marco Saba, Presidente di IASSEM, è intervenuto all’assemblea di Carige per contestare l’approvazione del bilancio annuale della banca.
Nel mio precedente articolo “Il trucco delle moneta bancaria denunciato in tribunale” anticipavo che nel mese di Luglio 2016 con Marco Saba abbiamo dato avvio ad una procedura legale avanti al Tribunale di Genova contro Banca Carige al fine di ottenere il riconoscimento e la corretta registrazione in bilancio della moneta bancaria che le banche creano dal nulla all’atto della concessione di prestiti alla clientela.
Infatti, i principi contabili internazionali – richiamati anche nei bilanci della Carige – affermano che non si può evidenziare in bilancio il prestito di un bene (nel caso di specie la moneta) senza prima contabilizzarne la proprietà. E’ come se una società immobiliare riportasse in bilancio gli affitti da incassare senza palesare, nello stesso bilancio, la proprietà dell’immobile che genera tali affitti!
Dati ormai convergenti e ufficialmente pubblicati da BCE, Banca d’Italia, KPMG e da altre fonti primarie hanno riconosciuto che oltre il 90% della massa monetaria in circolazione,  costituita da banconote e depositi a vista,  è creata fittiziamente dal sistema delle banche commerciali. Tale massa monetaria equivale al debito delle imprese, delle famiglie e della pubblica amministrazione (sulla relazione tra massa monetaria e debito vedi anche il mio articolo “La Cassa Depositi e Prestiti sotto attacco: partono le privatizzazioni“). Dunque, la banca crea denaro per far fronte agli impieghi, ma omette di registrarlo in cassa prima di utilizzarlo.

virtual-money 3.jpg
Si tratta di un aspetto nevralgico, del vero privilegio che consente al sistema bancario di indebitare gli Stati, le famiglie, le imprese, quindi di gestire la moneta in circolazione come una gigantesca partita di debito in base alla quale tutto ciò che noi produciamo, tutto ciò che noi possediamo rappresenta un debito verso il sistema bancario. Le banche omettono di registrare la moneta creata per produrre questo debito perchè altrimenti le dimensioni di questo colossale scandalo sarebbero oggettive e potrebbero essere regolamentate.

Da Luglio 2016 ad oggi ben sei udienze si sono svolte avanti il Tribunale di Genova, durante le quali abbiamo potuto sostanziare le ragioni tecniche per le quali l’omessa registrazione della moneta bancaria è una grave lacuna contabile che produce effetti giganteschi sulla trasparenza del sistema bancario, sui flussi di cassa e potenzialmente sulla tassazione degli utili delle banche.

Durante la recente assemblea degli azionisti siamo dunque tornati a ribadire le ragioni di una battaglia che a nostro modo di vedere coincide con una svolta epocale del modo di concepire la moneta. In tal senso, Saba ha ricordato che la creazione di denaro dovrebbe essere esercitata direttamente dallo Stato attraverso la sovranità monetaria e che invece, come riconosce anche Banca d’Italia nella risposta al recente quesito sollevato dall’Onorevole Villarosa, la creazione dei depositi da parte delle banche rappresenta la quasi totalità del massa monetaria in circolazione (vedi Audizione del Governatore della Banca d’Italia).
Peraltro durante l’intervento all’assemblea Carige è stato ricordato che l’avvocato Canepa, difensore della Carige, così rispondeva al magistrato durante la sesta udienza nel procedimento in corso a Genova: “Se ci fosse qualcosa di anomalo, la BCE lo avrebbe rilevato!” Peccato che la BCE è la stessa che l’anno scorso ha deciso unilateralmente di abolire il rendiconto finanziario, la pistola fumante della creazione della moneta da parte di una banca, affermando che “…il Comitato esecutivo ritiene che la pubblicazione di un rendiconto finanziario non fornirebbe ai lettori del bilancio alcuna altra informazione pertinente.” (Fonte: Annual Accounts 2015, pag.  27). Vedi il “Video dell’intervento all’assemblea di banca Carige”.
Questo è il perimetro di uno scontro iniquo ed impari nel quale la nostra azione, tecnicamente solida e studiata nei minimi dettagli, si scontra con forze sovrastanti che modificano le regole durante lo svolgimento del gioco stesso… dimostrando che i nostri colpi raggiungono obiettivi sensibili.
Passo dopo passo, udienza dopo udienza, assemblea dopo assemblea stiamo assistendo ad un graduale arretramento da parte loro, con ammissioni e provvedimenti che li distanziano anni luce dai regolamenti contabili e giuridici che dovrebbero osservare. Sappiamo che non si arrenderanno mai ma neanche noi lo faremo!
Quello dell’omissione della moneta bancaria creata dal nulla è uno strumento di controllo formidabile come lo è la manipolazione del rating, le truffe sui derivati, l’usura bancaria, il bail-in e le tante facce della finanziarizzazione dell’economia con le quali l’Eurosistema bussa quotidianamente alla nostra porta sottraendo risorse ed imponendo la propria governance. Per questa ragione è un fronte caldo nel quale occorre posizionarsi con convinzione.
La partita è aperta, il procedimento va avanti. Ottenere una sentenza che obbliga la banca a far emergere la moneta bancaria vuol dire recuperare miliardi di gettito fiscale e far cadere uno dei privilegi storici dei banchieri, che oggi rappresenta la principale leva di indebitamento e quindi di asservimento dell’intero sistema economico.

domenica 9 aprile 2017

Assemblea della Banca Popolare di Puglia e Basilicata, intervento Calculli

Testo:

INTERVENTO DI PAOLA PATRIZIA CALCULLI
ALL’ASSEMBLEA STRAORDINARIA ED ORDINARIA DEI SOCI DELLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA  DELL’08/04/2017
CON RICHIESTA DI DEPOSITO A VERBALE

“Mi rivolgo ai Sig.ri Amministratori, ed agli azionisti intervenuti propongo voto:
1S – CONTRARIO alla delega per l’emissione di nuove azioni. Sembra profilarsi uno scenario apocalittico fatto di stretta creditizia, assenza di margini, azzeramento dell’avviamento e non mi meraviglierei se tutto questo rendesse “necessario l’assorbimento” da parte di altra Banca su richiesta di Bankitalia. Ma proprio questa, come anche la BRI la BCE hanno ammesso che, nei Bilanci attuali, esista un’enorme ricchezza alla luce delle argomentazioni che portano ad una verità già ufficiale e cioè che si accetti la prassi con cui le banche di credito, creano moneta scritturale nell’erogare prestiti e pagamenti (realizzando così un ricavo, non contabilizzato e sottratto al Fisco per circa 540 miliardi l’anno nella sola Italia).Il Tribunale di Bolzano, con Ordinanza del 09/16, afferma: “quanto, invece, alla violazione dell’art 127 del Trattato di Lisbona, non si capisce per quale motivo la creazione di moneta attraverso il sistema bancario possa violare tale norma, che nulla dispone in tal senso, come è irrilevante il riferimento al TUB, che non vieta tale sistema, posto che l’Euro è una moneta non rappresentativa, per cui non è richiesto un controvalore per ogni biglietto stampato come all’era del sistema aureo…”. Questa facoltà delle banche di creare ed emettere euro scritturali in assenza di alcuna norma di legge che conferisca loro la paternità, è riconosciuta in base al principio che ciò che non è proibito o riservato, è lecito mentre l’emissione contro denaro preesistente è, invece, normata e limitata ai possidenti i requisiti di legge (cioè la BCE). Ergo, non esiste crisi finanziaria in atto che determini assenza di utili importanti da parte del Ns. Istituto di Credito, se non l’addebito dell’ignoranza (intesa come non conoscenza) da parte dei ns. vertici che sono stati, da noi, delegati a governare;
1O – CONTRARIA, salvo rettifica, e per gli stessi motivi, all’approvazione del Bilancio. Se il denaro creato “in nero” apparisse sui conti dei clienti, priva di origine certa ed identificabile, si violerebbero anche le norme sull’antiriciclaggio (AML); ciò avrebbe senso solo se fosse fondamentale occultare il reale funzionamento delle stesse Banche. Vuol dire che, l’ampliamento dell’attivo dello Stato Patrimoniale viene falsamente pareggiato con i debiti verso clientela che non hanno, invece, alcun motivo d’essere poiché autoliquidanti anche ai sensi del principio contabile IAS 7.6 (sul Rendiconto Finanziario). Deploro le relazioni dei ns. Sindaci sulla consistenza dei flussi di Cassa stante la documentazione da me prodotta in argomento e che dovrebbe interrogarsi seriamente sulla necessaria correzione. Ma, più di tutti, mi sconcerta che proprio la KPMG, pagata profumatamente per la certificazione del Bilancio, nulla eccepisca; essa è artefice del Rapporto per il Primo Ministro Islandese pubblicato nel 2016 e che, a pag.5, recita: <<Quando le Banche Commerciali effettuano prestiti alla clientela, creano denaro mediante l’emissione dei depositi sul conto corrente del cliente. Quest’attività espande il loro Bilancio sui quali, le Banche Centrali, hanno un controllo limitato. Il Sistema Monetario Sovrano (ISM) mira a spostare la creazione di moneta dalle Banche Commerciali verso lo Stato e le Banche Centrali>>; è lampante che non sappia risolvere il problema nemmeno lei.
3O – CONTRARIA alla elezione dei candidati al nuovo Consiglio di Amministrazione per assenza di alternativa (a che varrebbe votare, quindi?). Inoltre, la carenza di dialogo è cosa insostenibile, stante l’assenza di elementi di riferimento sul territorio dopo la fuoriuscita, inspiegabile, dei Consiglieri Gravinesi.
Per questi validi motivi chiedo a tutti gli azionisti, danneggiati e chiamati a concorso di responsabilità, di pretendere, la pronta rettifica del Bilancio qui presentato SALVO rinvio per correzione deciso dalla stessa Amministrazione qui ed ora; ciò porterebbe alla scoperta per emersione di almeno 3mld e 61mln di €, secondo un primo calcolo approssimativo i quali, una volta epurati dalle tasse, potrebbero essere destinabili a dividendi.
CHIEDO l’annotazione a verbale del mio intervento rivendicando la paternità della scoperta di emersione del denaro creato e non contabilizzato rispetto al premio corrispondente ex art. 930 c.c. con questo prendendo impegno a fornire, in nome della Banca, il supporto professionale alla Contabilità ed alla KPMG, nonché a Cedacri per le modifiche di sistema necessarie alla redazione dell’allegato di Bilancio secondo i nuovi canoni.
*allego riferimenti normativi e dottrinali oltre a corrispondenza via PEC tra me e la Direzione Generale riguardante la mia richiesta di estinzione anticipata di mutuo ipotecario con moneta scritturale.”

1 – Presa di posizione ufficiale della Banca d’Italia in risposta alle Commissioni Finanze riunite di Camera e Senato:
http://iassem.blogspot.it/2017/03/forensic-evidence-risposta-della-banca.html

2 – Proposta della BCE di sostituire tutti – o parte – dei depositi con denaro digitale della banca centrale:
Digital Base Money: an assestment from the ECB’s perspective
https://www.ecb.europa.eu/press/key/date/2017/html/sp170116.en.html

3 – BCE: Banknotes and coins, scriptural money and electronic money are “funds” as defined under Article 4.15 of Directive 2007/64/EC of the European Parliament and of the Council of 13 November 2007 on payment services in the internal market amending Directives 97/7/EC, 2002/65/EC,  2005/60/EC  and  2006/48/EC  and  repealing  Directive  97/5/EC  (PSD).
https://www.ecb.europa.eu/pub/pdf/other/virtualcurrencyschemesen.pdf

4 –  la mancanza di coerenza nella tenuta dei flussi di cassa nel sistema bancario rispetto alla creazione di moneta e l’impossibilità di stabilire l’insolvenza delle banche da tali scritture:
Cash Flow Accounting in Banks— A study of practice, Ásgeir B. Torfason, University of Gothenburg, 2014
https://gupea.ub.gu.se/handle/2077/35272

5 – KPMG report on money issuance 2016
https://assets.kpmg.com/content/dam/kpmg/is/pdf/2016/09/KPMG-MoneyIssuance-2016.pdf

– Esposizione dell’Avv. Marco Della Luna alla conferenza alla Camera sulla contabilizzazione della creazione di moneta, 4 novembre 2016
https://www.youtube.com/watch?v=J8RdbAA65ic&t=413s

– Punti fermi sulla creazione di danaro bancario in Europa
http://centralerischibanche.blogspot.it/2016/10/punti-fermi-sulla-creazione-di-danaro.html

– la composizione di M1 nel glossario della BCE:
https://www.ecb.europa.eu/stats/money/aggregates/aggr/html/index.en.html

– il denaro “fiat” è ricchezza netta:
Willem H. Buiter, The Simple Analytics of Helicopter Money: Why It Works – Always, Economics, Vol. 8, 2014-28, Version 2, September 2, 2015
http://www.economics-ejournal.org/economics/journalarticles/2014-28/version-2/count

– la prova forense che le banche creano individualmente moneta dal nulla:
Werner, R.A., Can banks individually create money out of nothing? — The theories and the empirical evidence, International Review of Financial Analysis, Volume 36, December 2014, Pages 1–19
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1057521914001070

– un referendum in Svizzera chiede di togliere alle banche commerciali il potere di creare moneta:
Iniziativa popolare federale ‘Per soldi a prova di crisi: emissione di moneta riservata alla Banca nazionale! (Iniziativa Moneta intera)’
https://www.admin.ch/ch/i/pore/vi/vis453t.html

– l’incongruenza nella registrazione contabile delle operazioni di prestito effettuate da banche e non-banche:
Werner, R.A., How do banks create money, and why can other firms not do the same? An explanation for the coexistence of lending and deposit-taking, International Review of Financial Analysis, Volume 36, December 2014, Pages 71–77
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1057521914001434

– un secolo perso nell’economia a causa di sballate indicazioni da parte dell’Accademia sul funzionamento delle banche:
Werner, R.A., A lost century in economics: Three theories of banking and the conclusive evidence, International Review of Financial Analysis (2015)
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1057521915001477

– iscrivere la creazione di moneta nelle passività bancarie non è realistico:
Eric Lonergan, Accounting as religion: Buffett, Derrida, and MM, Positive Money blog, February 25, 2016
http://positivemoney.org/2016/02/accounting-as-religion-buffett-derrida-and-mmt/

– la corruzione delle agenzie di revisione contabile, il caso KPMG:
THE CHEMISTRY OF AUDIT FAILURE A Case Study of KPMG Atul K. Shah Senior Lecturer, Suffolk Business School, November 2015
https://www.academia.edu/17958528/THE_CHEMISTRY_OF_AUDIT_FAILURE_-_A_Case_Study_of_HBOS_audit_by_KPMG

– la necessità dell’accertamento giudizioario dello stato d’insolvenza delle banche:
Marco Saba, IASSEM, Banche: necessità dell’accertamento giudiziario dello stato d’insolvenza, ScenariEconomici, 16 febbraio 2016
http://scenarieconomici.it/banche-necessita-dellaccertamento-giudiziario-dello-stato-dinsolvenza-di-marco-saba/

– la creazione di moneta – mal contabilizzata dalle banche – rappresenta “aiuti di Stato”:
Segnalazione alla Commissione Europea e risposta della DG Concorrenza
http://seigneuriage.blogspot.it/2016/02/la-commissione-europea-capisce-gli.html

– l’economista Antonino GALLONI conferma che la contabilizzazione della creazione di moneta è necessaria per la corretteza dei bilanci bancari:
Estratto da: A.Galloni, L’Economia Imperfetta, Novecento Editore, 2015
http://seigneuriage.blogspot.it/2016/01/galloni-la-nuova-contabilita-bancaria.html

– la storia della manipolazione delle regole contabili e la necessità urgente di porvi rimedio:
Thomas A Lee, Reflections on the origins of modern accounting, Accounting History. 2013
http://ach.sagepub.com/content/18/2/141.abstract

– la corruzione politica nelle scelte degli organi contabili internazionali:
Bengtsson E (2011) Repoliticalisation of accounting standard-setting – the IASB, the EU and the global financial crisis. Critical Perspectives on Accounting 22(6): 567–580.
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1045235411000578

– la prova empirica dei flussi di cassa da creazione monetaria nel programma di modellazione economica MINSKY del prof. Steve KEEN, sviluppato in Australia (video):
Macroeconomics of Loanable Funds & Endogenous Money compared using Minsky
https://youtu.be/pmnuzfULtVw

– La verità sulle banche nel bollettino del Fondo Monetario Internazionale:
The TRUTH about  BANKS , by Michael Kumhof and Zoltán Jakab , Finance & Development – A quarterly publication of the International Monetary Fund, March 2016, Volume 53 – Number 1, pp. 50-53
https://www.imf.org/external/pubs/ft/fandd/2016/03/pdf/fd0316.pdf

– la situazione fiscale in Italia rispetto alla creazione della moneta:
Note per uno studio di settore sull’attività bancaria, di Marco Saba, documento per l’Ordine dei Commercialisti, 16 maggio 2014
http://centralerischibanche.blogspot.it/2014/05/note-per-uno-studio-di-settore.html

Ulteriori riferimenti in lingua francese:
http://gerardfoucher.com/wp-content/uploads/2017/03/Creation_Monetaire_Banques_Commerciales_Les_Preuves_V7.pdf

EURO SCRITTURALI: MONETA NOSTRA

Pubblico un testo aggiornato per la creazione di euro scritturali e il pagamento con essi dei debiti verso banche e Stato, avvertendo che quasi certamente non sarà accettato dai destinatari, i quali proteggono il loro privilegio bancario di creare moneta dal nulla e di dominare con esso l’economia e la politica, anche se esso non è sancito dalla legge. Possono contare sull’appoggio di buona parte delle istituzioni, anche di quelle giudiziarie.

Avverto che questo tipo di moneta, cioè “moneta nostra”, non è idoneo a sostenere un’economia funzionante, perché nessuna economia può funzionare con una moneta che ciascuno può produrre ad libitum. Quello che questo tipo di moneta può fare è destare le menti alla comprensione di quanto il sistema è incostituzionale e contrario ai diritti dell’uomo, ai principi fondamentali di eguaglianza e democrazia, quindi di quanto è delegittimato chi lo difende. Questa moneta può quindi far esplodere politicamente, giudiziariamente e fiscalmente il conflitto dell’ingiustizia e del sopruso.

Sì, anche fiscalmente, perché le banche – come recentemente ha ammesso la stessa Banca d’Italia in persona del capo della Vigilanza – sono esonerate, di fatto perché non vi è norma che lo consenta – dal pagare le tasse sulla moneta che creano. Si tratta di circa 540 miliardi l’anno nella sola Italia!

Avverto anche che corre voce di un imminente denuncia penale da parte di banchieri contro chi usa questo tipo di moneta, minacciando l’esclusività del loro privilegio. Questi banchieri sceglieranno una piazza fidata per presentare la denuncia.

16.02.17 Marco Della Luna

CARTA INTESTATA

Spett.le          BANCA           VIA PEC_____________

e p.c.

Banca d’Italia

Pec: bancaditalia@pec.bancaditalia.it

VIA PEC

In relazione al vostro preteso credito:_____________________________di € 100,00

Io sottoscritto:_____________________

PREMESSO CHE:

1 – Lo Stato, come pure BRI, BCE, EBA e KMPG, ammettono e accettano la prassi con cui le banche di credito, creano moneta scritturale nell’erogare prestiti e pagamenti (realizzando così un ricavo, seppur non contabilizzato e pertanto sottratto all’imposizione tributaria per circa 540 miliardi l’anno in Italia); recentemente abbiamo avuto anche l’ammissione da parte della Banca d’Italia, in persona di Carmelo Barbagallo, capo della Vigilanza; l’ammissione è avvenuta come risposta scritta a un’interrogazione dell’on.le Alessio Mattia Villarosa, nella Commissione Finanze congiunta Camera-Senato, del 17.01.17 – vedi il video: https://www.youtube.com/watch?v=WPmObU-V4lk; la prassi della creazione di “euro”, allo scoperto, mediante mera registrazione contabile fiat, è verità ufficiale.

2- Il Tribunale di Bolzano, con l’ordinanza 06/09/16 resa nella pendente esecuzione forzata rg 216/14, afferma: “quanto, invece, alla violazione dell’art 127 (ex art 105) del trattato istitutivo dell’Unione Europea, non si capisce per quale motivo la creazione di moneta attraverso il sistema bancario possa violare tale norma, che nulla dispone in tal senso, come è assolutamente irrilevante il riferimento all’art 10 TUB, che non vieta tale sistema, posto che comunque l’Euro è una moneta non rappresentativa, per cui non è richiesto un controvalore per ogni biglietto stampato come all’era del sistema aureo…”.

3- Questa facoltà delle banche non centrali di creare ed emettere euro scritturali (girali) in assenza di qualsiasi norma di legge che conferisca loro questa facoltà, è riconosciuta in base al principio che ciò che non è proibito o riservato, è lecito.

4-In forza del principio di uguaglianza sancito dall’art. 3 della Costituzione, il predetto principio si applica a tutti i soggetti; dunque tutti, non solo le banche, possono creare danaro fiduciario denominato in euro (la semplice emissione contro denaro preesistente è invece normata e limitata ai possidenti i requisiti di legge);

Tutto ciò premesso,

Con la presente, e con scritturazione contabile di cui allego copia, in applicazione del principio enunciato dal Tribunale, cioè al medesimo titolo e al medesimo modo in cui voi avete creato il denaro che mi avete prestato, CREO 100,00 euro scritturali e ve li bonifico, invitandovi a contabilizzarli correttamente subito, a estinzione del mio debito pregresso.

CAVEAT: Qualora il pagamento non venisse accettato, il debito si considererà comunque estinto poiché non è consentito rifiutare l’euro come mezzo di pagamento finale.

Cordiali saluti,

______________

 

Scrittura contabile di creazione di euro scritturali

 

________________CF Residenza:_______________

Esercizio giornale 2017
Esercizio bilancio 2017
Data registrazione ——–2017
Causale: Pagamento residuo debito, interessi, spese
Creatore-emittente:

Data di ultima modifica: oggi

Valuta scritturale: Euro

CONTI
Conto Descrizione Dare Avere
Cassa moneta scritturale 100
Ricavi da creazione di moneta scritturale 100
CONTI
Saldo c.s. 100
Commiss., interessi, spese bancarie ad oggi, salva verifica 0
Cassa moneta scritturale 100
Annunci